VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Juve Napoli, filosofie (di mercato) a confronto. Chi cambia e chi tiene: tutti i numeri. E Gattuso ha invece una doppia responsabilità

30.11.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 12265 volte
© foto di Federico De Luca

Juve e Napoli è la sfida fra due filosofie. Non è solo la sfida fra le due regine del nostro campionato (anche se in questo momento l'Inter sembra proprio aver lanciato il guanto di sfida per potersi inserire nel duello) ma fra due modi di vedere il calcio e di programmare per arrivare in vetta. Conservativo il Napoli, la Juve invece ama cambiare. Sia sul campo (prendete Sarri con i suoi titolarissimi e il suo 433 e mettetelo contro Allegri e le sue scelte non ancora definitive e con un sistema di gioco variabile) che sul mercato.
E proprio di mercato allora parliamo. Non di quello futuro, nonostante il Napoli e la Juve al futuro guardano già da oggi, per continuare a migliorarsi ed essere competitivi. Ma proprio per capire le due filosofie che hanno animato Napoli e Juve. Sono lampanti, basta guardare i numeri.
Il Napoli ha speso 14 milioni sul mercato (più 10 per Inglese) la Juve ne ha spesi 10 volte tanto, o quasi: 104 milioni più i 40 dell'obbligo di riscatto di Douglas Costa. Due giocatori nuovi per il Napoli, sette per la Juve. E anche l'utilizzo dei giocatori chiaramente è all'opposto. Il Napoli ha fatto giocare i nuovi per appena 216 minuti in totale in campionato: ovvero 1,5% dei minuti totali. I nuovi azzurri non sono titolari: sono di "contorno", servono per aumentare la competitività della rosa, non dei titolari. Nettamente diverso quello che succede in casa bianconera: 3533 i minuti giocati dai nuovi, pari al 18% dei minuti complessivi. Non è un dato enorme (la Fiorentina per esempio utilizza i nuovi quasi per il 70% dei minuti) ma considerate pure che finora i nuovi sono stati centellinati da Allegri (per diversi motivi, infortuni compresi) ma che in prospettiva l'inserimento graduale (che è sempre stato un marchio di Allegri) porterà poi la Juve ad avere una base di titolari più solida.
La sfida di venerdì sarà più decisiva per la Juve che per il Napoli. Una vittoria degli uomini di Sarri non significherà ipoteca (c'è ancora la famosa terza incomoda, dovesse continuare a stupire, soprattutto) ma potrebbe essere un distacco psicologico importante sulla Juve di un certo rilievo. Ecco perché se venerdì non si assegna lo scudetto sarà comunque una partita da un significato molto molto importante.
Un significato altrettanto importante, anche se la sfida è decisamente meno affascinante, lo avrà anche Benevento-Milan. L'esonero di Montella ha alzato molto la pressione in casa rossonera. Era come se Montella fosse lo scudo delle critiche. Ora tutti a Milanello si sentono più nudi. Il progetto del Milan dipende più che mai dai giocatori: la campagna acquisti faraonica dell'estate aveva portato tutti (e questo vale la pena sottolinearlo, nonostante ora le critiche cominciano a muoversi anche in quella direzione) a complimenti alla tempestività e alla rapidità con cui Mirabelli e Fassone avevano approntato la squadra. A detta di tutti (e con piena soddisfazione dei due dirigenti) migliorando nettamente la squadra dello scorso anno. I risultati non stanno confermando i pronostici: il primo a pagarne le conseguenze è stato proprio Montella che non ha trovato in questi mesi la chiave giusta per accendere questo Milan. Ci riuscirà Gattuso? Per questo c'è grande curiosità... dalla risposta a questa domanda dipenderà molto anche della validità del progetto rossonero, almeno quella mediatica. A Gattuso di fatto non si chiede soltanto di fare risultati e di risollevare il Milan, ma di invertire questo trend, dimostrare di fatto che i giocatori erano semplicemente involuti o bloccati. Ma tecnicamente validi. Non è semplice e neanche scontato.
Sarà un weekend non banale, insomma. Con il mercato sullo sfondo, come sempre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.