HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT

20.04.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 15676 volte
© foto di Federico De Luca

Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni dopo la beffa di Madrid.
Ma Juve e Napoli è la storia infinita di questi nostri tempi. C’era da aspettarselo e la sensazione è che il finale sia ancora tutto da scrivere e possa riservare sorprese. Lo penso riguardando le ultime partite giocate dalle due squadre e analizzando il calendario.
Ora le pressioni maggiori sono tutte per la Juventus che deve assolutamente vincere domenica sera. Anche con un pareggio, anche tenendo il Napoli a quattro punti, può diventare tutto molto rischioso quando devi ancora affrontare Inter e Roma in trasferta. Il Napoli invece può andare a Torino con un calendario agevole e la tranquillità di chi sa di avere già fatto qualcosa di importante arrivando secondo e conquistando la Champions e (in teoria) senza niente da perdere. Oggi la Juve ha la testa più pesante, il Napoli più leggera. E se l’esperienza di certe partite e di certe situazioni mi fa pensare che comunque la Juve saprà trovare la chiave giusta per uscirne fuori, il Napoli può comunque diventare un incubo. Fra l’altro in tre partite giocate allo Stadium con il Napoli (due in campionato, una in coppa Italia), Sarri non ha portato via neppure un punto e anche questo nella legge dei grandi numeri è un dato a sfavore di Allegri. Insomma, la Juve si è complicata la vita e questo è evidente. Fa bene Allegri a dire che due mesi fa avrebbe firmato per arrivare con questo vantaggio a questo punto della stagione, ma è altrettanto vero che la favorita per lo scudetto è sempre stata la Juventus per l’organico e la storia. Se non vogliamo tirare in ballo i fatturati.
Come se la giocheranno i due allenatori?
Da Vinovo le cronache raccontano che Pjanic e Mandzukic sono tornati ad allenarsi in gruppo. Molto probabilmente saranno abili e arruolati. Se così fosse, la tentazione più grande potrebbe essere quella di tornare al famoso 4-2-3-1 con il quale la Juve ha eliminato l’anno scorso il Barcellona regalando spettacolo. Ma oggi sono in grado questi giocatori di fare una partita dispendiosa, di imporre il gioco? I dubbi sono tanti. Troppi. Se fossi Allegri ripartirei dalla squadra di Madrid. Ma in questo caso cresce Dybala che rischia di essere il vero problema per domenica sera. Dybala dentro o fuori? Io non avrei dubbi, se Mandzukic ce la fa gioco con il 4-3-3 e sugli esterni piazzo Mandzukic a sinistra e Douglas Costa a destra. Forza, velocità e la giusta imprevedibilità per accompagnare Higuain e le eventuali ripartenze. Del resto Dybala non è lui e la cosa è evidente. Su cinquanta partite a stagione non ne puoi giocare bene quindici-venti soltanto. Con quelle qualità devi essere sempre determinante, ma a questo aggiungiamo anche un carisma che manca e che invece hanno giocatori come Mandzukic. Comunque non è facile privarsi di un giocatore così e me ne rendo conto. Non ho parlato della difesa. Spero che Allegri non si innamori ancora di Barzagli largo a destra. Caso mai, allora, meglio passare al 3-5-2 con Douglas Costa a fare il tornante a destra, Alex Sandro a sinistra e davanti Dybala-Higuain. Ma anche sacrificare Mandzukic è una bella responsabilità.
E Sarri che farà? Sfrutterà la freschezza e l’energia anche psicologica di Milik o partirà con il Trio recuperando Mertens al centro dell’attacco? Anche qui la scelta è complicata, ma la difesa della Juventus va attaccata anche con la fisicità e l’elevazione di Milik. Se il Trio fosse in forma come due mesi fa direi che la palla a terra e la velocità sono armi importanti. Oggi, a velocità più bassa, Milik può essere più decisivo di Mertens. Il belga, poi, entrando con la testa giusta (?) quando gli altri sono stanchi potrebbe essere un’arma letale. E pensare al 4-2-3-1 dall’inizio con il Trio dietro a Milik? Escluso. Sarri poi non avrebbe attaccanti freschi in panchina per cambiare la partita. Quindi penso al Napoli solito con il ritorno di Koulibaly, a centrocampo Allan e Jorginho con Hamsik. Non c’è tattica da prevedere, il Napoli giocherà come sa, alla sua maniera: l’unica.
Lo scudetto o meno, inciderà anche sul futuro dei due allenatori. Se Allegri lo vince, quasi certamente resta. Ci sono da stabilire dei programmi, da fare il punto sugli acquisti, ma questa sembra la strada più logica. Se, viceversa, non dovesse farcela, senza Champions e senza scudetto credo che vorrebbe dire addio.
Per Sarri il discorso è l’opposto. Come vi abbiamo anticipato due mesi fa, De Laurentiis ha rivelato in settimana di avere fatto la sua proposta a Sarri. All’allenatore è piaciuta, ma ha chiesto di entrare nei dettagli soltanto a fine stagione. Se dovesse vincere lo scudetto, dopo uno shock emozionale così forte, Sarri vorrà capire se troverà ancora dentro di se gli stimoli per ripartire nella stessa piazza. Dubbio legittimo. Eventualmente le soluzioni e le offerte non mancherebbero né per l’uno, né per l’altro. Il discorso panchine è bollente e il risiko non è ancora partito.
Una corsa invece è finita da qualche giorno, è quella per la panchina azzurra. Il nuovo Ct sarà Roberto Mancini come ampiamente previsto dopo il no di Ancelotti che storicamente è arrivato in febbraio. L’ufficialità della Federcalcio soltanto a campionato finito. Ora si cercano altre figure, è stato contattato anche Paolo Maldini che riflette. L’idea è quella di strutturare la Nazionale come un club con un presidente del Club, un manager, team manager e così via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi 22.07 - Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy