HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT

20.04.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 15694 volte
© foto di Federico De Luca

Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni dopo la beffa di Madrid.
Ma Juve e Napoli è la storia infinita di questi nostri tempi. C’era da aspettarselo e la sensazione è che il finale sia ancora tutto da scrivere e possa riservare sorprese. Lo penso riguardando le ultime partite giocate dalle due squadre e analizzando il calendario.
Ora le pressioni maggiori sono tutte per la Juventus che deve assolutamente vincere domenica sera. Anche con un pareggio, anche tenendo il Napoli a quattro punti, può diventare tutto molto rischioso quando devi ancora affrontare Inter e Roma in trasferta. Il Napoli invece può andare a Torino con un calendario agevole e la tranquillità di chi sa di avere già fatto qualcosa di importante arrivando secondo e conquistando la Champions e (in teoria) senza niente da perdere. Oggi la Juve ha la testa più pesante, il Napoli più leggera. E se l’esperienza di certe partite e di certe situazioni mi fa pensare che comunque la Juve saprà trovare la chiave giusta per uscirne fuori, il Napoli può comunque diventare un incubo. Fra l’altro in tre partite giocate allo Stadium con il Napoli (due in campionato, una in coppa Italia), Sarri non ha portato via neppure un punto e anche questo nella legge dei grandi numeri è un dato a sfavore di Allegri. Insomma, la Juve si è complicata la vita e questo è evidente. Fa bene Allegri a dire che due mesi fa avrebbe firmato per arrivare con questo vantaggio a questo punto della stagione, ma è altrettanto vero che la favorita per lo scudetto è sempre stata la Juventus per l’organico e la storia. Se non vogliamo tirare in ballo i fatturati.
Come se la giocheranno i due allenatori?
Da Vinovo le cronache raccontano che Pjanic e Mandzukic sono tornati ad allenarsi in gruppo. Molto probabilmente saranno abili e arruolati. Se così fosse, la tentazione più grande potrebbe essere quella di tornare al famoso 4-2-3-1 con il quale la Juve ha eliminato l’anno scorso il Barcellona regalando spettacolo. Ma oggi sono in grado questi giocatori di fare una partita dispendiosa, di imporre il gioco? I dubbi sono tanti. Troppi. Se fossi Allegri ripartirei dalla squadra di Madrid. Ma in questo caso cresce Dybala che rischia di essere il vero problema per domenica sera. Dybala dentro o fuori? Io non avrei dubbi, se Mandzukic ce la fa gioco con il 4-3-3 e sugli esterni piazzo Mandzukic a sinistra e Douglas Costa a destra. Forza, velocità e la giusta imprevedibilità per accompagnare Higuain e le eventuali ripartenze. Del resto Dybala non è lui e la cosa è evidente. Su cinquanta partite a stagione non ne puoi giocare bene quindici-venti soltanto. Con quelle qualità devi essere sempre determinante, ma a questo aggiungiamo anche un carisma che manca e che invece hanno giocatori come Mandzukic. Comunque non è facile privarsi di un giocatore così e me ne rendo conto. Non ho parlato della difesa. Spero che Allegri non si innamori ancora di Barzagli largo a destra. Caso mai, allora, meglio passare al 3-5-2 con Douglas Costa a fare il tornante a destra, Alex Sandro a sinistra e davanti Dybala-Higuain. Ma anche sacrificare Mandzukic è una bella responsabilità.
E Sarri che farà? Sfrutterà la freschezza e l’energia anche psicologica di Milik o partirà con il Trio recuperando Mertens al centro dell’attacco? Anche qui la scelta è complicata, ma la difesa della Juventus va attaccata anche con la fisicità e l’elevazione di Milik. Se il Trio fosse in forma come due mesi fa direi che la palla a terra e la velocità sono armi importanti. Oggi, a velocità più bassa, Milik può essere più decisivo di Mertens. Il belga, poi, entrando con la testa giusta (?) quando gli altri sono stanchi potrebbe essere un’arma letale. E pensare al 4-2-3-1 dall’inizio con il Trio dietro a Milik? Escluso. Sarri poi non avrebbe attaccanti freschi in panchina per cambiare la partita. Quindi penso al Napoli solito con il ritorno di Koulibaly, a centrocampo Allan e Jorginho con Hamsik. Non c’è tattica da prevedere, il Napoli giocherà come sa, alla sua maniera: l’unica.
Lo scudetto o meno, inciderà anche sul futuro dei due allenatori. Se Allegri lo vince, quasi certamente resta. Ci sono da stabilire dei programmi, da fare il punto sugli acquisti, ma questa sembra la strada più logica. Se, viceversa, non dovesse farcela, senza Champions e senza scudetto credo che vorrebbe dire addio.
Per Sarri il discorso è l’opposto. Come vi abbiamo anticipato due mesi fa, De Laurentiis ha rivelato in settimana di avere fatto la sua proposta a Sarri. All’allenatore è piaciuta, ma ha chiesto di entrare nei dettagli soltanto a fine stagione. Se dovesse vincere lo scudetto, dopo uno shock emozionale così forte, Sarri vorrà capire se troverà ancora dentro di se gli stimoli per ripartire nella stessa piazza. Dubbio legittimo. Eventualmente le soluzioni e le offerte non mancherebbero né per l’uno, né per l’altro. Il discorso panchine è bollente e il risiko non è ancora partito.
Una corsa invece è finita da qualche giorno, è quella per la panchina azzurra. Il nuovo Ct sarà Roberto Mancini come ampiamente previsto dopo il no di Ancelotti che storicamente è arrivato in febbraio. L’ufficialità della Federcalcio soltanto a campionato finito. Ora si cercano altre figure, è stato contattato anche Paolo Maldini che riflette. L’idea è quella di strutturare la Nazionale come un club con un presidente del Club, un manager, team manager e così via.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->