HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: quel che accade dopo il Real. Inter: la questione cinese e il rinnovo di Icardi. Milan: Gattuso arrabbiato è la garanzia del Diavolo. Napoli: il triste saliscendi dal carro-Sarri. Fiorentina: a Udine, un mese dopo

03.04.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 26866 volte
© foto di Alessio Alaimo

È finita la Pasqua. La Pasqua la riconosci dai gruppi WhatsApp. I gruppi WhatsApp possono addormentarsi anche 10 o 11 mesi, ma sotto Natale e Pasqua rinascono, riprendono vita. Basta un “Buona Pasqua!” buttato là da un minchione a caso e il gruppo “Cena per il 30 anni del Bistecca” riprende vita. E allora spunta di tutto: il pulcino che esce dall’ovetto e dice “Buona Pasqua”, il video agghiacciante che pesa due giga con il coniglietto che dice “Sono il coniglietto pasquale”, Brozovic che esce dal sepolcro, lo stendino con sopra le uova e la scritta “Standing Ovation”, altre troiate. Tu non hai il coraggio di scrivere “avete rotto il cazzo” anche perché non sai chi sia il Bistecca e neppure gli altri. Neanche gli altri sanno chi sei tu. Nessuno sa chi sia nessuno, ma ormai è troppo tardi e ti arriva anche la catena mistico-scaramantica del genere che ti tocchi: “Inoltra le 3 croci pasquali a dieci amici per garantirti la resurrezione, altrimenti ti verrà il cimurro entro la festa dei lavoratori”. Non ho ricordi della cena per i 30 anni del Bistecca ma dev’essere stata una serata di merda (e comunque ho inoltrato le 3 croci perché temo molto il cimurro).

La micidiale “combo” quest’anno mescolava la Pasqua al Pesce d’Aprile, fino alla Navicella Spaziale Cinese in caduta sulla Terra. In un gruppo WhatsApp denominato “Regalo per i 35 anni del Marmolada” l’ultimo messaggio era “io quindici piotte per il Marmolada non le metto, attaccatevi a ‘staminchia”. L’evidente messaggio di rottura non ha impedito ai partecipanti di inoltrare foto di Navicelle Spaziali con dentro Pesci d’Aprile che escono da sepolcri e un coniglietto che dice “Buon Anno!”: un mix di blasfemia e tristezze assortite di rara fattura. A un certo punto uno è uscito dal gruppo senza dire “beh” e un altro ha scritto “chi è il 33Z456573535 che è uscito dal gruppo? Infame”. Nessuno sapeva chi fosse ma tutti si sono coalizzati e lo hanno mandato affanculo nonostante la Santa Pasqua (molto spesso i gruppi WhatsApp nascono per scopi onorevoli ma finiscono per essere sfogatoi dove si massacrano alcuni esclusi dal gruppo, fateci caso). Un tale, evidentemente molto coraggioso, a un certo punto ha scritto: “In verità in verità vi dico, uno di voi non mi ha ancora dato i 15 euro per il massaggio cinese + giropizza comprato su Groupon che abbiamo regalato al Marmolada”. A quel punto è calato il silenzio, forse perché la formula biblica ha riportato tutti a una visione più serena delle cose, forse perché nessuno ha messo i 15 euro, forse perché tutti sono tornati ai loro pranzi pasquali.

A Pasqua tutti magnano. Anche a Pasquetta. Al pranzo di Pasqua gli argomenti principali fino all’anno scorso erano il calcio e la passerella, dopo il caso-Weinstein anche in Italia si è scelto in maniera molto ipocrita di eliminare la passerella per evitare che le Asie Argento presenti ai nostri pranzi ci potessero accusare di omofobia, scarsa sensibilità o maschilismo e, quindi, abbiamo sostituito il tutto con altre questioni (la scomparsa delle persone famose, le recenti elezioni politiche, le sigarette truccate all’Isola dei Famosi, 4 Ristoranti di Borghese, le serie tv, la vecchia che ballava a Sanremo, altro). Al mio pranzo, dopo alcuni convenevoli molto retorici e buttati là per sentito dire (“Di Maio non ha il congiuntivo! Non può governare!!!”, “Salvini è ciccione!”, “Renzi ha fallito!”, “Berlusconi è clonato”) si è finiti come sempre a parlare di calcio.

Temi principali.

