HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Totopanchina Juve: chi sarà l'erede di Allegri?
  Simone Inzaghi
  Maurizio Sarri
  Pep Guardiola
  Sinisa Mihajlovic
  Didier Deschamps
  Mauricio Pochettino
  Josè Mourinho
  Antonio Conte

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var...

04.12.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 16408 volte
© foto di Alessio Alaimo

Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui.

Ecco, qui la questione è sempre la stessa: amici arbitri, vogliatevi bene perché se non lo fate voi, noi che amiamo sguazzare nelle polemiche non possiamo fare altro che affondare la lama nella torta del raccapriccio. Ma, porca miseria, perché volete così male al supportone tecnologico? Perché vi fate fottere dalle cosiddette “pieghe del regolamento”? Perché vi nascondete dietro al “protocollo”?

Proviamo a metterci nei panni di un ipotetico “arbitro illuminato”. L’arbitro illuminato sa che può fare quello che gli pare, tanto l’ultima parola ce l’ha lui. Di fronte a una decisione difficile, codesto signore fischia quello che gli pare ma poi – essendo illuminato – mette in discussione se stesso. “Sapete che c’è? Mi hanno messo a disposizione le immagini e, quindi, anche se sono convinto della mia decisione vado a vedere le immagini”.

Questa cosa l’ha fatta Irrati qualche settimana fa proprio all’Olimpico (Roma-Samp). Qualcuno disse: “Non ha rispettato il protocollo!”. La risposta di chi vuole bene al calcio è stata: “E sticazzi?”. Il dato di fatto è che Irrati avrà pure mancato di rispetto “al protocollo,” ma infine ha preso la decisione corretta e nessuno gli potrà mai dire “ecco, costui è braccio armato di un complotto ordito dal Palazzo”. Ma quale complotto? Ma quale Palazzo?

Il presidente degli arbitri che dice “quello che è successo a Roma è inconcepibile” è a sua volta inconcepibile. Gli arbitri che scelgono di non perdere tempo per guardare le immagini non sono corrotti, sono solo presuntuosi e aggrappati a un’idea di inattaccabilità che è ormai senza senso. La tecnologia non si può fermare (finalmente arriva anche in Champions: meglio tardi che mai), chi non lo accetta può solo fare una cosa: farsi da parte.

Della partita dell’Olimpico resta l’idea di una squadra, l’Inter, probabilmente un po’ affaticata. Molti hanno detto “che bella partita Roma-Inter”, ma questo non lo possono certo pensare allenatori di ogni razza e religione. Lo spettacolo è stato buono, certo, ma tatticamente abbiamo visto cose che c’entrano molto poco con l’idea di calcio di due ottimi allenatori come Di Francesco e Spalletti.

L’Inter è in difficoltà? Forse fisicamente, ma guai a esagerare. Attorno a Spalletti si tende sempre a disegnare scenari apocalittici (“crollerà”, “non sa quello che sta facendo”, “è l’inizio della fine”), ma il dato di fatto è che tutte le volte riesce a raggiungere il suo obiettivo. L’Inter è terza, a 5 punti di vantaggio sul quinto posto, arriva da otto vittorie e un pareggio nelle ultime dieci partite di campionato e tra una settimana proverà a raggiungere gli ottavi di Champions in un girone che tutti definivano “proibitivo”. Chi pretende di più lo fa per puro spirito polemico o, forse, non ha le idee chiare rispetto a quello che sta succedendo in vetta alla classifica (ne parliamo in fondo al pezzo).

Consentiteci di dire una cosa sul Milan. Il fatto che per una volta non ci ritroviamo a scrivere un pezzo in difesa del tecnico rossonero (apologia), ma al contrario quattro righe per celebrarlo (leccaculaggio) è la riprova che non ci eravamo sbagliati: il signorotto calabrese sa ben fare il suo mestiere. Fino a ieri l’altro abbondavano gli scettici, ora sono sempre meno (intimamente gli vuole bene pure Salvini, ne siamo convinti).

Vi diranno che è una questione del genere “è tutto merito della grinta! Hai visto che grinta? Son tutti grintosi! La grinta!” e invece no. Gattuso li fa correre, ma li fa pure ragionare e li gira tatticamente come pochi hanno fatto nel recete passato (passaggio dalla difesa “a tre” a quella a quattro” con grande naturalezza). Nel momento della difficoltà legata agli infortuni, Ringhione ha responsabilizzato le cosiddette seconde linee, ha “rianimato»” Abate (grande prestazione da centrale contro il Parma), ha aspettato e si è fidato di Bakayoko (il migliore domenica), non ha replicato alle provocazioni di chi lo ritiene inadatto nella gestione dei 90’ e, in definitiva, ha fatto quello che si richiede al cosiddetto “allenatore modello”: i fatti. Torneranno a rompergli le balle? Ovviamente sì, ma è come tirare pugni a un muro: peggio per chi si ostina.

Poi, certo, mica possiamo far finta che non stia accadendo qualcosa di clamoroso. E ci riferiamo alla Juve, ovviamente. Commentare i bianconeri è diventato semplice e allo stesso tempo difficilissimo. E allora vi diciamo che è “semplice”, perché tanto puoi scrivere le tue boiate prima che inizi qualsivoglia partita (“La Juve ha vinto bla bla bla”); e invece al contrario è “difficile”, perché non si riesce a trovare qualcosa di minimamente originale da dire che non sia “in Italia i bianconeri non hanno rivali” (e valli a trovare in Europa, tra l’altro).

