VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ecco perché Pogba avrà il 10. Tensione dopo i quattro infortuni. Marotta insiste per Benatia e Goetze. Stop Draxler. Vazquez piace. Milan, oggi Romagnoli. Roma pazza di Dzeko. Inter, troppi no. Fiorentina, Borini e Kalinic in attacco

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
07.08.2015 07:47 di Enzo Bucchioni   articolo letto 140206 volte
© foto di Federico De Luca 2014

La maglia numero dieci, storica e dico poco, sulle spalle di Pogba annunciata in pompa magna dalla Juventus sui social network ha diversi significati. Il primo, quello più importante: il giocatore per quest'anno è definitivamente fuori dal mercato. Fino alle ultime dichiarazioni ufficiali del presidente Agnelli tutte le soluzioni erano ancora praticabili, soprattutto in presenza di offerte vicine ai cento milioni. Dopo la cessione di Vidal si è cercata per Pogba una soluzione vendo oggi il cartellino e tengo ancora un anno il giocatore, ma la trattativa con il Barcellona è sfumata con la sconfitta di Laporta per la presidenza del club catalano.

Oggi, visto che le offerte monstre non sono arrivate e la Juventus è in grande difficoltà per la rifondazione in atto e i numerosi infortuni, la società e l'allenatore hanno deciso di puntare tutto su Pogba, lo hanno investito di una grande responsabilità con la volontà di farlo diventare l'uomo-simbolo dei bianconeri.

Il discorso ha anche risvolti tecnici. Pogba non può fare il dieci classico, ha altre caratteristiche. Si esprime meglio partendo da dietro, andando negli spazi, non ha l'agilità e la capacità di saltare l'uomo nel breve, ma Allegri sta pensando di utilizzarlo come faceva con Boateng nel Milan e come in sostanza a volte ha fatto anche Vidal nella Juve. Un trequartista anomalo, in grado di partire da destra o da sinistra, tagliare per ricevere palla, fare spazio agli attaccanti e sfruttare il tiro micidiale. Insomma Pogba diventa un punto focale di una nuova Juve che, come ha detto Allegri ieri, ha bisogno di tempo per crescere e tornare ad essere una squadra vera. Tempo e giocatori.

I quattro infortuni muscolari (Chiellini, Barzagli, Morata e Khedira) hanno scatenato molte polemiche anche all'interno del gruppo che la Juve è riuscita a gestire con la solita maestria. I senatori non avrebbero gradito una preparazione troppo intensa, diversa da quella di Conte. Si spiega anche così il tweet di ieri di Allegri che ha chiesto tempo e pazienza ai tifosi.

Comunque la Juve deve tornare sul mercato per completare la trasformazione e se Pogba avrà il dieci, servono comunque un centrocampista, un uomo di fantasia e un difensore. Dato per scontato l'arrivo di Siqueira anche se l'Atletico fa resistenza sulle modalità del contratto, Marotta sta comunque lavorando su varie ipotesi anche dalla Cina.

La supercoppa ha rallentato le operazioni, ma il dg bianconero sta tornando pesantemente sul Bayern per sfruttare gli ottimi rapporti con il club tedesco dopo la cessione di Vidal. A convincerlo a chiamare Rummenigge è stato l'ennesimo sfogo anti-Guardiola di Goetze. Perché non provare a far cambiare aria al tedesco per un anno, per rilanciarlo sapendo che l'anno prossimo Guardiola se ne andrà? Ma l'idea di Marotta è di fare l'accoppiata Goetze-Benatia. Ci proverà fino all'ultimo. Come ultima è l'offerta allo Schalke per Draxler (15 milioni + 9 di bonus), prendere o lasciare, la Juve non andrà oltre. In attesa si tiene caldo il palermitano Vazquez che piaceva in coppia con Dybala e poi era stato abbandonato per la richiesta troppo alta di Zamparini. La pista torna buona. Come buoni sono sempre Witsel, Rabiot e Gundogan. Vedremo.

Di un grande centrocampista ha bisogno anche il Milan e Mihajlovic l'ha detto e ridetto a Galliani. Lo Zenit non molla per Witsel (neanche con la Juve), serve comunque un leader che sappia guidare la squadra.

Intanto Romagnoli dovrebbe essere annunciato oggi dopo che la Roma è riuscita ad eccitare la piazza con il doppio colpo Dzeko e Salah. L'ex centroavanti del City è il giocatore che serviva, ora dovrà essere dato un senso nuovo all'utilizzo di Totti, non più titolare fisso, ma Grande Vecchio utilizzabile nei momenti più importanti. Su Salah pende la vicenda con la Fiorentina, rischia sei mesi di squalifica, ma nei prossimi giorni Roma e Chelsea potrebbero fare una proposta tecnica ai viola per far ritirare la denuncia alla Fifa. Alla Fiorentina piacerebbe molto il prestito di un anno di Iturbe, un giocatore da rilanciare e dal ruolo simile a quello di Salah. Vedremo.

A proposito di Fiorentina, ieri passi in avanti per la coppia di attaccanti che la viola cercava. Un centroavanti di peso atletico, alter ego di Babacar, è stato individuato in Nikola Kalinic, 27 anni, croato, esperienze anche in Inghilterra, attualmente in forza alla rivelazione Dnipro.

Kalinic lo conosce e lo vuole fortemente Sousa, è valutato attorno ai sette milioni di euro. Passi in avanti decisivi anche per Fabio Borini, attaccante esterno inseguito da tempo. Nella trasferta londinese c'è stato un incontro tra Fiorentina e Liverpool, la fumata bianca è vicina anche perché il giocatore vuole fortemente l'Italia per provare a riconquistare la maglia azzurra per gli europei.

Momento di stasi e di riflessione invece, nel mercato dell'Inter. I troppi no dei sei-sette giocatori in uscita che potrebbero portare una cinquantina di milioni nelle casse nerazzurre, condizionano il momento. Mancini vuole un esterno e Perisic è congelato. Il Genoa offre Perotti che è più offensivo. Bloccata anche l'operazione Melo, il Galatasaray chiede tre milioni, l'Inter aspetta, ma i nomi sono questi e arriveranno. I botti prima di Ferragosto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.