HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

25.08.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 61068 volte
Juve brivido, riecco Messi. Howedes, c’è l’accordo. Aspettando Strootman e Pereira. Spettacolo Sarri contro Guardiola, ma serve Reina. Ci sono o non ci sono le coperture finanziarie del Milan: un falso problema

Corsi e ricorsi storici, direbbe Vico, uno che non ha mai giocato a calcio. Dal sorteggio di Montecarlo riecco Messi, riecco il Barcellona. Dopo la finale del 2015 a Berlino vinta dagli spagnoli, la rivincita della Juve, straordinaria nei quarti di finale della primavera scorsa, ecco una sorta di bella.
Juve e Barcellona assieme in un girone (le altre Sporting e Panathinaikos) non difficilissimo, ma comunque affascinante e complicato. Non voglio tornare su discorsi già fatti, ma a maggior ragione l’ultima settimana di mercato dovrebbe convincere Marotta a fare qualcosa di più e di meglio. E’ evidente che in mezzo alla difesa della Juve manchi un uomo di esperienza internazionale perdurando l’eclissi di Benatia. I nomi che circolano sono sempre i soliti, da Garay del Valencia a De Vrij della Lazio, si è aggiunto nelle ultime ore Howedes, ventinovenne centrale dello Schalke 04. La Juve ha l’accordo con il giocatore. Vediamo ora cosa riuscirà a fare Marotta per convincere i tedeschi, non è facile quando gli altri sanno che devi fare il colpo quasi necessariamente. E non è facile neppure chiudere l’operazione Strootman. Ufficialmente tutto tace, ma le diplomazie lavorano e la proposta Cuadrado con conguaglio non dispiace alla Roma. Per l’attacco giallorosso, però, affascina anche Schick, diverso da Cuadrado, ma ritenuto da Monchi un grande prospetto. Come dargli torto?
L’impressione è che fino a quando non sarà chiarita la vicenda Schick (vuole l’Inter), la Roma non si siederà per parlare di Cuadrado. La Juve però, dopo aver deciso di lasciare Spinazzola a Bergamo per non mettere in discussione i rapporti con l’Atalanta, cerca anche un esterno sinistro. L’obiettivo è Ricardo Pereyra del Porto, clausola rescissoria da 25 milioni. Forze fresche e giocatore molto interessante che consentirebbe di liberare Asamoah che vuole fortemente il Galatasaray che gli offre un posto da titolare e un ingaggio più alto di quello della Juve. Vediamo se i bianconeri chiuderanno con il botto o meno, i soldi per fare un colpaccio ci sarebbero, comunque per me resta un mercato al di sotto delle possibilità economiche e delle ambizioni (se ci sono) livello europeo. Per l’Italia questa Juve potrebbe bastare (molto dipenderà dalle motivazioni), ma per la Champions oggi come oggi la vedo dura.
Dura anche per il Napoli battere il City di Guardiola, ma questa è una sfida straordinariamente affascinante fra i due profeti del calcio spettacolo. Che bello il faccia a faccia fra il giovane inventore del Tiki Taka che ha vinto tutto e di più e il vecchio maestro di provincia che non ha ancora vinto niente ma oggi come oggi è il Numero Uno dei guru calcistici. Il Napoli per me è più equilibrato, ci sarà da divertirsi, a un patto però: deve rimanere Reina. La proposta del Paris Saint Germain (3,5 milioni a stagione per tre anni) è in decente per un portiere di 36 anni, ma il Napoli non può e non deve lasciare andar via un giocatore così importante. Abbiamo già detto che questo Napoli non ha il miglior organico del mondo, ma esprime un grande gioco proprio perché questo gruppo lavora da tre anni assieme. E’ un tutt’uno. E Reina è il regista della difesa in campo, un uomo di grande carisma nello spogliatoio. De Laurentiis doveva risolvere prima la vicenda, non ci si può fidare di un anno di contratto. In teoria Reina è blindato, senza l’ok del Napoli non va da nessuno parte, ma nell’anno cruciale ci si può permettere di tenere un portiere scontento con il contratto in scadenza? La risposta è no, decisamente. So che i due non si amano, ma un punto di incontro è necessario trovarlo. Oggi, fra l’altro, anche volendo, a sette giorni dalla fine del mercato diventa complicato anche individuare un possibile successore. Una vicenda complicata che non può e non deve incidere sullo straordinario lavoro fatto da Sarri e da questi ragazzi che hanno incantato anche martedì a Nizza. E’ chiaro che l’offerta del Psg è inarrivabile, ma un compromesso è obbligatorio.
A proposito di soldi, tiene sempre banco un discorso che circola da almeno tre mesi nelle stanze del mercato e un po’ dappertutto nel calco. Non se lo è chiesto legittimamente soltanto Ilaria D’Amico se il Milan ha le coperture finanziarie, se lo chiedono un po’ tutti. Il problema non sono le fideiussioni per Biglia e Bonucci, lo prevede la camera di compensazione della Lega Calcio o le spese fatte che si aggirano attorno ai 200 milioni. Questi sono semplicemente programmi calcistico-economici, fasi di passaggio, che fanno parte di un piano di lavoro che parte dai 400 milioni chiesti in prestito al fondo Elliott. Se ci saranno le coperture ce lo dovremo chiedere nell’ottobre del 2018 quando i cinesi al fondo dovranno restituire 400 milioni. Se n on lo faranno il fondo Elliott diventerà proprietario del Milan. Punto. In questo anno e mezzo i rossoneri fanno la squadra usando le armi e gli escamotage finanziari, compresi fideiussioni e prestiti, più o meno come fanno molte altre società anche italiane. Roma, ad esempio. Il Milan è su una giostra, deve continuare a girare sperando di andare in Champions, trovare nuovi soci e sponsor, alzare il fatturato in maniera consistente. Tutto con una scadenza: ottobre 2018. Elliott non fa sconti. Parlando di calcio, il partito dei "torna Ibra" si deve arrendere. Resta al Manchester. Dopo Kalinic mercato chiuso? Aspettiamo, il sogno del grande bomber c’è sempre. Anche se Belotti è più lontano con il Monaco intenzionato a investire parte dei soldi di Mbappè
sulla clausola del granata.
L’Inter deve chiudere per un difensore e Lisando Lopez del Benfica può essere quello giusto. Ma per ragioni di fair play finanziario, come detto volte volte, ora è il momento delle uscite, da Jovetic a Gabigol. Dopo, fari puntati sul centrocampista tecnico e fisico che Spalletti vuole per farlo giocare alle spalle di Icardi. Fra Brozovic, Joao Mario e Borja Valero (fa meglio dietro) nessuno lo ha convinto. Avanti il prossimo, cercasi simil-Nainggolan


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->