HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Stelle di Natale AIL 2018
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, che noia. Milan, Gattuso sfiora l'impresa con la squadra B. Parma, squadra rivelazione e per Faggiano rinnovo meritato. I cambi...cambiano (per ora)

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.11.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24075 volte

Non ci libereremo così facilmente di questa Juventus. Possiamo dire che rubano, che inventano, che sono ladri e galeotti ma la verità è che questi sono di un altro pianeta e, mentre le altre società venivano demolite da cinesi e banditi, loro costruivano il futuro. Non puoi competere con Dubai se mentre loro costruivano ponti, mare e spiaggia tu avevi le buche in centro città. La Juventus non era Marotta. La Juventus è sempre stata Agnelli e messo il cognome giusto al centro del club, tutto è tornato come prima. Oggi sembra tutto scontato, ma ricordiamoci Agnelli da dove ha ereditato questa società. Da un calciopoli e da una gestione Elkann senza successi. I bianconeri hanno tutto per continuare a volare e la vera scommessa oggi si chiama Europa. Non sarà facile affermarsi in Champions ma quest'anno è la classica stagione da "dentro o fuori". Le big europee hanno problemi e vanno sfruttati per correre. Allegri è l'uomo giusto per questa società e per questi dirigenti. Non piace ai tifosi? Amen. Da sempre il tifoso, nelle vere società, fa il tifoso e club prestigiosi come la Juventus non si fanno influenzare dal sentito dire o dalla volontà popolare. Ronaldo, per alcuni, era un bluff. Si è visto. Per altri questa Juventus è sempre aiutata. Aiutata dalla forza di non conoscere risultati diversi dalla vittoria. Si chiama mentalità, non aiutino. Non ne ha bisogno questa squadra. Lo abbiamo sempre sostenuto. Il Napoli può perdere punti in casa con un Chievo, l'Inter con Sassuolo e Parma ma la Juventus non regala punti per strada e se lo fa ha la forza di riprendersi tutto con gli interessi. Per fortuna che c'è la Juventus B, che in serie C continua a prendere scoppole, almeno abbiamo un tasto sul quale criticare questa società. Marotta ha lasciato in eredità una vera patata bollente. Continuare con questo progetto porterebbe a farsi male, mollare dopo un anno comporterebbe un danno di immagine non indifferente per la Juve. L'unica via d'uscita, per la Juventus, è l'abolizione del progetto. E scusate se lo definiamo progetto.
Complimenti al Milan che, a proposito di squadre B, con le riserve è andato a vincere a Roma.... fino al 94'. Poi è arrivato un punto prezioso con la Lazio. Sarebbero potuti essere tre, certo, ma il pareggio è più che giusto. Donnarumma non ha colpe sul gol? Mah. Mica tanto. Ha visto partire il tiro dopo che io avevo fatto un giro in cucina, sono tornato e lui si è buttato. Era coperto? Figuriamoci se fosse stato scoperto. Gattuso ha dato un'identità alla squadra che va a giocarsela ad armi pari anche quando non ha armi. Abate centrale con Zapata e Calabria a destra è roba da manicomio. E questa squadra, senza alternative, sta puntando alla zona Champions. Contiamo fino a 30 e pensiamo un attimo... Riserve non all'altezza e titolari forti ma non fenomeni. Il Milan dovrebbe arrivare in Champions solo per i colori della maglia e per il marchio che ricorda i suoi successi. Romagnoli, Musacchio, Bonaventura, Biglia, Higuain. Non c'era mezzo top player e a Roma stavi per vincere. Sicuramente questa squadra ha bisogno di rinforzi, ma se parliamo di Ibra ci sfugge qualcosa nel progetto milanista. Serve una mezzala come il caffè al mattino.
Qualche riga la merita il Parma. Dalla D alla consacrazione in serie A. D'Aversa si è riscoperto un grande allenatore. Doveva essere una meteora, invece, sta dimostrando valore e costanza di rendimento. Giusto mix tra giovani e veterani. Il Parma continua a vincere e il progetto va a gonfie vele. Se batti il Sassuolo non è proprio una cosa scontata. D'Aversa, così come De Zerbi, sono il futuro del nostro calcio. Parma merita grandi traguardi e sicuramente ha trovato in Daniele Faggiano la figura giusta per scrivere pagine importanti per il presente e il futuro. Mai rinnovo fu più giusto. Un giovane che semina, raccoglie, lavora e vince merita solo applausi. Anche se in questo mondo le invidie sono sempre superiori alle pacche sulla spalla. Basti considerare che fermi ai box ci sono Direttori che hanno scritto pagine importantissime del nostro calcio.
In chiusura una riflessione sui nuovi allenatori. Tutti vincenti. O quasi. Nicola riporta al successo l'Udinese, contro una piccola Roma. Il problema non è risolto ma vincere aiuta a vincere. Iachini ribalta l'Empoli e Di Carlo va a fare 0-0 a Napoli con un Chievo Verona quasi spacciato. L'impatto del nuovo allenatore aiuta quasi sempre. Altri, invece, hanno bisogno di tempo per incidere. Udinese, Empoli e Chievo sono storie diverse tra di loro. L'Udinese si può salvare e lo farà perché la forza del club è superiore agli errori commessi in sede di mercato. Il tecnico straniero è la grande sconfitta di Gino Pozzo che ama il profilo straniero ma poi lo deve salvare l'italiano. Iniziano ad essere tanti gli allenatori bruciati dall'Udinese. Una volta il mister lo sceglieva Gianpaolo Pozzo e la squadra la faceva il figlio Gino. Non si è capito come mai si sia interrotta questa formula vincente. L'Empoli, invece, dovrà sudare fino all'ultimo per provare a tenere la categoria mentre a Verona Di Carlo dovrebbe fare un miracolo per lasciare il Chievo in serie A. Troppo tempo perso, classifica compromessa e squadra mediocre. Più che il mercato di gennaio servirebbe un altro campionato per recuperare il terreno perso prima.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->