VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, la verità dietro alle parole di Allegri. Mario multato? Ben altre "balotellate" spaventano il Milan. Inter, Mancini ora ha un solo problema. Napoli: basta parlare di "pazienza"

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
08.09.2015 17:20 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 233091 volte
© foto di Federico De Luca

"Marescia', ma lei è proprio sicuro?".

"Procedete, telelaser in via Branze".

"Marescia', ma lì il limite è 50 km/h, rischiamo di multare pure i pedoni".

"Procedete".

"Ma da quelle parti passa pure Balotelli, lui i 50 all'ora li faceva in triciclo da bambino...".

"Ma tu pensa... Procedete!".

Ecco, della patente ritirata a Mariolone, non so a voi, ma a me frega relativamente. Mi concentrerei più che altro sugli altri, quelli che non sono finiti sui giornali perché non si chiamano Balotelli, eppure quel giorno hanno fatto la sua stessa fine: chi è rimasto senza patente (e a differenza di Mario probabilmente non può ripiegare sull'autista), chi si è preso 100, 200, 300 euro di multa per aver tirato il collo alla Panda e ancora adesso bestemmia in cinese.

A pensarci bene loro probabilmente avrebbero incassato volentieri un bel titolo su "Brescia Oggi" per fare i ganassa alla cena di Natale con i famigliari. Titoli che non leggerete mai: "Il solito signor Mario: 200 euro di multa, tre roncolate in testa dalla moglie". Oppure: "Salta la patente al geometra Franchini, niente gita fuoriporta con la famiglia". O ancora: "Fermata in via Branze per eccesso di velocità: dove stava andando la maiala della signora Pipotti?". Cose così. E invece niente, ai "normali" zero titoli sui giornali e solo la multa da pagare - ricordiamolo - entro 5 giorni lavorativi, altrimenti la pena pecuniaria aumenta di un botto (immaginiamo Mario che corre dal tabaccaio: "Mi scusi, sono Balotelli: pago la multa che scade oggi. Senta, già che c'è mi da un "Turista Per Sempre" per favore?". Il barista impietoso: "Li abbiamo finiti. Per lei se vuole ci sono i nuovi gratta e vinci "Lavoratore per un giorno". Provvedo o preferisce non rischiare?").

E vabbè. A cinque giorni dal derby e in piena pausa per la nazionale, noi giornalistucoli ci accontentiamo di poco: la patente ritirata, le perle del Trap tipo "un saluto a tutti i radioascoltatori", i consigli per il Fantacalcio (a proposito, in bocca al lupo alla "Subaru Baracca" per un campionato ricco delle solite figure da pirla), Conte in versione "non dovevo fare il bis di peperonata" sul rigore di De Rossi, gli articoli tipo "Ecco il mercato degli svincolati" (pensare che Jonathan è ancora senza squadra mi mette una tristezza pari a quella che mi viene quando sorprendo mia madre che guarda "Il Segreto"...), storie come "La bella favola degli islandesi che prima nelle borracce mettevano il Jack Daniel's e ora bevono solo la Guizza", la faccenda del "cartellino verde" in serie B che neanche nel fatato mondo dei Mini Pony, i discorsi del genere "in Italia non ci sono i vivai!" o "bisogna dar spazio ai giovani!". E poi ti accorgi che tutti vogliono i giovani in campo ma possibilmente nelle squadre degli altri.

Sono gli effetti collaterali da "pausa per la nazionale" e mi perdonerete se, come ogni anno, butterò via due righe per lanciare il consueto proclama: "No alla pausa per la nazionale dopo due giornate! Fatela prima, fatela dopo, fatela mai, ma dopo due giornate no!". Non si può fare che ad agosto giochiamo contro Malta e Bulgaria e poi iniziamo il campionato? Ma solo al sottoscritto viene la pellagra a pensare ai 15 giorni di "pausa per la nazionale"? Direte: "Ecco, poi però non salire sul carro del vincitore quando ci sarà la fase finale degli Europei!". Non lo farò! A meno che non si vada ai quarti. Ecco, dai quarti in avanti cercherò di salire sul carro al grido di "viva l'Italia!, viva gli stage!, che bello pensare al traguardo raggiunto dopo la sofferenza contro Malta di settembre 2015!". Trap, nel caso, tienimi un posto.

Si diceva del derby. A dar retta a chi bazzica Milanello e dintorni pare che tra tecnico e società siano nate le prime frizioni per lo sfogo post-Mantova di Mihajlovic. Difficile sapere se il presunto "scazzo" sia reale o figlio della solita cupidigia di noi giornalisti in piena "astinenza da notizie". Il dato di fatto semmai è un altro: le frasi a muso duro di Mihajlovic riferite a "quelli che non giocano" certificano la sua insoddisfazione a proposito del mercato. Un mercato costoso che però non ha risolto i problemi annosi di una squadra troppo "leggera" a centrocampo. Mihajlovic dovrà mettere in piedi un miracolo per arrivare al terzo posto e c'è il rischio che sulla sua strada debba fare i conti con il nervosismo di Berlusconi, patron che ha sganciato parecchi quattrini e che pretende risultati immediati, quelli che - è giusto ricordarlo - solo Clarence Seedorf è riuscito a ottenere in un semestre più che travagliato (quarto posto complessivo sotto la sua gestione). Risultato? L'olandese a casa perché "inadatto a gestire lo spogliatoio". In seguito lo spogliatoio ha cambiato volto, ma qualcuno di quelli che a suo tempo andò a lamentarsi a casa del presidente è ancora lì e, guarda caso, coltiva ancora la medesima insoddisfazione. Un caso? Io non credo.

Per il resto si susseguono le voci sull'ennesimo ritorno di mr. Bee: arriva e va allo stadio, torna ma al derby non ci va, voleva lo stadio al "Poltello" e ora che non se ne fa più niente c'è rimasto male. Poche certezze, insomma, tranne una: conosceremo la verità tra 20 giorni circa. Si spera...

Sull'altra sponda del Naviglio, la nuova Inter di Mancini "prende il sole". Del supermercato nerazzurro sapete tutto, compresa la mia vergognosa attitudine a magnificare l'operato di coloro che hanno portato ad Appiano Gentile ben nove nuovi giocatori senza spendere uno sproposito e bla bla bla. Per fortuna il mercato è chiuso e ora tocca a Mancini, quello che "ci vorrà un po' per vedere l'Inter che ho in mente" ma che in cuor suo sa di non avere alternative: il terzo posto è un obbligo (oddio, non solo suo, in A sono molti che hanno lo stesso "dovere"). Il tecnico di Jesi del "non siamo pochi, siamo pochissimi", ora deve scegliere. La rosa, soprattutto dalla metà campo in su, è ricca e abbondante e per forza di cose qualcuno domenica storcerà il naso in quanto escluso dal probabile 4-2-3-1. Ecco, a Mancini, bravissimo a "stimolare" presidente e dirigenza in sede di mercato, ora la piazza chiede uno sforzo a livello di "gestione", ovvero la capacità di "fare gruppo", di tenere tutti sulla corda, di avere più pazienza rispetto a quella che gli ha fatto "bruciare" qualche ragazzo di troppo da nove mesi a questa parte.

Un lavoro molto simile spetta a due mister in difficoltà dopo le prime due giornate di campionato: Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri. Ieri lo "spettinato" bianconero ha presentato la sua nuova app e dopo curiosi botta e risposta (giornalista: "Ci parli della Juve". Mister: "No, parlo solo dell'app". Giornalista: "Ok, ci dica della Juve". Mister: "No, parlo solo dell'app". Giornalista: "Va bene, ci dica della Juve". Mister: "Ok, vi parlo dell'app...") ha detto quello che tutti i tifosi bianconeri speravano: "Non vogliamo che sia un anno di transizione, qui non esistono anni di transizione". Diretto, chiaro. Il momento non è semplice, ma l'allenatore ha fatto capire quanto vale anche a livello caratteriale: mai si nasconderà dietro alla rivoluzione effettuata dalla Signora nel corso dell'ultimo mercato. Anche in queste cose si valuta il "peso" di un tecnico.

Discorso diverso a Napoli. Sarri ha meno crediti da spendere e dovrà guadagnarsi il rispetto dei suoi tifosi sul campo. Ha tutto per farlo, ma lui e il suo presidente devono capire che non si può abusare troppo della locuzione "ci vuole pazienza". In una piazza come Napoli (così come a Milano, Torino, Roma e Firenze) il termine "pazienza" lascia il tempo che trova. Servono fatti, quelli mostrati nei primi 60 minuti contro la Sampdoria, quelli "messi da parte" all'ultimo giorno di mercato. De Laurentiis ha fatto molto per il suo club ma ora deve prendere una decisione: una squadra di calcio ambiziosa non può essere gestita sempre come se si trattasse di una azienda qualunque. A volte occorre mettere da parte i concetti di "utile" e "logica" anche se si corre il rischio di perderci qualcosa nel presente. Viceversa si rischia di non fare mai quel salto verso l'eccellenza che il Napoli ha avvicinato negli ultimi anni (proprio grazie a De Laurentiis), ma che ora sembra avere paura di fare.

Chiusura mielosa alla Moccia. 1) Ieri ho avuto l'onore di aprire il settimo workshop sport organizzato da Sportitalia: 132 ragazzi provenienti da tutta Italia hanno ascoltato e chiacchierato con cotanto minchione (cioè, il sottoscritto) di questo e quello. Siete capelloni, giovani, svegli e avete avuto il coraggio di buttarvi nella mischia: a prescindere da come andrà... bravi, bravi, bravi. 2) Grazie ai 450mila che anche settimana scorsa hanno avuto la pazienza di leggere quel che avevo da dire. Per sdebitarmi pensavo di offrire un caffè a tutti. A 0.90 l'uno fanno 405mila euro... Ehm, facciamo che la chiudiamo con un bell'abbraccione virtuale... Grazie, grazie, grazie (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.