VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve e Inter: ha vinto Ranieri. Milan: hanno ragione i Non evoluti. Inter-Milan: è scoppiata la pace

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.05.2016 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 34657 volte

I tifosi della Juventus in tv lo chiamavano "il cantante". I tifosi dell'Inter guidati dal presidente Moratti lo hanno liquidato sdegnati e lo hanno trasformato in una parentesi fra Gasperini e Stramaccioni. Stiamo parlando dell'uomo del momento, dello straordinario protagonista dell'impresa Leicester. Santo Cielo, Claudio Ranieri: è come se il Carpi avesse vinto lo Scudetto in Italia. Vittima della schizofrenia tipica delle grandi piazze in crisi, Ranieri si è presto una rivincita di vita, di campo, di calcio in una dimensione perfetta. E quando la marmellata retorica italica lo lascerà finalmente in pace, potrà assaporare, l'ex "cantante", il gusto vero di quanto è riuscito a fare.

Spiacenti per il signor Social o per il signor Twitter, ma sette giorni fa oggi non ha voluto capire proprio nulla. Non abbiamo abusato di questo spazio molto letto e molto considerato, per costruire la tesi piccolina che è colpa di questo o colpa di quello e non di quell'altro. Ripetiamo per i disattenti e per i malfidenti. La crisi delicata e complessa della transizione del Milan è storica, è nata dal 2012 e nel 2012, e in questa crisi ci sono dentro tutti. Soprattutto quelli che danno la colpa all'altro, a chi non la pensa come quello che si vuole ossessivamente far passare, a quello più esposto o a chi diavolo vogliano darla. Ma davvero soprattutto quelli, che poi purtroppo sono la maggioranza. Proprio quelli che non hanno capito che a furia di inoculare nell'aria veleni irresponsabili si trascina un millimetro dopo l'altro il Milan sempre più a fondo. Nella pancia di questi quattro anni ci sono piccoli e grandi errori di tutti e nessuno escluso, piccole e grandi colpe, piccole e grandi contraddizioni.. Tutte confermate dal passare delle stagioni. Il Milan era in buona fede quando ha tenuto Pato e rigettato Tevez, il Milan è stato vittima quando gli è stato scippato il gol di Muntari, il Milan nel suo livello finanziario non ha avuto la forza di riuscire a preventivare sul serio le conseguenze sportive delle cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva. E a ruota degli episodi macro, tutto il carico di fatti, fattucoli e fatterelli. Con tutti dentro, ripetiamo tutti, anche quei finti feticci che ci si è costruiti per odiare ancora di più quello, che nella sentenza sommaria del tanto peggio tanto meglio, è stato deglutito come il colpevole per eccellenza. Il nostro pensiero è che la confusione forcaiola e giustizialista della spiegazione un tanto al tocco, dell'hashtag che omologa tutto e tutti abbia le sue brave cartine di tornasole. Come la grande attesa. Ma certo, tutti ad ad aspettare il 1' Luglio per attendere cosa dirà. E' il paradigma del gran casino in ordine sparso nel quale l'ambiente rossonero è ormai dentro fino al collo. Ma Chissenefrega di cosa dirà. Gli allenatori non devono dire, gli allenatori devono allenare. Allegri allena, eccome se allena. Mihajlovic allenerà, magari già la Lazio. Inzaghi probabilmente allenerà. Brocchi certamente allenerà. Basta, non c'è altro. No alle colpe, si al senso di responsabilità che va avvertito, fatto proprio, vissuto in misura direttamente proporzionale a quanto si sta rivelando tormentata la traversata. Si ponga il tifoso rossonero problemi veri, non cazzeggi. Non si ossessioni, dia aria, apra le finestre e soprattutto guardi le facce. In libertà, con semplicità, da tifoso adulto, maturo e vaccinato qual è. Guardi le facce di Weah nel 2000, di Albertini nel 2002, di Rivaldo nel 2003, di Van Bommel nel video dell'addio di Milan Channel, nel giorno dell'addio dei Grandi al termine di Milan-Novara del 