HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Juve e Roma, la forza della rosa, Napoli un altro colpo, i gioielli del Torino e i malesseri in casa Milan...

21.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 17619 volte
© foto di Federico De Luca

Il fermento, inutile nasconderlo, neanche troppo nascosto. È tornato Dybala. Funziona da punta centrale, funziona da rifinitore. La cura di Allegri, come sperava per primo l’allenatore bianconero, funziona. Ma sinceramente in pochi avevano dubbi, i primi che non ne avevano neanche uno erano i compagni di squadra che lo hanno sempre difeso dalle critiche. Ora la Juve oltre Dybala si può godere un Higuain affamato, un Bernardeschi in grande spolvero e un Douglas Costa più “cattivo” che mai. E come se non bastasse la settima partita consecutiva senza subire reti. Dovessimo giudicare Juve Roma dalla coppa Italia ci sarebbero già delle indicazioni importanti. Ma, la difesa della Roma non sarà la stessa che contro il Torino, e anche a Roma si è rivisto al gol Schick, si preannunciano scintille. Sarà la partita dei due allenatori che hanno fatto della rosa allargata la loro forza stagionale. Ora obiettivamente hanno l’imbarazzo della scelta perché sono stati entrambi bravi (seppur con dosi di qualità tecnica a disposizione diversa) a utilizzare tutti e a renderli tutti indispensabili. Non sappiamo ad oggi se ci sarà spazio per la presunta voglia di rivincita di Schick, o se Dybala ha talmente convinto Allegri da essere riproposto. Ma di sicuro Juve e Roma in questi prossimi giorni non penseranno al mercato: la partita non sarà decisiva, ma importante sì.
Dalla coppa Italia abbiamo continuato a conoscere un altro personaggio che immaginiamo a questo punto possa recitare un ruolo sempre più importante nel Torino e perché non nel calcio italiano in generale: Edera. Esordio in A, contro la Roma nel 2016. L’anno prima, contribui in maniera decisiva a far vincere al Toro il campionato Primavera, segnando il rigore decisivo contro la Lazio di Inzaghi. Sempre contro Inzaghi e sempre all’Olimpico ha segnato 10 giorni fa il suo primo gol in A, si è ripetuto contro la Roma segnando (sempre all’Olimpico) il gol che ha permesso al Torino di qualificarsi. Che abbia la Capitale nel destino mi pare piuttosto evidente, come sono evidenti le sue qualità. E così il Toro continua ad allevare talenti. In attesa di quelli che sono già esplosi e che proseguiranno nella scia che ha reso il lavoro di Cairo e Petrachi eccezionale: da Ogbonna (senza voler per forza voler arrivare fino a Rosina...) nel 13/14 alla Juve per 15 milioni, l’anno successivo fu il turno di Immobile al Borussia Dortmund e Cerci all’Ateltico Madrid (32 milioni), poi Darmian al Manchester (18). Nel 16/17 Glik al Monaco e Bruno Peres alla Roma (più di 25 milioni in due) e Maksimovic al Napoli (qui 26 milioni fra prestito e obbligo di riscatto) fino ad arrivare a Zappacosta venduto al Chelsea per 25 milioni la scorsa estate. Un Toro che sa vendere bene, che sa soprattutto valorizzare bene, senza perdere competitività e continuando ad investire. Ecco, Edera potrebbe aggiungersi alla lista dei gioielli di Cairo. Insieme a Vadja Milinkovic Savic. Lo scorso turno di coppa Italia avevamo imparato che sapeva tirare bene le punizioni, stavolta abbiamo capito che sa anche parare (pure i rigori).
Non ha avuto le stesse serate trionfali Bonucci nel Milan. Anzi. Era lui il simbolo di questo nuovo corso. Il grande entusiasmo di quest’estate ormai sembra un ricordo lontanissimo e da quello che abbiamo capito in giornata un po’ di malessere ce l’ha anche lo stesso Leo. Ci mancherebbe pure che non lo avesse, sarebbe decisamente strano il contrario. Ma un conto è essere insoddisfatti, un conto avere il mal di pancia per cambiare aria. La smentita arriva secca da entrambe le parti: lato società e lato giocatore. A questi aggiungiamo noi una considerazione meramente economica. Bonucci è stato pagato dal Milan 42 milioni e guadagna circa 8 milioni di euro all’anno. Questi sono i contorni dell’operazione di quest’estate: non sono proprio molte le squadre che potrebbero permettersene una del genere...
Dopo Ciciretti il Napoli ha preso un altro giocatore, sempre a parametro zero. Non è un nome noto (oddio il nome proprio evoca grandissimi campioni, visto che si chiama Zinedine, proprio come l’idolo di suo fratello, Zidane): Machach, centrocampista di qualità, 21 anni, lo scorso anno 10 presenze con la maglia del Marsiglia, quest’anno 4 apparizioni con il Tolosa, prima di rescindere il contratto. Il Napoli lo stava seguendo da diverso tempo e ha approfittato anche del suo carattere, (che lo ha portato ad essere licenziato dal Tolosa, a causa, a quanto pare di una testata all’allenatore delle giovanili della squadra francese reo di non averlo messo fra i rigoristi di una partita contro l’Ales) per poterlo prendere a zero. In realtà però Machach non sarà a disposizione di Sarri: sarà presumibilmente mandato in prestito per continuare il suo progetto di crescita. Gli obiettivi per la prima squadra del Napoli sono altri, soprattutto in difesa, come Darmian, anche se Sarri ha già dichiarato che aspetta Ghoulam e Milik dal mercato...
Si muove anche il Benevento che prende un altro giocatore. Dopo Guillerme ecco Jean Claude Billong, difensore centrale del Maribor per una cifra intorno ai due milioni di euro. Nonostante una classifica difficilissima il Benevento non vuole darsi per sconfitto.
In B continuano a ballare un po’ di panchine. Passata la burrasca a Pescara, il maltempo si sposta su Terni: molto importante se non decisiva la partita contro la Pro Vercelli per Pochesci. Tenetevi forte, abbiamo appena iniziato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->