VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

21.04.2017 08:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64582 volte
Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo. E’ questa la Grande Evoluzione della Juve, il cambio di modulo e la disponibilità al sacrificio di un gruppo forte e maturo, campioni compresi. Ora i bianconeri giocano un calcio evoluto, meno italianista senza rinnegare la difesa, più europeo nella capacità di attaccare su tutto il fronte d’attacco, con molti giocatori. Attaccare e difendere conservando un grande equilibrio: è questa la Juve. Chi non capisce l’evoluzione di questa squadra deve cambiare sport o rifiuta apposta di vedere la netta differenza tra questa Juve e quella che giocava il 3-5-2, tanto per capirci. E’ cambiato l’atteggiamento, ma anche la mentalità e di conseguenza il modo di giocare.

Dopo l’esaltante qualificazione, oggi c’è il sorteggio per la semifinale e al solito giochino "chi butteresti dalla torre", io mi terrei il Monaco e farei precipitare volentieri le due spagnole in uno scontro diretto fratricida. Perché?

E’ vero che il Real non difende benissimo, ma la doppia partita è sempre durissima, il Bernabeu spesso è proibitivo (chiedere al Bayern), meglio (eventualmente) affrontarlo in una gara secca.

L’Atletico è la classica squadra che ti fa giocare male, picchia, chiude gli spazi, è tostissima in casa: meglio evitarla e lasciarla al Real che sa come affrontarla.

Il Monaco gioca molto bene, ha grandi talenti (Mbappè su tutti), ma lascia giocare, non fa una grande fase difensiva e questo (per me) potrebbe essere un vantaggio assoluto per la Juve soprattutto nella gara doppia.

In attesa del sorteggio, la sensazione lasciata dalla Juve è che possa essere l’anno buono. I meriti di Allegri sono evidenti. Anche se noi l’avevamo auspicato dall’estate scorsa, non era né facile né scontato riuscire a far giocare assieme tutti i talenti d’attacco. L’allenatore è stato bravo ad ottenere la disponibilità al sacrificio. Pensate a cosa fanno Mandzukic (soprattutto) o lo stesso Higuain. C’è molto di Allegri in questa Juve e allora ecco pronto per lui il nuovo contratto. Oggi guadagna cinque milioni, scadenza fra un anno. La durata sarà posticipata al 2020 e l’ingaggio salirà progressivamente a otto milioni più bonus, contratto da top allenatore. E oggi lo è. Guadagnerà come Higuain e Dybala, in fondo è giusto così.

La trattattiva è avviata, siamo ai dettagli, l’annuncio forse la prossima settimana, prima della doppia semifinale.

La Juve investe su Allegri, ma lo farà anche nel mercato. Con il fatturato vicino ai 400 milioni e altri cento che arriveranno da questa straordinaria Champions, i bianconeri ora devono investire solo su grandi giocatori per mantenersi a questo livello e (se possibile) crescere ancora.

Ecco allora che Marotta e Paratici faranno di tutto per prendere Isco dal Real che piace molto di più di James Rodriguez. I contatti sono avviati da tempo, vincere la Champions farebbe aumentare notevolmente l’appeal della Juve. Ma nel mirino ci sono anche nomi già noti come Verratti e Tolisso. Allegri ha chiesto alternative e qualità a centrocampo visto che Marchisio e Khedira non sono più dei ragazzini.

Anche il Milan pensa in grande con i cinesi che hanno la necessità di far crescere il valore del brand, ma è più difficile fare mercato perché fuori dalla Champions i grandi giocatori non vengono. Il primo "no grazie" i rossoneri l’hanno incassato da Morata che vuole lasciare il Real, al Milan preferisce il Chelsea o anche una Juve di ritorno.

L’Inter, invece, in attesa di decidere l’allenatore, vuole fare spesa in Italia. Dopo Berardi fari puntati su Bernardeschi, vecchio pallino di Ausilio. L’anno scorso la Fiorentina ha rifiutato 30 milioni cash, ma ora l’Inter ci sta riprovando raddoppiando l’offerta. Bernardeschi riflette, deciderà il suo futuro solo a fine campionato. Con Berardi e Bernardeschi forse Candreva è di troppo, non è detto che non finisca sul mercato. Deciderà il nuovo tecnico.

Sarri, invece, ha già deciso. Non vuole toccare nulla di questo fantastico Napoli dei "Tre nanetti" con un Milik da recuperare. Però sta pensando pure ad alternative tattiche da adottare a seconda delle situazioni e degli avversari. Il suo vecchio modulo empolese 4-3-1-2 potrebbe diventare un’arma in più con un forte trequartista. Sappiamo che piace molto l’argentino Gonzalo Martinez, detto Pity, 24 anni, del River Plate con passaporto italiano. Esterno sinistro molto veloce, ma anche trequartista di grande fantasia, Pity è davvero vicino. Il River nel primo incontro ha chiesto 15 milioni, il presidente D’Onofrio ora è in vacanza, ma vuole chiudere l’affare al suo ritorno dopo il primo maggio e sta valutando la proposta del Napoli che non vuole spendere più di dieci-dodici con molti contrappesi legati alle presenze, al rendimento e quant’altro. C’è ottimismo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Quanto vale ora Salah? I cambi rossoneri e i dream team in Nazionale 26.04 - Tutti ora a dire perché la Roma ha venduto Salah. Anzi perché l’ha venduto a così poco. Qualcuno aggiungendo, malignamente, che allo stesso prezzo la Roma ha praticamente preso Schick. Prima risposta: è il mercato, bellezza. La seconda l’ha data Monchi in giornata: “se fosse dipeso...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI 25.04 - Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.