VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Juve, ultima idea James Rodriguez invece di Cuadrado. Ma Matuidi ci vuole subito. Inter, serve un difensore. Joao Mario bloccato dall'Uefa. Milan, ma i cinesi si fanno del male? Napoli, Kalinic costa troppo. Jovetic a Firenze: oggi la decisione

26.08.2016 08.44 di Enzo Bucchioni   articolo letto 156448 volte
© foto di Federico De Luca

I tifosi della Juventus sono terrorizzati dai corsi e ricorsi storici. Un anno fa la caccia centrocampista finì con la beffa Hernanes, i timori che la storia possa ripetersi sono tanti, ma (appunto) questa sembra un'altra storia. La Juventus sa benissimo che dopo aver speso tanto e costruito una squadra per provare a vincere la Champions, non può stare a lesinare cinque milioni per completare un organico straordinario che a centrocampo manca ancora di un giocatore fisico e tecnico, simile a Pogba per capirci.

Ieri radiomercato dava per fatto il colpo Matuidi, ma non è facile portare via giocatori al Psg, una società che non ha bisogno di soldi e in genere fa il mercato che vuole e vende a prezzi molto alti. Gli incontri di Montecarlo non hanno prodotto il tanto atteso closing, ma la Juve non molla e mostra ottimismo.

Mancano sei giorni alla fine del mercato e cinque milioni per convincere il Psg: Marotta ce la può fare.

In attesa, l'ultima voce che rimbalza dalla Spagna è clamorosa: per i media spagnoli la Juve si sarebbe rimessa sulle tracce di James Rodriguez non più titolarissimo del Real Madrid. C'è chi parla di una operazione già ben avviata, James ha voglia di giocare, avrebbe già dato mandato a una agenzia di trovargli casa a Torino. Vero? Falso? Verosimile?

Di sicuro la Juventus ha deciso di comprare, oltre al centrocampista, anche un giocatore molto tecnico, bravo nell'uno contro uno, capace di cambiare il corso delle gare. L'idea era ed è Cuadrado. Nel frattempo però si è messo in mezzo Conte. L'allenatore del Chelsea dopo un periodo agnostico, quando ha capito che la società stava per chiudere, si è messo di traverso. Cuadrado non gioca e va in tribuna, ma Conte (per ora) non lo molla per la Juve. Toccherà ai dirigenti del Chelsea convincere l'allenatore magari comprando qualche altra pedina, soprattutto quel difensore che Conte aspetta da tempo.

In attesa, la Juve si è guardata attorno e potrebbe decidere di virare decisamente su James Rodriguez, sarebbe un assoluto colpo di scena e la Signora diventerebbe ancora più competitiva. I soldi, del resto, non mancano.

L'Inter, invece, i soldi non può spenderli. Ormai è chiaro: l'affare Joao Mario rischia di saltare. Si è messa in mezzo l'Uefa che da tempo aveva nel mirino i conti dell'Inter e vuol vederci chiaro in tutte le scatole cinesi che da due anni i nerazzurri hanno costruito per aggirare il fair play finanziario.

Ma poi, diciamo la verità, Joao Mario è così indispensabile? Non basta Brozovic? Strana situazione. Io farei subito, con urgenza, non un centrocampista ma un difensore centrale. L'Inter ha in organico soltanto Murillo e Miranda più l'improponibile Ranocchia: è questo il reparto più debole dei nerazzurri e nessuno pensa di intervenire. Perché?

E se poi un centrocampista serve, investirei su Biglia con Banega dietro Icardi nel 4-2-3-1. Dite a De Boer che il 4-3-3 può andar bene, ma i moduli fissi in Italia hanno vita difficile, le grandi squadre devono saper cambiare pelle e un regista vero è sempre fondamentale.

Sempre restando in casa Inter, Ausilio deve necessariamente sfoltire. Un nome grosso, fuori dalle idee del nuovo tecnico, è Jovetic. Per Pantaleo Corvino trattasi di delitto tecnico-tattico, quel ragazzo l'ha scoperto lui e vuole rilanciarlo. Fiorentina? Perché no?

