HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT

20.04.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 15684 volte
© foto di Federico De Luca

Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni dopo la beffa di Madrid.
Ma Juve e Napoli è la storia infinita di questi nostri tempi. C’era da aspettarselo e la sensazione è che il finale sia ancora tutto da scrivere e possa riservare sorprese. Lo penso riguardando le ultime partite giocate dalle due squadre e analizzando il calendario.
Ora le pressioni maggiori sono tutte per la Juventus che deve assolutamente vincere domenica sera. Anche con un pareggio, anche tenendo il Napoli a quattro punti, può diventare tutto molto rischioso quando devi ancora affrontare Inter e Roma in trasferta. Il Napoli invece può andare a Torino con un calendario agevole e la tranquillità di chi sa di avere già fatto qualcosa di importante arrivando secondo e conquistando la Champions e (in teoria) senza niente da perdere. Oggi la Juve ha la testa più pesante, il Napoli più leggera. E se l’esperienza di certe partite e di certe situazioni mi fa pensare che comunque la Juve saprà trovare la chiave giusta per uscirne fuori, il Napoli può comunque diventare un incubo. Fra l’altro in tre partite giocate allo Stadium con il Napoli (due in campionato, una in coppa Italia), Sarri non ha portato via neppure un punto e anche questo nella legge dei grandi numeri è un dato a sfavore di Allegri. Insomma, la Juve si è complicata la vita e questo è evidente. Fa bene Allegri a dire che due mesi fa avrebbe firmato per arrivare con questo vantaggio a questo punto della stagione, ma è altrettanto vero che la favorita per lo scudetto è sempre stata la Juventus per l’organico e la storia. Se non vogliamo tirare in ballo i fatturati.
Come se la giocheranno i due allenatori?
Da Vinovo le cronache raccontano che Pjanic e Mandzukic sono tornati ad allenarsi in gruppo. Molto probabilmente saranno abili e arruolati. Se così fosse, la tentazione più grande potrebbe essere quella di tornare al famoso 4-2-3-1 con il quale la Juve ha eliminato l’anno scorso il Barcellona regalando spettacolo. Ma oggi sono in grado questi giocatori di fare una partita dispendiosa, di imporre il gioco? I dubbi sono tanti. Troppi. Se fossi Allegri ripartirei dalla squadra di Madrid. Ma in questo caso cresce Dybala che rischia di essere il vero problema per domenica sera. Dybala dentro o fuori? Io non avrei dubbi, se Mandzukic ce la fa gioco con il 4-3-3 e sugli esterni piazzo Mandzukic a sinistra e Douglas Costa a destra. Forza, velocità e la giusta imprevedibilità per accompagnare Higuain e le eventuali ripartenze. Del resto Dybala non è lui e la cosa è evidente. Su cinquanta partite a stagione non ne puoi giocare bene quindici-venti soltanto. Con quelle qualità devi essere sempre determinante, ma a questo aggiungiamo anche un carisma che manca e che invece hanno giocatori come Mandzukic. Comunque non è facile privarsi di un giocatore così e me ne rendo conto. Non ho parlato della difesa. Spero che Allegri non si innamori ancora di Barzagli largo a destra. Caso mai, allora, meglio passare al 3-5-2 con Douglas Costa a fare il tornante a destra, Alex Sandro a sinistra e davanti Dybala-Higuain. Ma anche sacrificare Mandzukic è una bella responsabilità.
E Sarri che farà? Sfrutterà la freschezza e l’energia anche psicologica di Milik o partirà con il Trio recuperando Mertens al centro dell’attacco? Anche qui la scelta è complicata, ma la difesa della Juventus va attaccata anche con la fisicità e l’elevazione di Milik. Se il Trio fosse in forma come due mesi fa direi che la palla a terra e la velocità sono armi importanti. Oggi, a velocità più bassa, Milik può essere più decisivo di Mertens. Il belga, poi, entrando con la testa giusta (?) quando gli altri sono stanchi potrebbe essere un’arma letale. E pensare al 4-2-3-1 dall’inizio con il Trio dietro a Milik? Escluso. Sarri poi non avrebbe attaccanti freschi in panchina per cambiare la partita. Quindi penso al Napoli solito con il ritorno di Koulibaly, a centrocampo Allan e Jorginho con Hamsik. Non c’è tattica da prevedere, il Napoli giocherà come sa, alla sua maniera: l’unica.
Lo scudetto o meno, inciderà anche sul futuro dei due allenatori. Se Allegri lo vince, quasi certamente resta. Ci sono da stabilire dei programmi, da fare il punto sugli acquisti, ma questa sembra la strada più logica. Se, viceversa, non dovesse farcela, senza Champions e senza scudetto credo che vorrebbe dire addio.
Per Sarri il discorso è l’opposto. Come vi abbiamo anticipato due mesi fa, De Laurentiis ha rivelato in settimana di avere fatto la sua proposta a Sarri. All’allenatore è piaciuta, ma ha chiesto di entrare nei dettagli soltanto a fine stagione. Se dovesse vincere lo scudetto, dopo uno shock emozionale così forte, Sarri vorrà capire se troverà ancora dentro di se gli stimoli per ripartire nella stessa piazza. Dubbio legittimo. Eventualmente le soluzioni e le offerte non mancherebbero né per l’uno, né per l’altro. Il discorso panchine è bollente e il risiko non è ancora partito.
Una corsa invece è finita da qualche giorno, è quella per la panchina azzurra. Il nuovo Ct sarà Roberto Mancini come ampiamente previsto dopo il no di Ancelotti che storicamente è arrivato in febbraio. L’ufficialità della Federcalcio soltanto a campionato finito. Ora si cercano altre figure, è stato contattato anche Paolo Maldini che riflette. L’idea è quella di strutturare la Nazionale come un club con un presidente del Club, un manager, team manager e così via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy