HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

25.08.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 61060 volte
Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

Corsi e ricorsi storici, direbbe Vico, uno che non ha mai giocato a calcio. Dal sorteggio di Montecarlo riecco Messi, riecco il Barcellona. Dopo la finale del 2015 a Berlino vinta dagli spagnoli, la rivincita della Juve, straordinaria nei quarti di finale della primavera scorsa, ecco una sorta di bella.
Juve e Barcellona assieme in un girone (le altre Sporting e Panathinaikos) non difficilissimo, ma comunque affascinante e complicato. Non voglio tornare su discorsi già fatti, ma a maggior ragione l’ultima settimana di mercato dovrebbe convincere Marotta a fare qualcosa di più e di meglio. E’ evidente che in mezzo alla difesa della Juve manchi un uomo di esperienza internazionale perdurando l’eclissi di Benatia. I nomi che circolano sono sempre i soliti, da Garay del Valencia a De Vrij della Lazio, si è aggiunto nelle ultime ore Howedes, ventinovenne centrale dello Schalke 04. La Juve ha l’accordo con il giocatore. Vediamo ora cosa riuscirà a fare Marotta per convincere i tedeschi, non è facile quando gli altri sanno che devi fare il colpo quasi necessariamente. E non è facile neppure chiudere l’operazione Strootman. Ufficialmente tutto tace, ma le diplomazie lavorano e la proposta Cuadrado con conguaglio non dispiace alla Roma. Per l’attacco giallorosso, però, affascina anche Schick, diverso da Cuadrado, ma ritenuto da Monchi un grande prospetto. Come dargli torto?
L’impressione è che fino a quando non sarà chiarita la vicenda Schick (vuole l’Inter), la Roma non si siederà per parlare di Cuadrado. La Juve però, dopo aver deciso di lasciare Spinazzola a Bergamo per non mettere in discussione i rapporti con l’Atalanta, cerca anche un esterno sinistro. L’obiettivo è Ricardo Pereyra del Porto, clausola rescissoria da 25 milioni. Forze fresche e giocatore molto interessante che consentirebbe di liberare Asamoah che vuole fortemente il Galatasaray che gli offre un posto da titolare e un ingaggio più alto di quello della Juve. Vediamo se i bianconeri chiuderanno con il botto o meno, i soldi per fare un colpaccio ci sarebbero, comunque per me resta un mercato al di sotto delle possibilità economiche e delle ambizioni (se ci sono) livello europeo. Per l’Italia questa Juve potrebbe bastare (molto dipenderà dalle motivazioni), ma per la Champions oggi come oggi la vedo dura.
Dura anche per il Napoli battere il City di Guardiola, ma questa è una sfida straordinariamente affascinante fra i due profeti del calcio spettacolo. Che bello il faccia a faccia fra il giovane inventore del Tiki Taka che ha vinto tutto e di più e il vecchio maestro di provincia che non ha ancora vinto niente ma oggi come oggi è il Numero Uno dei guru calcistici. Il Napoli per me è più equilibrato, ci sarà da divertirsi, a un patto però: deve rimanere Reina. La proposta del Paris Saint Germain (3,5 milioni a stagione per tre anni) è in decente per un portiere di 36 anni, ma il Napoli non può e non deve lasciare andar via un giocatore così importante. Abbiamo già detto che questo Napoli non ha il miglior organico del mondo, ma esprime un grande gioco proprio perché questo gruppo lavora da tre anni assieme. E’ un tutt’uno. E Reina è il regista della difesa in campo, un uomo di grande carisma nello spogliatoio. De Laurentiis doveva risolvere prima la vicenda, non ci si può fidare di un anno di contratto. In teoria Reina è blindato, senza l’ok del Napoli non va da nessuno parte, ma nell’anno cruciale ci si può permettere di tenere un portiere scontento con il contratto in scadenza? La risposta è no, decisamente. So che i due non si amano, ma un punto di incontro è necessario trovarlo. Oggi, fra l’altro, anche volendo, a sette giorni dalla fine del mercato diventa complicato anche individuare un possibile successore. Una vicenda complicata che non può e non deve incidere sullo straordinario lavoro fatto da Sarri e da questi ragazzi che hanno incantato anche martedì a Nizza. E’ chiaro che l’offerta del Psg è inarrivabile, ma un compromesso è obbligatorio.
A proposito di soldi, tiene sempre banco un discorso che circola da almeno tre mesi nelle stanze del mercato e un po’ dappertutto nel calco. Non se lo è chiesto legittimamente soltanto Ilaria D’Amico se il Milan ha le coperture finanziarie, se lo chiedono un po’ tutti. Il problema non sono le fideiussioni per Biglia e Bonucci, lo prevede la camera di compensazione della Lega Calcio o le spese fatte che si aggirano attorno ai 200 milioni. Questi sono semplicemente programmi calcistico-economici, fasi di passaggio, che fanno parte di un piano di lavoro che parte dai 400 milioni chiesti in prestito al fondo Elliott. Se ci saranno le coperture ce lo dovremo chiedere nell’ottobre del 2018 quando i cinesi al fondo dovranno restituire 400 milioni. Se n on lo faranno il fondo Elliott diventerà proprietario del Milan. Punto. In questo anno e mezzo i rossoneri fanno la squadra usando le armi e gli escamotage finanziari, compresi fideiussioni e prestiti, più o meno come fanno molte altre società anche italiane. Roma, ad esempio. Il Milan è su una giostra, deve continuare a girare sperando di andare in Champions, trovare nuovi soci e sponsor, alzare il fatturato in maniera consistente. Tutto con una scadenza: ottobre 2018. Elliott non fa sconti. Parlando di calcio, il partito dei "torna Ibra" si deve arrendere. Resta al Manchester. Dopo Kalinic mercato chiuso? Aspettiamo, il sogno del grande bomber c’è sempre. Anche se Belotti è più lontano con il Monaco intenzionato a investire parte dei soldi di Mbappè
sulla clausola del granata.
L’Inter deve chiudere per un difensore e Lisando Lopez del Benfica può essere quello giusto. Ma per ragioni di fair play finanziario, come detto volte volte, ora è il momento delle uscite, da Jovetic a Gabigol. Dopo, fari puntati sul centrocampista tecnico e fisico che Spalletti vuole per farlo giocare alle spalle di Icardi. Fra Brozovic, Joao Mario e Borja Valero (fa meglio dietro) nessuno lo ha convinto. Avanti il prossimo, cercasi simil-Nainggolan


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy