VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Juve, Roma e Napoli. La Champions chiama, il mercato risponde. E gli intrighi delle panchine...

26.05.2016 20.22 di Luca Marchetti   articolo letto 59251 volte
© foto di Federico De Luca

La Juve è scatenata. Almeno sulla tratta Torino Barcellona. Perché le due notizie che hanno movimentato il pomeriggio del mercato arrivavano tutte e due dalla Spagna. Ed entrambe avevano i colori bianconeri addosso. La Juve pensa in grande, pensa ad incrementare il proprio tasso tecnico ma soprattutto il proprio tasso di esperienza, per cercare di seguire quel sogno chiamato Champions. Mascherano e Dani Alves, entrambi trattati, entrambi inseguiti, nessuno dei due già preso.
La sensazione è che il più vicino sia l'esterno (che sarebbe più il "sostituto" di Cuadrado più che di Lichtsteiner, ma che comunque ha il grande pregio di saper giocare su tutta la fascia) che potrebbe addirittura liberarsi a zero in virtù di una clausola del contratto che il giocatore può esercitare se veramente convinto a lasciare il Barcellona. I contatti con la Juve ci sono stati: sul tavolo ci sono due anni di contratto più l'opzione per il terzo. Ma ancora la firma non c'è, almeno così filtra dagli ambienti bianconeri. In Spagna diciamo che vanno più dritti e puntano all'accordo già avvenuto. Esattamente come per Mascherano che da Barcellona siano convinti abbia già firmato con la Juve. In realtà anche qui in Italia arrivano informazioni simili ma non così nette: Mascherano ha comunicato al Barcellona due giorni fa che vorrebbe chiudere l'esperienza spagnola e ha detto ai suoi attuali dirigenti della possibilità Juventus. Ora però la Juve che a livello tecnico avrebbe a disposizione un altro giocatore eccezionale in grado di poter giostrare in due ruoli (centrocampo e difesa, per dare a Marchisio tutto il tempo per recuperare) deve fare le sue valutazioni economiche. Perché Mascherano guadagna ora 6 milioni di euro netti e ha ancora due anni di contratto in Spagna e ci sarebbe quindi da pagare anche il cartellino. Ma è evidente da queste prime mosse di mercato che la Juve punta in alto quest'anno.
La Roma invece al momento deve guardarsi dagli assalti sui suoi giocatori migliori. Ora anche Manolas è braccato. Non solo dal Chelsea di cui avevamo detto anche in passato, ma sul centrale greco è piombato anche il Manchester United di Mourinho. Lo Special One avrebbe intenzione di far spendere i 40 milioni (la valutazione che fa la Roma) ai Red Devils. Visto che una grande cessione (se non riesce la ormai famigerata mossa della coda del gatto maculato...) la Roma deve farla potrebbe arrivare di nuovo da un grande difensore, come già successo in passato. Il problema di Manolas potrebbe essere la sua situazione contrattuale particolare visto che la Roma dovrebbe riconoscere il 50% della futura rivendita del giocatore all'Olympiacos, se la cessione arriva entro 12 mesi dal suo acquisto. Ma a Roma sono convinti che una soluzione con i greci si troverà a livello amichevole. Altrimenti si potrebbe sempre cavalcare la linea dura: prestito con obbligo di riscatto, con la cessione posticipata di 12 mesi, almeno a livello formale. Attenzione però al pressing su Nainngolan da parte del Chelsea, che torna a farsi insistente, soprattutto a livello economico. Naturalmente se la Roma fosse "costretta" a una cessione, sarebbe soltanto una.
A Napoli i grandi temi sono due: Sarri e Higuain. Ad oggi ancora non c'è stato l'incontro fra l'allenatore e De Laurentiis (che però ha incontrato lo staff): di persona dovrebbro incontrarsi nelle prossime ore, ma intanto De Laurentiis ha già depositato l'opzione per il rinnovo automatico della prossima stagione. Questo potrebbe portare a una considerazione di non poco conto: Sarri probabilmente non si aspettava che De Laurentiis facesse questa mossa da solo visto che in ballo, nell'adeguamento contrattuale, c'era proprio la clausola di cui discutere. Sono segnali dunque che vanno interpretati. A proposito di clausole, quella di Higuain scade il 30 giugno. Quindi tecnicamente il Pipita potrebbe lasciare Napoli anche a meno dei famosi 94 e rotti. Tutto questo, naturalmente, se Higuain volesse e comunque sempre con De Laurentiis bisogna parlare... che su questo argomento (come nell'estate di Cavani) sembra molto deciso. Bisognerà capire se l'interesse, finora latente, del Psg sarà altrettanto forte. Intanto continua la trattativa con il Sassuolo per Vrsaljko. L'offerta del Napoli ha soddisfatto il Sassuolo, all'interno della trattativa ci sarebbe anche il cartellino di Zapata. Ma la concorrenza dell'Atletico è forte, quindi la partita è ancora aperta, anche se ieri Carnevali (ad Sassuolo) ha definito la soluzione Napoli un "grande soluzione".
Poi capitolo allenatori. Su tutti Ventura. Tavecchio lo ha scelto, ma ancora non c'è unanimità di consensi visto che anche ambienti politici si sono interessati alla vicenda. Per questo anche il nome degli altri, Montella in testa, sono ancora in lizza. Ma alla fine, almeno secondo le indicazioni di oggi, Tavecchio porterà a casa la sua scelta. In mattinata ha parlato anche con Cairo (che infatti ha ufficializzato Mihajlovic) proprio per confemargli che la scelta sul ct l'aveva fatta. A proposito di Torino: no al Besiktas per Glik (offerta troppo bassa) e valutazioni in corso su Immobile, soprattutto con Mihajlovic. Poi bisognerà capire le intenzioni del Siviglia...
Anche Prandelli è vicinissimo alla Lazio, ma ancora la partita non è chiusa al cento per cento, nel senso che la firma non è stata messa. Ce la aspettiamo entro poche ore, altrimenti sarebbe davvero una sorpresa dopo gli incontri di inizio settimana. E Prandelli potrebbe trovarsi in rosa anche Lapadula, valutato da Sebastiani circa 10 milioni di euro.
Ancora panchine: De Zerbi è la prima scelta del Crotone (e del Verona) ma prima vuole aspettare di finire la stagione con il Foggia perché è concentrato sui playoff. Altro nome "caldo" a Crotone è quello di Franco Lerda, nonostante il rinnovo con il Vicenza (ha un accordo in caso di chiamata dalla A). Juric non vede l'ora di iniziare la sua nuova avventura con il Genoa, che nel frattempo però tiene a libro paga anche Gasperini che potrebbe andare all'Atalanta, sempre che vinca il ballottaggio con Maran, che da Chievo, se dovesse arrivare una buona offerta, potrebbe anche andare via. E al Chievo? Stellone e Colantuono i primi nomi. Pioli potrebbe andare ad allenare l'Anderlecht e potrebbe avere come giocatore Embalo (quest'anno a Brescia, ma di proprietà del Palermo). Alla Pro Vercelli per sostituire Foscarini pensano a uno fra Moreno Longo, Asta e Vivarini. A Carpi hanno chiesto a Castori di rimanere (ma ha Ascoli e Cesena che lo pressano). Il Trapani ha preso Fornito svincolato dal Messina, l'Entella lavora al rinnovo di Masucci. Mentre Benitez ha deciso di rimanere a Newcastle anche in B inglese: 3 anni di contratto e mercato scintillante. È appena iniziato: tenetevi forte!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.