1) Sabatini ha detto ciao-ciao ai cinesi quindi significa che l’Inter è fottuta

Il tema sull’Inter fottuta era molto caldo in molti pranzi pasquali. Per molti Sabatini che se ne va è il chiaro segno che i cinesi sono stronzi e non vogliono investire. Se tu dici “I cinesi hanno chiari limiti nella comunicazione ma sanno quello che fanno e comunque hanno già preso tre giocatori per l’anno prossimo” ti dicono “sono parametri zero”. Se dici “non è detto che i parametri zero siano in automatico giocatori da buttare “ ti dicono “se arrivano quelli è perché venderanno Skriniar e Icardi”. Se ribatti che “oh, il dato di fatto è che la squadra è in linea col suo obiettivo stagionale e quindi così scarsa non deve essere” ti rispondono “taci aziendalista di merda”. Su “aziendalista di merda” non puoi fare altro che arrenderti e addentare un tartufone. Così ho fatto, poi mi sono permesso di provare a capire di più sulla questione Icardi: a quando l’incontro per “sistemare” la situazione? Pare che le parti non abbiano nessun tipo di fretta e, comunque, al momento non esistono date (ma al momento anche nessun tipo di offerta spagnola).

2) Alcuni tifosi della Juve non sono felici anche se vincono molto

Nella gran parte dei pranzi pasquali c’è il tifoso della Juve che dice “sì vinciamo, ma con Allegri dove vuoi andare…”. Questo genere di tifosi – che esistono davvero – vengono spesso insultati dai loro stessi compagni di tifo o, comunque, da tutti gli altri al grido di “non capisci un cazzo”. Il tema in ogni caso merita un approfondimento. Questa sera la Juve affronta il Real Madrid, non proprio la Pergolettese. Se i bianconeri passeranno il turno per molti sarà “atto dovuto” e non l’ennesima impresa di una società che anche quest’anno sta andando “oltre”, anche solo perché è tuttora in corsa contro squadre come Real, Barcellona, Bayern e City. Se, invece, dovessero uscire, allora si scatenerà l’orda degli anti-Allegri e molti diranno “bisogna cambiare allenatore!”. Questa cosa non cambierà mai, ben lo sa Allegri che, suo malgrado, verrà omaggiato solo tra molti anni quando tutti si accorgeranno di cosa sta accadendo in questi anni in Italia.

3) Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone contro la Juve?

In molti pranzi pasquali ci si è interrogati sulla questione “Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone?”. La risposta è molto semplice: “A Gattuso non gli devi far girare le balle”. A Gattuso, evidentemente, sono girate le balle per una questione di “troppa sicurezza” che non accetterebbe da un “Inzaghi”, figuriamoci da ragazzi di 20 anni. A Torino il Milan ha giocato una gran partita, ma anche in questo caso la lezione gattusiana è parecchio condivisibile: “Grazie per i complimenti ma quelli danno forza all’ego, non alla classifica”. Gattuso è la garanzia che questa squadra resterà sempre con i piedi per terra, una vera e propria rivoluzione se pensiamo a come era inteso il calcio a Milanello fino a un anno fa.

4) La Roma ha speranze contro il Barcellona?

In tutti i migliori pranzi pasquali ci si è interrogati sulla faccenda “La Roma ha speranze contro il Barcellona?”. La risposta in genere è stata: “No, contro Messi come fai?”. E in effetti è così: Messi non si ferma. Ma, attenzione, è il punto di partenza ad essere sbagliato: la Roma scende in campo con la consapevolezza di aver già fatto moltissimo e la certezza che nessuno dirà “beh” in caso di ko. La questione non è “la Roma ce la farà o no” ma “brava Roma per essere arrivata fino qua, ora provaci fino in fondo” (siamo ai picchi di retorica, me ne rendo conto).

5) Il Napoli ha perso definitivamente lo scudetto?

Il pareggio con il Sassuolo ha scatenato il solito saliscendi dal “carro-Sarri”. Nessuno di noi può sapere se il discorso scudetto sia chiuso oppure no, in fondo ci sono ancora un mare di partite, eppure è iniziato il fuggi-fuggi alimentato da frasi come “Sì, Sarri è bravo ma…”. Come se quello che sta facendo il Napoli sia banale, come se non ci si ricordasse di quello che abbiamo detto e scritto negli ultimi mesi. A novembre con il Napoli in testa era per tutti “Lo scudetto è certamente dei partenopei”, oggi siamo all’esatto opposto. Ogni giudizio è figlio del risultato del giorno prima ed è incredibile come si viva in funzione della previsione, che se ci azzecchi “ho indovinato”, viceversa hai indovinato lo stesso, perché tanto nel corso dei mesi le hai dette tutte.

Tanti saluti alla Pasqua, ai coniglietti, alle uova, ai pulcini, ai capretti e alle colombe. Da oggi torniamo finalmente tutti più grassi e cattivi, ma non è più il caso di scrivere ulteriori cazzate perché alle 18.30 si gioca Udinese-Fiorentina e meno di un mese fa, proprio a Udine, ci lasciava Astori Davide. Questo il post pubblicato ieri su Instagram del suo compagno, Riccardo Saponara: “Oggi partiamo per Udine, sì, proprio Udine. Chissà come vivremo questa trasferta, cosa penseremo, cosa sentiremo. Ciò che è certo è il modo in cui lo faremo tutti insieme: uniti, compatti, abbracciati, FORTI. Forza noi”. Forza voi. E ciao Davide.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510