HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati

13.11.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 24663 volte
© foto di Alessio Alaimo

Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra breve diventerà nonno e che i vivai sono un’entità astratta che, appunto, serve solo a riempire questi momenti di nulla (“diamo importanza ai vivai, per carità!”. Mah).

Comunque, Ventura si è dimesso. Pellissier via Instagram gli ha fatto sapere che gli vuole molto bene. Più o meno. Un anno fa esatto (13/11/2017) noialtri si perdeva contro la Svezia. Un anno dopo siamo ancora qui a parlare di Ventura, dei vivai e del “futuro azzurro”. La verità è che il futuro non esiste, è sempre tutto uguale, ciclico. Fateci caso. Allegri vince tutte le partite, settemila “Panchine d’Oro” di fila, domina col Manchester, ma perde, e le masse dicono “Allegri è il problema della Juve!”. Son matti e neppure pochi!

Lo hanno fatto anche con Spalletti. Cioè, Spalletti arriva all’Inter, la riporta in Champions dopo sette anni di rotture di balle, in questa stagione vince sette partite di fila in campionato, perde a Bergamo (malissimo, per carità), e le masse dicono: “Spalletti è il problema dell’Inter!” o anche “l’Inter farà la solita fine” (solita? L’anno scorso ha raggiunto il suo obiettivo stagionale. Boh…). Il dato di fatto è che non si accetta la sconfitta, anche quella “brutta”, che è cosa normale nello sport, soprattutto perché esistono gli avversari. L’Atalanta ha meritato, ha sfruttato la giornata “no” dei suoi avversari, eppure non si dice “Minchia, brava Atalanta”, ma “Spalletti inadeguato, che pena”. Date una carezza a costoro e confidategli il terribile segreto: Spalletti sbaglierà ancora, i giocatori pure, l’Inter perderà altre partite. Accadrà, potete starne certi, perché è normale. Chi non riesce a reggere questo “peso” e trasforma tutto in “tragedia” può soltanto fare una cosa: tifare gli Harlem Globetrotters, quelli vincono sempre.

E Higuain? Fino a ieri l’altro era iddio del calcio, sceso in terra per salvare il Milan, poi sbaglia miseramente la partita con la Juve e finisce nelle mani “delle masse”: “Higuain non è un vero campione! Sia messo agli atti!”. Poi certo, tirare un rigore contro il tuo ex compagno di squadra non è scelta geniale, ma da lì a trasformare il Pipita in un “problema” è quantomeno esagerato. O ancora il solito Gattuso. Ora, ditemi voi che cosa deve fare un cristiano a cui la iella ha tolto metà della rosa titolare: auto-schierarsi? Il suo Milan perde con i 7 volte campioni d’Italia e qua e là si torna a mormorare “sì, mah, però… magari un cambio in panchina…”. Il solito insomma.

Va sempre così, ma è normale, altrimenti non ci sarebbe nulla di cui parlare. Pensate che noia se vivessimo in un mondo in cui tutti usano il raziocinio (“Spalletti e i suoi hanno sbagliato la partita con l’Atalanta, ma forse è merito dell’Atalanta e comunque la classifica dice che i nerazzurri stanno facendo bene. Sei d’accordo?”. “Sì, ma dammi un appiglio per fare della polemica per l’amor del cielo!”). In effetti non sarebbe divertente.

Comunque, dicevamo, è tutto ciclico: Baudo torna a condurre Sanremo (quello dei Giovani, ma pur sempre Sanremo), c’è il Maurizio Costanzo Show come 30 anni fa, ci sono le polemiche arbitrali. Ecco, le polemiche sugli arbitri sono la grande costante del mondo pallonaro. Per dire, l’arbitro Mazzoleni prende alcune decisioni discutibili a San Siro, la reazione dei tifosi rossoneri è comprensibile (“Benatia andava espulso!”), solo che poi c’è chi se ne approfitta e invece di dire “cazzo fa Mazzoleni?”, trasforma il tutto in “la Juve viene scientemente favorita dagli arbitri”. Il cortocircuito è evidente, si preferisce credere al complotto piuttosto che vedere le cose per quello che sono: i fischietti sbagliano spesso e ovunque e il loro problema, al limite, è che non vogliono farsi aiutare. Per questo oggi non ci va di scrivere “lui è fesso, l’altro pure”, semmai preferiamo mettere in vetrina Irrati Massimiliano da Pistoia. Evviva Irrati, abbasso la Sosta per la Nazionale (Twitter: @FBiasin).