La sensazione, crescente, è che il gruppone allenato da Allegri viva una rara condizione di squadra che più la stuzzichi e peggio è (per te). Ci sono partite in cui i bianconeri cazzeggiano assai, consci del fatto che basta trotterellare per portare a casa il “montepremi”; negli scontri che viceversa vengono presentati come “big match” o “partite di cartello” i bianconeri ci mettono dell’impegno e allora son dolori. Così è accaduto anche a Firenze. Si diceva “sarà una partita combattuta”, ma lo è stato solo in teoria. La Juve ha dato un paio di accelerate nei momenti chiave e ha spazzato via i viola.

Capite perfettamente che il paradosso della squadra “più forte se pungolata” condanna la nostra Serie A a vivere mesi stucchevoli e alienanti. Noi tutti diremo “beh ma non è detto…” e “a primavera possono capitare un sacco di cose”, ma lo faremo senza crederci per davvero. E cosa mai deve capitare per fermare costoro? Un focolaio di morbillo alla Continassa? Un’epidemia di pertosse? Un’apocalittica invasione delle cavallette (ma solo piemontese)? Altro?

Siamo sinceri, la Juve è su un pianeta assai più lontano del modaiolo Marte, lo è soprattutto rispetto alle presunte rivali tricolori. E quindi il Napoli. E quindi l’Inter. Queste ultime sono squadre belle e promettenti, ma a differenza della loro sorella maggiore non hanno quella devastante continuità (in provincia o negli scontri di cartello, poco cambia), indispensabile per tenere il ritmo scudetto.

Fine. Vi lasciamo ad ogni modo con un quesito al quale non riusciamo francamente a dare una risposta certa: se – si ragiona per paradossi, sia chiaro – Allegri vincesse tutte le partite, ma proprio tutte, da qui fino alla fine della stagione, ma infine perdesse la finale di Champions, come verrebbe giudicato il suo operato? Verrebbe da dire “beh, le ha vinte tutte! Benissimo!”, ma il dubbio ci rimane. Dura è la vita dell’allenatore condannato al trionfo.

Saluti a tutti. Vi lasciamo dando il giusto risalto al grande coraggio dell'AIC che se n’è fottuta dei fronzoli e ha organizzato il Gran Galà del Calcio in contemporanea con il più famoso Pallone d’Oro: francesi, non ci avrete mai!

Come dite? In contemporanea c’era pure Atalanta-Napoli? Eh, in effetti…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Paratici al lavoro per il centrocampo: Milinkovic Savic, Ndombele e Rabiot i nomi forti. Per Chiesa è sempre più testa a testa con l’Inter. Valzer delle panchine: Gasp per la Roma, ma occhio anche a Giampaolo. Semplici idea per la Samp 25.05 - Fabio Paratici non si ferma un attimo. Il lavoro è tanto anche perchè la Juventus oltre alla difesa deve sistemare il centrocampo. Khedira potrebbe partire e anche il futuro di Pjanic è ancora tutto da decifrare. Nelle ultime ore è tornato di forte attualità il nome di Sergej Milinkovic...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Guardiola alla Juve, tutto vero. L’operazione è ancora in piedi. Si tratta con il Tottenham per Pochettino al City. Sarri proposto da Ramadani. Il Milan vira su Inzaghi. Fiorentina verso la cessione 24.05 - Guardiola e la Juve, è tutto vero. In questo momento nessuno può avere la certezza al mille per mille di come finiranno le cose, ma sicuramente a questa operazione si sta lavorando da tempo, ci sono state delle proposte accettate, degli accordi già presi e siamo alla stretta finale....

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve e la panchina, Inter e Milan e l’ultima curva Champions 23.05 - Non si parla d’altro. Da giorni. Ed è inevitabile che sia così: quando la panchina di una delle squadre più importanti in Europa è ancora da assegnare è ovvio che ci sia grande fermento, soprattutto fra la tifoseria. Che non si fa prendere dal panico: sa che la società è solida e...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte: firmato il precontratto! La Juventus sempre più avanti per Sarri. Cosa ci faceva Allegri a Londra il 7 maggio? Ecco chi c’era nello stesso albergo negli stessi giorni… 22.05 - Non c’è tempo per discettare e o poetare, il mercato allenatori è già sangue e sudore, e le notizie si accavallano. Partiamo dalla prima. Lo posso annunciare in anteprima: Antonio Conte ha firmato per l’Inter! Il segreto meno segreto del 2019, con l’accordo pendente da settimane,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: per la panchina si sceglie tra Inzaghi e “il piano-Ronaldo” (due nomi). Inter: il contatto Marotta-Conte e l’orgoglio… a un passo dall’Abisso. Milan: il destino all’opposto di Gattuso. Allegri: il futuro non sarà al Bayern… 21.05 - Buondì. Diciamo alcune cose veloci. Facciamo una dozzina al massimo. 1) La serie A si ritrova con l’ultima giornata più bella da un sacco di tempo a questa parte e non sa nemmeno lei come ha fatto. Parliamoci chiaro: è più “colpa” che “merito” dei club coinvolti. 2) La Fiorentina...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Allegri: giusto l'addio. Alternative poche e confuse. Paratici-Inzaghi: ecco luogo e data dell'incontro. Caos serie B: vigliaccata al Palermo. Mercato, bravo Gravina. E Totti... 20.05 - Tra tre ore ho il volo per tornare a Milano. Vi scrivo da un Hotel di Londra, poche ore dopo aver visto il vero calcio. Ho pensato, nelle ultime ore, cento volte se davvero in Italia siamo convinti che quello nostro sia calcio. Sono stato a Wembley, sono stato ospite della finale...

Editoriale DI: Marco Conterio

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510