HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Juve Napoli, filosofie (di mercato) a confronto. Chi cambia e chi tiene: tutti i numeri. E Gattuso ha invece una doppia responsabilità

30.11.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 13024 volte
© foto di Federico De Luca

Juve e Napoli è la sfida fra due filosofie. Non è solo la sfida fra le due regine del nostro campionato (anche se in questo momento l'Inter sembra proprio aver lanciato il guanto di sfida per potersi inserire nel duello) ma fra due modi di vedere il calcio e di programmare per arrivare in vetta. Conservativo il Napoli, la Juve invece ama cambiare. Sia sul campo (prendete Sarri con i suoi titolarissimi e il suo 433 e mettetelo contro Allegri e le sue scelte non ancora definitive e con un sistema di gioco variabile) che sul mercato.
E proprio di mercato allora parliamo. Non di quello futuro, nonostante il Napoli e la Juve al futuro guardano già da oggi, per continuare a migliorarsi ed essere competitivi. Ma proprio per capire le due filosofie che hanno animato Napoli e Juve. Sono lampanti, basta guardare i numeri.
Il Napoli ha speso 14 milioni sul mercato (più 10 per Inglese) la Juve ne ha spesi 10 volte tanto, o quasi: 104 milioni più i 40 dell'obbligo di riscatto di Douglas Costa. Due giocatori nuovi per il Napoli, sette per la Juve. E anche l'utilizzo dei giocatori chiaramente è all'opposto. Il Napoli ha fatto giocare i nuovi per appena 216 minuti in totale in campionato: ovvero 1,5% dei minuti totali. I nuovi azzurri non sono titolari: sono di "contorno", servono per aumentare la competitività della rosa, non dei titolari. Nettamente diverso quello che succede in casa bianconera: 3533 i minuti giocati dai nuovi, pari al 18% dei minuti complessivi. Non è un dato enorme (la Fiorentina per esempio utilizza i nuovi quasi per il 70% dei minuti) ma considerate pure che finora i nuovi sono stati centellinati da Allegri (per diversi motivi, infortuni compresi) ma che in prospettiva l'inserimento graduale (che è sempre stato un marchio di Allegri) porterà poi la Juve ad avere una base di titolari più solida.
La sfida di venerdì sarà più decisiva per la Juve che per il Napoli. Una vittoria degli uomini di Sarri non significherà ipoteca (c'è ancora la famosa terza incomoda, dovesse continuare a stupire, soprattutto) ma potrebbe essere un distacco psicologico importante sulla Juve di un certo rilievo. Ecco perché se venerdì non si assegna lo scudetto sarà comunque una partita da un significato molto molto importante.
Un significato altrettanto importante, anche se la sfida è decisamente meno affascinante, lo avrà anche Benevento-Milan. L'esonero di Montella ha alzato molto la pressione in casa rossonera. Era come se Montella fosse lo scudo delle critiche. Ora tutti a Milanello si sentono più nudi. Il progetto del Milan dipende più che mai dai giocatori: la campagna acquisti faraonica dell'estate aveva portato tutti (e questo vale la pena sottolinearlo, nonostante ora le critiche cominciano a muoversi anche in quella direzione) a complimenti alla tempestività e alla rapidità con cui Mirabelli e Fassone avevano approntato la squadra. A detta di tutti (e con piena soddisfazione dei due dirigenti) migliorando nettamente la squadra dello scorso anno. I risultati non stanno confermando i pronostici: il primo a pagarne le conseguenze è stato proprio Montella che non ha trovato in questi mesi la chiave giusta per accendere questo Milan. Ci riuscirà Gattuso? Per questo c'è grande curiosità... dalla risposta a questa domanda dipenderà molto anche della validità del progetto rossonero, almeno quella mediatica. A Gattuso di fatto non si chiede soltanto di fare risultati e di risollevare il Milan, ma di invertire questo trend, dimostrare di fatto che i giocatori erano semplicemente involuti o bloccati. Ma tecnicamente validi. Non è semplice e neanche scontato.
Sarà un weekend non banale, insomma. Con il mercato sullo sfondo, come sempre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy