VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve: Martial se parte Morata. Ancelotti: punta Marcelo, Alex Sandro Real. Sabatini: è uno o trino? Donnarumma: unico, vero, incedibile

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
26.03.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 38717 volte

Siamo fra coloro che pensano che la Juventus non prenderà Cavani. Un prospetto chilometrato, alla Tevez, la società bianconera ha dimostrato di prenderlo e valorizzarlo sì, ma al giusto prezzo. I costi di Cavani sono un salto triplo rispetto a quelli di Carlitos. Ecco allora che se la spada di Damocle che il Real Madrid tiene sospesa sul capo del direttore Marotta un po' come fece il tiranno di Siracusa, Dionigi, sullo stesso Damocle, dovesse scendere verso il basso provocando la partenza di Morata, il prospetto su cui sarebbe naturale per la Juventus dirigersi dovrebbe avere una età adeguata per sostituire lo spagnolo che è un '92. Non quindi l'87 Cavani, ma Anthony Martial: un talento del 1995 pieno di voglia di riscattarsi dopo l'annus horribilis di Manchester. Anche su Morata la Juventus fece un grande investimento dopo le luci e le ombre di Alvaro nel Real Madrid di Ancelotti. E Martial, con il ricavato di Morata, potrebbe essere la pista giusta. Non sappiamo come si dice Recompra in inglese e non intendiamo andare su google, ma la spada di Damocle è una e la Juventus, nel caso, non vorrà perseverare.

Siamo andati a riguardare la foto dei giocatori festanti del Real Madrid attorno al tavolo della conferenza stampa di Carlo Ancelotti, pochi minuti dopo la consegna della Champions League avvenuta a favore della squadra merengue dopo la finale con l'Atletico Madrid nel Maggio 2015. C'erano, attorno a Carlo, fra gli altri Pepe e Marcelo. Gli unici, forse assieme ad Isco, possibili protagonisti di scambi di mercato. E a ben guardare, le fasce del Bayern una rinfrescata la meriterebbero. Se dovesse partire Marcelo, uno sguardo dalle parti di Alex Sandro il Real Madrid lo butterà. Ed è un vantaggio per la Juventus essere costantemente alle prese con un dialogo con Club del genere. Con il Real parla di Morata, al Bayern ha ceduto Vidal e Coman e c'è Gotze in sospeso dalla scorsa estate. Saranno vasi di ferro le squadre dai grandi fatturati di Monaco di Baviera e di Madrid, ma in questi suoi anni positivi e importanti la Juventus sa farsi rispettare anche se, al giusto prezzo, tutto si può fare. Alex Sandro compreso.

Walter Sabatini è uomo di guizzi, ma anche di tanta tanta continuità. Un Antonio Conte della scrivania. Un dirigente che ha voglia e bisogno di lavoro, tanto lavoro, per nutrirsi, per gratificarsi, per sentirsi sempre dalla parte giusta della trincea. Tutto giusto e tutto bello, corretto, rispettabile. Ad ogni uomo di calcio, la sua dimensione. E' stato spesso accostato al Milan, in questi giorni. Dove ci sono due direttori sportivi, quelli di sempre, il presidente Berlusconi e Adriano Galliani. Dove ci sono ritmi, misure, consuetudini ultra e ultra consolidate. Non sempre è semplice per gli allenatori, anche quelli che hanno vissuto Milan e Milanello per anni, sintonizzarsi sulle frequenza abituali della Casa, figurarsi per gli uomini di scrivania e i direttori sportivi in generale. Ha saputo e alla grande essere uno il direttore in uscita dalla Roma, in questo senso saprebbe essere trino? Walter Sabatini piace ai tifosi rossoneri ed è stimato e apprezzato da tutto il mondo del calcio, Milan compreso. Ci sono momenti in cui saper essere gli uomini giusti al posto giusto non dipende da chi sceglie ma da chi viene scelto. Alle prossime settimane l'ultima o la prima parola.

Abbiamo dovuto attendere, perdona caro Gigio, un campo irlandese, un green di Waterford per cadere nel più totale innamoramento. Dovevate vederlo Donnarumma contro l'Irlanda Under 21, ci riferiamo a chi non lo avesse visto per via dell'orario d'inizio della gara, le 19.00, l'Abbagnale dei pali, lo stabiese rossonero. Sicuro, alto, forte, autorevole, a suo agio. A soli 17 anni e 28 giorni, record italiano destinato a durare nel tempo per un Nazionale Under 21. Un record destinato a durare per tanto tempo, dopo quello sottratto a Sebastiano Rossi. Un altro primato dai guantoni rossoneri anche se stabilito in maglia azzurra. Ma Donna...tranquilli: il Milan non lascia nemmeno finire la frase. Qui non si tratta di offerte irrinunciabili o meno. Non se ne parla. Stavamo per scrivere uomo Milan, poi ci siamo ricordati della sua età. Ragazzo-simbolo Milan allora, senza se e senza tentazioni. Lo stesso dicasi per Alessio Romagnoli. Non è con questi giocatori che il Milan finanzierà il suo mercato prossimo venturo. Sono giovani, sono italiani, sono bravi e predestinati. Non hanno ad esempio le caratteristiche di Stephan El Shaarawy su cui il Milan ha fatto sì mercato in uscita ma dopo due anni e mezzo in cui non c'erano più stati, per tanti e anche comprensibili motivi, suoi segnali in maglia rossonera. Sul resto si discute, si vede, si alza l'asticella alla grande, ma Donnarumma e Romagnoli no. Punti di riferimento per durare davvero negli anni, sempre più tosti e difficili, del grande calcio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.