VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve e Inter: ha vinto Ranieri. Milan: hanno ragione i Non evoluti. Inter-Milan: è scoppiata la pace

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
07.05.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 34709 volte

I tifosi della Juventus in tv lo chiamavano "il cantante". I tifosi dell'Inter guidati dal presidente Moratti lo hanno liquidato sdegnati e lo hanno trasformato in una parentesi fra Gasperini e Stramaccioni. Stiamo parlando dell'uomo del momento, dello straordinario protagonista dell'impresa Leicester. Santo Cielo, Claudio Ranieri: è come se il Carpi avesse vinto lo Scudetto in Italia. Vittima della schizofrenia tipica delle grandi piazze in crisi, Ranieri si è presto una rivincita di vita, di campo, di calcio in una dimensione perfetta. E quando la marmellata retorica italica lo lascerà finalmente in pace, potrà assaporare, l'ex "cantante", il gusto vero di quanto è riuscito a fare.

Spiacenti per il signor Social o per il signor Twitter, ma sette giorni fa oggi non ha voluto capire proprio nulla. Non abbiamo abusato di questo spazio molto letto e molto considerato, per costruire la tesi piccolina che è colpa di questo o colpa di quello e non di quell'altro. Ripetiamo per i disattenti e per i malfidenti. La crisi delicata e complessa della transizione del Milan è storica, è nata dal 2012 e nel 2012, e in questa crisi ci sono dentro tutti. Soprattutto quelli che danno la colpa all'altro, a chi non la pensa come quello che si vuole ossessivamente far passare, a quello più esposto o a chi diavolo vogliano darla. Ma davvero soprattutto quelli, che poi purtroppo sono la maggioranza. Proprio quelli che non hanno capito che a furia di inoculare nell'aria veleni irresponsabili si trascina un millimetro dopo l'altro il Milan sempre più a fondo. Nella pancia di questi quattro anni ci sono piccoli e grandi errori di tutti e nessuno escluso, piccole e grandi colpe, piccole e grandi contraddizioni.. Tutte confermate dal passare delle stagioni. Il Milan era in buona fede quando ha tenuto Pato e rigettato Tevez, il Milan è stato vittima quando gli è stato scippato il gol di Muntari, il Milan nel suo livello finanziario non ha avuto la forza di riuscire a preventivare sul serio le conseguenze sportive delle cessioni di Ibrahimovic e Thiago Silva. E a ruota degli episodi macro, tutto il carico di fatti, fattucoli e fatterelli. Con tutti dentro, ripetiamo tutti, anche quei finti feticci che ci si è costruiti per odiare ancora di più quello, che nella sentenza sommaria del tanto peggio tanto meglio, è stato deglutito come il colpevole per eccellenza. Il nostro pensiero è che la confusione forcaiola e giustizialista della spiegazione un tanto al tocco, dell'hashtag che omologa tutto e tutti abbia le sue brave cartine di tornasole. Come la grande attesa. Ma certo, tutti ad ad aspettare il 1' Luglio per attendere cosa dirà. E' il paradigma del gran casino in ordine sparso nel quale l'ambiente rossonero è ormai dentro fino al collo. Ma Chissenefrega di cosa dirà. Gli allenatori non devono dire, gli allenatori devono allenare. Allegri allena, eccome se allena. Mihajlovic allenerà, magari già la Lazio. Inzaghi probabilmente allenerà. Brocchi certamente allenerà. Basta, non c'è altro. No alle colpe, si al senso di responsabilità che va avvertito, fatto proprio, vissuto in misura direttamente proporzionale a quanto si sta rivelando tormentata la traversata. Si ponga il tifoso rossonero problemi veri, non cazzeggi. Non si ossessioni, dia aria, apra le finestre e soprattutto guardi le facce. In libertà, con semplicità, da tifoso adulto, maturo e vaccinato qual è. Guardi le facce di Weah nel 2000, di Albertini nel 2002, di Rivaldo nel 2003, di Van Bommel nel video dell'addio di Milan Channel, nel giorno dell'addio dei Grandi al termine di Milan-Novara del 13 Maggio 