VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juve: il regalo che arriva da lontano. Inter senza scuse: Oriali, Pioli e i passi già scritti (anche sul mercato). Milan: 2 battaglie in corso e una terza contro Raiola (occhio alla mossa). Napoli: appello a De Laurentiis. E su Inzaghi…

02.05.2017 07:05 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 45345 volte
© foto di Alessio Alaimo

Primo maggio, festa dei lavoratori ma non dei ristoratori.
Cose che pensavo di riuscire a gestire e che invece, per vostra fortuna, mi impediscono di scrivere le consuete boiate.

Antipasto mari & monti.
Mari: insalata di polpo tiepida, pescetti, cozze di Naviglio pavese, frittura modello “paraflu”.
Monti: salame, salame di cervo, altro salame, salame di salame, affettati al sale, insalatina con tracce di salame, insalata di salame.
Sottaceti delle valli, sottolii, insalata russa, capricciosa, bruschetta con il suo pomodoro, sottopomodoro, sotto un treno.

Tris di primi
Pansotti con dentro qualcosa (credo salame), risotto pere e zola, maltagliati mal digeriti.

Secondi
Salami cotti. Patate novelle e fritte. Sughi di carne con della carne.

Sorbetto al fico “per sgrassare”.

Bis di “tris di primi” avanzati da gente con poco spirito conviviale.

Assaggio di formaggi con marmellate rare.

Dolci
Gelatino, croccante su gelatino, crostata della casa, salame (di cioccolato).

Caffè. Altro caffè. Scarica di amari “tra gli altri ce n’è uno che distilliamo noi secondo la ricetta dei monaci di Stocauser”.

Stato di morte apparente al tavolo.

“Tu come stai?”. “Male. Tu?”. “Malissimo. Ma anche in queste condizioni al posto di Nagatomo avrei fatto di meglio”.

Doppio oki bustine.
“Vuole la doggy bag?”. “Oste ti ammazzo”.
Fine.

Tanti saluti al primo maggio.

QUI INTER
Partiamo da un paio di presupposti.
Il primo: le sconfitte non possono essere definite “buone”. Le sconfitte sono sconfitte e fanno male, in particolare se ti chiami Inter e hai scritto pagine gloriose nella storia del calcio.
Il secondo: non esistono bicchieri mezzi vuoti o mezzi pieni, esistono disastri o progetti vincenti.
L’Inter 2016/17 è un semi-disastro e la sconfitta di domenica fa male perché per una volta è parsa “normale”, quasi indolore, logica conseguenza delle cose.
Uniformarsi alla mediocrità non è accettabile, così come sarebbe sbagliato pensare che, in fondo, tutto è sopportabile perché “tanto i tempi migliori arriveranno”.
Signori, qui si scopre l’acqua calda: la mediocrità non è mai normale.
Ribadiamo: non ci sono “buone sconfitte”, al limite partite perse che offrono appigli per sperare in una rinascita. Quella con il Napoli ne regala davvero pochi, perché contro Sarri puoi perdere eccome, ci mancherebbe, ma non uscire con la faccia del cane bastonato. E tutti avevano la suddetta faccia.

Pioli è il volto di questa Inter che ancora una volta viaggia sull’altalena: sequenze di vittorie, obiettivi che sembrano improvvisamente tornare alla portata, crolli. Nel post triplete il giro sulla giostra l’hanno fatto molti tecnici, poi puntualmente silurati. Lo stesso destino rischia di toccare all’allenatore emiliano, attaccato alla qualificazione all’Europa League come un elefante al filo di ragnatela. Non è il principale responsabile del “disastro di primavera” (quello arriva da lontano, da una stagione nata male e proseguita anche peggio), ma essendo nient’affatto scemo sa bene di essere molto più che in discussione.

Il 7-1 con l’Atalanta aveva portato con sé cori di ammirazione e complimenti, in quei giorni molti parlavano di “rinnovo giusto” per un tecnico “italiano, valido, capace”. Pioli ben sapeva che quel risultato e i precedenti sarebbero serviti a poco se non si fossero sposati con un finale di stagione all’altezza delle aspettative.
E allora siamo qui, con una speranza di qualificazione all’Europa League che scalda il cuore a pochissimi, forse neppure a gran parte della rosa nerazzurra. Si cerca di dare un senso a questa volata assai poco allettante e devastata da voci e balle galattiche che si rincorrono giorno dopo giorno: “Io so chi sarà il prossimo tecnico dell’Inter!”. Tutti “lo sanno” e in realtà tutti – compreso il sottoscritto – possono solo azzardare. Ci si attacca ai nomi: Conte, Simeone, Sarri, Spalletti e molti altri ancora, ché tanto prima o poi qualcuno arriverà.
Certezze? Poche, anzi una: Oriali tornerà alla casa-madre. È forte la sua voglia di rendersi utile, fortissimo il suo entusiasmo, molto simile a quello di chi ha deciso di riportarlo all’Inter per ridare ordine a una “filiera dirigenziale” incompleta.
Il pranzo di Monza tra Ausilio e il mediano più famoso che c’è è confluito in un accordo di massima che solo Tavecchio potrebbe far saltare. Non accadrà, perché il presidente federale tiene alla sua Nazionale ma ancor di più capisce le situazioni: impedire ad Oriali di ricongiungersi col nerazzurro non avrebbe senso.
E il mercato? La sequenza di obiettivi è nota: un centrale difensivo, un esterno basso, un attaccante che possa supportare Icardi, un centrocampista dai piedi buoni. L’offerta per Manolas è partita, l’interesse per Bernardeschi manifestato sottotraccia, quello per Schick anche (ma per il ceco c’è la folla). Anche in questo caso però siamo lontani dalle certezze, mentre è noto che prima di poter acquistare, i nerazzurri dovranno sistemare la “faccenda-Uefa”, ovvero rimediare 30 milioni il prima possibile. Le eventuali cessioni di Jovetic e Ranocchia potrebbero bastare, ma il condizionale in questo caso è d’obbligo.
Infine la seconda (e ultima) certezza. I “futuri nerazzurri” verranno ovviamente scelti e valutati per le qualità dei loro piedi, ma anche e soprattutto per quella delle loro teste: li chiamano “uomini” e vengono prima dei “calciatori”.

QUI MILAN
Il pareggio di Crotone ha aperto la tipica voragine nella diga. Montella è improvvisamente tornato un “mediocre” uno che “tutti gli anni parte bene e finisce male”, un allenatore da 4 soldi.
Le solite esagerazioni che prevalgono sul buonsenso. Il Milan è una squadra con tanti, troppi difetti. Non lo dice il sottoscritto, ma tutti gli esperti. Che poi, a guardar bene, gli stessi che oggi affermano “che schifezza di squadra” ad agosto posizionavano i rossoneri tra il quarto e il settimo posto. All’epoca, tra l’altro, si ragionava sulla rosa al completo. Oggi – tra un infortunio e una cessione – quella squadra non c’è più e ha lasciato il posto ad un’altra che arranca in campo e deve fare i conti con le voci che arrivano “da chi ne sa”.
Ci si concentra sui giocatori che “presto arriveranno”, si fanno i paragoni con gli attuali, ci si dimentica dei miracoli di dicembre e qualcuno addirittura ha già iniziato a spararla grossa (“da quando sono arrivati i cinesi la squadra ha messo insieme solo due punti, mah…”).
La verità è che il Milan da qui a fine stagione combatterà due battaglie parallele: quella in campo per l’Europa League (che, come in casa nerazzurra, interessa poco alle masse), quella fuori dal campo per riuscire a mettere insieme una rosa che possa ambire ai primi 4 posti a partire dalla prossima stagione.
Anche in questo caso le voci di mercato affogano nel mare magnum del “vale tutto”: Dzeko, Aubameyang, Musacchio, Fabregas, Pellegrini, Keità, ma anche Kovacic e – da ultimo – Kessié, sono solo alcuni dei giocatori accostati ai rossoneri nelle ultime settimane. È noto anche a mia nonna (che notoriamente di calcio capisce un cazzo come suo nipote) che sarà già molto se arriverà uno fra questi, ma in mezzo a molti dubbi la cosa certa è che Mirabelli ha avuto mandato di trattare profili di buon livello (molti dei quali ancora “nascosti”). La questione di “come li pagherà” e già stata spiegata a più riprese (budget da 50/70 milioni e rateizzazioni). La situazione fa ridere molti tra gli scettici, impegnati più a fare domande che a dare risposte, puntano sulla “tragedia imminente” e vai a capire che gusto ci provano.
Trattasi in ogni caso dei consueti e inutili “bisticci mediatici” che vengono in secondo piano rispetto alla prima, vera questione rossonera legata al futuro di Donnarumma.
Il rinnovo/non rinnovo del portiere non è “già un caso” come molti vorrebbero far credere, o meglio, non lo è più di quanto si potesse prevedere. Il “metodo Raiola” è tattica utilizzata da un decennio per giocatori anche meno forti e con contratti più a lungo termine rispetto a quello del portiere rossonero, figuratevi quindi se non era prevedibile che si arrivasse alla “scaramuccia mediatica” alla quale abbiamo assistito nei giorni scorsi e che certamente continuerà nelle prossime settimane. Il punto non è “che vergogna, indigniamoci tutti!”: sarebbe ingenuo. Il Milan, semmai, deve capire a che tavolo vuole sedersi: scontro frontale o trattativa sanguinosa? La logica vuole che alla fine un accordo si troverà: prolungamento del contratto e clausola sulla (eventuale) futura vendita a beneficio di Minone. C’è da turarsi il naso? Sì, soprattutto se si pensa a quello che ha fatto Belotti (rinnovo a cifre umane e clausola da 100 milioni) per il “suo” Torino. Sono scelte…

QUI JUVE
Domani è il grande giorno, l'inizio di una settimana storica. Se la Roma fosse stata davvero una reale concorrente per lo scudetto, il derby con il Torino avrebbe fatto paura. E invece niente: a scudetto ormai acquisito la Signora può riflettere sul match con l'Atalanta per correggere tutti i difettucci mostrati contro una squadra giovane e veloce. La prova generale ha detto che è la Juve è psicologicamente pronta e che, comunque vada, quest’anno potrà essere orgogliosa di se stessa. La società l’estate scorsa ha costruito una squadra che potesse arrivare in fondo a tutto e ci è riuscita. Non capita quasi mai di dire “vogliamo fare questo” e di mantenere la parola. Per il passo ulteriore, come in tutte le cose della vita, servirà anche un po’ di culo, ma quello non si compra al mercato.

QUI NAPOLI
Se la partita di San Siro contro l'Inter ha dimostrato i limiti dei nerazzurri, ha incoronato anche il capolavoro del Napoli. Quella squadra che nel girone di ritorno ha vinto tutti gli scontri diretti “alla portata”, ha trovato in Insigne un campione maturo e in Mertens un leader anche quando non segna raffiche di gol (il rinnovo è un obbligo). Il merito? Sempre di Maurizio Sarri, ora a un bivio: o viene aiutato da Aurelio De Laurentiis a ritoccare la squadra per ambire allo scudetto, oppure presto o tardi verrà attirato da piazze con più ambizione. Il presidentissimo rifletta bene su quello che vuole fare e per una volta faccia un passo verso il suo tecnico, avrà solo da guadagnarci (in tutti i sensi).

Saluti a tutti, chiudiamo in fretta che si fa tardi. Solo una doverosa postilla: onore a Simone Inzaghi, tecnico che non si lagna, che non pretende, che è cresciuto facendo gol “ma suo fratello di più”, che non doveva stare sulla panchina della Lazio, che in silenzio ha costruito un gioiellino, che ha aumentato uno per uno il valore di tutti i componenti della sua rosa. Un piccolo, enorme, capolavoro. (Twitter: @FBiasin @ilsensodelgol Mail: ilsensodelgol@gmail.com)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon non può chiudere così, deve chiedere scusa. Collina e gli arbitri inadeguati. Il Var in Champions. Juve fantastica senza Dybala si è buttata via all’andata 13.04 - Dalla notte di Madrid in poi ne abbiamo viste e sentite di cotte e di crude, tanto per usare una vecchia espressione degli anni cinquanta che forse oggi è cara soltanto a Masterchef. IL RIGORE – Vista e rivista l’azione, anche a mente fredda, 24 ore dopo, sinceramente non so se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Le lezioni di Juve e Roma: a tutti. Sarri e il suo sogno e i prestiti “vietati” 12.04 - È una beffa. Forse la peggiore. Un rigore, di cui discuteremo anche a lungo, nel tempo di recupero, con addirittura l’espulsione di Buffon, raramente visto così arrabbiato. La Juventus stava raddoppiando l’impresa della Roma, e sarebbe stato duro dover scegliere quale sarebbe stato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La rifondazione della Juventus: è davvero possibile? E dove? Ecco quello di cui ha bisogno per crescere. Ma servono molti soldi, sicuri che questo non sia il massimo in Europa? 11.04 - Si fa presto a dire rivoluzione juventina. Le macerie (solo europee, va detto) lasciate dagli attacchi aerei di Cristiano Ronaldo hanno stappato le discussioni sulla rifondazione a Vinovo. Gente che va, gente che viene, progetti che cambiano. Ora, francamente sembra altamente impraticabile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.