VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

21.04.2017 08:38 di Enzo Bucchioni   articolo letto 64533 volte
Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna

La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo. E’ questa la Grande Evoluzione della Juve, il cambio di modulo e la disponibilità al sacrificio di un gruppo forte e maturo, campioni compresi. Ora i bianconeri giocano un calcio evoluto, meno italianista senza rinnegare la difesa, più europeo nella capacità di attaccare su tutto il fronte d’attacco, con molti giocatori. Attaccare e difendere conservando un grande equilibrio: è questa la Juve. Chi non capisce l’evoluzione di questa squadra deve cambiare sport o rifiuta apposta di vedere la netta differenza tra questa Juve e quella che giocava il 3-5-2, tanto per capirci. E’ cambiato l’atteggiamento, ma anche la mentalità e di conseguenza il modo di giocare.

Dopo l’esaltante qualificazione, oggi c’è il sorteggio per la semifinale e al solito giochino "chi butteresti dalla torre", io mi terrei il Monaco e farei precipitare volentieri le due spagnole in uno scontro diretto fratricida. Perché?

E’ vero che il Real non difende benissimo, ma la doppia partita è sempre durissima, il Bernabeu spesso è proibitivo (chiedere al Bayern), meglio (eventualmente) affrontarlo in una gara secca.

L’Atletico è la classica squadra che ti fa giocare male, picchia, chiude gli spazi, è tostissima in casa: meglio evitarla e lasciarla al Real che sa come affrontarla.

Il Monaco gioca molto bene, ha grandi talenti (Mbappè su tutti), ma lascia giocare, non fa una grande fase difensiva e questo (per me) potrebbe essere un vantaggio assoluto per la Juve soprattutto nella gara doppia.

In attesa del sorteggio, la sensazione lasciata dalla Juve è che possa essere l’anno buono. I meriti di Allegri sono evidenti. Anche se noi l’avevamo auspicato dall’estate scorsa, non era né facile né scontato riuscire a far giocare assieme tutti i talenti d’attacco. L’allenatore è stato bravo ad ottenere la disponibilità al sacrificio. Pensate a cosa fanno Mandzukic (soprattutto) o lo stesso Higuain. C’è molto di Allegri in questa Juve e allora ecco pronto per lui il nuovo contratto. Oggi guadagna cinque milioni, scadenza fra un anno. La durata sarà posticipata al 2020 e l’ingaggio salirà progressivamente a otto milioni più bonus, contratto da top allenatore. E oggi lo è. Guadagnerà come Higuain e Dybala, in fondo è giusto così.

La trattattiva è avviata, siamo ai dettagli, l’annuncio forse la prossima settimana, prima della doppia semifinale.

La Juve investe su Allegri, ma lo farà anche nel mercato. Con il fatturato vicino ai 400 milioni e altri cento che arriveranno da questa straordinaria Champions, i bianconeri ora devono investire solo su grandi giocatori per mantenersi a questo livello e (se possibile) crescere ancora.

Ecco allora che Marotta e Paratici faranno di tutto per prendere Isco dal Real che piace molto di più di James Rodriguez. I contatti sono avviati da tempo, vincere la Champions farebbe aumentare notevolmente l’appeal della Juve. Ma nel mirino ci sono anche nomi già noti come Verratti e Tolisso. Allegri ha chiesto alternative e qualità a centrocampo visto che Marchisio e Khedira non sono più dei ragazzini.

Anche il Milan pensa in grande con i cinesi che hanno la necessità di far crescere il valore del brand, ma è più difficile fare mercato perché fuori dalla Champions i grandi giocatori non vengono. Il primo "no grazie" i rossoneri l’hanno incassato da Morata che vuole lasciare il Real, al Milan preferisce il Chelsea o anche una Juve di ritorno.

L’Inter, invece, in attesa di decidere l’allenatore, vuole fare spesa in Italia. Dopo Berardi fari puntati su Bernardeschi, vecchio pallino di Ausilio. L’anno scorso la Fiorentina ha rifiutato 30 milioni cash, ma ora l’Inter ci sta riprovando raddoppiando l’offerta. Bernardeschi riflette, deciderà il suo futuro solo a fine campionato. Con Berardi e Bernardeschi forse Candreva è di troppo, non è detto che non finisca sul mercato. Deciderà il nuovo tecnico.

Sarri, invece, ha già deciso. Non vuole toccare nulla di questo fantastico Napoli dei "Tre nanetti" con un Milik da recuperare. Però sta pensando pure ad alternative tattiche da adottare a seconda delle situazioni e degli avversari. Il suo vecchio modulo empolese 4-3-1-2 potrebbe diventare un’arma in più con un forte trequartista. Sappiamo che piace molto l’argentino Gonzalo Martinez, detto Pity, 24 anni, del River Plate con passaporto italiano. Esterno sinistro molto veloce, ma anche trequartista di grande fantasia, Pity è davvero vicino. Il River nel primo incontro ha chiesto 15 milioni, il presidente D’Onofrio ora è in vacanza, ma vuole chiudere l’affare al suo ritorno dopo il primo maggio e sta valutando la proposta del Napoli che non vuole spendere più di dieci-dodici con molti contrappesi legati alle presenze, al rendimento e quant’altro. C’è ottimismo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: una fantasia e una possibilità... Real. Inter: Joao Mario e Eder, occhio alle partenze! Milan: gli effetti della vittoria sugli attacchi esterni (e Gattuso...). Napoli: ecco quali sono i colpi giusti. Roma: "i tempi" sbagliati 23.01 - Ciao. Volevo partire con un ragionamento a voce alta. Siamo in piena campagna elettorale. Ma perché tutti i candidati dicono sempre “ho fatto”, “farò”, “quell’altro è uno stronzo” e nessuno, mai, dice “allora, parliamoci chiaro, non sono proprio il numero uno, a volte combino delle...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.