2012, nel giorno in cui nella vulgata il Milan con la Emme maiuscola è diventato il "Milan" fra virgolette: piangevano, stavano male, avevano gli occhi gonfi. Oggi è il contrario, via dal Milan si rasserena il volto, si ritrova il gusto di giocare, si respira un'altra aria. Torres corre, tira e prende il palo nella Semifinale (!) di Champions League e va orgoglioso verso la Finale, qui era stranito e frenato; Suso ha l'occhio iniettato di calcio, qui guardava nel vuoto; El Shaarawy guizza come un fringuello, qui era cupo e silenzioso. Carlo Ancelotti alla fine qui non ci è venuto. Allegri alla Juventus è ringiovanito. Mihajlovic sorride in auto davanti alle telecamere di Striscia, sembra già un altro. Ecco adesso si inventa che è colpa nostra, pensa il tifoso del Milan. Ma mai nella vita e certo che no, diremo di più: la colpa, unica e sola, non esiste. C'è forse la colpa che fa comodo per potersi sfogare, ma è una colpa di Pirro con due erre. Una colpa di coccio. Una colpa che non abita qui, dove state leggendo ahivoi adesso. Qui abita solo la voglia smisurata di non vedere in campo una squadra frastornata e disorientata, ma una squadra con le sue certezze e i suoi punti di riferimento o almeno qualcosa di simile. Il presidente Berlusconi non deve prenderla sul personale l'espressione un po' così dei suoi giocatori al pensiero che non ci sia più Sinisa Mihajlovic. Bene o male, a torto o a ragione, per loro era diventato un punto di riferimento, soprattutto psicologico. Seguendolo avevano forse smesso di interrogarsi su tanti altri perché, perché ad esempio la Curva, che certamente lo fa nelle sue intenzioni per amore e per passione da parte dei suoi ragazzi, contesta dal primo minuto del Campionato il loro diretto responsabile sportivo, quello che ai loro occhi è la società di tutti i giorni. Il contestato affronta senza problemi, ma tutto questo agli occhi dei giocatori si declina e si trasforma in un punto interrogativo grande così, in una atmosfera opaca. Nel bailamme non è facile per i giocatori del Milan dare il massimo del proprio valore: quando c'è una atmosfera che ti opprime come singolo e come collettivo rischi di essere ed effettivamente sei sotto l'asticella del rendimento ideale. Ora in tempi tremendamente brevi il gruppo deve staccare la spina temperamentale e psicologica di Sinisa e attaccare quella tecnica e tattica di Cristian, fatta di cose buone e pure che fanno fatica ad essere anche immediate. In mezzo a tutto questo chi non ci dorme la notte, chi soffre, chi ama i tifosi non evoluti perché si incazzano e sputano amaro ma che per un Milan-Frosinone qualsiasi tengono la fidanzata a Milano e non la portano al lago. Perché è questo il tifoso vero, naturalmente senza virgolette.

I funzionari della Lega Serie A capita che non credano ai propri occhi. Credono di sognare e si danno un pizzicotto. Credono di aver visto che se il capo-delegazione Inter in assemblea deve assentarsi per un impegno prima delle votazioni, lascia la propria delega a quello del Milan. E viceversa, assolutamente viceversa. Prove di pace? Prove di alleanza? Intanto bisogna vedere se è vero, ma se lo fosse sarebbe un segnale per tutto il calcio italiano. Perché il calcio italiano, un Piano Marshall in altri termini lo ha evocato lunedì in Lega Rino Gattuso per Milan e Inter ("Senza di loro il calcio italiano farà fatica ad essere continuo e competitivo in Europa"), ha bisogno delle due milanesi. Sogni o prove di pace fra Milan e Inter. Prove di dialogo fra Milan e Juventus. Andrea Agnelli e Adriano Galliani sono d'accordo sulle linee generali dell'organizzazione della Supercoppa di Lega. Prima o dopo il periodo natalizio? Magari in Asia? Vedranno loro sotto l'egida della Lega e la sensazione forteè che il dialogo prosegua, condiviso e senza scossoni, fino all'ufficialità.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.