VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora?

10.08.2017 08:31 di Luca Marchetti   articolo letto 67041 volte
© foto di Federico De Luca

La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava a rimbalzare sul discorso Barcellona: di certo se la Juve sceglie di dare il 10 a un giocatore questo non se ne va fra 15 giorni. E poi è un'investitura ufficiale. Anche sul mercato potrà avere delle conseguenze future. Il numero 10 della Juve è sempre un numero pesante. È sempre qualcosa che aumenta il valore di un giocatore che già aveva il futuro davanti.
Ora bisognerà però accompagnare il 10 con un "8" o un "4". A proposito di numeri: Kovacic ha finalmente preso la 23 in blanco, ma ha continuato a non giocare neanhce un minuto. Alla Juve è sempre piaciuto e al Real fanno veramente fatica a cederlo, men che mai in prestito. È un tentativo che comunque la Juve farà, come continuerà a farlo anche per Emre Can. Finché il mercato sarà aperto o finché il giocatore non rinnoverà con il Liverpool. Per età e prospettive è considerato probabilmente il miglior rapporto qualità prezzo (è a scadenza contratto 2018) in Europa, ma non è affatto semplice. Ecco perché si continua a lavorare anche per Matuidi, considerato certamente al top ma sul quale un progetto a lungo termine non può essere fatto (ha 30 anni) ed è un investimento che vale per il presente e non per il futuro (eventuale rivendita). Poi ci sono le altre operazioni: Asamoah che vuole andare ma l'Atalanta che non molla Spinazzola. La vicenda Keita invece è destinata a durare, almeno fino a dopo la Supercoppa. Dovesse arrivare Keita potrebber partire un attaccante: Kean che è ricercatissimo dal PSV. Mentre sempre a proposito di cessioni sempre molto vivo l'Interesse del Torino su Rincon
La Roma invece ha puntato Mahrez e finché c'è mercato c'è speranza. Il Leicester ha rifutato i 35 milioni offerti nei giorni scorsi. Vuole 40 milioni di sterline, ovvero 44 milioni di euro. Il giocatore vorrebbe giocare la Champions e ha già detto sì alla Roma, anche se ci sono offerte da altre squadre di Premier che lo tentano. Alternative? Sicuramente Vazquez, e come idea anche Cuadrado che però per la Juve è incedibile.
Ora che all'Inte è ufficiale Dalberto ci si può concentrare sulle altre operazioni: la cessione di Murillo al Valencia (potrebbe addirittura chiudersi in settimana) porterà in automatico all'arrivo di un difensore. Non sarà un titolare, ma un giocatore già abituato alle grandi sfide, magari un "esubero" delle grandi squadre che può arrivare con un'operazione a basso impatto. Non per le casse del club ma sempre per concentrare eventuali sforzi in altre zone del campo. Venerdì potrebbe essere la giornata di Emre Mor dal Borussia, ma nel frattempo potrebbe prendere piede la trattativa con il PSG per Joao Mario e Aurier nella chiacchierata. A quel punto, il resto, dipenderebbe dalle cessioni. A proposito (a parte Medel verso il Besiktas, deve accettare lui) Kondogbia in maniera gentile ma ferma sta dicendo di voler andare via. Il Valencia lo vuole ma l'Intr chiede 30/35 milioni. Lui per primo sa di non valee probabilmente più quella cifra e chiede comunque comprensione all'Inter per trovare la formula giusta (prestito, percentuale con futura rivendita, scambi) che possa far contenti tutti. Il Valencia però non ha al momento i soldi necessari, a meno che non venda Cancelo (Tottenham).
Finalmente si muove la Fiorentina. Arrivato Benassi per 10 milioni di euro più bonus, arrivato Eysseric, trequartista 3 milioni e mezzo. E attenzione anche a Stafylidis dell'Augsburg (che piace più di Strinic visto che è molto più giovane). Proposto anche Rogel, centrale difensivo del Nacional e nazionale uruguaiano U20.
Il Milan rimane sempre alla ricerca di un attaccante e probabilmente dalla prossima settimana (non prima) si entrerà nel vivo, sempre con i soliti nomi in ballo. Attenzione alle uscite: Gomez chiesto dal Fenerbahce. Il Milan la prenderà in considerazione solo se il ragazzo volesse veramente andare via e se la cessione fosse a titolo definitivo.
Schick ha fatto le visite di idoneità e nei prossimi 2-3 giorni arriverà il responso, ma le sensazioni sono positive. Ora deciderà il giocatore insieme alla Samp se rimanere in blucerchiato, accettar l'offerta dell'Inter, quella del Monaco o perché no quella della Roma che nel frattempo prova a recuperare il terreno perduto.
Al Genoa, proprio dalla Roma, è in arrivo Anocic, terzino sinistro, in prestito. Dopo la cessione di Benassi, Rincon diventa il primo obiettivo del Torino, visto che la trattativa è ai dettagli, si spera di poterla chiudere davvero a breve. Anche perché potrebbe partire anche Acquah, per il quale si è fatto avanti il Birmingham che presumibilmente potrebbe essere sostituito da Donsah del Bologna.
Ai dettagli anche la trattativa di De Roon con l'Atalanta operazione da 13 milioni di euro più 2 di bonus. Nel frattempo è stata presentata anche un'offerta per Sandoval, attaccante 99 del Colon. Attesa la risposta nel fine settimana. La Spal sta continuando a trattare con il San Gallo la punta Ajeti: prestito biennale con diritto di riscatto a 2,5. Gli svizzeri vorrebbero un obbligo alle stesse cifre.

In B il Parma sta trattando Maxi Lopez, il Bari ha preso Iocolano dall'Alessandria, l'Ascoli ha rinnovato Favilli, lo Spezia De Col. La Cremonese ha ufficializzato Arini, l'Empoli ha praticamente preso Lollo del Carpi e sta per cedere El Kaddouri al Paok. Il Carpi ha l'accordo con il Foggia per Fedele ed è fatta anche per Giorico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.