VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Roma e quelle chiacchiere di troppo che nascondono una amara verità. Milan: la mossa cambia-stagione di Inzaghi e il colpo (segreto ma non troppo) di Galliani. La crisi del Napoli ha un colpevole. E sull'Inter...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
16.12.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 52851 volte
© foto di Federico De Luca

Editoriale light perché ho febbre equina e indicibili allucinazioni visive. E dire che la settimana è passata assai bene, complice la finale di X Factor alla quale ho fortunosamente assistito seduto a due passi da Mihajlovic e consorte (gran bella la Sinisona, tra l'altro). Ebbene, in tre ore secche di diretta ho contato ben zero sorrisi di Sinisa, zero applausi, zero emozioni, zero televoti e solo un minimo fastidio quando Morgan rivolgendosi al pubblico del Forum ha tuonato "siete degli stronzi!". Ecco, li ho pensato "ora Sinisa sale sul palco e tira una punizione di collo pieno in pieno muso al Castoldi". Invece niente, ha semplicemente abbozzato. Quando a due minuti dalla proclamazione del vincitore (il Fragolone) - e cioè nel momento di massima tensione - il mister della Samp ha indossato coppola e giaccone come a dire "Cattelan fai in fretta che mi levo dai maroni" ho capito due cose: 1) Mihajlovic aveva in testa solo la Juve. 2) Mihajlovic era furibondo per la precoce eliminazione di Diluvio e degli Spritz For Five, suoi prediletti.
In un caso o nell'altro il tecnico dei blucerchiati ha poi fatto il suo dovere: pareggio sontuoso conquistato allo Juventus Stadium con successive pepatissime polemiche sull'asse Torino-Roma. E qui viene il punto, ovvero la questione che fa discutere l'Italia intera: gli arbitri che prima favorivano la Juve ora favoriscono la Roma? Oppure favoriscono momentaneamente la Roma per poter tornare con calma a favorire la Juve? Oppure favoriscono Juventus e Roma e sfavoriscono tutte le altre? Oppure favoriscono Fragolone ai danni degli Spritz For Five e di Diluvio? Sarà che ho febbre ovina (non più equina, ovina), ma tutta la faccenda mi esalta come la Tasi, la Tari e la Tatangelo, gabelle che tra l'altro devo pagare entro oggi altrimenti sono cazzi, maledetta Italia tassaiola (le prime due, la terza invece va a Sanremo).
Solo un'appendice. Nel Paese dei sospetti, dei cattivi pensieri e dei "succedono cose strane a Palazzo" sarebbe il caso che tutti si mettessero una mano sulla coscienza prima di parlare o scrivere: le dichiarazioni di Preziosi, i tweet di Nainggolan, le reazioni di taluni dirigenti della Juve... Molto meglio Sinisa che stuzzicato a proposito del corner di Marchisio risponde: "Lo facevo anch'io". In fondo la verità è che - un favore di qua, un aiuto di là - alla fine vince sempre la squadra più forte, non quella che urla di più.
Passiamo ad altro che ho febbre canina (non più ovina). Il Milan ha battuto uno dei Napoli più brutti dal ritorno in serie A. Vittoria meritatissima dei rossoneri e trionfo personale per Inzaghi, da molti (ovviamente me compreso) già ribattezzato "Pippo Pippo non lo sa..." e invece bravissimo a svegliare i suoi dopo la sberla di Genova e capace di mettere in campo una squadra con palle quadrate e gioco a tratti persino spettacolare. Merito di Menez (quando azzecca la giornata in serie A non ha rivali), merito di Montolivo (le sue aperture di 40 metri sono la vera bella notizia per Pippo), merito di Bonaventura, che possiamo tranquillamente definire l'acquisto più indovinato dell'estate 2014. Così mi ha raccontato Giocondo Martorelli, agente del giocatore: "Saltata la trattativa col Verona e con l'Inter eravamo piuttosto preoccupati, mancavano poche ore alla fine del mercato. Mi arriva la telefonata di Galliani "il ragazzo ci interessa, venite qui". Partiamo in macchina dagli uffici del presidente dell'Atalanta Percassi e Galliani non mi molla: "Il ragazzo è lì con te? Passamelo!". E poi: "Siete arrivati a Milano? Dove siete?". In pratica ci ha tenuto al telefono per tutta la durata del viaggio per paura che qualcuno potesse inserirsi all'ultimo e facesse saltare la trattativa: un vero maestro".
