HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: il Chievo come esempio. Inter: il futuro di Nainggolan e la scelta di Marotta. Milan: Higuain via? Attenzione! Boxing Day: i soliti capricci all'italiana. E sul pranzo di Natale...

25.12.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 41226 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ué. Ciao. È Natale. Oggi si mangia molto. Domani ci sono gli avanzi. E le partite. Ma oggi no, ci sono i parenti. Vi scrivo in pieno cenone, dal cellulare. Qui abbiamo appena finito gli antipasti.
Degli antipasti di Natale apprezzo tutto: la straordinaria insalata russa, le acciughe, i panettoni salati a strati, il cocktail di gamberi, le olivone, tutto. Ma i nervetti no. Che cazzo sono i nervetti? Perché la gente li compra? Nessuno mangia i nervetti, eppure son sempre sul tavolo. Ho provato a darne uno al gatto di mia zia. Mi ha guardato come per dire "sono un gatto, ma non è che sono stronzo, mangiateli tu i nervetti. Io voglio le acciughe". Ma quelle le aveva finite lo zio Franco, gran patito di sottoli.
Sto osservando l'angolo dei regali omaggiati dai parenti ai padroni di casa. C'è una bottiglia di champagne quantomeno sospetta portata dal cugino di secondo grado Carlo. La marca è nota (Moesciandon), l'etichetta leggermente rovinata in un angolo. Ricorda molto la bottiglia di Moesciandon da me portata l'altro ieri alla bicchierata natalizia organizzata dallo stesso cugino Carlo. L'ho preso da parte: "Carlé, dimmi la verità, hai fatto il riciclone...". Si è indignato ("ma no! Come ti permetti di pensare una cosa del genere!"), ma è chiaro che sta mentendo. Del resto anche io avevo riciclato la stessa bottiglia qualche giorno fa. Me l'aveva regalata lo zio Claudio. E infatti lo zio Claudio mi sta guardando da qualche minuto come per dire "Ti ho beccato, stronzo". Mi fissa. Per dissimulare ho improvvisato: "Che gran bontà questi antipasti! Per buttarli giù ci vorrebbe un sorso di Moesciandon come quello che abbiamo bevuto l'altra sera da me!". Ma non ha abboccato nessuno. Leggenda vuole che questa bottiglia di Moesciandon giri nelle case di noi parenti da 7 o 8 anni. Non la beve nessuno. La rifilano tutti come la Pepatencia.
Ora vi devo salutare perché arrivano i primi: bis di lasagne rosse e verdi. Da un paio d'anni ci sono le lasagne verdi perché mezza famiglia è diventata veget-vegan-salutist-celiaca. Tipo la zia Clara. La Clara ha detto "Io posso mangiare solo il miglio e l'arrosto di camut: sono intollerante". Nonna Albina, donna senza mezze misure, le ha risposto così: "Clara, sfiori il quintale e fino a due anni fa chiedevi la mestolata di ragù supplementare: non sei intollerante, sei rincoglionita". È partito un mezzo applauso.

Bene, un po' di temi assai caldi in questi giorni e andiamo a chiudere.

Il boxing day all'italiana.

Per anni abbiamo detto "perché non facciamo come gli inglesi che giocano anche il 26! Vergogna!", ora prende corpo il partito di quelli assolutamente contrari: "Le partite a Santo Stefano! Che vergogna!". Siam mai contenti. Sentite ammé: piuttosto che il pranzo degli avanzi, meglio andare allo stadio.

Gattuso e Higuain.

Rompono le balle a Gattuso, dicono "è colpa sua", non si rendono conto di quello che sta facendo con una rosa con troppi problemi che può arrivare al quarto posto solo se tutto fila per il verso giusto e se la proprietà provvederà a portare a Milano almeno un paio di rinforzi. Lo scambio Higuain-Morata? Difficile, e comunque buono solo per il Chelsea. Un club come il Milan non lascia andar via un attaccante forte come il Pipita, ma trova il modo per risvegliarlo. Oh, è il Diavolo, mica il Pizzighettone (con tutto il rispetto).

