VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

10.01.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 65368 volte
Juve, Lamela per Vucinic si fa. Pirlo rimane, Pogba e Conte invece... Inter, Mazzarri a rischio!

La Juve con lo scudetto in tasca si sta già muovendo per il futuro anche e soprattutto per convincere Conte che l'anno prossimo avrà una grande squadra capace di competere anche in Champions. L'allenatore, infatti, non ha ancora deciso se rimanere o accettare le proposte dall'estero. Insiste soprattutto il Manchester, Ferguson si è convinto anche dopo aver parlato con il suo amico Lippi che Conte lo conosce bene, che l'ex centrocampista bianconero è l'ideale per rifondare il Manchester.
Conte deciderà a marzo. Se la Juve investirà, allora proverà ancora a fare bene in Champions, altrimenti lascerà in dote il terzo scudetto e andrà a fare un'altra esperienza.
Lamela sarebbe un segnale forte e Andrea Agnelli lo sa benissimo. Anche per questo ha mandato Marotta in Inghilterra nelle scorse settimane per cercare di tradurre in pratica l'idea di scambiare Vucinic con Lamela. L'operazione piace a tutti.
Lamela è stato pagato 30 milioni l'estate scorsa, Vucinic è valutato 15 milioni dalla Juventus. Si tratta di trattare sulla differenza, i bianconeri vogliono dare un conguaglio attorno ai dieci milioni da mettere in bilancio l'estate prossima. In sostanza ora le due società stanno trattando per uno scambio puro con obbligo di riscatto già fissato a giugno. In Inghilterra hanno capito che Lamela difficilmente si inserirà in un calcio molto più fisico di quello che era abituato a giocare, mentre Vucinic è l'attaccante ideale per il 4-4-2. Conte stravede per Lamela che potrebbe essere utilizzato come esterno nel 4-3-3, ma anche come attaccante centrale con Tevez. Entrambe le società hanno fretta perché i due giocano pochissimo da una parte e dall'altra e servono forze fresche.
La Juve ha chiuso anche l'operazione Pirlo. Il giocatore aveva voglia di provare un'avventura all'estero, ma si è convinto (complice anche la famiglia e le sue attività) che forse è tardi per cambiare abitudini, lingua e paese per esplorare un calcio nuovo. E' stato molto tentato dal ritorno al Milan quando l'ha chiamato il suo amico Maldini e soprattutto quando è arrivata la telefonata di Seedorf, ma Pirlo pensava che l'era Galliani fosse tramontata. Quando ha capito invece che comunque lo zio Fester resterà e il progetto è rivolto ai giovani, non ci sono soldi, non ha voglia di fare il gran ritorno solo per una rivincita morale. Tra l'altro la Juventus lo ha accontentato con un biennale (all'inizio i bianconeri gli avevano offerto solo un anno) confermando la stessa cifra di ingaggio (4 milioni) per la prima stagione e anche per la seconda ma legata alle presenze. Manca solo la firma, ma l'accordo c'è e la stretta di mano con Agnelli pure.
Sarà più difficile, invece, trattenere Pogba. Il suo procuratore (il mitico Raiola) ha capito di avere per le mani un'altra gallina dalle uova d'oro e dopo Ibrahimovic può fare la stessa cosa con Pogba. Il Psg ha fatto più di un sondaggio, lo vuole a tutti i costi, (ma ci sono anche Real e Chelsea), gli ha offerto 7 milioni di ingaggio mentre alla Juve ora ne guadagna uno. Con la rinegoziazione al massimo può salire a 4 (tetto bianconero) se prolungherà il contratto che scade nel 2016.
Operazione molto costosa, difficilissima da chiudere proprio perché Raiola ha portato Pogba alla Juve dal Manchester a parametro o poco più e adesso lo vuole gestire come ritiene più opportuno per monetizzare al massimo. Del resto la Juve (anche volendo) non può alzare l'ingaggio fissato per tutti a 4 milioni come limite massimo. Favorire Pogba sarebbe un effetto valanga con gli altri e i costi salterebbero in aria.
Si pensa quindi a una super cessione di lusso (modello Cavani e oltre) per monetizzare e comprare poi 2-3 giocatori comunque di grande livello a cominciare da Lamela che sarebbe appunto pagato a giugno. Per Pogba, se Raiola dovesse insistere nel non firmare il prolungamento di contratto, la Juventus è intenzionata a chiedere una cifra altissima, vicina agli 80 milioni, anche considerata la giovane età del centrocampista francese. Si cerca il rinnovo con una clausola rescissoria, ma Raiola non ci sente.
La vittoria sulla Roma e la tranquillità ritrovata in campionato dopo l'eliminazione dalla Champions, però hanno comunque permesso alla Juventus di fare già da ora dei piani di rafforzamento e dei programmi decisi per la nuova stagione.
Improvvisamente infuocata, invece, la situazione all'Inter. Il passaggio di proprietà è stato un trauma. Non si sa più chi comanda all'interno della società e dello spogliatoio, c'è un vuoto di potere e di programmi pauroso. La squadra ne ha immediatamente risentito e gli ultimi risultati sono disastrosi. Il buon lavoro fatto da Mazzarri in inizio stagione sembra vanificato, l'eliminazione dalla coppa Italia di ieri sera contro l'Udinese ha trasformato l'ambiente in un polveriera.
C'è chi propone di far fuori immediatamente Mazzarri e di puntare su un allenatore conosciuto a livello internazionale (De Boer?) capace di lavorare anche con i giovani. Per chi non lo avesse ancora capito, infatti, Thohir non ha più grande budget dopo aver speso 300 milioni per comprare la società e il programma dei prossimi anni è il risanamento economico con la politica dei giovani. Improvvisamente sono tornati i tempi duri.
A Napoli, invece, i soldi ce li hanno, ma faticano a trovare i giocatori giusti per alzare il livello come vuole Benitez. Saltato (per ora?) Gonalons, Bigon sta tentando il Verona per Jorginho dopo che la Fiorentina ha allentato la presa. Il Verona però non scende sotto i dieci milioni.
Sempre in casa viola, è stato fissato il budget per il mercato invernale: 10 milioni. Pradè e Macia avevano in mano Heitinga e Mario Suarez dell'Atletico, ma dopo il ko di Rossi serve un attaccante. Suarez resta comunque nel mirino, per l'attacco si spera di convincere Di Natale. L'operazione è partite complici i buoni rapporti (si sta parlando di Cuadrado) con l'Udinese. La moglie vuol tornare a Empoli, lui comunque non resterà in Friuli a fare il dirigente, cinque mesi alla grande di calcio giocato con il ritorno in Europa prima di chiudere la carriera è più di un'idea.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.