VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Cavani non è la risposta giusta. Balo, una sola destinazione. Inter, tre cessioni per un vero regista

Nato a Magenta, il 28/04/1974, è giornalista professionista dal 2003. Direttore di Calcio2000, collabora con Corriere dello Sport, Leggo, Sportal, Giochimania e Supergiochi. Telecronista sportivo e opinionista TV (SportItalia e Calcissimo TV)
17.02.2016 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 50988 volte
© foto di Federico De Luca

Ben tornata Champions League... Ci sei mancata!!! Questo è uno dei momenti della stagione che preferisco. Di fatto si scende in campo tutti i giorni, per la totale arrabbiatura di chi associa il pallone ad una sana rottura di palle (scusate il francesismo)... Eppure, anche in questo periodo fitto di impegni, i grandi club sono al lavoro per individuare i rinforzi giusti per la prossima stagione. Ho tre argomenti caldi che mi stanno a cuore... Partiamo da Cavani. Non me ne voglia il Matador ma, onestamente, inizia a diventare un tormentone di poco interesse. Continuo a sentire frasi del tipo "... a Parigi è oscurato da Ibra" o "...non gioca nella sua posizione corretta, fa l'esterno a Parigi". Ma, ragazzi, se uno è un fuoriclasse, a mio parere sa trovare la maniera di imporsi in qualsiasi condizione, no? Non discuto il valore del 29enne attaccante (è un classe 1987) ma, onestamente, non credo sia l'uomo giusto per questa Juventus. Zaza è così tanto meno incisivo rispetto a Cavani? A mio avviso, tutta la vita Zaza... Italiano, più giovane e con una voglia matta di diventare un big... Proprio come era Cavani ai tempi del Palermo... Insomma,. Investirei i soldi altrove caro Marotta. E' pur vero che, nelle ultime stagioni, la dirigenza bianconera ha sempre fatto le scelte giuste, anche quando parevano stralunate e impopolari (vedi Allegri). Passiamo ad un tema spinoso: Mario Balotelli... Mi sono espresso tante ma tante volte su Super Mario. Tre anni più giovane di Cavani eppure sembra già a fine carriera (fisicamente parlando). Intendiamoci: non è da questa stagione che non corre più, sono anni che si trascina per il campo... Ora anche Mihajlovic si è stancato di vederlo perso in campo. Il suo recente approdo al Milan doveva rilanciarlo. In realtà l'ha affossato definitivamente. E ora, dove andrà Super Mario? A Liverpool non lo vogliono vedere neanche dipinto, al Milan nessuno vuole investire un euro per riscattarlo, quindi? Vedo una sola destinazione: MLS... Il nome di Balo, negli States, ha ancora un suo perché... Il suo modo di essere personaggio, in quel mondo che vive anche di eccessi, sarebbe perfetto... Pensate che potrebbe fare in una città come Los Angeles... Palla a Raiola, l'unico che può salvare Balotelli... Infine ultimo argomento da bruciatura di pelle in pieno agosto: Pazza Inter. Bravi a restare in silenzio dopo la sconfitta con la Fiorentina... Tutti concentrati su un solo obiettivo: il terzo posto. Possibile? Secondo me sì, a patto che le altre perdano certezze strada facendo o che l'Europa incida in maniera importante (ma Roma e Fiorentina devono andare avanti)... Io ho un consiglio, se la Champions dovesse sfumare: vendere tre assi (o presunti tali) e investire parte del ricavato per un vero regista. Credo che gente come Perisic, Jovetic, Icardi o Handanovic abbia un valore di mercato importante. Cedendone almeno tre, si aiuterebbe il bilancio (in rosso) e si avrebbe il cash necessario per un grande regista. Chi? La butto lì, visto che è un playmaker che adoro: Biglia. Ha 30 anni, una gran voglia di vincere e, soprattutto, sa far girare le squadre come pochi altri al mondo... Ecco, Lotito non è uno che regala i propri giocatori...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.