VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve-Roma, grazie! Rocchi a Torino e Rizzoli ad Empoli. Patetici. Milan, Inzaghi lavori sulla difesa. W le matricole ma il Palermo non convince. Benitez, adesso inizia a correre

Nato ad Avellino il 30-09-1983, vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb ha condotto ed organizzato i Gran Galà del Calcio AIC 2011 e 2012
06.10.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 51845 volte
© foto di Federico De Luca

Scusate la lontananza. Ringrazio Pedullá che in queste settimane su Tuttomercatoweb e Sportitalia non ha fatto sentire la mia mancanza, ci mancherebbe, anzi non cambia nulla. Dall'altra parte del Mondo, si pure lì, mi hanno chiesto di Pedullá. Fate voi! Sempre dall'altra parte del Mondo, in tv, non trasmettono quasi mai la serie A. Espn, ogni tanto, Milan-Juve e qualche differita di 12 ore. Poi fiumi di Liga, Premier e Bundesliga. Altri sport a go go ma il nostro campionato, fuori dall'Italia vale zero. Peccato, perché Juventus e Roma meritano un rispetto intercontinentale. Sono le uniche a dare dignità alla serie A. Hanno giocato, si sono insultati e picchiati. Grande agonismo, grande partita. Ha vinto la Juventus ma ha vinto anche la Roma. Chi lo avrebbe detto che in due anni avrebbe colmato il gap così velocemente? Bravo Garcia. Totti un idolo. La Juve è ancora un pizzico avanti ma non deve mai sottovalutare questa squadra. Dico la mia: quest'anno lo scudetto sarà ancora della Juventus ma il dominio nazionale sta finendo. Hanno vinto tutti e ha perso, come sempre, la classe arbitrale. Fatta eccezione di Nicola Rizzoli possono prendere il fischietto, la bomboletta e la giacchina nera e farne un falò unico. Oggi tutti parlano di Rocchi di Firenze. Ma di chi parliamo, di quell'arbitro che un paio di anni fa fece danni come la grandine in un Udinese-Napoli e poi chiese la maglia a Cavani nel tunnel? Non scherziamo. Bisognerebbe mandargli le telecamere, di nuovo, sotto casa. Da Braschi a Messina non è cambiato nulla. Vi sembra normale uno che manda Rizzoli ad Empoli e Rocchi a Torino? E Mariani in serie A? Follia totale.
Prima della sosta i tifosi del Milan avevano pronosticato 9 punti in 3 giornate, con Empoli, Cesena e Chievo Verona. Ne sono arrivati 5 e Inzaghi può considerarsi soddisfatto a metà. L'attacco produce, Honda è rigenerato mentre la difesa va assolutamente rivista. Perdere così tanti punti con le piccole ti toglie forze e fiato. Inzaghi non deve vincere lo scudetto ma sogna di riportare i rossoneri dove li trascinò da calciatore. Difficile, quasi impossibile, al primo colpo ma potrebbe in due anni far rivedere al Milan prima l'Europa poi la sua Europa. L'organico messo a disposizione di Pippo ha grossi limiti e Balotelli non è stato sostituito a dovere. Bonaventura è stata un'ottima intuizione ma c'è poco altro. Le matricole hanno fermato il Milan e continuano a ben figurare. L'Empoli ha dichiarato lo stato di crisi del Palermo. Sarri è l'emblema della meritocrazia, fa giocare bene il suo Empoli e nonostante non sia un gran comunicatore è arrivato dai campi in polvere alla serie A. Ha tanti giovani di qualità ma gli manca un pizzico di esperienza. La salvezza resta complicata ma quest'anno, in basso, ci saranno molte più sorprese degli ultimi anni. Troppe medio piccole che credono di essere diventate grandi. Il Cesena ha un grande spirito di gruppo, Brienza sbaglia ancora troppo, Marilungo è tornato quello dei tempi d'oro e i vari scambi con l'Atalanta hanno dato ragione alla strategia di Rino Foschi. Ieri il Cesena ha giocato bene ad Udine anche se il rigore concesso al 92' è l'ennesima follia di un sistema arbitrale che non sta in piedi. Mariani di Aprila non poteva arbitrare in B, figuriamoci in A. Messina lo avrebbe dovuto bocciare un anno fa e invece lo ha promosso in A. Parliamo di un arbitro che non sa neanche stare in campo (anche ieri si è beccato un pallone addosso durante il contropiede di Badu). Vediamo male il Palermo. Squadra costruita con troppi pochi soldi e il Presidente Zamparini accusa Iachini di essere presuntuoso. Il problema del Palermo è che aveva più qualità in B che in A. Lo scorso anno dominò, anche l'Empoli, quest'anno al Castellani ne è uscito con le ossa rotte. Prima o poi pagherà Iachini ma il problema è sempre la proprietà. Che non investe e si mostra schizofrenica. In estate era più difficile costruire il Palermo che ricostruire le Twin Towers. Ingaggi folli da smaltire e calciatori strapagati senza mezza richiesta. Il Napoli deve iniziare a correre. Ha perso la Champions e ha perso già troppi treni in questo campionato. Benitez in Italia non è fortunato oppure forse non ha ancora capito come funziona in serie A. Troppi giorni liberi, preparazione atletica sballata e pochi italiani in organico. Per vincere a Napoli, Rafa deve cambiare marcia. E lo deve fare in fretta. Anche perché De Laurentiis non ha una pazienza infinita.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.