VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve-Higuain, il campionato è già finito? De Laurentiis si salva con le clausole, Suning-Wu e i cinesi che conquistano Milan e Inter. Ma senza soldi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
24.07.2016 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 66620 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il precursore delle clausole fantasmagoriche, vent'anni fa, era stato Ronaldo. Non Cristiano, bensì il Fenomeno, con Moratti che aveva pagato 48 miliardi di lire per il più meraviglioso degli attaccanti moderni. Veloce, rapido, letale. Ronaldo a ventun anni era destinato a vincere tutto, se non fosse per Francia 1998, per quella scaletta che ci ricordiamo tutti. Una finale, a Saint Denis, da fantasma e la vittoria di Zinedine Zidane, divenuto Roy ancor più di Michel Platini. A diciotto anni da quelle immagini, in Francia si è giocato un altro grande torneo, Moratti non è più il presidente dell'Inter, di attaccanti brasiliani non ce ne sono più, diventando di fatto i nuovi portoghesi. C'è però l'argentino Higuain che, fino a tre anni fa, era considerato come l'alter ego di Benzema. Su quel livello, perché non arrivi al Real Madrid a caso, ma non tale da valere novantaquattro milioni di euro.

La Juventus, però, è differente da quell'Inter. Il Fenomeno faceva la differenza, saltava come birilli Nesta e Cannavaro, ma aveva dei compagni di squadra che, pur essendo forti, non erano a livello di una Juventus monumentale. Ronaldo faceva la differenza da solo, il Pipita ha siglato trentasei gol spaccando le partite ma senza mai mostrare quella superiorità che era propria del brasiliano, approdato dal Barcellona. Va detto, appunto, che la Juventus vince da cinque anni e continuerà a vincere nella prossima stagione. Oa tocca alle cessioni, perché il tesoretto è dato anche dagli Sturaro e dagli Zaza, un po' come ha fatto il Bayern Monaco con i Rode e i Gotze. Ecco, forse quest'ultimo poteva essere un grande acquisto per qualsiasi italiana, se Joao Mario vale quaranta milioni e André Gomes sessanta.

Aurelio De Laurentiis, in tutto questo, è molto bravo. Perché per la terza volta riesce a sfuggire all'ira dei napoletani trovando terreno fertile e una questione contrattuale. Non cedere Higuain dopo le parole del fratello non avrebbe avuto senso. Così come non aveva senso il mantenerlo in rosa con un'offerta da 94 milioni di euro. Come per Cavani e Lavezzi la risposta è quella "c'è una clausola" e va pagata. Altrimenti Higuain non si muove. Il core ngrato di Higuain parte dall'anno scorso, quando il Napoli era un work in progress, in costruzione, ma c'era già chi tuonava sui mancati acquisti. Di fatto il procuratore già sapeva di non poter lasciare i partenopei perché il campionato del Pipita, pur ottimo, non era stato così devastante come l'ultimo. Gioco fatto, dunque, dopo un inverno da miglior centravanti di sempre. Gli attaccanti vanno, gli attaccanti vengono, il Napoli potrà sostituire degnamente Higuain con i soldi recuperati. Il presidente è molto bravo ad amministrare, pur con pressioni e difficoltà, ma se fosse onesto intellettualmente eviterebbe certe sparate. Che sanno ancora di motorino ai calendari, dove quest'anno non c'era nessuno (come per Juventus e Roma).

C'è poi un sottobosco di azioni e di parole che coinvolgono le altre squadre. La Roma che appare ridimensionata - ma che in realtà ha calciatori in più che possono fare bene con Spalletti - la Lazio che è su una scialuppa e aspetta di essere salvata dopo il naufragio Bielsa, il Sassuolo che settimana prossima inizierà la propria stagione ancora con Berardi e Sansone, la Fiorentina che spende qualche milione ma che per ora appare sempre uguale a se stessa, con i casi Rossi e Gomez sempre in bilico. In tutto questo ci sono Inter e Milan a giocare a rimpiattino: i nerazzurri ne dicono una, ne pensano un'altra e ne fanno una terza, perché Ausilio spiega di essere "vigili ma a posto", Mancini ha i mal di pancia, Suning non ha ancora realmente portato grande sconvolgimento. Arrivati i due argentini Banega e Ansaldi, qualcosa almeno a centrocampo andrà fatto. Dipenderà molto dalla questione Icardi. Dall'altra parte del Naviglio il Milan non ride, di certo, perché è appeso sì a Bacca, ma anche alle speranze di chiudere un accordo che ha del tragicomico. Arriveranno i cinesi, ne siamo certi (?), ma da Bee a Wu il pensiero è sempre quello: perché ci impiegano così tanto? Berlusconi continua a cambiare idea oppure c'è qualcosa che non sappiamo che blocca la trattativa? Nelle serie minori ci sono ristoratori che passano per grandi imprenditori che possono salvare la squadra in bilico: il Milan sembra in saldo in Paolo Sarpi, sebbene sia una grossa boutique. La più costosa del nostro calcio, anche più di Higuain.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.