VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve-Higuain, il campionato è già finito? De Laurentiis si salva con le clausole, Suning-Wu e i cinesi che conquistano Milan e Inter. Ma senza soldi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
24.07.2016 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 66559 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il precursore delle clausole fantasmagoriche, vent'anni fa, era stato Ronaldo. Non Cristiano, bensì il Fenomeno, con Moratti che aveva pagato 48 miliardi di lire per il più meraviglioso degli attaccanti moderni. Veloce, rapido, letale. Ronaldo a ventun anni era destinato a vincere tutto, se non fosse per Francia 1998, per quella scaletta che ci ricordiamo tutti. Una finale, a Saint Denis, da fantasma e la vittoria di Zinedine Zidane, divenuto Roy ancor più di Michel Platini. A diciotto anni da quelle immagini, in Francia si è giocato un altro grande torneo, Moratti non è più il presidente dell'Inter, di attaccanti brasiliani non ce ne sono più, diventando di fatto i nuovi portoghesi. C'è però l'argentino Higuain che, fino a tre anni fa, era considerato come l'alter ego di Benzema. Su quel livello, perché non arrivi al Real Madrid a caso, ma non tale da valere novantaquattro milioni di euro.

La Juventus, però, è differente da quell'Inter. Il Fenomeno faceva la differenza, saltava come birilli Nesta e Cannavaro, ma aveva dei compagni di squadra che, pur essendo forti, non erano a livello di una Juventus monumentale. Ronaldo faceva la differenza da solo, il Pipita ha siglato trentasei gol spaccando le partite ma senza mai mostrare quella superiorità che era propria del brasiliano, approdato dal Barcellona. Va detto, appunto, che la Juventus vince da cinque anni e continuerà a vincere nella prossima stagione. Oa tocca alle cessioni, perché il tesoretto è dato anche dagli Sturaro e dagli Zaza, un po' come ha fatto il Bayern Monaco con i Rode e i Gotze. Ecco, forse quest'ultimo poteva essere un grande acquisto per qualsiasi italiana, se Joao Mario vale quaranta milioni e André Gomes sessanta.

Aurelio De Laurentiis, in tutto questo, è molto bravo. Perché per la terza volta riesce a sfuggire all'ira dei napoletani trovando terreno fertile e una questione contrattuale. Non cedere Higuain dopo le parole del fratello non avrebbe avuto senso. Così come non aveva senso il mantenerlo in rosa con un'offerta da 94 milioni di euro. Come per Cavani e Lavezzi la risposta è quella "c'è una clausola" e va pagata. Altrimenti Higuain non si muove. Il core ngrato di Higuain parte dall'anno scorso, quando il Napoli era un work in progress, in costruzione, ma c'era già chi tuonava sui mancati acquisti. Di fatto il procuratore già sapeva di non poter lasciare i partenopei perché il campionato del Pipita, pur ottimo, non era stato così devastante come l'ultimo. Gioco fatto, dunque, dopo un inverno da miglior centravanti di sempre. Gli attaccanti vanno, gli attaccanti vengono, il Napoli potrà sostituire degnamente Higuain con i soldi recuperati. Il presidente è molto bravo ad amministrare, pur con pressioni e difficoltà, ma se fosse onesto intellettualmente eviterebbe certe sparate. Che sanno ancora di motorino ai calendari, dove quest'anno non c'era nessuno (come per Juventus e Roma).

C'è poi un sottobosco di azioni e di parole che coinvolgono le altre squadre. La Roma che appare ridimensionata - ma che in realtà ha calciatori in più che possono fare bene con Spalletti - la Lazio che è su una scialuppa e aspetta di essere salvata dopo il naufragio Bielsa, il Sassuolo che settimana prossima inizierà la propria stagione ancora con Berardi e Sansone, la Fiorentina che spende qualche milione ma che per ora appare sempre uguale a se stessa, con i casi Rossi e Gomez sempre in bilico. In tutto questo ci sono Inter e Milan a giocare a rimpiattino: i nerazzurri ne dicono una, ne pensano un'altra e ne fanno una terza, perché Ausilio spiega di essere "vigili ma a posto", Mancini ha i mal di pancia, Suning non ha ancora realmente portato grande sconvolgimento. Arrivati i due argentini Banega e Ansaldi, qualcosa almeno a centrocampo andrà fatto. Dipenderà molto dalla questione Icardi. Dall'altra parte del Naviglio il Milan non ride, di certo, perché è appeso sì a Bacca, ma anche alle speranze di chiudere un accordo che ha del tragicomico. Arriveranno i cinesi, ne siamo certi (?), ma da Bee a Wu il pensiero è sempre quello: perché ci impiegano così tanto? Berlusconi continua a cambiare idea oppure c'è qualcosa che non sappiamo che blocca la trattativa? Nelle serie minori ci sono ristoratori che passano per grandi imprenditori che possono salvare la squadra in bilico: il Milan sembra in saldo in Paolo Sarpi, sebbene sia una grossa boutique. La più costosa del nostro calcio, anche più di Higuain.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.