HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Juve umana ma cambia poco. Napoli, bello e impossibile. Roma, che delusione. Il giorno di Gravina: Presidente cambia gli uomini poi il sistema

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
22.10.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 18350 volte

La Juventus è umana. Già questa è una notizia. Pareggia contro la sua bestia nera, il Genoa di Juric, e almeno rende diverso il week end di serie A. Non siamo quelli dai titoloni "Adesso torna a sognare il Napoli" oppure "La Juventus inciampa" ma crediamo che rientri tutto nella normalità di un film già visto. Sicuramente neanche la Juventus può vincerle tutte e fare 114 punti. Ne farà tantissimi e vincerà lo scudetto perché è un organico completo anche nelle riserve dei raccattapalle ma ci sta un pareggio ogni tanto. Sicuramente i veri test per Allegri iniziano adesso e la settimana di Champions dovrà dare delle risposte importanti ai bianconeri che, forse, sono più agitati fuori dal campo che in campo. Lo United di Mourinho, sabato pomeriggio, ha fatto un gran secondo tempo a casa Sarri e tutto sembra tranne che una squadra morta. E' sul viale della resurrezione. Tra una paginata e l'altra di cronaca giudiziaria Cristiano Ronaldo continua a fare gol. Non saranno belli ma la mette dentro e a fine anno quando si tirerà la linea vedrete che i gol rispecchiano le previsioni della vigilia.
Per una Juventus che si ferma, per 90 minuti, c'è un Napoli che ha preso la rincorsa. Aveva bisogno di carburare, ora sembra un'altra squadra. Vince e lo fa anche con convinzione. La mano di Ancelotti si vede e quando metti in fila così tanti successi vuol dire che la rincorsa è quella giusta. C'è un problema solo per il Napoli: gli obiettivi. Non è una colpa degli azzurri ma un dato di fatto. E' una squadra bella e impossibile. Bella perché gioca e vince ma impossibile è l'obiettivo. Lo scudetto difficilmente può essere un sogno raggiungibile e in Champions bisogna arrivare più lontano possibile. Consapevole che ci sono corazzate europee più attrezzate. Vorrei bestemmiare di lunedì ma vi dico una cosa: sarebbe più facile ipotizzare un Napoli da Champions che un Napoli da tricolore. Se proprio vogliamo sognare facciamolo in grande. In un campionato così lungo e con una Juventus così perfetta diventa difficile pensare ad un Napoli da scudetto. In Europa se ti bacia la stella giusta puoi arrivare fino in fondo e provare a giocartela.
La delusione è la Roma perché è partita malissimo ma, sinceramente, dopo il derby vinto con la Lazio credevamo fosse uscita dal tunnel. Invece nulla. E' ancora lì con la macchina ingolfata. Non solo perde con la Spal ma perde giocando in maniera indecente. Di Francesco o cambia qualcosa e trova la strada giusta oppure rischia seriamente di non finire la stagione sa Trigoria. Stesso discorso per Monchi che, alla seconda stagione, dovrà dimostrare di essere un top e non un flop. Comunque il campionato è ancora lungo. Complimenti alla Spal e a Semplici. La squadra gioca bene, è stata costruita bene e pensare di ottenere la salvezza con tranquillità a fine ottobre è roba da grandi; non da società che pochi anni fa era in serie C e ora vuole stabilizzarsi in serie A. Complimenti alla società perché chi lavora così bene merita di stare nell'Olimpo del calcio.
Infine la FIGC. Oggi è il giorno delle elezioni. Un unico candidato con il nome e il profilo giusto. Il calcio italiano dove sbattere la testa contro il muro per capire che bisognava andare tutti verso una unica direzione senza esperimenti ma a colpo sicuro. Il patto Gravina-Sibilia-Lega A ha funzionato e, da oggi, bisogna passare dai progetti al lavoro. Questa è la risposta che volevamo dal sistema ed è arrivata. Abbiamo perso 7 mesi e abbiamo capito che il Commissariamento è stato il flop più grande di questi anni. Peggio di ogni previsione e la dimostrazione che il calcio deve essere gestito da chi lo conosce. Gabriele Gravina avrà un duro lavoro da svolgere e dovrà farlo in fretta perché non c'è molto tempo. Prima del sistema vanno cambiati gli uomini. Troppi incompetenti in ruoli chiave. Purtroppo adesso c'è bisogno di qualcuno che decida. Nel bene o nel male. La tessera sanitaria dello sportivo è una bella idea e nasconde un business clamoroso che se decollerà sarà una miniera d'oro. Dietro ci sono un paio di Presidenti che lo fanno come business con una grandissima banca dati alle spalle. Fuori Italia. Gravina ha le idee chiare. Serve uno come lui e dovrà cambiare format, regole, date e accompagnare AIC e AIA a prendere decisioni giuste. L'Associazione Calciatori ha bisogno di una svolta per dare un futuro a ragazzi che a 23 anni sono già per strada. I tempi dell'Avvocato Campana sono lontani ma questa categoria va aiutata perché è il motore della macchina e oggi è un motore che non cammina più. Buon lavoro al Presidente Gravina, finalmente l'uomo giusto sulla poltrona giusta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy