HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Juve e Roma, la forza della rosa, Napoli un altro colpo, i gioielli del Torino e i malesseri in casa Milan...

21.12.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 17600 volte
© foto di Federico De Luca

Il fermento, inutile nasconderlo, neanche troppo nascosto. È tornato Dybala. Funziona da punta centrale, funziona da rifinitore. La cura di Allegri, come sperava per primo l’allenatore bianconero, funziona. Ma sinceramente in pochi avevano dubbi, i primi che non ne avevano neanche uno erano i compagni di squadra che lo hanno sempre difeso dalle critiche. Ora la Juve oltre Dybala si può godere un Higuain affamato, un Bernardeschi in grande spolvero e un Douglas Costa più “cattivo” che mai. E come se non bastasse la settima partita consecutiva senza subire reti. Dovessimo giudicare Juve Roma dalla coppa Italia ci sarebbero già delle indicazioni importanti. Ma, la difesa della Roma non sarà la stessa che contro il Torino, e anche a Roma si è rivisto al gol Schick, si preannunciano scintille. Sarà la partita dei due allenatori che hanno fatto della rosa allargata la loro forza stagionale. Ora obiettivamente hanno l’imbarazzo della scelta perché sono stati entrambi bravi (seppur con dosi di qualità tecnica a disposizione diversa) a utilizzare tutti e a renderli tutti indispensabili. Non sappiamo ad oggi se ci sarà spazio per la presunta voglia di rivincita di Schick, o se Dybala ha talmente convinto Allegri da essere riproposto. Ma di sicuro Juve e Roma in questi prossimi giorni non penseranno al mercato: la partita non sarà decisiva, ma importante sì.
Dalla coppa Italia abbiamo continuato a conoscere un altro personaggio che immaginiamo a questo punto possa recitare un ruolo sempre più importante nel Torino e perché non nel calcio italiano in generale: Edera. Esordio in A, contro la Roma nel 2016. L’anno prima, contribui in maniera decisiva a far vincere al Toro il campionato Primavera, segnando il rigore decisivo contro la Lazio di Inzaghi. Sempre contro Inzaghi e sempre all’Olimpico ha segnato 10 giorni fa il suo primo gol in A, si è ripetuto contro la Roma segnando (sempre all’Olimpico) il gol che ha permesso al Torino di qualificarsi. Che abbia la Capitale nel destino mi pare piuttosto evidente, come sono evidenti le sue qualità. E così il Toro continua ad allevare talenti. In attesa di quelli che sono già esplosi e che proseguiranno nella scia che ha reso il lavoro di Cairo e Petrachi eccezionale: da Ogbonna (senza voler per forza voler arrivare fino a Rosina...) nel 13/14 alla Juve per 15 milioni, l’anno successivo fu il turno di Immobile al Borussia Dortmund e Cerci all’Ateltico Madrid (32 milioni), poi Darmian al Manchester (18). Nel 16/17 Glik al Monaco e Bruno Peres alla Roma (più di 25 milioni in due) e Maksimovic al Napoli (qui 26 milioni fra prestito e obbligo di riscatto) fino ad arrivare a Zappacosta venduto al Chelsea per 25 milioni la scorsa estate. Un Toro che sa vendere bene, che sa soprattutto valorizzare bene, senza perdere competitività e continuando ad investire. Ecco, Edera potrebbe aggiungersi alla lista dei gioielli di Cairo. Insieme a Vadja Milinkovic Savic. Lo scorso turno di coppa Italia avevamo imparato che sapeva tirare bene le punizioni, stavolta abbiamo capito che sa anche parare (pure i rigori).
Non ha avuto le stesse serate trionfali Bonucci nel Milan. Anzi. Era lui il simbolo di questo nuovo corso. Il grande entusiasmo di quest’estate ormai sembra un ricordo lontanissimo e da quello che abbiamo capito in giornata un po’ di malessere ce l’ha anche lo stesso Leo. Ci mancherebbe pure che non lo avesse, sarebbe decisamente strano il contrario. Ma un conto è essere insoddisfatti, un conto avere il mal di pancia per cambiare aria. La smentita arriva secca da entrambe le parti: lato società e lato giocatore. A questi aggiungiamo noi una considerazione meramente economica. Bonucci è stato pagato dal Milan 42 milioni e guadagna circa 8 milioni di euro all’anno. Questi sono i contorni dell’operazione di quest’estate: non sono proprio molte le squadre che potrebbero permettersene una del genere...
Dopo Ciciretti il Napoli ha preso un altro giocatore, sempre a parametro zero. Non è un nome noto (oddio il nome proprio evoca grandissimi campioni, visto che si chiama Zinedine, proprio come l’idolo di suo fratello, Zidane): Machach, centrocampista di qualità, 21 anni, lo scorso anno 10 presenze con la maglia del Marsiglia, quest’anno 4 apparizioni con il Tolosa, prima di rescindere il contratto. Il Napoli lo stava seguendo da diverso tempo e ha approfittato anche del suo carattere, (che lo ha portato ad essere licenziato dal Tolosa, a causa, a quanto pare di una testata all’allenatore delle giovanili della squadra francese reo di non averlo messo fra i rigoristi di una partita contro l’Ales) per poterlo prendere a zero. In realtà però Machach non sarà a disposizione di Sarri: sarà presumibilmente mandato in prestito per continuare il suo progetto di crescita. Gli obiettivi per la prima squadra del Napoli sono altri, soprattutto in difesa, come Darmian, anche se Sarri ha già dichiarato che aspetta Ghoulam e Milik dal mercato...
Si muove anche il Benevento che prende un altro giocatore. Dopo Guillerme ecco Jean Claude Billong, difensore centrale del Maribor per una cifra intorno ai due milioni di euro. Nonostante una classifica difficilissima il Benevento non vuole darsi per sconfitto.
In B continuano a ballare un po’ di panchine. Passata la burrasca a Pescara, il maltempo si sposta su Terni: molto importante se non decisiva la partita contro la Pro Vercelli per Pochesci. Tenetevi forte, abbiamo appena iniziato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy