HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Inter e altri deliri: ecco che fine fanno Allegri e Icardi (e c’è un altro nome caldo per i nerazzurri). Milan: il futuro di Mirabelli e "i 3 rifinanziamenti". Più appoggi concreti e meno politica: così si aiuta il Napoli

01.05.2018 18:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 67023 volte
© foto di Federico De Luca

Eccoci. Una volta c’era il Colosseo. Al Colosseo andavi, urlavi “a morte questo, a morte quello”, quindi tornavi a casa bello sereno e mangiavi l’abbacchio o l’uva. Poi il Colosseo è andato fuori moda. Per 2000 anni la gente è stata costretta a sfogarsi a casa sua o al bar, diceva troiate e cattiverie assortite, minacciava di morte anche il prevosto ma con la sicurezza che solo i parenti stretti “avrebbero saputo” e detto cose tipo “ma sei scemo?”. Oggi è tornato il Colosseo, virtuale, ma pur sempre Colosseo: la gente naviga e dice le sue puttanate, si sfoga, chiede la testa di questo o quell’altro, litiga con sconosciuti, dice “tua mamma maiala”, altro.
La storia del Colosseo devo averla già scritta - probabilmente mi sto rincoglionendo – ma è significativa per mettere in risalto quello che sta accadendo a tre giorni da Inter-Juve, partita tesa. Dalle 22.45 di sabato c’è in giro di tutto, soprattutto del sano “odio reciproco” motivato da una direzione arbitrale che in maniera elegante potremmo definire “sballata”. Il proliferare di cattiverie social non è giustificato dalla direzione mediocre del sciur Orsato, né ha ragione di esistere l’odio barbaro di chi vorrebbe fare la pelle a Santon Davide, terzino scellerato, ma tant’è: siamo nell’epoca del moderno Colosseo e ci tocca vedere e leggere qualunque nefandezza, purché carica di bestemmioni da competizione o ipotesi di complotto. A nessuno in definitiva frega della partita in sé, del fatto che sia stata assai bella, coinvolgente, carica di emozioni. Nessuno celebrerà un’Inter che in 10 ha fatto meraviglie, ma tutti si ricorderanno che “il fratello, anzi no, il cugino, anzi no il fratello del cugino di Orsato è juventino”; oppure di Tagliavento che dice “nel recupero la vinciamo”, anzi no, “quanto recupero facciamo”, anzi no, “ho ucciso io Laura Palmer”; oppure del sindaco De Magistris che deve aver pensato “posso ricavare del consenso da questa situazione? Si? E allora sotto con il post acchiappa-consensi”. Insomma, la teoria del complotto è in definitiva più importante dell’Inter che gioca una gran partita e questo perché – giustamente – il risultato cambia le prospettive e la moderna comunicazione le amplifica.
E veniamo al punto. L’arbitro Daniele Orsato esce dal prato di San Siro e viene massacrato dagli insulti non tanto a causa dall’espulsione di Vecino (giusta, anche se arrivata “solo” con il Var), né per il risultato del match del Meazza (i tifosi nerazzurri lo avrebbero ritenuto pessimo anche in caso di successo), quanto semmai per l’intera gestione di Inter-Juve 2-3. Una partita con 80mila spettatori sugli spalti, milioni in tv e con in palio parecchi quattrini (quelli della qualificazione alla prossima Champions) e “titoli” (lo scudetto) non doveva essere diretta da chi dal primo secondo del match ha deciso di mettere se stesso davanti ai giocatori, neanche fosse “Vasco Rossi in tour”.
Orsato è un arbitro “capace” con il problema del cattivo carattere, la scarsa volontà di dialogare, la clamorosa tendenza a ricercare i riflettori in nome del “decido io che sono il sciur padrun della partita”. Tutto questo va contro la regola non scritta che individua nell’arbitro perfetto quello che “non si vede”. Gli errori tecnici ai danni dell’Inter ma anche della Juventus, la scelta di punire alcune entrate ma non altre molto simili e, in generale, l’incapacità di gestire una partita così importante, faranno passare alla storia Inter-Juve 2-3 non per la bella partita che in effetti è stata, ma per le infinite polemiche che si porta dietro.
Morale della favola: gli arbitri non sono delle rockstar, se pensano di non poter accettare questa triste condizione di uomini fischiettanti, ci facciano un piacere: scelgano passatempi alternativi.
Il resto è un contorno di effetti collaterali da “delirio social” e pissi-pissi da quinta elementare. Fateci caso: l’Inter nel post-gara, tramite la voce di Zhang Junior, dice “non parleremo di arbitri, andiamo avanti per la nostra strada”, salvo poi lasciare all’ad Antonello l’incombenza di una replica (“siamo arrabbiatissimi”) per compiacere i tanti che pretendevano una presa di posizione. La Juve finge di fregarsene di tutto e tutti, ma prima lascia che vengano mostrate le foto del piede ferito di Mandzukic, poi sembra scomparire del tutto, se non fosse che a un bel punto tu, utente, vai sui siti sportivi e tutti riportano il pezzo “rabbia Juve: ecco quello che pensa - in maniera non ufficiale - il club bianconero di quanto accaduto a San Siro!”, che è un po’ come quando alle elementari dicevi al tuo amico “dì a Franceschina che mi piace tanto”, lui lo diceva a Franceschina, Franceschina lo sapeva ma tu non ti eri sputtanato direttamente. La chiameremo “tecnica delle elementari”. Peggio della tecnica delle elementari c’è solo la “tecnica dell’asilo”. La tecnica dell’asilo è stata sapientemente utilizzata dalla classe arbitrale, che (anche in questo caso) in maniera non ufficiale ha fatto sapere “agli amici degli amici” i motivi che hanno portato Orsato a trasformare il giallo in rosso. Dunque, vediamo se abbiamo capito: non è l’addetto al Var che in auricolare ha detto “ué Orsà, vedi che quello è più rosso che giallo! Esci l’espulsione!”, ma sarebbe lo stesso Orsato che alla vista del calzettone insanguinato avrebbe detto “oddio il sangue! In nome della giustizia terrena procediamo con il cambio del cartellino!”. Questa seconda ricostruzione è un filo più visionaria, ma a differenza della prima non entra in contrasto con il regolamento Var e, quindi, si proceda con la diffusione della teoria “Orsato ha visto il sangue e si è redento!”.
Tutte queste cose (i comunicati e le dichiarazioni “postume”, le prese di posizione non ufficiali, le versioni accomodate che sistemano i pastrocchi) sono tutte figlie di due problemi di base: 1) gli arbitri (non tutti, ma molti) sono parecchio permalosi. 2) Il fatto che gli venga impedito di parlare non solo va contro alcuni princìpi fondamentali della Costituzione italiana, ma impedisce loro di spiegarsi, motivare, evitare l’utilizzo infantile della “tecnica delle elementari” e di quella dell’asilo, ormai cadute in disuso al punto che certi bambini se vogliono conoscere Franceschina passano direttamente al contatto tramite "storia su Instagram". E direi che quanto a Inter-Juve possiamo chiuderla qui.
Parliamo degli effetti di Inter-Juve, piuttosto.
1) I nerazzurri a meno di miracoli dicono addio alla Champions. Significa che Icardi andrà certamente via? Questo è il pensiero di molti, gli stessi che tra l’altro lo avevano già venduto 4 o 5 volte negli ultimi due anni e neppure dopo sabato si sono accorti di quanto Icardi tenga davvero a essere il capitano dell’Inter. Icardi andrà via solo e soltanto se la società non mostrerà interesse nel trattenerlo e nel voler costruire una rosa che finalmente non debba “provare ad andare in Champions”, ma ci vada per capacità manifesta. De Vrij, Lautaro Martinez, Asamoah sono i primi tasselli, Ilicic è un altro nome che interessa ai nerazzurri, il resto lo scopriremo solo a campionato chiuso e, soprattutto, a morsa Uefa allentata (40 milioni da “produrre” entro il 30 giugno).
2) La Juve a meno di imprevisti vincerà il suo settimo scudetto consecutivo. Per una settimana abbiamo celebrato la sua morte, oggi siamo qui a dire “non muore mai!”: siamo straordinari. Il probabile successo bianconero non cambierà il destino di Allegri, destinato a lasciare la panca che lo ha elevato a tecnico di primissima fascia.
3) La stessa sorte di Allegri (massacrato per sette giorni) tocca ora a Sarri: una settimana fa era il nuovo Messia, oggi un povero pirla “che non sa vincere”. A Firenze il Napoli non è praticamente sceso in campo, è stato troppo brutto per essere vero. I limiti legati alla condizione sommati a un fisiologico calo di tensione sono venuti a galla e hanno portato al primo ko in trasferta dopo un paio di ere geologiche. Questa squadra merita solo applausi e, a prescindere da come finirà, pieno supporto da parte del suo presidente: è la costanza che porta ai successi, di sicuro non lo farà la prosopopea di chi ha sfruttato il momento per fare propaganda politica.
4) Inter-Juve non ha effetti sul Milan, ma avrà sicuramente catturato l’attenzione di Gattuso. Il suo “se giochiamo come a Bologna la Coppa Italia non la vinciamo” fa capire come Ringhio abbia già fatto partire il suo piano verso la finale. Il resto è “cosa accadrà a Mirabelli”, ovvero il continuo inseguirsi di pettegolezzi legati al futuro del ds che, come troppo spesso accade quando si parla delle cose di casa Milan, hanno risibile consistenza. Mirabelli resterà al suo posto, Berlusconi non ricomprerà il club (non stupisce Silvione "che dice la sua", stupisce chi ci crede). Per quanto riguarda il rifinanziamento, invece, sul tavolo restano "vive" 3 opzioni: la proprietà confida di riuscire a completare l'operazione in autonomia o con un socio di minoranza. Totale: il Diavolo esisterà anche la prossima stagione anche se qualcuno continuerà a dirvi che “finirà tutto malissimo, me l’ha detto un mio cugino cinese”.
Fine. Molti si domandano “riuscirà la Roma a realizzare l’impresa-bis in Champions?”. Noi mica lo sappiamo, ma davvero glielo auguriamo. E, soprattutto, auguriamo a Roma-città una serata con meno teste di cazzo del genere “sfruttiamo la partita per fare casino” (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->