HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: quel che accade dopo il Real. Inter: la questione cinese e il rinnovo di Icardi. Milan: Gattuso arrabbiato è la garanzia del Diavolo. Napoli: il triste saliscendi dal carro-Sarri. Fiorentina: a Udine, un mese dopo

03.04.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 26847 volte
© foto di Alessio Alaimo

È finita la Pasqua. La Pasqua la riconosci dai gruppi WhatsApp. I gruppi WhatsApp possono addormentarsi anche 10 o 11 mesi, ma sotto Natale e Pasqua rinascono, riprendono vita. Basta un “Buona Pasqua!” buttato là da un minchione a caso e il gruppo “Cena per il 30 anni del Bistecca” riprende vita. E allora spunta di tutto: il pulcino che esce dall’ovetto e dice “Buona Pasqua”, il video agghiacciante che pesa due giga con il coniglietto che dice “Sono il coniglietto pasquale”, Brozovic che esce dal sepolcro, lo stendino con sopra le uova e la scritta “Standing Ovation”, altre troiate. Tu non hai il coraggio di scrivere “avete rotto il cazzo” anche perché non sai chi sia il Bistecca e neppure gli altri. Neanche gli altri sanno chi sei tu. Nessuno sa chi sia nessuno, ma ormai è troppo tardi e ti arriva anche la catena mistico-scaramantica del genere che ti tocchi: “Inoltra le 3 croci pasquali a dieci amici per garantirti la resurrezione, altrimenti ti verrà il cimurro entro la festa dei lavoratori”. Non ho ricordi della cena per i 30 anni del Bistecca ma dev’essere stata una serata di merda (e comunque ho inoltrato le 3 croci perché temo molto il cimurro).

La micidiale “combo” quest’anno mescolava la Pasqua al Pesce d’Aprile, fino alla Navicella Spaziale Cinese in caduta sulla Terra. In un gruppo WhatsApp denominato “Regalo per i 35 anni del Marmolada” l’ultimo messaggio era “io quindici piotte per il Marmolada non le metto, attaccatevi a ‘staminchia”. L’evidente messaggio di rottura non ha impedito ai partecipanti di inoltrare foto di Navicelle Spaziali con dentro Pesci d’Aprile che escono da sepolcri e un coniglietto che dice “Buon Anno!”: un mix di blasfemia e tristezze assortite di rara fattura. A un certo punto uno è uscito dal gruppo senza dire “beh” e un altro ha scritto “chi è il 33Z456573535 che è uscito dal gruppo? Infame”. Nessuno sapeva chi fosse ma tutti si sono coalizzati e lo hanno mandato affanculo nonostante la Santa Pasqua (molto spesso i gruppi WhatsApp nascono per scopi onorevoli ma finiscono per essere sfogatoi dove si massacrano alcuni esclusi dal gruppo, fateci caso). Un tale, evidentemente molto coraggioso, a un certo punto ha scritto: “In verità in verità vi dico, uno di voi non mi ha ancora dato i 15 euro per il massaggio cinese + giropizza comprato su Groupon che abbiamo regalato al Marmolada”. A quel punto è calato il silenzio, forse perché la formula biblica ha riportato tutti a una visione più serena delle cose, forse perché nessuno ha messo i 15 euro, forse perché tutti sono tornati ai loro pranzi pasquali.

A Pasqua tutti magnano. Anche a Pasquetta. Al pranzo di Pasqua gli argomenti principali fino all’anno scorso erano il calcio e la passerella, dopo il caso-Weinstein anche in Italia si è scelto in maniera molto ipocrita di eliminare la passerella per evitare che le Asie Argento presenti ai nostri pranzi ci potessero accusare di omofobia, scarsa sensibilità o maschilismo e, quindi, abbiamo sostituito il tutto con altre questioni (la scomparsa delle persone famose, le recenti elezioni politiche, le sigarette truccate all’Isola dei Famosi, 4 Ristoranti di Borghese, le serie tv, la vecchia che ballava a Sanremo, altro). Al mio pranzo, dopo alcuni convenevoli molto retorici e buttati là per sentito dire (“Di Maio non ha il congiuntivo! Non può governare!!!”, “Salvini è ciccione!”, “Renzi ha fallito!”, “Berlusconi è clonato”) si è finiti come sempre a parlare di calcio.

Temi principali.

1) Sabatini ha detto ciao-ciao ai cinesi quindi significa che l’Inter è fottuta

Il tema sull’Inter fottuta era molto caldo in molti pranzi pasquali. Per molti Sabatini che se ne va è il chiaro segno che i cinesi sono stronzi e non vogliono investire. Se tu dici “I cinesi hanno chiari limiti nella comunicazione ma sanno quello che fanno e comunque hanno già preso tre giocatori per l’anno prossimo” ti dicono “sono parametri zero”. Se dici “non è detto che i parametri zero siano in automatico giocatori da buttare “ ti dicono “se arrivano quelli è perché venderanno Skriniar e Icardi”. Se ribatti che “oh, il dato di fatto è che la squadra è in linea col suo obiettivo stagionale e quindi così scarsa non deve essere” ti rispondono “taci aziendalista di merda”. Su “aziendalista di merda” non puoi fare altro che arrenderti e addentare un tartufone. Così ho fatto, poi mi sono permesso di provare a capire di più sulla questione Icardi: a quando l’incontro per “sistemare” la situazione? Pare che le parti non abbiano nessun tipo di fretta e, comunque, al momento non esistono date (ma al momento anche nessun tipo di offerta spagnola).

