VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Juve: Conte resta fino al 2018, presi Paletta e Cerci. Attacco a Van Persie, partono in quattro e tornano i giovani. Tutti i piani bianconeri in esclusiva

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
14.03.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 71035 volte
© foto di Federico De Luca

Con lo scudetto in tasca, la Juventus ha già gettato le basi per il futuro con un obiettivo importante e ambizioso: la Champions League. Siamo in grado di rivelare tutti i piani della Signora per il prossimo mercato, un programma di lavoro concordato con la proprietà nelle persona di Sergio Marchionne, il grande tessitore delle strategie economiche della Fiat e ora anche della Juventus.
Proprio Marchionne, incontrando il presidente bianconero Andrea Agnelli, ha manifestato una rinnovata vicinanza alla società di calcio che diventa funzionale al lancio del marchio Fiat-Chrysler con il nuovo modello della Jeep, un suv storico sul quale l'azienda italo-americana punta moltissimo sul mercato europeo. Quindi serve una Juventus forte che vada avanti in Champions e porti il nome sulla maglia in Europa e in tutto il mondo. Con l'avallo di Marchionne le spalle di Agnelli e Marotta sono indubbiamente più forti.
Questi nuovi piani di rafforzamento hanno immediatamente coinvolto anche Conte che viste le idee chiare della società e la voglia di provare a vincere anche in Europa, non chiedeva di meglio. La sua sete di vittoria e di rafforzamento è finalmente anche quella della Signora. Il primo tassello che Marotta ha cercato di mettere a posto è proprio quello dell'allenatore. Le sirene straniere erano e sono molte, Conte ha estimatori insistenti in Francia (il proprietario russo del Monaco lo corteggia da mesi), ma anche in Inghilterra (Manchester e Arsenal soprattutto) e Spagna. Fino a qualche settimana fa Conte ha lasciato aperte tutte le porte dando appuntamento per la fine del mese di marzo quando a suo giudizio si sarebbero chiarite le cose nella corsa scudetto.
Ora che c'è stata un'accelerata e la classifica è tranquilla, dopo i rinnovati piani di rafforzamento, l'allenatore bianconero si è incontrato con Andrea Agnelli (c'è un grande feeling) e gli ha comunicato che la Juve è sempre il suo primo obiettivo. Come dicevo, la trattativa per il prolungamento del contratto è iniziata ed ha partorito un accordo sostanziale, si tratta di limare alcuni passaggi e rivedere alcune offerte economiche, ma trattasi di dettagli assoluti.
Le basi sono state gettate per un rinnovo di tre anni (dal 2015 al 2018) con l'opzione per il quarto, in modo da garantire la permanenza di Conte sulla panchina bianconera per un periodo medio-lungo. L'ingaggio sarà portato a cinque milioni l'anno, meno di quanto gli affrivano altre società, ma in linea con quello che voleva Conte. Mancano solo le firme, ma il prossimo appuntamento, quello finale, ci sarà soltanto quando la Juventus avrà matematicamente conquistato lo scudetto, quindi attorno alla metà di aprile se le cose dovesse procedere regolarmente.
Definito Conte, Marotta ha fissato con l'allenatore anche i piani tecnici di rafforzamento della squadra. Servivano un esterno d'attacco e un difensore di livello come primo obiettivo, più un altro top player di classe e carisma, sul modello Tevez: saranno presi.
Ecco i nomi. Marotta si è portato avanti con il Parma, il difensore italo-argentino Paletta, neo nazionale, è praticamente già bianconero. A Parma tornerà Giovinco destinato a prendere il posto di Cassano che a fine stagione cambierà aria. Con il Torino c'è l'accordo per Alessio Cerci, il tornante di qualità, capace di saltare l'uomo, che Conte chiedeva da tempo. Al Torino andrà tutto Ciro Immobile con un conguaglio in denaro.
Questo due operazioni sono già concluse, ma non finirà qui. Conte vuol avere una squadra in grado di giocare il 4-3-3, un modulo che funziona soprattutto in Europa e vuole almeno un altro giocatore che ha già vinto. Dopo il no dell'anno scorso, Van Persie si è pentito, la stagione tribolata di Manchester lo ha convinto che la Juve può essere il suo futuro. Questa operazione è costosa, ma la Juve ha già gettato le basi per portare a casa l'attaccante. Come? Vendendo Marchisio e Vucinic che hanno mercato e richieste importanti in Inghilterra. Soprattutto Marchisio sarà il giocatore da sacrificare. Vidal e Pogba hanno deciso di rimanere a Torino per almeno altri tre anni (c'è l'accordo e la parola), Pirlo ha firmato un biennale, quindi Marchisio ha capito che sarà dura giocare da titolare. Accetterà il trasferimento in una grande che potrebbe essere proprio il Manchester che lo sta seguendo da tempo. Il massimo sarebbe proprio scambiare Vucinic e Marchisio (più soldi) per Van Persie. Marotta sta lavorando.
Partiranno di sicuro anche Quagliarella (la Fiorentina è in pole), Isla, Padoin e Peluso. Rientreranno molti dei giovani che la Juve ha in giro in prestito in serie A. A Conte piace Marrone di ritorno dal Sassuolo, che può essere il quarto centrocampista. Berardi deve maturare, ma per Gabbiadini c'è già l'ok. Poi se dovesse capitare qualche occasione nessuno si tirerà in dietro.
Nel vertice si è parlato anche di Cuadrado, un altro giocatore che Conte prenderebbe subito. La Juve sa che Andrea Della Valle e Pozzo hanno già un accordo e la Fiorentina riscatterà l'esterno, ma qualora la società viola volesse rimetterlo sul mercato, la Juventus si farà trovare pronta.
Le idee bianconere sono chiare e perfettamente a fuoco, dopo tre scudetti (quasi) vinti, parte l'assalto all'Europa della Signora. Con la cassaforte di famiglia alle spalle è più facile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.