13 Maggio 2012, nel giorno in cui nella vulgata il Milan con la Emme maiuscola è diventato il "Milan" fra virgolette: piangevano, stavano male, avevano gli occhi gonfi. Oggi è il contrario, via dal Milan si rasserena il volto, si ritrova il gusto di giocare, si respira un'altra aria. Torres corre, tira e prende il palo nella Semifinale (!) di Champions League e va orgoglioso verso la Finale, qui era stranito e frenato; Suso ha l'occhio iniettato di calcio, qui guardava nel vuoto; El Shaarawy guizza come un fringuello, qui era cupo e silenzioso. Carlo Ancelotti alla fine qui non ci è venuto. Allegri alla Juventus è ringiovanito. Mihajlovic sorride in auto davanti alle telecamere di Striscia, sembra già un altro. Ecco adesso si inventa che è colpa nostra, pensa il tifoso del Milan. Ma mai nella vita e certo che no, diremo di più: la colpa, unica e sola, non esiste. C'è forse la colpa che fa comodo per potersi sfogare, ma è una colpa di Pirro con due erre. Una colpa di coccio. Una colpa che non abita qui, dove state leggendo ahivoi adesso. Qui abita solo la voglia smisurata di non vedere in campo una squadra frastornata e disorientata, ma una squadra con le sue certezze e i suoi punti di riferimento o almeno qualcosa di simile. Il presidente Berlusconi non deve prenderla sul personale l'espressione un po' così dei suoi giocatori al pensiero che non ci sia più Sinisa Mihajlovic. Bene o male, a torto o a ragione, per loro era diventato un punto di riferimento, soprattutto psicologico. Seguendolo avevano forse smesso di interrogarsi su tanti altri perché, perché ad esempio la Curva, che certamente lo fa nelle sue intenzioni per amore e per passione da parte dei suoi ragazzi, contesta dal primo minuto del Campionato il loro diretto responsabile sportivo, quello che ai loro occhi è la società di tutti i giorni. Il contestato affronta senza problemi, ma tutto questo agli occhi dei giocatori si declina e si trasforma in un punto interrogativo grande così, in una atmosfera opaca. Nel bailamme non è facile per i giocatori del Milan dare il massimo del proprio valore: quando c'è una atmosfera che ti opprime come singolo e come collettivo rischi di essere ed effettivamente sei sotto l'asticella del rendimento ideale. Ora in tempi tremendamente brevi il gruppo deve staccare la spina temperamentale e psicologica di Sinisa e attaccare quella tecnica e tattica di Cristian, fatta di cose buone e pure che fanno fatica ad essere anche immediate. In mezzo a tutto questo chi non ci dorme la notte, chi soffre, chi ama i tifosi non evoluti perché si incazzano e sputano amaro ma che per un Milan-Frosinone qualsiasi tengono la fidanzata a Milano e non la portano al lago. Perché è questo il tifoso vero, naturalmente senza virgolette.

I funzionari della Lega Serie A capita che non credano ai propri occhi. Credono di sognare e si danno un pizzicotto. Credono di aver visto che se il capo-delegazione Inter in assemblea deve assentarsi per un impegno prima delle votazioni, lascia la propria delega a quello del Milan. E viceversa, assolutamente viceversa. Prove di pace? Prove di alleanza? Intanto bisogna vedere se è vero, ma se lo fosse sarebbe un segnale per tutto il calcio italiano. Perché il calcio italiano, un Piano Marshall in altri termini lo ha evocato lunedì in Lega Rino Gattuso per Milan e Inter ("Senza di loro il calcio italiano farà fatica ad essere continuo e competitivo in Europa"), ha bisogno delle due milanesi. Sogni o prove di pace fra Milan e Inter. Prove di dialogo fra Milan e Juventus. Andrea Agnelli e Adriano Galliani sono d'accordo sulle linee generali dell'organizzazione della Supercoppa di Lega. Prima o dopo il periodo natalizio? Magari in Asia? Vedranno loro sotto l'egida della Lega e la sensazione forteè che il dialogo prosegua, condiviso e senza scossoni, fino all'ufficialità.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.