VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco Nasri fra Ozil e Draxler. Allarme difesa, c'è Benatia. Il Milan tra Bee e Romagnoli. Notte viola

31.07.2015 07:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 113247 volte
© foto di Federico De Luca

In attesa del sì dello Schalke alla proposta della Juve per Draxler, lo staff di mercato bianconero ha cambiato rotta puntando decisamente sulla difesa. Gli infortuni contemporanei di Barzagli e di Chiellini hanno fatto suonare più di un campanello d'allarme. Purtroppo non sono i primi ko per i due giocatori e questa volta condizioneranno la Signora nella Supercoppa contro la Lazio.

Che fare per dare solidità e certezze al reparto anche per il futuro?

E' questa la grande domanda alla quale cercano di dare una risposta rapida Marotta e Paratici in accordo con Allegri. Intanto c'è il giovane Rugani che piace molto e l'allenatore lo ha ampiamente promosso in questi primi giorni di ritiro, Caceres sta recuperando da un lungo infortunio, ma non possono bastare.

Una soluzione di costo relativo potrebbe essere il ricorso a un difensore collaudato, italiano, quindi in grado di inserirsi subito. L'attenzione è caduta su Astori del Cagliari, vecchio pupillo di Allegri ai tempi del Cagliari, magari inserendolo nell'affare Donsah, un giovane che piace molto alla Juve. Però la tendenza delle ultime ore è quella di andare su un giocatore di più alto spessore internazionale, per fare un investimento vero per la difesa in grado di potenziare il reparto anche per i prossimi anni vista l'età media elevata e qui il discorso è tornato su un difensore che piace molto e la Juve non ha mai mollato. Parliamo di Benatia del Bayern che, fra l'altro, tornerebbe in Italia molto volentieri. I tedeschi hanno sparato molto alto alla prima richiesta di un mese fa (trenta milioni), ma visto che Benatia non è fra i titolarissimi, la Juventus ha deciso di fare un altro tentativo soprattutto per i buoni rapporti che ci sono fra i due club dopo la cessione di Vidal. L'idea sarebbe quella di inserire nella proposta il nome del giovane attaccante Coman che Guardiola segue da tempo e vorrebbe fortemente.

La Juventus ha sempre detto no alle precedenti richieste, anche i bianconeri giurano su un grande futuro di Coman, ma vista l'emergenza nel reparto arretrato potrebbe essere sacrificato per arrivare a un difensore in questo momento utilissimo. Ma la Juve guarda anche altre soluzioni con la consapevolezza di dover fare qualcosa in tempi brevi. Sempre per la difesa sarebbe stato ideale anche Alex Sandro che all'occorrenza oltre che l'esterno sa fare il centrale, il Porto non molla il cartellino per meno di 20 milioni di euro, ma la Juventus aspetta.

Nel frattempo è stato bloccato Siqueira dell'Atletico, c'è l'accordo a due milioni, ma la società bianconera ritiene troppo elevata la richiesta di 12 milioni per un giocatore di 29 anni. Un altro nome sul taccuino è Kurzawa del Monaco, ma la fase è di stallo assoluto.

Chi ha i giocatori sui quali ha puntato l'attenzione la Juve non li molla facilmente perché sa che la Signora ha grande disponibilità economica dopo la cessione di Vidal e gli introiti Champions.

Il discorso passa a Draxler che alla Juve verrebbe a piedi, ha già detto ok all'ingaggio proposto dai bianconeri, ma lo Schalke tiene duro sui 25-30 milioni iniziali. Tutte le altre formule proposte da Marotta per ora sono state bocciate. Il giocatore piace per la giovane età e l'ingaggio relativamente basso oltre che per le sue qualità tecniche, ma altri trequartisti restano nel mirino.

Ozil è qualcosa più di un'idea visto che l'Arsenal insiste per avere Llorente. Il tedesco guadagna molto, ha un ingaggio da Real Madrid e questo è l'ostacolo vero. Un'intesa con l'Arsenal si può trovare, difficile però che Ozil accetti di spalmarsi la retribuzione.

Lo stesso discorso va fatto per Nasri, un altro giocatore indicato da Allegri nella sua lista di gradimento. Dopo l'arrivo di Sterling al City per lui ci sarà meno spazio, il trasferimento in bianconero potrebbe essere possibile, ma l'ingaggio del giocatore ha spaventato i bianconeri. Frenata immediata, ma nome sul taccuino in attesa degli sviluppi del mercato che deve entrare nel vivo per molte delle big.

Discorso analogo per il centrocampo dove la pista Witsel è sempre più lontana dopo le sparate dello Zenit (100 milioni) e Gundogan vuol restare in Germania. Resta Rabiot del Psg che, fra l'altro, nei giorni scorsi ha litigato con Ibra e quindi una sua cessione è più che possibile.

Momento di stallo anche per il Milan che la squadra l'ha praticamente fatta. Per chi non l'avesse ancora capito, Romagnoli è rossonero da almeno un mese, basta aspettare gli incastri giusti della Roma (Dzeko?) per dare il grande annuncio. Con il ragazzo la difesa è sistemata, per il centrocampo anche il Milan è rimasto choccato dai 100 milioni chiesti per Witsel e resta in attesa dell'occasione giusta. Intanto mister Bee e la sua cordata stanno definendo il futuro del Milan con Berlusconi. Le firme non ci sono ancora, restano da limare parecchi dettagli, ma i 480 milioni promessi per il 48 per cento della società rossonera dovrebbero arrivare a breve per rilanciare il brand a livello internazionale. Avanti tutta.

L'Inter in attesa del transfer del City, si gode i primi giorni di Jovetic e sempre con il City spera di chiudere un altro colpo suggerito da Mancini, il terzino Clichy. L'alternativa sondata nelle ultime ore è quella di Criscito che vorrebbe tornare in Italia per giocarsi le carte per l'Europeo, ma è difficile convincere lo Zenit. L'Inter ci sta provando. Ma come per Perisic (c'è l'accordo) le trattative sono congelate perché Ausilio deve prima vendere diversi giocatori in esubero come Ambrosio, Nagatomo, Shaqiri e compagnia per non ritrovarsi con una rosa numericamente imbarazzante. Anche Melo è bloccato, ma la sua destinazione è ormai Milano con Nagatomo (quando accetterà) al Galatasaray.

A proposito di transfer non arriverà presto quello della Fiorentina per Salah. A Roma è andato in scena un acquisto surreale, quello di un giocatore vincolato a un'altra squadra con contratto depositato in Lega. I viola vogliono l'indennizzo per il mancato utilizzo per il prossimo anno dell'egiziano e un premio per la valorizzazione degli scorsi sei mesi: non meno di cinque milioni. Chi li paga? Il Chelsea o la Roma? La Fiorentina riprenderebbe volentieri Ljaijc in prestito per un anno, ma anche una soluzione cash non dispiace. Anche il prestito di Borriello potrebbe andar bene ai viola con ingaggio pagato dalla Roma. Non sarà facile. Più facile invece l'arrivo di Astori. Ieri sera c'è stato un incontro fra Pradè e Capozzucca andato avanti fino a tardi che dovrebbe aver partorito l'accordo nella notte: al Cagliari quattro milioni più bonus.

Fatto ieri sera anche l'accordo con l'Empoli per Hysay che a tutti gli effetti è un giocatore del Napoli. Sta prendendo forma la squadra di Sarri, è stato rilanciato anche il discorso Saponara e l'Empoli probabilmente scenderà dai 10 milioni sparati a inizio mercato, ma anche il Napoli deve prima vendere i vari Callejon (per ora bloccato da De Laurentiis), Zuniga e compagnia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.