VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juve: quel che accade dopo il Real. Inter: la questione cinese e il rinnovo di Icardi. Milan: Gattuso arrabbiato è la garanzia del Diavolo. Napoli: il triste saliscendi dal carro-Sarri. Fiorentina: a Udine, un mese dopo

03.04.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 26775 volte
© foto di Alessio Alaimo

È finita la Pasqua. La Pasqua la riconosci dai gruppi WhatsApp. I gruppi WhatsApp possono addormentarsi anche 10 o 11 mesi, ma sotto Natale e Pasqua rinascono, riprendono vita. Basta un “Buona Pasqua!” buttato là da un minchione a caso e il gruppo “Cena per il 30 anni del Bistecca” riprende vita. E allora spunta di tutto: il pulcino che esce dall’ovetto e dice “Buona Pasqua”, il video agghiacciante che pesa due giga con il coniglietto che dice “Sono il coniglietto pasquale”, Brozovic che esce dal sepolcro, lo stendino con sopra le uova e la scritta “Standing Ovation”, altre troiate. Tu non hai il coraggio di scrivere “avete rotto il cazzo” anche perché non sai chi sia il Bistecca e neppure gli altri. Neanche gli altri sanno chi sei tu. Nessuno sa chi sia nessuno, ma ormai è troppo tardi e ti arriva anche la catena mistico-scaramantica del genere che ti tocchi: “Inoltra le 3 croci pasquali a dieci amici per garantirti la resurrezione, altrimenti ti verrà il cimurro entro la festa dei lavoratori”. Non ho ricordi della cena per i 30 anni del Bistecca ma dev’essere stata una serata di merda (e comunque ho inoltrato le 3 croci perché temo molto il cimurro).

La micidiale “combo” quest’anno mescolava la Pasqua al Pesce d’Aprile, fino alla Navicella Spaziale Cinese in caduta sulla Terra. In un gruppo WhatsApp denominato “Regalo per i 35 anni del Marmolada” l’ultimo messaggio era “io quindici piotte per il Marmolada non le metto, attaccatevi a ‘staminchia”. L’evidente messaggio di rottura non ha impedito ai partecipanti di inoltrare foto di Navicelle Spaziali con dentro Pesci d’Aprile che escono da sepolcri e un coniglietto che dice “Buon Anno!”: un mix di blasfemia e tristezze assortite di rara fattura. A un certo punto uno è uscito dal gruppo senza dire “beh” e un altro ha scritto “chi è il 33Z456573535 che è uscito dal gruppo? Infame”. Nessuno sapeva chi fosse ma tutti si sono coalizzati e lo hanno mandato affanculo nonostante la Santa Pasqua (molto spesso i gruppi WhatsApp nascono per scopi onorevoli ma finiscono per essere sfogatoi dove si massacrano alcuni esclusi dal gruppo, fateci caso). Un tale, evidentemente molto coraggioso, a un certo punto ha scritto: “In verità in verità vi dico, uno di voi non mi ha ancora dato i 15 euro per il massaggio cinese + giropizza comprato su Groupon che abbiamo regalato al Marmolada”. A quel punto è calato il silenzio, forse perché la formula biblica ha riportato tutti a una visione più serena delle cose, forse perché nessuno ha messo i 15 euro, forse perché tutti sono tornati ai loro pranzi pasquali.

A Pasqua tutti magnano. Anche a Pasquetta. Al pranzo di Pasqua gli argomenti principali fino all’anno scorso erano il calcio e la passerella, dopo il caso-Weinstein anche in Italia si è scelto in maniera molto ipocrita di eliminare la passerella per evitare che le Asie Argento presenti ai nostri pranzi ci potessero accusare di omofobia, scarsa sensibilità o maschilismo e, quindi, abbiamo sostituito il tutto con altre questioni (la scomparsa delle persone famose, le recenti elezioni politiche, le sigarette truccate all’Isola dei Famosi, 4 Ristoranti di Borghese, le serie tv, la vecchia che ballava a Sanremo, altro). Al mio pranzo, dopo alcuni convenevoli molto retorici e buttati là per sentito dire (“Di Maio non ha il congiuntivo! Non può governare!!!”, “Salvini è ciccione!”, “Renzi ha fallito!”, “Berlusconi è clonato”) si è finiti come sempre a parlare di calcio.

Temi principali.

