HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, ora Allegri è più vicino a rimanere. Conte al Napoli difficile. Talisca e Coric per la Roma

12.05.2018 00:00 di Niccolò Ceccarini  Twitter:    articolo letto 20470 volte

La tentazione Arsenal c’è sempre, l’idea di rilanciare un club ambizioso come quello inglese non è tramontata in maniera definitiva, ma la novità ora è che Allegri potrebbe restare in bianconero almeno un altro anno. E questa è la conferma che nel mercato gli scenari cambiano in fretta. Una settimana fa i dubbi dell’allenatore livornese erano più grossi, tant’è che vi avevo parlato anche di alcuni eventuali successori in caso di addio (Simone Inzaghi, l’idea Carrera) ora però i pensieri sono diversi. E non solo perché è arrivata la quarta Coppa Italia consecutiva. Il pressing e la ripetuta stima della società stanno convincendo Allegri. Il tecnico ha apprezzato molto, in più gli è arrivato anche il messaggio che più di ogni altro si aspettava: la Juventus ripartirà con una squadra ancora più forte. E questo è lo stimolo giusto, per riprovarci soprattutto in Champions League. L’unico tassello che manca ancora e sfiorato con le due finali raggiunte in tre anni a Berlino e Cardiff. Una Juventus che non avrà più Buffon come leader in campo e nello spogliatoio ma pronta a fare una campagna acquisti di primissimo livello. Con nuovi arrivi come Emre Can, con un ricambio generazionale e chissà magari anche con qualche clamoroso ritorno come quello di Morata. A fine campionato l’incontro con Marotta e Paratici dovrebbe portare alla fumata bianca, salvo colpi di scena. Diversa la situazione di Sarri. La sensazione è che alla fine lascerà il Napoli. Se dovessi fare una percentuale ora direi 75 per cento che parte, 25 che resta. C’è da capire come. Mi spiego meglio: tecnicamente esiste una clausola rescissoria di 8 milioni di euro che scade il 31 maggio. Chi la paga si prende l’allenatore. Pochissime le possibilità che questo accada. Se non ci dovesse essere intesa sul progetto sportivo inutile andare avanti, un accordo per interrompere il rapporto alla fine si troverà. Giuntoli intanto sta già lavorando per la prossima stagione. Per la panchina come vi ho già detto va tenuto presente Paulo Fonseca, anche se De Laurentiis vorrebbe fare un tentativo con Conte, ormai vicinissimo ai saluti con il Chelsea. La lista degli allenatori italiani comprende anche Giampaolo, Simone Inzaghi e Gasperini. Occhio anche a Mertens. Ha una clausola di 28 milioni di euro e potrebbe anche andare all’estero, in Premier League. Anche la Roma sta lavorando in prospettiva. Monchi è a caccia di talenti e di giocatori pronti a decollare definitivamente. Per il centrocampo l’operazione in dirittura d’arrivo è quella di Ante Coric, gioiellino della Dinamo Zagabria, che sta facendo benissimo in Croazia. E’ un classe ’97, nazionale Under 21 ma nel giro anche della maggiore. Un’operazione da 10 milioni di euro. Ma come è stato scritto anche dalla redazione di Tuttomercatoweb va tenuta in grande considerazione la pista che porta a Talisca, attaccante di proprietà del Benfica, in prestito al Besiktas, che ha un diritto di riscatto fissato a 21 milioni di euro. La Roma è alla finestra, pronta a inserirsi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus e Real quanti intrecci: Marcelo e Isco per Dybala, ecco l’ultima idea di mercato. Hamsik al Dalian. Saint Maximin è l’esterno che il Milan ha scelto per l’anno prossimo. Per il futuro di Spalletti decisivi i prossimi 2 mesi 09.02 - Il tempo non manca ma il quadro delle operazioni per giugno comincia a delinearsi. La Juventus è sempre molto attiva. In casa bianconera sono in atto alcune riflessioni. È chiaro che in estate il lavoro non mancherà. Paratic, che ha già preso Ramsey, vuole ulteriormente rafforzare...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, c’è Mourinho e non Conte per il dopo-Spalletti. Milinkovic Savic al Milan, Chiesa e Barella nerazzurri, Isco alla Juve, Mancini alla Roma: tutti gli obiettivi del mercato estivo 08.02 - Dopo aver incontrato Conte che stava andando a comprare un divano sotto la sede dell’Inter, prima o poi qualcuno si imbatterà anche in Mourinho mentre passeggia gustandosi un gelato. Chissà…Miracoli, allucinazioni, miraggi e realtà del mercato. Sono d’accordo con Spalletti, certi...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Che mercato è stato? Lo dicono i numeri... dietrofront Napoli: Hamsik rimane qui 07.02 - Partiamo dall’ultima notizia che ha movimentato le redazioni di tutta Italia (e forse anche di tutta la Cina). Il Napoli ha comunicato con un tweet che ha deciso di “soprassedere” per questioni legate alle modalità di pagamento relative alla trattativa Hamsik. Può saltare un’operazione...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allenatori sull’orlo di una crisi di nervi: Spalletti e quell’unica cosa che lo può salvare; Allegri e il caso Dybala; Di Francesco e una sentenza quasi scritta. Gattuso e Ancelotti ridono, protetti dalla società 06.02 - Come diceva Trapattoni, gli allenatori si dividono in due categorie: quelli che sono stati esonerati, e quelli che lo saranno. E febbraio è un buon momento per mettere a friggere un allenatore e il suo destino, visto che certe situazioni cominciano a non avere ritorno. Il problema...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510