VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve mani su Pjanic, e dalla Spagna... la Roma pensa alla difesa, l'Inter pure. Bielsa e la Lazio, Napoli ed Herrera... mercato grandi firme

09.06.2016 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 50756 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus ha in pugno Pjanic. Basterebbe questo forse per decretare già la regina del mercato, anche se siamo soltanto agli inizi di giugno e formalmente non è partita neanche la campagna acquisti. Ma c'è stata l'accelerazione decisiva: nelle scorse ore infatti Marotta e Paratici sono stati a Roma per chiudere nel dettaglio l'accordo con il giocatore, perché la chiave è proprio quella... Andiamo per ordine, la Juventus ha deciso di pagare la clausola, ma poiché al giocatore sarebbe andata una percentuale sulla futura rivendita del 20% la Juventus è come se avesse uno sconto sui 38 milioni indicati nel contratto. Pjanic rinuncia a quei soldi che verranno inseriti nel contratto come stipendio spalmati in 5 anni. Mentre la Roma incasserà 30,4 milioni di euro (facendo una plusvalenza di quasi 26 e mezzo). Ora la trattativa (che fra le società non c'è mai stata) non sarà mai sul prezzo ma sulle modalità di pagamenti. Infatti la clausola imporrebbe una liquidazione del prezzo in unica soluzione, magari potrebbe essere interesse di entrambe (contropartite, un piccolo aumento del prezzo) decidere una forma di pagamento diversa. Ma a questo punto pare difficile che l'affare non si possa fare. E di sicuro una parte importante in questa vicenda l'ha giocata proprio il giocatore. Che senza rinnovo di contratto (il suo con la Roma scade nel 2018) doveva essere venduto e con un prezzo già fissato.
La Juve peraltro potrebbe avere anche la disponibilità economica per chiudere l'operazione in un anno solo (come pagamenti) perché nel frattempo sta anche intavolando una trattativa oer la cessione di Pereyra oer 10 milioni di euro più 3 di bonus al Watford: la Juventus preferirebbe 13,5 subito per non fare minusvalenza e per avere più liquidità possibile per l'affare Pjanic. E Pogba? Trovano le conferme le indiscrezioni rilanciate ieri. Il Real sarebbe interessato eccome e starebbe pensando, come detto, a una superofferta. Anche qui dipenderà molto dal giocatore: la Juve non vuole cederlo, ma in Spagna sono sicuro che la Casa Blanca si sia cominciata a muovere con Raiola.
Mentre invece dopo le notizie della serata potrebbe perdere di forza la paura avuta dai tifosi della Roma su Nainggolan. Dal ritiro ha detto che Conte lo vuole al Chelsea e non sa se resterà alla Roma. L'offerta non è considerata alta dai giallorossi, che soprattutto ora che saranno costretti a veder partire Pjanic lo terranno stretto. E chissà che la vicenda Pjanic non abbia subito un'accelerata dopo l'infortunio di Rudiger che era la chiave per far restare in giallorosso i big a centrocampo. Ora la Roma non solo non può venderlo, ma deve comunque trovare il sostituto: individuato in Ogbonna. Chiesto il prestito al West Ham: la risposta degli inglesi è stata che se qualcuno lo vuole (il Chelsea di Conte, proprio dopo l'infortunio di Rudiger) deve tirare fuori 25 milioni. Le alternative concrete allora sono due: uno è un giovanissimo. Lindelof del Benfica, 21 anni, ma anche in questo caso la richiesta è stata molto alta. L'altro è un vecchio pallino di Sabatini: Juan Jesus dell'Inter. Già a gennaio le due società avevano parlato. La valutazione è intorno ai 15 milioni di euro, ma i rapporti fra le due società sono buoni e è possibile che in qualche modo si riesca a trovare una soluzione. E l'Inter? L'Inter virerebbe su Acerbi in caso di partenza di uno dei big in difesa (Murillo,Miranda, Juan), continua a seguire Candreva con grandissimo interesse, anche se il prezzo iniziale fatto da Lotito è altissimo e si affievoliscono le avances per Handanovic da parte del Psg. Quindi se il portiere rimane, Icardi è incedibile gli indiziati per la partenza sono Murillo e Brozovic.
