VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

25.08.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 60694 volte
Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

Corsi e ricorsi storici, direbbe Vico, uno che non ha mai giocato a calcio. Dal sorteggio di Montecarlo riecco Messi, riecco il Barcellona. Dopo la finale del 2015 a Berlino vinta dagli spagnoli, la rivincita della Juve, straordinaria nei quarti di finale della primavera scorsa, ecco una sorta di bella.
Juve e Barcellona assieme in un girone (le altre Sporting e Panathinaikos) non difficilissimo, ma comunque affascinante e complicato. Non voglio tornare su discorsi già fatti, ma a maggior ragione l’ultima settimana di mercato dovrebbe convincere Marotta a fare qualcosa di più e di meglio. E’ evidente che in mezzo alla difesa della Juve manchi un uomo di esperienza internazionale perdurando l’eclissi di Benatia. I nomi che circolano sono sempre i soliti, da Garay del Valencia a De Vrij della Lazio, si è aggiunto nelle ultime ore Howedes, ventinovenne centrale dello Schalke 04. La Juve ha l’accordo con il giocatore. Vediamo ora cosa riuscirà a fare Marotta per convincere i tedeschi, non è facile quando gli altri sanno che devi fare il colpo quasi necessariamente. E non è facile neppure chiudere l’operazione Strootman. Ufficialmente tutto tace, ma le diplomazie lavorano e la proposta Cuadrado con conguaglio non dispiace alla Roma. Per l’attacco giallorosso, però, affascina anche Schick, diverso da Cuadrado, ma ritenuto da Monchi un grande prospetto. Come dargli torto?
L’impressione è che fino a quando non sarà chiarita la vicenda Schick (vuole l’Inter), la Roma non si siederà per parlare di Cuadrado. La Juve però, dopo aver deciso di lasciare Spinazzola a Bergamo per non mettere in discussione i rapporti con l’Atalanta, cerca anche un esterno sinistro. L’obiettivo è Ricardo Pereyra del Porto, clausola rescissoria da 25 milioni. Forze fresche e giocatore molto interessante che consentirebbe di liberare Asamoah che vuole fortemente il Galatasaray che gli offre un posto da titolare e un ingaggio più alto di quello della Juve. Vediamo se i bianconeri chiuderanno con il botto o meno, i soldi per fare un colpaccio ci sarebbero, comunque per me resta un mercato al di sotto delle possibilità economiche e delle ambizioni (se ci sono) livello europeo. Per l’Italia questa Juve potrebbe bastare (molto dipenderà dalle motivazioni), ma per la Champions oggi come oggi la vedo dura.
Dura anche per il Napoli battere il City di Guardiola, ma questa è una sfida straordinariamente affascinante fra i due profeti del calcio spettacolo. Che bello il faccia a faccia fra il giovane inventore del Tiki Taka che ha vinto tutto e di più e il vecchio maestro di provincia che non ha ancora vinto niente ma oggi come oggi è il Numero Uno dei guru calcistici. Il Napoli per me è più equilibrato, ci sarà da divertirsi, a un patto però: deve rimanere Reina. La proposta del Paris Saint Germain (3,5 milioni a stagione per tre anni) è in decente per un portiere di 36 anni, ma il Napoli non può e non deve lasciare andar via un giocatore così importante. Abbiamo già detto che questo Napoli non ha il miglior organico del mondo, ma esprime un grande gioco proprio perché questo gruppo lavora da tre anni assieme. E’ un tutt’uno. E Reina è il regista della difesa in campo, un uomo di grande carisma nello spogliatoio. De Laurentiis doveva risolvere prima la vicenda, non ci si può fidare di un anno di contratto. In teoria Reina è blindato, senza l’ok del Napoli non va da nessuno parte, ma nell’anno cruciale ci si può permettere di tenere un portiere scontento con il contratto in scadenza? La risposta è no, decisamente. So che i due non si amano, ma un punto di incontro è necessario trovarlo. Oggi, fra l’altro, anche volendo, a sette giorni dalla fine del mercato diventa complicato anche individuare un possibile successore. Una vicenda complicata che non può e non deve incidere sullo straordinario lavoro fatto da Sarri e da questi ragazzi che hanno incantato anche martedì a Nizza. E’ chiaro che l’offerta del Psg è inarrivabile, ma un compromesso è obbligatorio.
A proposito di soldi, tiene sempre banco un discorso che circola da almeno tre mesi nelle stanze del mercato e un po’ dappertutto nel calco. Non se lo è chiesto legittimamente soltanto Ilaria D’Amico se il Milan ha le coperture finanziarie, se lo chiedono un po’ tutti. Il problema non sono le fideiussioni per Biglia e Bonucci, lo prevede la camera di compensazione della Lega Calcio o le spese fatte che si aggirano attorno ai 200 milioni. Questi sono semplicemente programmi calcistico-economici, fasi di passaggio, che fanno parte di un piano di lavoro che parte dai 400 milioni chiesti in prestito al fondo Elliott. Se ci saranno le coperture ce lo dovremo chiedere nell’ottobre del 2018 quando i cinesi al fondo dovranno restituire 400 milioni. Se n on lo faranno il fondo Elliott diventerà proprietario del Milan. Punto. In questo anno e mezzo i rossoneri fanno la squadra usando le armi e gli escamotage finanziari, compresi fideiussioni e prestiti, più o meno come fanno molte altre società anche italiane. Roma, ad esempio. Il Milan è su una giostra, deve continuare a girare sperando di andare in Champions, trovare nuovi soci e sponsor, alzare il fatturato in maniera consistente. Tutto con una scadenza: ottobre 2018. Elliott non fa sconti. Parlando di calcio, il partito dei "torna Ibra" si deve arrendere. Resta al Manchester. Dopo Kalinic mercato chiuso? Aspettiamo, il sogno del grande bomber c’è sempre. Anche se Belotti è più lontano con il Monaco intenzionato a investire parte dei soldi di Mbappè
sulla clausola del granata.
L’Inter deve chiudere per un difensore e Lisando Lopez del Benfica può essere quello giusto. Ma per ragioni di fair play finanziario, come detto volte volte, ora è il momento delle uscite, da Jovetic a Gabigol. Dopo, fari puntati sul centrocampista tecnico e fisico che Spalletti vuole per farlo giocare alle spalle di Icardi. Fra Brozovic, Joao Mario e Borja Valero (fa meglio dietro) nessuno lo ha convinto. Avanti il prossimo, cercasi simil-Nainggolan


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.