HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavani
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti

06.11.2018 12:47 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 51018 volte
© foto di Federico De Luca

Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore, sto cercando una camera singola a Milano ma è come chiedere al Poggibonsi di vincere la Champions, mi dai una mano?”. Allora, la vogliamo trovare una camera per Portaccio qui a Milano o ci facciamo riconoscere? Il Portaccio non è uno che pretende il bilo al Bosco Verticale, si accontenta di una sistemazione decente, mi raccomando fatevi avanti e non chiedete cifre folli tipo 600 euro per una doppia con cesso in comune (scrivetegli ad aportaccio9@gmail.com).
E il Portaccio è sistemato.
Ora, veniamo al resto. Sono molto felice che stasera si giochi Inter-Barcellona perché da ben tre settimane mi chiedono biglietti per la partita. Ma io non ce li ho mica. Ma “loro” non ci credono. E ti chiamano: “Hai mica due biglietti?”. E tu: “No, mi spiace”. E loro, furbi: “Anche pagando…”. E tu: “Ma chi sei scusa?”. E loro: “Boga Sergio, facevamo le elementari insieme e tu mi dicevi che ero tuo amico per la pelle, flik e flok. Mi dai i biglietti?”. E tu vai giù diretto: “Senti Boga, non sono un bagarino e comunque mi stavi sullo stomaco già alle elementari”. E Boga a quel punto si inviperisce: “Non sei più quello di un tempo, vergognati” e, insomma, per una questione di biglietti si rovinano amicizie secolari tipo quella con Boga. Quanta amarezza.

Ma parliamo di cose serie. Il ritorno del Barcellona a Milano è momento assai importante. La città funziona che è una meraviglia e non ve lo dico solo perché ci vivo, ma perché è così per davvero: il traffico è “umano”, la gente si accoltella meno che altrove, al semaforo ci si manda affanculo ma circondati dai grattacieli, la qual cosa fa la differenza. Mancava solo il calcio, insomma, e in qualche maniera “il calcio” è tornato. L’Inter affronta il Barcellona e completa il primo passo di quel rinnovamento promesso dalla famiglia Zhang un paio d’anni fa (“torneremo grandi”). Ovvio, il cammino è appena iniziato, ma il dato di fatto è che stiamo parlando di un club in espansione, con uno stadio straripante e una rosa finalmente competitiva. Sia chiaro, qui si intende leccare il culo al tecnico chiamato Spalletti Luciano, del quale tutti ci dicevano “attenti voi a Milano! Quello è pazzo!” e, invece, al momento pare talmente lucido da essere riuscito ad attivare il meccanismo virtuoso tipico dei grandi club, ovvero quello del “abbiamo una rosa di 20 giocatori, sfruttiamoli tutti”. Spalletti sta facendo un gran lavoro, è ovviamente solo all’inizio, ma al momento la figura dei fessi e prevenuti è tutta nostra.
E veniamo alla seconda leccata. Ausilio Piero ha messo insieme un gruppo oliatissimo: non è solo una questione di giocatori forti, ma di “incastri” (economici e tecnici). Lo ha fatto in una condizione complicata, sotto regime di fairplay finanziario (per chi ci crede e lo rispetta) e ci è riuscito assai bene. Nel breve/medio periodo inizierà a lavorare con Marotta Beppe e anche in quel caso sarà una questione di incastri, in questo caso “mentali” e “logistici”. Ma quello è il futuro: il presente è Inter-Barcellona, partita che solo un anno fa avremo definito “ingiocabile” e oggi, invece, è difficile ma non impossibile.

Si è discusso parecchio del rigore non assegnato alla Juve nel match contro il Cagliari. Lo si può girare in tutti i modi, ma quello è un tocco di braccio da sanzionare con il penalty. Ovviamente non diventa un “caso” perché i pluri-campioni vincono a prescindere e, quindi, tutto finisce colpevolmente in cavalleria. Il fatto che il Var sia indispensabile è ormai cosa assodata e certificata da quasi tutti (il finale di Udinese-Milan ne è la prova), il problema è che il principio resta sbagliato. Per spiegarlo utilizzeremo la sciocca metafora da Casinò: alla roulette, dietro al croupier, c'è un tizio appollaiato che interviene solo in caso di errori o reclami e ha l'ultima parola sul croupier. Al Var, invece, chi dispone delle immagini deve comunque sottostare alle scelte dell'arbitro, a meno che non si tratti di “chiaro ed evidente errore”. Cioè: ha l’ultima parola il signor fischietto anche se combina una cazzata “fino al 99,99%”. Secondo noi sono più svegli nei casinò.

E il Milan. Dopo la vittoria con la Samp, quella con il Genoa e quella con l’Udinese, arriva la bomba: “Wenger sarà il nuovo tecnico del Milan”. Lo scrive France Football ed entra pure nei dettagli: “Paul e Gordon Singer hanno deciso: Wenger sarà il nuovo allenatore del Milan ed avrà anche ruoli manageriali (mercato). Ancora non è chiaro quando avverrebbe l'avvicendamento con Gattuso”. E torniamo all’annoso problema che insegue i rossoneri da troppi anni a questa parte: l’unità d’intenti. Puoi vincere anche tutte le partite del mondo, ma se all’interno di un gruppo uno va da una parte e quell’altro ti sorride ma invece va dall’altra, allora non riuscirai a combinare niente di buono. I casi sono due: o in Francia hanno scritto una boiata e allora gli va elegantemente detto (“avete scritto una boiata!”) oppure così non è, e allora bisogna iniziare a dire la verità. Il bene del Milan non passa dalla guerra fredda e intestina, la storia recente è la prova più evidente.

Saluti e baci, ci congediamo con un caloroso in bocca al lupo riservato al Napoli di Ancelotti, chiamato alla sfida contro i petrol-furbetti del Psg: siamo con voi, oggi più che mai (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco perché la Juventus è la più forte di tutte. Quasi meglio perdere con il Dortmund per l’Inter… Napoli, ora di crescere. L’errore delle dirigenza Milan: perché insistere con la Champions?! 23.10 - Come contro l’Inter, più che contro l’Inter: la partita contro la Lokomotiv afferma per gli stessi motivi visti a San Siro perché la Juventus sia la più forte di tutte - sicuramente in Italia, e tra le migliori tre in Europa. Ovvio, i match contro i nerazzurri e contro i moscoviti...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510