2) Alcuni tifosi della Juve non sono felici anche se vincono molto

Nella gran parte dei pranzi pasquali c’è il tifoso della Juve che dice “sì vinciamo, ma con Allegri dove vuoi andare…”. Questo genere di tifosi – che esistono davvero – vengono spesso insultati dai loro stessi compagni di tifo o, comunque, da tutti gli altri al grido di “non capisci un cazzo”. Il tema in ogni caso merita un approfondimento. Questa sera la Juve affronta il Real Madrid, non proprio la Pergolettese. Se i bianconeri passeranno il turno per molti sarà “atto dovuto” e non l’ennesima impresa di una società che anche quest’anno sta andando “oltre”, anche solo perché è tuttora in corsa contro squadre come Real, Barcellona, Bayern e City. Se, invece, dovessero uscire, allora si scatenerà l’orda degli anti-Allegri e molti diranno “bisogna cambiare allenatore!”. Questa cosa non cambierà mai, ben lo sa Allegri che, suo malgrado, verrà omaggiato solo tra molti anni quando tutti si accorgeranno di cosa sta accadendo in questi anni in Italia.

3) Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone contro la Juve?

In molti pranzi pasquali ci si è interrogati sulla questione “Perché Gattuso ha lasciato fuori Cutrone?”. La risposta è molto semplice: “A Gattuso non gli devi far girare le balle”. A Gattuso, evidentemente, sono girate le balle per una questione di “troppa sicurezza” che non accetterebbe da un “Inzaghi”, figuriamoci da ragazzi di 20 anni. A Torino il Milan ha giocato una gran partita, ma anche in questo caso la lezione gattusiana è parecchio condivisibile: “Grazie per i complimenti ma quelli danno forza all’ego, non alla classifica”. Gattuso è la garanzia che questa squadra resterà sempre con i piedi per terra, una vera e propria rivoluzione se pensiamo a come era inteso il calcio a Milanello fino a un anno fa.

4) La Roma ha speranze contro il Barcellona?

In tutti i migliori pranzi pasquali ci si è interrogati sulla faccenda “La Roma ha speranze contro il Barcellona?”. La risposta in genere è stata: “No, contro Messi come fai?”. E in effetti è così: Messi non si ferma. Ma, attenzione, è il punto di partenza ad essere sbagliato: la Roma scende in campo con la consapevolezza di aver già fatto moltissimo e la certezza che nessuno dirà “beh” in caso di ko. La questione non è “la Roma ce la farà o no” ma “brava Roma per essere arrivata fino qua, ora provaci fino in fondo” (siamo ai picchi di retorica, me ne rendo conto).

5) Il Napoli ha perso definitivamente lo scudetto?

Il pareggio con il Sassuolo ha scatenato il solito saliscendi dal “carro-Sarri”. Nessuno di noi può sapere se il discorso scudetto sia chiuso oppure no, in fondo ci sono ancora un mare di partite, eppure è iniziato il fuggi-fuggi alimentato da frasi come “Sì, Sarri è bravo ma…”. Come se quello che sta facendo il Napoli sia banale, come se non ci si ricordasse di quello che abbiamo detto e scritto negli ultimi mesi. A novembre con il Napoli in testa era per tutti “Lo scudetto è certamente dei partenopei”, oggi siamo all’esatto opposto. Ogni giudizio è figlio del risultato del giorno prima ed è incredibile come si viva in funzione della previsione, che se ci azzecchi “ho indovinato”, viceversa hai indovinato lo stesso, perché tanto nel corso dei mesi le hai dette tutte.

Tanti saluti alla Pasqua, ai coniglietti, alle uova, ai pulcini, ai capretti e alle colombe. Da oggi torniamo finalmente tutti più grassi e cattivi, ma non è più il caso di scrivere ulteriori cazzate perché alle 18.30 si gioca Udinese-Fiorentina e meno di un mese fa, proprio a Udine, ci lasciava Astori Davide. Questo il post pubblicato ieri su Instagram del suo compagno, Riccardo Saponara: “Oggi partiamo per Udine, sì, proprio Udine. Chissà come vivremo questa trasferta, cosa penseremo, cosa sentiremo. Ciò che è certo è il modo in cui lo faremo tutti insieme: uniti, compatti, abbracciati, FORTI. Forza noi”. Forza voi. E ciao Davide.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy