HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var...

04.12.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 16847 volte
© foto di Alessio Alaimo

Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui.

Ecco, qui la questione è sempre la stessa: amici arbitri, vogliatevi bene perché se non lo fate voi, noi che amiamo sguazzare nelle polemiche non possiamo fare altro che affondare la lama nella torta del raccapriccio. Ma, porca miseria, perché volete così male al supportone tecnologico? Perché vi fate fottere dalle cosiddette “pieghe del regolamento”? Perché vi nascondete dietro al “protocollo”?

Proviamo a metterci nei panni di un ipotetico “arbitro illuminato”. L’arbitro illuminato sa che può fare quello che gli pare, tanto l’ultima parola ce l’ha lui. Di fronte a una decisione difficile, codesto signore fischia quello che gli pare ma poi – essendo illuminato – mette in discussione se stesso. “Sapete che c’è? Mi hanno messo a disposizione le immagini e, quindi, anche se sono convinto della mia decisione vado a vedere le immagini”.

Questa cosa l’ha fatta Irrati qualche settimana fa proprio all’Olimpico (Roma-Samp). Qualcuno disse: “Non ha rispettato il protocollo!”. La risposta di chi vuole bene al calcio è stata: “E sticazzi?”. Il dato di fatto è che Irrati avrà pure mancato di rispetto “al protocollo,” ma infine ha preso la decisione corretta e nessuno gli potrà mai dire “ecco, costui è braccio armato di un complotto ordito dal Palazzo”. Ma quale complotto? Ma quale Palazzo?

Il presidente degli arbitri che dice “quello che è successo a Roma è inconcepibile” è a sua volta inconcepibile. Gli arbitri che scelgono di non perdere tempo per guardare le immagini non sono corrotti, sono solo presuntuosi e aggrappati a un’idea di inattaccabilità che è ormai senza senso. La tecnologia non si può fermare (finalmente arriva anche in Champions: meglio tardi che mai), chi non lo accetta può solo fare una cosa: farsi da parte.

Della partita dell’Olimpico resta l’idea di una squadra, l’Inter, probabilmente un po’ affaticata. Molti hanno detto “che bella partita Roma-Inter”, ma questo non lo possono certo pensare allenatori di ogni razza e religione. Lo spettacolo è stato buono, certo, ma tatticamente abbiamo visto cose che c’entrano molto poco con l’idea di calcio di due ottimi allenatori come Di Francesco e Spalletti.

L’Inter è in difficoltà? Forse fisicamente, ma guai a esagerare. Attorno a Spalletti si tende sempre a disegnare scenari apocalittici (“crollerà”, “non sa quello che sta facendo”, “è l’inizio della fine”), ma il dato di fatto è che tutte le volte riesce a raggiungere il suo obiettivo. L’Inter è terza, a 5 punti di vantaggio sul quinto posto, arriva da otto vittorie e un pareggio nelle ultime dieci partite di campionato e tra una settimana proverà a raggiungere gli ottavi di Champions in un girone che tutti definivano “proibitivo”. Chi pretende di più lo fa per puro spirito polemico o, forse, non ha le idee chiare rispetto a quello che sta succedendo in vetta alla classifica (ne parliamo in fondo al pezzo).

Consentiteci di dire una cosa sul Milan. Il fatto che per una volta non ci ritroviamo a scrivere un pezzo in difesa del tecnico rossonero (apologia), ma al contrario quattro righe per celebrarlo (leccaculaggio) è la riprova che non ci eravamo sbagliati: il signorotto calabrese sa ben fare il suo mestiere. Fino a ieri l’altro abbondavano gli scettici, ora sono sempre meno (intimamente gli vuole bene pure Salvini, ne siamo convinti).

Vi diranno che è una questione del genere “è tutto merito della grinta! Hai visto che grinta? Son tutti grintosi! La grinta!” e invece no. Gattuso li fa correre, ma li fa pure ragionare e li gira tatticamente come pochi hanno fatto nel recete passato (passaggio dalla difesa “a tre” a quella a quattro” con grande naturalezza). Nel momento della difficoltà legata agli infortuni, Ringhione ha responsabilizzato le cosiddette seconde linee, ha “rianimato»” Abate (grande prestazione da centrale contro il Parma), ha aspettato e si è fidato di Bakayoko (il migliore domenica), non ha replicato alle provocazioni di chi lo ritiene inadatto nella gestione dei 90’ e, in definitiva, ha fatto quello che si richiede al cosiddetto “allenatore modello”: i fatti. Torneranno a rompergli le balle? Ovviamente sì, ma è come tirare pugni a un muro: peggio per chi si ostina.

Poi, certo, mica possiamo far finta che non stia accadendo qualcosa di clamoroso. E ci riferiamo alla Juve, ovviamente. Commentare i bianconeri è diventato semplice e allo stesso tempo difficilissimo. E allora vi diciamo che è “semplice”, perché tanto puoi scrivere le tue boiate prima che inizi qualsivoglia partita (“La Juve ha vinto bla bla bla”); e invece al contrario è “difficile”, perché non si riesce a trovare qualcosa di minimamente originale da dire che non sia “in Italia i bianconeri non hanno rivali” (e valli a trovare in Europa, tra l’altro).

La sensazione, crescente, è che il gruppone allenato da Allegri viva una rara condizione di squadra che più la stuzzichi e peggio è (per te). Ci sono partite in cui i bianconeri cazzeggiano assai, consci del fatto che basta trotterellare per portare a casa il “montepremi”; negli scontri che viceversa vengono presentati come “big match” o “partite di cartello” i bianconeri ci mettono dell’impegno e allora son dolori. Così è accaduto anche a Firenze. Si diceva “sarà una partita combattuta”, ma lo è stato solo in teoria. La Juve ha dato un paio di accelerate nei momenti chiave e ha spazzato via i viola.

Capite perfettamente che il paradosso della squadra “più forte se pungolata” condanna la nostra Serie A a vivere mesi stucchevoli e alienanti. Noi tutti diremo “beh ma non è detto…” e “a primavera possono capitare un sacco di cose”, ma lo faremo senza crederci per davvero. E cosa mai deve capitare per fermare costoro? Un focolaio di morbillo alla Continassa? Un’epidemia di pertosse? Un’apocalittica invasione delle cavallette (ma solo piemontese)? Altro?

Siamo sinceri, la Juve è su un pianeta assai più lontano del modaiolo Marte, lo è soprattutto rispetto alle presunte rivali tricolori. E quindi il Napoli. E quindi l’Inter. Queste ultime sono squadre belle e promettenti, ma a differenza della loro sorella maggiore non hanno quella devastante continuità (in provincia o negli scontri di cartello, poco cambia), indispensabile per tenere il ritmo scudetto.

Fine. Vi lasciamo ad ogni modo con un quesito al quale non riusciamo francamente a dare una risposta certa: se – si ragiona per paradossi, sia chiaro – Allegri vincesse tutte le partite, ma proprio tutte, da qui fino alla fine della stagione, ma infine perdesse la finale di Champions, come verrebbe giudicato il suo operato? Verrebbe da dire “beh, le ha vinte tutte! Benissimo!”, ma il dubbio ci rimane. Dura è la vita dell’allenatore condannato al trionfo.

Saluti a tutti. Vi lasciamo dando il giusto risalto al grande coraggio dell'AIC che se n’è fottuta dei fronzoli e ha organizzato il Gran Galà del Calcio in contemporanea con il più famoso Pallone d’Oro: francesi, non ci avrete mai!

Come dite? In contemporanea c’era pure Atalanta-Napoli? Eh, in effetti…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510