VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, vendi Pogba e apri la cassa. Milan, se ci sei batti un colpo. Panchine in B: chi merita e chi no. Catania, Lo Monaco-Pulvirenti: meglio due morti che un ferito

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.06.2016 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 48856 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' stata la prima vera settimana in cui almeno qualcosa si è mosso. Il mercato in Italia non cambierà mai. Se vuoi programmare hai sbagliato Paese. I calciatori non hanno una testa per pensare e delegano ai procuratori, i quali non giudicano mai, o quasi mai, per il bene del calciatore ma lo mandano solo a chi offre di più. Errore grave. Meglio guadagnare 50 mila euro in meno ma andare in società serie, con progetti, visione e che abbiano un reale interesse nei confronti del calciatore, anziché pensare al guadagno di anno in anno. La Juventus si sta muovendo meglio di tutti, come sempre, con un tempismo perfetto. L'operazione Pjanic, se fatta al 30 agosto, dopo due mesi di finti tira e molla, sarebbe stata giudicata da tutti come la trattativa dell'anno. E', invece, passata quasi inosservata. Tutto troppo facile. Ma se vinci 5-0 con il Barcellona non può passare il concetto che è stata una passeggiata, semplicemente hai fatto qualcosa di grandioso. La Juve sta demolendo le avversarie italiane e si sta rinforzando per la corsa all'Europa. Qui c'è tutta la programmazione della società e la credibilità dei suoi dirigenti. Adesso scriveremo qualcosa che va contro il popolo. ma tant'è... La Juventus deve vendere Pogba al Real Madrid. Si prenda tutto il tempo di cui ha bisogno ma alla fine faccia cassa perché occasioni così capitano poche volte. Molti soldi e Morata. Operazione da chiudere subito. La Juve deve sfruttare l'onda di entusiasmo del real Campione d'Europa e il desiderio di Zidane di allenare Pogba. Perez paga e paga bene, Marotta può davvero fare la plusvalenza del secolo.
La Juve progetta, l'Inter riflette, il Milan è alle Maldive. Non può una società così gloriosa non sapere di che morte morire quando tutte le altre fanno mercato. Non sappiamo chi sarà il proprietario, non conosciamo l'allenatore e non si sa cosa fare di chi vuole andare via (vedi Bacca) né chi potrebbe arrivare. Brocchi viene trattato come l'ultimo arrivato e questo comportamento non lo merita. Giampaolo è fermo sulla tangenziale Est in attesa di una chiamata. Poi che senso avrebbe bruciare Brocchi per dare una wild card a Giampaolo? Cose davvero dell'altro mondo.

Il vero mercato della settimana è stato quello delle panchine in serie B. Mentre in A il Crotone ha sbagliato a fidarsi di De Zerbi, in serie B l'Ascoli ha fatto firmare un biennale ad Alfredo Aglietti. Un allenatore che con squadroni di qualità non riesce mai a conquistare l'obiettivo minimo. A Chiavari è retrocesso al primo anno e fallito i play off al secondo. Qualcuno penserà che l'Entella ha fatto già un miracolo ad arrivare nona in classifica ma solo perché l'Entella non ha una storia. Così come il Sassuolo. Ma oggi la differenza non la fanno più le piazze bensì la solidità di una società. Se hai Caputo, Troiano, Masucci, Volpe, Iacobucci e Cutolo e arrivi nono significa che in panchina non hai un vincente. Il Perugia ha aperto le porte a Cristian Bucchi che, finalmente, si è liberato dalla Presidentessa di Macerata, la quale non ha avuto neanche un briciolo di riconoscenza nei confronti di un allenatore che l'ha portata a giocarsi i play off con un budget che non sarebbe servito neanche per la salvezza. Bucchi a Perugia trova una squadra forte e una società solida. Santopadre è un ottimo Presidente e Goretti un bravo Direttore Sportivo. Questa squadra ha bisogno di qualche puntello ma non di essere rivoluzionata. Boscaglia a Novara, come Bucchi a Perugia, trova già una squadra competitiva che deve essere solo migliorata. Partire da Da Costa, Dickman, Mantovani, Viola, Casarini, Bolzoni e Lanzafame è un bel punto di partenza. Dovrà valorizzare giovani forti come Schiavi e Beye che possono davvero seguire le orme di Bruno Fernandes e Faragò. Grande allenatore in fase offensiva, attacca sempre con cinque elementi, dovrà avere un occhio di riguardo alla linea difensiva. Il Bari cerca un allenatore mentre il Benevento scioglierà a breve le riserve. Al Bari Marco Baroni sarebbe perfetto; persona perbene e pragmatica, anche lui come tanti altri deve migliorare qualcosa ma la persona non si discute e come allenatore è un gran lavoratore.
In chiusura ci vogliamo occupare del Catania. Non lo facevamo da tempo. Piazza a noi, da sempre, molto cara. Conoscete bene il nostro pensiero. Lo Monaco è stata la fortuna del Catania, Pulvirenti ha ammazzato il bimbo nella culla. Ora si sono ritrovati ma il nostro pensiero è leggermente cambiato. Sapete che non guardiamo mai in faccia ad amici o nemici e diciamo sempre quello che pensiamo, perché il rapporto con il lettore viene prima di un'amicizia. Non offendiamo nessuno se diciamo che Lo Monaco e Pulvirenti hanno perso entrambi con questo matrimonio bis che di fatto è un funerale reciproco. Se per anni sputo veleno su una persona non posso cambiare idea drasticamente sulla stessa persona solo per convenienza. Lo Monaco e Pulvirenti si sono fatti una guerra clamorosa che oggi non può finire in un abbraccio. La verità è che entrambi si sono resi conto di non poter fare a meno l'uno dell'altro. Pulvirenti è passato dall'altare alla polvere. Lo Monaco, dopo Catania, ha purtroppo fallito da Dirigente e da Presidente del Messina. Il Direttore è un amico ma come avremmo voluto dirglielo di persona glielo diciamo pubblicamente. Siamo fatti così. Siamo fatti male ma amiamo dire sempre ciò che pensiamo. Lo Monaco non avrebbe dovuto accettare le condizioni poste da Pulvirenti. Pur di lavorare, ha accettato condizioni che uno come lui mai avrebbe accettato prima. Il quadretto si è completato. Ha perso il Catania, i catanesi e Pulvirenti ma da due settimane ha perso anche Lo Monaco, l'unico vero vincitore post disastro.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.