1) Sabatini ha detto ciao-ciao ai cinesi quindi significa che l’Inter è fottuta

Il tema sull’Inter fottuta era molto caldo in molti pranzi pasquali. Per molti Sabatini che se ne va è il chiaro segno che i cinesi sono stronzi e non vogliono investire. Se tu dici “I cinesi hanno chiari limiti nella comunicazione ma sanno quello che fanno e comunque hanno già preso tre giocatori per l’anno prossimo” ti dicono “sono parametri zero”. Se dici “non è detto che i parametri zero siano in automatico giocatori da buttare “ ti dicono “se arrivano quelli è perché venderanno Skriniar e Icardi”. Se ribatti che “oh, il dato di fatto è che la squadra è in linea col suo obiettivo stagionale e quindi così scarsa non deve essere” ti rispondono “taci aziendalista di merda”. Su “aziendalista di merda” non puoi fare altro che arrenderti e addentare un tartufone. Così ho fatto, poi mi sono permesso di provare a capire di più sulla questione Icardi: a quando l’incontro per “sistemare” la situazione? Pare che le parti non abbiano nessun tipo di fretta e, comunque, al momento non esistono date (ma al momento anche nessun tipo di offerta spagnola).

2) Alcuni tifosi della Juve non sono felici anche se vincono molto

Nella gran parte dei pranzi pasquali c’è il tifoso della Juve che dice “sì vinciamo, ma con Allegri dove vuoi andare…”. Questo genere di tifosi – che esistono davvero – vengono spesso insultati dai loro stessi compagni di tifo o, comunque, da tutti gli altri al grido di “non capisci un cazzo”. Il tema in ogni caso merita un approfondimento. Questa sera la Juve affronta il Real Madrid, non proprio la Pergolettese. Se i bianconeri passeranno il turno per molti sarà “atto dovuto” e non l’ennesima impresa di una società che anche quest’anno sta andando “oltre”, anche solo perché è tuttora in corsa contro squadre come Real, Barcellona, Bayern e City. Se, invece, dovessero uscire, allora si scatenerà l’orda degli anti-Allegri e molti diranno “bisogna cambiare allenatore!”. Questa cosa non cambierà mai, ben lo sa Allegri che, suo malgrado, verrà omaggiato solo tra molti anni quando tutti si accorgeranno di cosa sta accadendo in questi anni in Italia.

3) Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone contro la Juve?

In molti pranzi pasquali ci si è interrogati sulla questione “Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone?”. La risposta è molto semplice: “A Gattuso non gli devi far girare le balle”. A Gattuso, evidentemente, sono girate le balle per una questione di “troppa sicurezza” che non accetterebbe da un “Inzaghi”, figuriamoci da ragazzi di 20 anni. A Torino il Milan ha giocato una gran partita, ma anche in questo caso la lezione gattusiana è parecchio condivisibile: “Grazie per i complimenti ma quelli danno forza all’ego, non alla classifica”. Gattuso è la garanzia che questa squadra resterà sempre con i piedi per terra, una vera e propria rivoluzione se pensiamo a come era inteso il calcio a Milanello fino a un anno fa.

4) La Roma ha speranze contro il Barcellona?

In tutti i migliori pranzi pasquali ci si è interrogati sulla faccenda “La Roma ha speranze contro il Barcellona?”. La risposta in genere è stata: “No, contro Messi come fai?”. E in effetti è così: Messi non si ferma. Ma, attenzione, è il punto di partenza ad essere sbagliato: la Roma scende in campo con la consapevolezza di aver già fatto moltissimo e la certezza che nessuno dirà “beh” in caso di ko. La questione non è “la Roma ce la farà o no” ma “brava Roma per essere arrivata fino qua, ora provaci fino in fondo” (siamo ai picchi di retorica, me ne rendo conto).

5) Il Napoli ha perso definitivamente lo scudetto?

Il pareggio con il Sassuolo ha scatenato il solito saliscendi dal “carro-Sarri”. Nessuno di noi può sapere se il discorso scudetto sia chiuso oppure no, in fondo ci sono ancora un mare di partite, eppure è iniziato il fuggi-fuggi alimentato da frasi come “Sì, Sarri è bravo ma…”. Come se quello che sta facendo il Napoli sia banale, come se non ci si ricordasse di quello che abbiamo detto e scritto negli ultimi mesi. A novembre con il Napoli in testa era per tutti “Lo scudetto è certamente dei partenopei”, oggi siamo all’esatto opposto. Ogni giudizio è figlio del risultato del giorno prima ed è incredibile come si viva in funzione della previsione, che se ci azzecchi “ho indovinato”, viceversa hai indovinato lo stesso, perché tanto nel corso dei mesi le hai dette tutte.

Tanti saluti alla Pasqua, ai coniglietti, alle uova, ai pulcini, ai capretti e alle colombe. Da oggi torniamo finalmente tutti più grassi e cattivi, ma non è più il caso di scrivere ulteriori cazzate perché alle 18.30 si gioca Udinese-Fiorentina e meno di un mese fa, proprio a Udine, ci lasciava Astori Davide. Questo il post pubblicato ieri su Instagram del suo compagno, Riccardo Saponara: “Oggi partiamo per Udine, sì, proprio Udine. Chissà come vivremo questa trasferta, cosa penseremo, cosa sentiremo. Ciò che è certo è il modo in cui lo faremo tutti insieme: uniti, compatti, abbracciati, FORTI. Forza noi”. Forza voi. E ciao Davide.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.