(da Esquire.it) L’esempio massimo di libertà, ribellione, buonsenso, “correttezza nella scorrettezza” si chiama Irrati di Pistoia, arbitro illuminato. Direttore di gara di Roma-Samp 4-1, ha ricevuto votazioni scadenti da illustri critici e giornalisti, al punto che su alcuni quotidiani assai importanti è stato così giudicato: “Stranamente insicuro, si affida al Var due volte, anche se per episodi soltanto dubbi, consentendogli in entrambe le occasioni di sconfessarlo. Solo una giornata storta? Voto 5”. Giornata storta? Giornata storica!

Irrati da Pistoia è esempio massimo di arbitro che ha capito a cosa serve il Var, ovvero a dare una mano a noialtri poveri umani imperfetti. A un bel punto del secondo tempo fischia un rigore per un fallo di Manolas su Gaston Ramirez, pare abbastanza sicuro a dirla tutta. I giocatori della Roma dicono “cavolo fischi?” e quello non gli risponde “levatevi dalle balle, sono Irrati di Pistoia e faccio come mi pare!”, ma sceglie di immergersi nella vasca dell’umiltà. Per capirci, ben sapendo che Iddio ci ha finalmente dotato di tecnologia, decide di rubare agli astanti un minuto di tempo in nome della giustizia e va a rivedersi le immagini: le guarda, cambia idea rispetto alla sua decisione iniziale e, infine, toglie il rigore anche a costo di sentirsi dire “ué, non ci avevi capito niente eh?”.

Irrati da Pistoia fa tutto questo per una questione di correttezza, che viene prima dell’autonomia arbitrale in nome della quale troppo spesso i fischietti rinunciano a dire “scusate, mi sono sbagliato”.

Pensate un po’, il paradosso di tutta la faccenda è che Irrati e i varisti a lui associati (Rocchi in questo caso) contravvengono a una regola, ovvero quella che impedirebbe a un arbitro di tornare su una sua decisione e ai varisti di rompergli le balle a meno che si tratti di “chiaro ed evidente errore” (in questo caso probabilmente la sua decisione iniziale era sbagliata, ma non “certamente sbagliata”). Irrati se ne fotte, pensa “magari ci ho preso, ma per mia garanzia e quella di chi ci sta guardando vado a rivedermi le immagini, anche solo perché da un anno a questa parte le hanno messe a disposizione” e in questo modo dà un esempio a tutti quanti i suoi colleghi.

Ora, si dirà, non è giusto, perché lui lo ha scelto di dare un cazzotto al regolamento ma gli altri no, e così fischiettando si rischia di avere un torneo a doppio-giudizio, con arbitri che se la tirano e non vanno mai a vedere (anche perché garantiti dal nuovo protocollo) e altri “alla Irrati” che fanno il tifo per la tecnologia e per la vecchia modalità di utilizzo del Var, quella dell’anno passato. Ebbene, avete ragione, così non va bene: bisogna uniformarsi, ma tocca farlo in nome del buonsenso e il buonsenso è quello di Irrati da Pistoia, il Che Guevara della tecnologia in campo, già eletto miglior varista del pianeta (ai Mondiali, nel famoso stanzino, era il gran visir del moviolone), ribelle al quale neanche per idea noialtri diamo 5 in pagella e, anzi, “date un premio a quell’uomo”, fatelo subito prima che qualche fetentone faccia passare il concetto “dell’arbitro insicuro che si affida al Var”. Oh, sia chiaro: l’arbitro che si affida al Var non è insicuro, è semplicemente intelligente.

Ps. Abbiamo controllato, Massimiliano Irrati è nato a Firenze, ma per una questione di “Sezione Aia di appartenenza” viene definito “di Pistoia”. Strani questi arbitri…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510