HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT

20.04.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 15696 volte
© foto di Federico De Luca

Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni dopo la beffa di Madrid.
Ma Juve e Napoli è la storia infinita di questi nostri tempi. C’era da aspettarselo e la sensazione è che il finale sia ancora tutto da scrivere e possa riservare sorprese. Lo penso riguardando le ultime partite giocate dalle due squadre e analizzando il calendario.
Ora le pressioni maggiori sono tutte per la Juventus che deve assolutamente vincere domenica sera. Anche con un pareggio, anche tenendo il Napoli a quattro punti, può diventare tutto molto rischioso quando devi ancora affrontare Inter e Roma in trasferta. Il Napoli invece può andare a Torino con un calendario agevole e la tranquillità di chi sa di avere già fatto qualcosa di importante arrivando secondo e conquistando la Champions e (in teoria) senza niente da perdere. Oggi la Juve ha la testa più pesante, il Napoli più leggera. E se l’esperienza di certe partite e di certe situazioni mi fa pensare che comunque la Juve saprà trovare la chiave giusta per uscirne fuori, il Napoli può comunque diventare un incubo. Fra l’altro in tre partite giocate allo Stadium con il Napoli (due in campionato, una in coppa Italia), Sarri non ha portato via neppure un punto e anche questo nella legge dei grandi numeri è un dato a sfavore di Allegri. Insomma, la Juve si è complicata la vita e questo è evidente. Fa bene Allegri a dire che due mesi fa avrebbe firmato per arrivare con questo vantaggio a questo punto della stagione, ma è altrettanto vero che la favorita per lo scudetto è sempre stata la Juventus per l’organico e la storia. Se non vogliamo tirare in ballo i fatturati.
Come se la giocheranno i due allenatori?
Da Vinovo le cronache raccontano che Pjanic e Mandzukic sono tornati ad allenarsi in gruppo. Molto probabilmente saranno abili e arruolati. Se così fosse, la tentazione più grande potrebbe essere quella di tornare al famoso 4-2-3-1 con il quale la Juve ha eliminato l’anno scorso il Barcellona regalando spettacolo. Ma oggi sono in grado questi giocatori di fare una partita dispendiosa, di imporre il gioco? I dubbi sono tanti. Troppi. Se fossi Allegri ripartirei dalla squadra di Madrid. Ma in questo caso cresce Dybala che rischia di essere il vero problema per domenica sera. Dybala dentro o fuori? Io non avrei dubbi, se Mandzukic ce la fa gioco con il 4-3-3 e sugli esterni piazzo Mandzukic a sinistra e Douglas Costa a destra. Forza, velocità e la giusta imprevedibilità per accompagnare Higuain e le eventuali ripartenze. Del resto Dybala non è lui e la cosa è evidente. Su cinquanta partite a stagione non ne puoi giocare bene quindici-venti soltanto. Con quelle qualità devi essere sempre determinante, ma a questo aggiungiamo anche un carisma che manca e che invece hanno giocatori come Mandzukic. Comunque non è facile privarsi di un giocatore così e me ne rendo conto. Non ho parlato della difesa. Spero che Allegri non si innamori ancora di Barzagli largo a destra. Caso mai, allora, meglio passare al 3-5-2 con Douglas Costa a fare il tornante a destra, Alex Sandro a sinistra e davanti Dybala-Higuain. Ma anche sacrificare Mandzukic è una bella responsabilità.
E Sarri che farà? Sfrutterà la freschezza e l’energia anche psicologica di Milik o partirà con il Trio recuperando Mertens al centro dell’attacco? Anche qui la scelta è complicata, ma la difesa della Juventus va attaccata anche con la fisicità e l’elevazione di Milik. Se il Trio fosse in forma come due mesi fa direi che la palla a terra e la velocità sono armi importanti. Oggi, a velocità più bassa, Milik può essere più decisivo di Mertens. Il belga, poi, entrando con la testa giusta (?) quando gli altri sono stanchi potrebbe essere un’arma letale. E pensare al 4-2-3-1 dall’inizio con il Trio dietro a Milik? Escluso. Sarri poi non avrebbe attaccanti freschi in panchina per cambiare la partita. Quindi penso al Napoli solito con il ritorno di Koulibaly, a centrocampo Allan e Jorginho con Hamsik. Non c’è tattica da prevedere, il Napoli giocherà come sa, alla sua maniera: l’unica.
Lo scudetto o meno, inciderà anche sul futuro dei due allenatori. Se Allegri lo vince, quasi certamente resta. Ci sono da stabilire dei programmi, da fare il punto sugli acquisti, ma questa sembra la strada più logica. Se, viceversa, non dovesse farcela, senza Champions e senza scudetto credo che vorrebbe dire addio.
Per Sarri il discorso è l’opposto. Come vi abbiamo anticipato due mesi fa, De Laurentiis ha rivelato in settimana di avere fatto la sua proposta a Sarri. All’allenatore è piaciuta, ma ha chiesto di entrare nei dettagli soltanto a fine stagione. Se dovesse vincere lo scudetto, dopo uno shock emozionale così forte, Sarri vorrà capire se troverà ancora dentro di se gli stimoli per ripartire nella stessa piazza. Dubbio legittimo. Eventualmente le soluzioni e le offerte non mancherebbero né per l’uno, né per l’altro. Il discorso panchine è bollente e il risiko non è ancora partito.
Una corsa invece è finita da qualche giorno, è quella per la panchina azzurra. Il nuovo Ct sarà Roberto Mancini come ampiamente previsto dopo il no di Ancelotti che storicamente è arrivato in febbraio. L’ufficialità della Federcalcio soltanto a campionato finito. Ora si cercano altre figure, è stato contattato anche Paolo Maldini che riflette. L’idea è quella di strutturare la Nazionale come un club con un presidente del Club, un manager, team manager e così via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti 25.03 - Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510