VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina

10.02.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 27524 volte
Juve, per il dopo Allegri c'è Spalletti ma anche Montella. Sarri una bufala, Sousa in ribasso. Di Francesco per la Roma, Maran vicino alla Fiorentina

Abbiamo già scritto da tempo e adesso stanno arrivando in tanti, che il matrimonio tra Allegri e la Juventus è destinato a finire. L’allenatore livornese sa che se dovesse vincere il terzo scudetto consecutivo (probabilissimo) sarebbe poi difficile andare oltre: anche i grandi cicli finiscono. La Champions è un miraggio, è già arrivato in finale due anni fa, ci proverà anche quest’anno, ma anche vincendola (lo spero da italiano) a maggior ragione, ci sarebbe da andar via da trionfatore.

Allegri è intelligente, sa di essere ora sulla cresta dell’onda, in futuro alla Juve potrebbe fare solo peggio. Ha capito al Milan che è meglio lasciare da vincitore senza trascinare le situazioni. Ha anche voglia di un’esperienza all’estero come hanno fatto prima di lui Mancini, Ancelotti, Ranieri, Mazzarri e buon ultimo Conte. Quindi? Ha dei contatti in Inghilterra (Arsenal? City se rompe con Guardiola?), ma piace anche al Psg.

Marotta sa delle intenzioni dell’allenatore e se anche la decisione finale verrà presa dopo i prossimi due turni di Champions con il Porto, a marzo, da tempo sta valutando profili di allenatori da Juventus. L’idea è quella di prendere un italiano o uno che allena già in Italia. L’anno scorso c’era stato un innamoramento per Sousa. Andrea Agnelli in testa, lo ritenevano tutti l’uomo ideale per far cambiare gioco ai bianconeri, soprattutto dopo lo straordinario girone d’andata della Fiorentina nella scorsa stagione. Nel frattempo, però, sono cresciute le controindicazioni, a cominciare da questo tiki-taka riveduto e corretto che sembra ormai un gioco superato.

Piace molto, invece, Luciano Spalletti oggi il primo della lista. E non è un mistero. Spalletti era finito nel mirino bianconero già ai tempi dell’Udinese, una decina di anni fa. I contatti ci sono già stati e la pista è calda. Non è un caso se Spalletti non vuol rinnovare con la Roma e su quanto ha dichiarato di recente "perché non dovrei andare alla Juve? Sono un professionista", c’è molto da riflettere.

Ma se Spalletti è il primo, non è il solo. Si segue con molta attenzione, a sorpresa, anche il lavoro di Montella, allenatore giovane, con idee e margini di miglioramento, che piaceva già alla Juventus quando allenava la Fiorentina. La pista Montella si è aperta da quando nel mondo del calcio sono cominciate a circolare alcune idee della cordata cinese che sta per comprare il Milan e ha piazzato Fassone al comando delle operazioni tecniche.

Secondo le indiscrezioni, i nuovi proprietari del Milan vorrebbero fare piazza pulita di tutte le scelte di Galliani, compreso l’allenatore. E la cosa non deve meravigliare. Montella sta facendo bene, ma è legato al vecchio Milan. Se ci pensate bene successe anche all’Inter, i dubbi di Thohir su Mazzarri arrivarono da subito. Il cambio con Mancini fu fatto quasi un anno dopo e Fassone (all’epoca all’Inter) non vuol commettere un altro errore simile.

Chi piace a Fassone? Mancini, naturalmente, lo ha avuto all’Inter. Le indiscrezioni uscite di recente hanno un fondamento. Mancini è un allenatore vincente, con un profilo internazionale, l’uomo giusto per ripartire.

L’altra sera era a vedere Bologna-Milan e questo è già un indizio. Le sue parole "volevo vedere il Bologna", sanno di una pinocchiata.

E se è vero che anche i cinesi dell’Inter sarebbero alla ricerca di un grande allenatore di livello internazionale (Conte soprattutto, ma anche Guardiola), il mercato delle panchine si preannuncia bollente.

Restando in casa Juve, chi pensa che nel mirino ci possa essere anche Sarri, non conosce la storia calcistica di questo allenatore e di questa persona: il bianconero non è proprio il suo colore preferito. Soprattutto Sarri ha un contratto di cinque anni e voi lo vedete De Laurentiis che libera Sarri per mandarlo alla Juve?

Il tecnico toscano vuol querelare il giornale che ha scritto di un incontro segreto già avvenuto fra Sarri e la Juventus e conoscendo l’uomo, andrà fino in fondo.

Tornando alla Roma, i dirigenti giallorossi vorrebbero confermare Spalletti, ma sanno benissimo che non possono aspettare fino a giugno come vuole lui: le scelte si fanno prima. Nel mirino c’è Di Francesco che dopo tanti anni di Sassuolo deve chiudere un ciclo. E’ un ex amato dalla tifoseria, fa giocare bene le sue squadre, ha maturato esperienza: sembra pronto. Ha una clausola rescissoria, ma non sarà un problema.

Di Francesco piace da tempo anche alla Fiorentina, ma la pista sembra più fredda, forse da quando l’allenatore ha fatto sapere di preferire la Roma. E così in testa alla lista della Fiorentina per il dopo Sousa ora c’è Rolando Maran. Ancora giovane, 54 anni, ma con grande esperienza in serie B prima e dal 2012 in serie A (Catania e Chievo), fa un bel calcio equilibrato e valorizza i giovani, giusto quello che ha in testa la Fiorentina del nuovo ciclo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.