VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

21.04.2017 08:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64501 volte
Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo. E’ questa la Grande Evoluzione della Juve, il cambio di modulo e la disponibilità al sacrificio di un gruppo forte e maturo, campioni compresi. Ora i bianconeri giocano un calcio evoluto, meno italianista senza rinnegare la difesa, più europeo nella capacità di attaccare su tutto il fronte d’attacco, con molti giocatori. Attaccare e difendere conservando un grande equilibrio: è questa la Juve. Chi non capisce l’evoluzione di questa squadra deve cambiare sport o rifiuta apposta di vedere la netta differenza tra questa Juve e quella che giocava il 3-5-2, tanto per capirci. E’ cambiato l’atteggiamento, ma anche la mentalità e di conseguenza il modo di giocare.

Dopo l’esaltante qualificazione, oggi c’è il sorteggio per la semifinale e al solito giochino "chi butteresti dalla torre", io mi terrei il Monaco e farei precipitare volentieri le due spagnole in uno scontro diretto fratricida. Perché?

E’ vero che il Real non difende benissimo, ma la doppia partita è sempre durissima, il Bernabeu spesso è proibitivo (chiedere al Bayern), meglio (eventualmente) affrontarlo in una gara secca.

L’Atletico è la classica squadra che ti fa giocare male, picchia, chiude gli spazi, è tostissima in casa: meglio evitarla e lasciarla al Real che sa come affrontarla.

Il Monaco gioca molto bene, ha grandi talenti (Mbappè su tutti), ma lascia giocare, non fa una grande fase difensiva e questo (per me) potrebbe essere un vantaggio assoluto per la Juve soprattutto nella gara doppia.

In attesa del sorteggio, la sensazione lasciata dalla Juve è che possa essere l’anno buono. I meriti di Allegri sono evidenti. Anche se noi l’avevamo auspicato dall’estate scorsa, non era né facile né scontato riuscire a far giocare assieme tutti i talenti d’attacco. L’allenatore è stato bravo ad ottenere la disponibilità al sacrificio. Pensate a cosa fanno Mandzukic (soprattutto) o lo stesso Higuain. C’è molto di Allegri in questa Juve e allora ecco pronto per lui il nuovo contratto. Oggi guadagna cinque milioni, scadenza fra un anno. La durata sarà posticipata al 2020 e l’ingaggio salirà progressivamente a otto milioni più bonus, contratto da top allenatore. E oggi lo è. Guadagnerà come Higuain e Dybala, in fondo è giusto così.

La trattattiva è avviata, siamo ai dettagli, l’annuncio forse la prossima settimana, prima della doppia semifinale.

La Juve investe su Allegri, ma lo farà anche nel mercato. Con il fatturato vicino ai 400 milioni e altri cento che arriveranno da questa straordinaria Champions, i bianconeri ora devono investire solo su grandi giocatori per mantenersi a questo livello e (se possibile) crescere ancora.

Ecco allora che Marotta e Paratici faranno di tutto per prendere Isco dal Real che piace molto di più di James Rodriguez. I contatti sono avviati da tempo, vincere la Champions farebbe aumentare notevolmente l’appeal della Juve. Ma nel mirino ci sono anche nomi già noti come Verratti e Tolisso. Allegri ha chiesto alternative e qualità a centrocampo visto che Marchisio e Khedira non sono più dei ragazzini.

Anche il Milan pensa in grande con i cinesi che hanno la necessità di far crescere il valore del brand, ma è più difficile fare mercato perché fuori dalla Champions i grandi giocatori non vengono. Il primo "no grazie" i rossoneri l’hanno incassato da Morata che vuole lasciare il Real, al Milan preferisce il Chelsea o anche una Juve di ritorno.

L’Inter, invece, in attesa di decidere l’allenatore, vuole fare spesa in Italia. Dopo Berardi fari puntati su Bernardeschi, vecchio pallino di Ausilio. L’anno scorso la Fiorentina ha rifiutato 30 milioni cash, ma ora l’Inter ci sta riprovando raddoppiando l’offerta. Bernardeschi riflette, deciderà il suo futuro solo a fine campionato. Con Berardi e Bernardeschi forse Candreva è di troppo, non è detto che non finisca sul mercato. Deciderà il nuovo tecnico.

Sarri, invece, ha già deciso. Non vuole toccare nulla di questo fantastico Napoli dei "Tre nanetti" con un Milik da recuperare. Però sta pensando pure ad alternative tattiche da adottare a seconda delle situazioni e degli avversari. Il suo vecchio modulo empolese 4-3-1-2 potrebbe diventare un’arma in più con un forte trequartista. Sappiamo che piace molto l’argentino Gonzalo Martinez, detto Pity, 24 anni, del River Plate con passaporto italiano. Esterno sinistro molto veloce, ma anche trequartista di grande fantasia, Pity è davvero vicino. Il River nel primo incontro ha chiesto 15 milioni, il presidente D’Onofrio ora è in vacanza, ma vuole chiudere l’affare al suo ritorno dopo il primo maggio e sta valutando la proposta del Napoli che non vuole spendere più di dieci-dodici con molti contrappesi legati alle presenze, al rendimento e quant’altro. C’è ottimismo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.