VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

21.04.2017 08:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64471 volte
Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo. E’ questa la Grande Evoluzione della Juve, il cambio di modulo e la disponibilità al sacrificio di un gruppo forte e maturo, campioni compresi. Ora i bianconeri giocano un calcio evoluto, meno italianista senza rinnegare la difesa, più europeo nella capacità di attaccare su tutto il fronte d’attacco, con molti giocatori. Attaccare e difendere conservando un grande equilibrio: è questa la Juve. Chi non capisce l’evoluzione di questa squadra deve cambiare sport o rifiuta apposta di vedere la netta differenza tra questa Juve e quella che giocava il 3-5-2, tanto per capirci. E’ cambiato l’atteggiamento, ma anche la mentalità e di conseguenza il modo di giocare.

Dopo l’esaltante qualificazione, oggi c’è il sorteggio per la semifinale e al solito giochino "chi butteresti dalla torre", io mi terrei il Monaco e farei precipitare volentieri le due spagnole in uno scontro diretto fratricida. Perché?

E’ vero che il Real non difende benissimo, ma la doppia partita è sempre durissima, il Bernabeu spesso è proibitivo (chiedere al Bayern), meglio (eventualmente) affrontarlo in una gara secca.

L’Atletico è la classica squadra che ti fa giocare male, picchia, chiude gli spazi, è tostissima in casa: meglio evitarla e lasciarla al Real che sa come affrontarla.

Il Monaco gioca molto bene, ha grandi talenti (Mbappè su tutti), ma lascia giocare, non fa una grande fase difensiva e questo (per me) potrebbe essere un vantaggio assoluto per la Juve soprattutto nella gara doppia.

In attesa del sorteggio, la sensazione lasciata dalla Juve è che possa essere l’anno buono. I meriti di Allegri sono evidenti. Anche se noi l’avevamo auspicato dall’estate scorsa, non era né facile né scontato riuscire a far giocare assieme tutti i talenti d’attacco. L’allenatore è stato bravo ad ottenere la disponibilità al sacrificio. Pensate a cosa fanno Mandzukic (soprattutto) o lo stesso Higuain. C’è molto di Allegri in questa Juve e allora ecco pronto per lui il nuovo contratto. Oggi guadagna cinque milioni, scadenza fra un anno. La durata sarà posticipata al 2020 e l’ingaggio salirà progressivamente a otto milioni più bonus, contratto da top allenatore. E oggi lo è. Guadagnerà come Higuain e Dybala, in fondo è giusto così.

La trattattiva è avviata, siamo ai dettagli, l’annuncio forse la prossima settimana, prima della doppia semifinale.

La Juve investe su Allegri, ma lo farà anche nel mercato. Con il fatturato vicino ai 400 milioni e altri cento che arriveranno da questa straordinaria Champions, i bianconeri ora devono investire solo su grandi giocatori per mantenersi a questo livello e (se possibile) crescere ancora.

Ecco allora che Marotta e Paratici faranno di tutto per prendere Isco dal Real che piace molto di più di James Rodriguez. I contatti sono avviati da tempo, vincere la Champions farebbe aumentare notevolmente l’appeal della Juve. Ma nel mirino ci sono anche nomi già noti come Verratti e Tolisso. Allegri ha chiesto alternative e qualità a centrocampo visto che Marchisio e Khedira non sono più dei ragazzini.

Anche il Milan pensa in grande con i cinesi che hanno la necessità di far crescere il valore del brand, ma è più difficile fare mercato perché fuori dalla Champions i grandi giocatori non vengono. Il primo "no grazie" i rossoneri l’hanno incassato da Morata che vuole lasciare il Real, al Milan preferisce il Chelsea o anche una Juve di ritorno.

L’Inter, invece, in attesa di decidere l’allenatore, vuole fare spesa in Italia. Dopo Berardi fari puntati su Bernardeschi, vecchio pallino di Ausilio. L’anno scorso la Fiorentina ha rifiutato 30 milioni cash, ma ora l’Inter ci sta riprovando raddoppiando l’offerta. Bernardeschi riflette, deciderà il suo futuro solo a fine campionato. Con Berardi e Bernardeschi forse Candreva è di troppo, non è detto che non finisca sul mercato. Deciderà il nuovo tecnico.

Sarri, invece, ha già deciso. Non vuole toccare nulla di questo fantastico Napoli dei "Tre nanetti" con un Milik da recuperare. Però sta pensando pure ad alternative tattiche da adottare a seconda delle situazioni e degli avversari. Il suo vecchio modulo empolese 4-3-1-2 potrebbe diventare un’arma in più con un forte trequartista. Sappiamo che piace molto l’argentino Gonzalo Martinez, detto Pity, 24 anni, del River Plate con passaporto italiano. Esterno sinistro molto veloce, ma anche trequartista di grande fantasia, Pity è davvero vicino. Il River nel primo incontro ha chiesto 15 milioni, il presidente D’Onofrio ora è in vacanza, ma vuole chiudere l’affare al suo ritorno dopo il primo maggio e sta valutando la proposta del Napoli che non vuole spendere più di dieci-dodici con molti contrappesi legati alle presenze, al rendimento e quant’altro. C’è ottimismo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.