La Lazio ancora non ha scelto l'attaccante. E Lotito sta contattando molti allenatori. Ora il sogno è Bielsa che è stato incontrato almeno due volte. Chiede almeno 2 milioni e mezzo a stagione, troppo per i parametri della Lazio. Ma a questo punto, sinceramente, sarà difficile vedere Prandelli sulla panchina della Lazio. E soprattutto sarà difficile non considerarlo una seconda scelta dopo che Lotito ha provato a chiamare tutti, mentre aveva già il suo sì.
Il Napoli continua nella serratissima trattativa con il Porto per Herrera. Ora la concorrenza si chiama Liverpool, ma pensate che il procuratore del giocatore è con il ragazzo a Los Angeles, in ritiro, pronto a fargli firmare il contratto. Intanto arriva la prima offerta ufficiale per Fabinho: 11 milioni di euro più bonus al Monaco. E come investimento sui giovani piace moltissimo Keita dell'Entella. Il Napoli potrebbe prenderlo per poi girarlo o al Chievo o al Crotone.
La Fiorentina ha fatto un tentativo per Carrillo dello Sporting Lisbona, ma la valutazione è troppo alta (30 milioni di euro) e intanto Corvino ha deciso che porterà in ritiro il figlio di Hagi, che gioca ora nel Vitorul. Il Torino continua a trattare per Gabriel, il Milan lo darebbe ma soltanto a titolo definitivo. Ancora non è ufficiale a Bergamo l'arrivo di Gasperini solo perché ancora formalmente Gasp non è stato liberato dal Genoa. Legato soprattutto alla situazione di Crotone che prima di liberare formalmente Juric vuole mettere sotto contratto il suo allenatore (De Zerbi? Oddo?). Nel frattempo continua a trattare giocatori la società: difficilmente rimarrà Gabriel Silva (che torna ad Udine), preso Michele Emmausso (clSse 97 ) dalla Caivanese (40 gol nell'ultima stagione) e potrebbe essere girato all'Entella o alla Lucchese. Tentativo anche per Ricci della Roma, che però i giallorossi vorrebbero portare in ritiro. Il Cagliari vorrebbe Padoin dlala Juve e spera di chiudere nelle prossime ore e insiste anche per Rincon del Genoa, ma ancora non c'è l'accordo. La Samp sta trattando Chick, attaccante 20enne dello Sparta Praga. Atalanta ha un'ipotesi Bizzarri se dovesse andar via Sportiello, anche se bisogna far attenzione ad Agazzi: ha ricevuto una buonissima offerta dal Paok, ma ancora non ha deciso. Il Sassuolo ha chiesto Mandragora alla Juve (che non lo da)' l'Empoli domani vorrebbe chiudere Bellusci del Leeds. Il Crotone ancora non ha trovato l'accordo per Ricci e Diq, si rivedranno. Incontri anche con Inter e Fiorentina per Yao e Capezzi. All'Inter chiesto anche Gnoukouri e piace Iemmello del Foggia. Il Chievo ha contattato Verdi che il Carpi dovrebbe riscattare e ci prova anche per Caprari. In B incontro positivo fra Panucci e Latina. Alla Salernitana in B dovrebbe andare Simone Inzaghi. E a proposito di ex giocatori che fanno gli allenatori Zampagna, premiato quest'anno come miglior allenatore in Umbria dai suoi stessi "nuovi" colleghi, ha iniziato con una gavetta dura, dal bassissimo. Ma il lavoro paga: per lui pronta la panchina del Trestina, sempre in Umbria, ma stavolta nei dilettanti: pronto per il salto nei pro, anche da allenatore...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.