VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve ora i dettagli, l'Inter e la strategia per Lucas, a Napoli il dopo Lavezzi non è solo Pandev. L'erede di Pandev, gli arabi e il Milan...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come caposervizio e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
07.06.2012 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 41533 volte
© foto di Micri Comunication

Che la Juventus avesse cominciato a fare sul serio lo avevamo già capito ieri. Quando era stato raggiunto un accordo di massima con l'Udinese per Isla e Asamoah. Oggi è stato il turno dei giocatori. Incontri con il procuratore dei due centrocampisti. Per limare i dettagli, per parlare di futuro. Perché se è vero che tecnicamente la Juventus parla di comproprietà, in realtà questa è un'operazione da 30 milioni di euro. Per la precisione 32, visto che siamo ai dettagli. E mentre i ragazzi dovrebbero poi sbarcare a Torino la prossima settimana (Asamoah sabato giocherà con la nazionale, Isla sta recuperando dall'infortunio in Cile) per firme e visite mediche, Juve e Udinese si dovranno incontrare per definire il tutto. Anche le contropartite. In cui non ci sarà Pazienza (l'Udinese ha già bloccato altri due giocatori in quel ruolo), in cui la Juve propone Sorensen, in cui l'Udinese rilancia con Marrone. Ecco questo manca. Per il resto l'accordo c'è. Dettagli appunto.
Sarà necessario incontrarsi di nuovo con il Pescara per Verratti. C'è l'intesa con il giocatore, non con la società. Incontro mercoledì e attenzione agli interessi internazionali (Psg e City?).
Manca invece qualcosa di più (tanto per utilizzare un eufemismo) per vedere in Italia Lucas. Sarebbe previsto un viaggio di Branca in Brasile, per capire meglio la situazione. Che al momento è: 18 milioni di euro al San Paolo, 7 milioni di euro al gruppo di imprenditori che detiene una percentuale del cartellino. Ma 25 milioni (18+7) non bastano. Ne servono molto di più. Tanto che l'Inter sta studiando con la Pirelli una possibile compartecipazione. Visto che il mercato brasiliano per lo sponsor storico dell'Inter è cruciale e che Lucas è uno dei talenti più puri della nazionale verdeoro. Se all'Inter dovessero riuscire ad incastrare tutte le esigenze farebbero un colpaccio. Al momento nulla è certo, tranne l'intenzione. E' per questo che Muller al momento non è una priorità. E' per questo che nel frattempo, in maniera cauta, l'Inter si è rifatta sotto per Giovinco. E il Parma, sempre cautamente, ha chiesto Coutinho, che però per Stramaccioni è incedibile. Arriverà Andreolli (oggi ulteriore incontro con il Chievo), nel mirino Handanovic, tanto che giovedì è previsto un incontro con il Palermo per riparlare di Viviano (magari da poter inserire anche nella trattativa Silvestre?). Dalla Francia scrivono che il sostituto di Maicon sarà Debuchy, che piace anche alla Roma. Alla Roma dove rimarrà Pizarro (che ha rifiutato un'offerta dallo Shanghai Shenhua da 6,5 mln per i prossimi due anni), si continua a pensare a G Rossi. Tutti smentiscono, anche con vigore, ma la Roma ci sta pensando eccome. Prenderlo a prezzi di saldo (seppure infortunato) è un'occasione da non sottovalutare.
Come i pranzi di Berlusconi. Che il 14 giugno incontrerà El Haktoum, primo ministro degli Emirati Arabi. Chissà che tra una portata e l'altra non si parli anche di calcio, di Milan, di possibili ingressi. Con i loro soldi sarebbe decisamente più facile trattenere sia Ibra che Thiago Silva.
A Napoli è iniziato il dopo-Lavezzi. E si chiama Pandev, naturalmente. Che dalla Macedonia giura amore eterno: "Spero di chiudere la carriera al Napoli". E poi il terzino sinistro (in pole Cissokho, per cui il Lione non chiede meno di 11 milioni), idea Gamberini per la difesa, un centrocampista incontrista (Diarra è il preferito ma il più caro).
All'Udinese visto che le cessioni sono praticamente definite potrebbe non partire più Cuadrado (che era cercato dal Napoli), il Palermo venerdì incontrerà Miccoli, offerti tre anni a Balzaretti, Sannino sarà presentato venerdì, Brienza è ufficiale. Venerdì (o al massimo sabato) sarà il giorno dell'ufficialità di Montella a Firenze. Gamberini ha ricevuto offerte da Everton e Bayer Leverkusen. Il Parma ha fatto un sondaggio per Parolo, su Ceccarelli ci sono Parma e Atalanta, su Canini interesse del Genoa e dell'Atalanta. Il Catania ha invece chiesto informazioni su Cutolo e Eramo. Il Torino ha parlato con il Catania di Antenucci (che sarà riscattato) e Maxi Lopez (solo info). Per la porta sondaggio per Rafael del Santos. Lo Zenit sta per presentare un'offerta da 10 milioni per Nainngolan. Felipe Melo vicino al Corinthians.
A Pescara Gasperini non andrà. Ora torna in grande vantaggio Ferrara, e la new entry si chiama Stroppa.
Poi qualche news dalla B: Davide Nicola sarà il nuovo allenatore del Livorno, Sean Sogliano il nuovo ds del Verona. Dove (se dovesse partire Mandorlini) potrebbe arrivare Mangia, corteggiato anche dal Padova, dove a fare il ds andrà Salvatori. De Luca (in gol anche ieri sera) piace a Catania e Palermo. Alla Ternana si conclude la trafila dei rinnovi: vicinissime anche le firme di Ambrosi e Pisacane.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.