HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, che noia. Milan, Gattuso sfiora l'impresa con la squadra B. Parma, squadra rivelazione e per Faggiano rinnovo meritato. I cambi...cambiano (per ora)

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.11.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24359 volte

Non ci libereremo così facilmente di questa Juventus. Possiamo dire che rubano, che inventano, che sono ladri e galeotti ma la verità è che questi sono di un altro pianeta e, mentre le altre società venivano demolite da cinesi e banditi, loro costruivano il futuro. Non puoi competere con Dubai se mentre loro costruivano ponti, mare e spiaggia tu avevi le buche in centro città. La Juventus non era Marotta. La Juventus è sempre stata Agnelli e messo il cognome giusto al centro del club, tutto è tornato come prima. Oggi sembra tutto scontato, ma ricordiamoci Agnelli da dove ha ereditato questa società. Da un calciopoli e da una gestione Elkann senza successi. I bianconeri hanno tutto per continuare a volare e la vera scommessa oggi si chiama Europa. Non sarà facile affermarsi in Champions ma quest'anno è la classica stagione da "dentro o fuori". Le big europee hanno problemi e vanno sfruttati per correre. Allegri è l'uomo giusto per questa società e per questi dirigenti. Non piace ai tifosi? Amen. Da sempre il tifoso, nelle vere società, fa il tifoso e club prestigiosi come la Juventus non si fanno influenzare dal sentito dire o dalla volontà popolare. Ronaldo, per alcuni, era un bluff. Si è visto. Per altri questa Juventus è sempre aiutata. Aiutata dalla forza di non conoscere risultati diversi dalla vittoria. Si chiama mentalità, non aiutino. Non ne ha bisogno questa squadra. Lo abbiamo sempre sostenuto. Il Napoli può perdere punti in casa con un Chievo, l'Inter con Sassuolo e Parma ma la Juventus non regala punti per strada e se lo fa ha la forza di riprendersi tutto con gli interessi. Per fortuna che c'è la Juventus B, che in serie C continua a prendere scoppole, almeno abbiamo un tasto sul quale criticare questa società. Marotta ha lasciato in eredità una vera patata bollente. Continuare con questo progetto porterebbe a farsi male, mollare dopo un anno comporterebbe un danno di immagine non indifferente per la Juve. L'unica via d'uscita, per la Juventus, è l'abolizione del progetto. E scusate se lo definiamo progetto.
Complimenti al Milan che, a proposito di squadre B, con le riserve è andato a vincere a Roma.... fino al 94'. Poi è arrivato un punto prezioso con la Lazio. Sarebbero potuti essere tre, certo, ma il pareggio è più che giusto. Donnarumma non ha colpe sul gol? Mah. Mica tanto. Ha visto partire il tiro dopo che io avevo fatto un giro in cucina, sono tornato e lui si è buttato. Era coperto? Figuriamoci se fosse stato scoperto. Gattuso ha dato un'identità alla squadra che va a giocarsela ad armi pari anche quando non ha armi. Abate centrale con Zapata e Calabria a destra è roba da manicomio. E questa squadra, senza alternative, sta puntando alla zona Champions. Contiamo fino a 30 e pensiamo un attimo... Riserve non all'altezza e titolari forti ma non fenomeni. Il Milan dovrebbe arrivare in Champions solo per i colori della maglia e per il marchio che ricorda i suoi successi. Romagnoli, Musacchio, Bonaventura, Biglia, Higuain. Non c'era mezzo top player e a Roma stavi per vincere. Sicuramente questa squadra ha bisogno di rinforzi, ma se parliamo di Ibra ci sfugge qualcosa nel progetto milanista. Serve una mezzala come il caffè al mattino.
Qualche riga la merita il Parma. Dalla D alla consacrazione in serie A. D'Aversa si è riscoperto un grande allenatore. Doveva essere una meteora, invece, sta dimostrando valore e costanza di rendimento. Giusto mix tra giovani e veterani. Il Parma continua a vincere e il progetto va a gonfie vele. Se batti il Sassuolo non è proprio una cosa scontata. D'Aversa, così come De Zerbi, sono il futuro del nostro calcio. Parma merita grandi traguardi e sicuramente ha trovato in Daniele Faggiano la figura giusta per scrivere pagine importanti per il presente e il futuro. Mai rinnovo fu più giusto. Un giovane che semina, raccoglie, lavora e vince merita solo applausi. Anche se in questo mondo le invidie sono sempre superiori alle pacche sulla spalla. Basti considerare che fermi ai box ci sono Direttori che hanno scritto pagine importantissime del nostro calcio.
In chiusura una riflessione sui nuovi allenatori. Tutti vincenti. O quasi. Nicola riporta al successo l'Udinese, contro una piccola Roma. Il problema non è risolto ma vincere aiuta a vincere. Iachini ribalta l'Empoli e Di Carlo va a fare 0-0 a Napoli con un Chievo Verona quasi spacciato. L'impatto del nuovo allenatore aiuta quasi sempre. Altri, invece, hanno bisogno di tempo per incidere. Udinese, Empoli e Chievo sono storie diverse tra di loro. L'Udinese si può salvare e lo farà perché la forza del club è superiore agli errori commessi in sede di mercato. Il tecnico straniero è la grande sconfitta di Gino Pozzo che ama il profilo straniero ma poi lo deve salvare l'italiano. Iniziano ad essere tanti gli allenatori bruciati dall'Udinese. Una volta il mister lo sceglieva Gianpaolo Pozzo e la squadra la faceva il figlio Gino. Non si è capito come mai si sia interrotta questa formula vincente. L'Empoli, invece, dovrà sudare fino all'ultimo per provare a tenere la categoria mentre a Verona Di Carlo dovrebbe fare un miracolo per lasciare il Chievo in serie A. Troppo tempo perso, classifica compromessa e squadra mediocre. Più che il mercato di gennaio servirebbe un altro campionato per recuperare il terreno perso prima.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510