Il sottoscritto non è mai stato tenero con Galliani, ma questo racconto testimonia che l'Adriano ci sa ancora fare, eccome se ci sa fare (anche se, diciamolo, parte del merito va a Zaccardo che fece saltare Biabiany). Per questo i tifosi del Milan gli chiedono di tornare a essere non più soltanto lo specialista dei parametri zero o degli ultimi tre giorni di mercato, ma quello che spende i pochi soldi a disposizione in cartellini di giocatori promettenti e non in ingaggi di bomberoni un po' bolsi e spaesati. In ogni caso pare che sia in dirittura d'arrivo il buon centrocampista dell'Ajax Lasse Schone, classe '86 e in scadenza di contratto a giugno. E vabbè...
Ora che ho febbre corvina (non più canina) tornerei sul match di San Siro e in particolare sul Napoli. Anzi, sul suo allenatore. Partiamo da un presupposto, il mister ha ragione: questa squadra non è stata rinforzata a dovere e invece di diminuire il gap con le prime due, l'ha aumentato. Però: 1) Se manca un vero leader della difesa è solo colpa della società o di chi ha selezionato i cavalli sbagliati? 2) È stato logico vendere alla stregua di un ferro vecchio Behrami, ovvero l'unico centrocampista con un minimo di quantità in mezzo a tante (passatemi il termine) fighette dai piedi delicatissimi? 3) Se non hai gli uomini adatti è il caso di sbattere la testa insistendo con un modulo che non funziona? Secondo l'assunto "per dipingere una parete grande non ci vuole un pennello grande, ma un grande pennello" siamo dell'idea che un grande allenatore sia colui che cambia il proprio credo tattico in base a chi ha a disposizione e non viceversa (lo slogan del pennello Cinghiale non c'entra una mazza ma avevo una voglia matta di inserirlo, perdonatemi). 4) Giovedì ricomincia Masterchef: io dico che Rafa può essere il nuovo Spyros.
Chiusura sugli euro-sorteggi e poi spazio alla nuova rubrica "oggi lecco il culo a...". Il tutto molto rapidamente perché ho febbre leonina (non più corvina). Sui sorteggi sapete già tutto, quindi inutile sparare alto: la Juve incontra il Borussia di Cirone Immobile che poteva giocare "di qua" e invece gioca "di là" perché "di qua" si è deciso di puntare su Morata. Dopo il gol dell'altro "scartato" Gabbiadini, meglio fare attenzione. In ogni caso l'occasione per la Signora è notevole, soprattutto se si pensa che a gennaio Marotta ha in serbo un paio di innesti.
Per le 5 di Europa League, invece, facciamo partire la rubrica di cui sopra.
Ringrazio vivamente il contatto di Facebook Marco Bacca, che a un nanosecondo dal sorteggio mi ha scritto in posta: "Uè Fabri, ti va una scorpacciata di shortbread cookies e Tennents? Abito a Edimburgo, ma Glasgow è a 70 km. Se fai un salto in Scozia ti ospito io". Amico Bacca, meraviglioso Bacca, straordinario Bacca... come posso dirti no, metti il birrame in ghiaccio. Che poi, tra l'altro, lo stesso Bacca scrive con linguaggio a me caro, analisi di Inter che copio pari-pari e faccio mie: "Non sono tifoso dell'Inter ma nel caso potresti suggerire a Thohir un regista come Baselli o Cigarini... Altrimenti col cazzo tornate in Europa anche se avete Mancini". Un poeta, il Bacca. Meraviglioso Bacca. Metti le birre in ghiaccio, Bacca.
Infine, un saluto ingrifatissimo ai ragazzi del liceo scientifico Grassi di Saronno. Avrei dovuto presenziare stamattina per parlare due ore in aula magna di giornalismo e minchiate varie (soprattutto minchiate varie, credo), ma ho febbre scimmiesca (non più leonina) e mi è toccato rimandare. Credo mi abbiano sostituito con l'iniziativa "il presidente Ferrero legge la Divina Commedia":ottima scelta ragazzi... (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.