La Juve.

Per spiegare quello che stanno facendo i bianconeri tocca utilizzare "l'esempio Chievo". La squadra di Allegri batte i veneti a inizio stagione e nei minuti finali. La Roma pareggia, il Napoli pareggia, l'Inter pareggia. Totale: non solo i bianconeri sono i più forti, ma anche i più "affamati" nonostante 7 anni di vittorie consecutive. Il merito? Del club, ovvio, ma soprattutto di Allegri, maestro nel trovare sempre la chiave giusta per trovare motivazioni e tradurle in "fatti".

Nainggolan, Spalletti, Marotta.

Nainggolan è stato sospeso. Se prima era una questione di preparazioni saltate, infortuni, rogne professionali di vario genere, ora è solo un problema di regole non rispettate e, quindi, tanti saluti alla pazienza e alle buone maniere.
L'Inter mette in castigo il Ninja, lo fa per una faccenda di ritardi reiterati e perché da qualche tempo ad Appiano è arrivato il Sergente Marotta, uomo che insieme ad Ausilio protegge il suo patrimonio e, quindi, all'occorrenza tira anche doverose mazzate. La cosa, tra l'altro, accade nella massima trasparenza: succede il fatto, si radunano tecnico e dirigenti, si comunica la decisione all'interessato e - via sito ufficiale - al mondo intero. Come dire: questo è un posto serio, qui si rispettano le regole, chi non lo fa ne paga le conseguenze.
Capiamoci: Nainggolan è stato lungamente coccolato da tanti (anche dal qui scrivente, la qual cosa conta nulla, ma fa mucchio) perché veniva attaccato sul diritto di fare quel che vuole nel suo tempo libero. Questa volta, però, si tratta di altro, di rispetto nei confronti dei compagni, del club, dei tifosi, di tutti. E infatti, il ragazzo, "paga".
La linea Marotta è ufficialmente inaugurata e certamente contempla punizioni, ma anche predisposizione al perdono, ché qui nessuno è Tafazzi e giocatori come il belga vanno recuperati, mica abbandonati. Tutto è nelle mani (e nella testa) del 30enne birichino: accettare la ramanzina e tornare ad essere quello che quando è in forma spacca le vertebre agli avversari, oppure mettersi di traverso e passare alla storia come "il tizio che a Milano fallì miseramente"?
In casa Inter tutti sperano nell'ipotesi A, ovvio, ci spera soprattutto Spalletti che per cotanto centrocampista si è speso e, ora, rischia di vestire i panni di quello che "ha costretto il club a rinunciare a Zaniolo per puntare tutto su Gianburrasca". Ecco, questo difficilmente verrebbe perdonato dai vertici nerazzurri.
Il tempo per rimediare c'è; quello delle marachelle, invece, è ufficialmente terminato.

Fine. Essendo questo un articolo "di servizio" mi preme lasciarvi con un mini-elenco di 5 materie sulle quali dovete essere preparati e che oggi verranno certamente trattate nei migliori e peggiori pranzi natalizi. Non fatevi trovare impreparati.

1) Di Maio e Salvini: la vita, le opere.
2) Nainggolan: i ritardi, le malefatte, l'aneddoto ("conosco uno, che conosce una, che è amica di un amico di Nainggolan e sa con certezza che al mattino non beve il cappuccio come gli umani, ma puccia i biscotti nell'Amarone").
3) I talent show: storia di Masterchef, i vincitori di X Factor, le principali polemiche del Grande Fratello. Le basi, insomma.
4) Fedez e la Ferragni: perché sì, perché no.
5) Infine, ecco una serie di frasi a caso e molto retoriche che vanno sempre bene per scaldare i pranzi nei momenti di stanca: "Stanno rovinando l'Italia!", "siamo come la Grecia!", "Gemma Galgani comunque bella donna", "porca troia i terrapiattisti...", "i gratta e vinci dell'Esselunga sono truccati!", "Oh, cioè, siamo in mano a Toninelli!", "Signori, evviva Piero Angela!".

E buon Natale senza nervetti (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti 25.03 - Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510