A me i cavalli di ritorno piacciono poco, ma un'operazione del genere è indubbiamente affascinante. Corvino ha capito che il mercato di basso profilo che gli hanno chiesto i Della Valle è triste, la piazza ha l'encefalogramma piatto. Fra quelli già arrivati non c'è un giocatore capace di eccitare la fantasia, ma neppure di stimolare il fantacalcio. Abbonamenti e affezione al minimo, hanno indotto Corvino a tentare il colpo ad effetto per dare una scossa last minute all'ambiente. L'operazione va avanti sotto traccia da settimane.

Jovetic guadagna quasi sei milioni e all'inizio l'idea di tornare a Firenze tre anni dopo l'ha presa come un fallimento. E in fondo è così. Il lavoro del suo procuratore Ramadani ( buon amico della Fiorentina) e di Corvino hanno minato le certezze di Jovetic. Il giocatore ha 26 anni, è ancora giovane, a Firenze potrebbe rilanciarsi e forse l'ha capito.

E lo stipendio? Questo resta il nodo vero. Un po' lo paga l'Inter (ma quanto?), un po' lo taglia il giocatore, ma fino a ieri sera il divario tra domanda e offerta era ancora netto. Fra l'altro l'Inter sarebbe disposta a prestare il giocatore, il riscatto dal City è fissato per l'anno prossimo a 15 milioni e di quello si parlerà a tempo debito.

Con la Fiorentina alla finestra, ieri si sono incontrati prima Jovetic e Ramadani, poi Ramadani e Ausilio. La strada è tracciata, ma sembra ancora in salita. La notte potrebbe portare a decisioni, oggi ci saranno altri incontri e probabilmente entrerà in scena anche Corvino. Alla fine un'operazione del genere potrebbe servire a tutti e questo deve indurre all'ottimismo.

Più difficile, invece, l'operazione che Ramadani ha messo in piedi per portare altri due suoi assistiti (Kalinic e Maksimovic) al Napoli. Del difensore sappiamo tutto da mesi: alla finje il Toro cederà.

Anche l'attaccante potrebbe finire a Napoli, ma la Fiorentina non molla la presa. La richiesta è molto alta, Gabbiadini più quindici milioni. O dieci più Grassi. Comunque fino a ieri sera non c'era ancora stato il contatto fra le due società, i discorsi erano rimasti a livello di procuratori e in pochi giorni sembra tutto complicato. Ramadani però è l'ago della bilancia: potrebbe favorire la Fiorentina nell'operazione Jovetic, la Fiorentina potrebbe ricambiare nell'affare Kalinic. Certo, con la coppia Jovetic-Gabbiadini al posto di Kalinic la Fiorentina potrebbe fare un bel salto in avanti.

Il Napoli vuole Kalinic per accontentare Sarri, ritiene però che la valutazione di 35 milioni che la Fiorentina fa del croato sia troppo alta. E' il momento dello stallo e della riflessione tanto che l'agente di Gabbiadini lo sta proponendo all'Everton per 22 milioni. Le due operazioni non sono collegate, ma hanno dei risvolti comuni. Comunque oggi Corvino darà l'attacco definitivo a Jovetic. Per Gabbiadini-Kalinic vedremo, certo è che se dovesse arrivare Gabbiadini è un conto, su Pavoletti (l'alternativa) qualche perplessità c'è.

Vedremo pure cosa farà il Milan nelle ultime ore di mercato. Per ora l'arrivo dei cinesi ha prodotto solo frustrazioni, ma se c'era da aspettarsi un ingresso soft, bloccare tutte le operazioni di mercato e non dare supporti economici a Berlusconi e Galliani potrebbe essere un autogol della proprietà in pectore. Il Milan deve tornare subito in Europa League, non può buttar via un'altra stagione e con il Principito Sosa e il croato Pasalic la vedo molto dura. Ha bisogno di qualche innesto importante e se i cinesi non si fidano di Galliani gli mettano al fianco un loro uomo di fiducia, ma presentare il Milan di Montella più o meno come quello di Mihajlovic è un'operazione rischiosissima.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto... 29.05 - Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.