VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Juventus, con quei 40 chiedi di cambiare con due 20. Si sveglia la Roma! Napoli, Allan ok ora servono due difensori. Caro Avellino, ti scrivo...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.07.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 137091 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il mercato della Juventus divide. Sinceramente sono sempre stato uno che si schiera, a volte sbagliando altre indovinando, ma per ora rinvio il giudizio al 31 agosto. Quando l'Inter conquistò tutto con Mourinho decise di tenere tutti, per riconoscenza. Fu l'inizio della fine. La Juventus non ha vinto tutto, lo scorso anno, ma quasi. Sta cambiando molto e si sta muovendo bene. E' anche vero, però, che perdere Vidal, Pirlo e Tevez in un solo colpo potrebbe essere rischioso. Chi è arrivato farà la differenza, senza dubbio, ma ora con i 40 milioni di euro in cassa per la cessione di Vidal c'è solo una cosa da fare: prendere due calciatori da 20 milioni di euro. In difesa la Juventus non è ancora definita e il numero 10 serve come l'acqua di questi tempi di gran caldo. Allegri è un tecnico perfettamente aziendalista. Non è come Conte che ti fa il cinema se vuoi vendere un calciatore. Lui accetta la politica societaria ma pretende i rinforzi. In Italia c'è sempre un divario netto tra la Juve, il Napoli, le milanesi e le romane ma la Roma si sta svegliando e sembra che Sabatini abbia rassicurato Garcia, negli ultimi giorni, dopo un avvio di ritiro abbastanza turbolento. La Roma è forte ma non fortissima, prigioniera della sua storia. Francesco Totti deve capire, se davvero è tifoso giallorosso come si professa da una vita, che dovrà anteporre il bene della squadra al suo. Se Sabatini chiuderà il doppio colpo Salah-Dzeko, allora, ci alzeremo in piedi sul divano di casa e ci metteremo a fumare una sigaretta con Walter. Il problema della Roma, in questa stagione, sarà Rudi Garcia. Chi inizia con il mal di pancia la giornata non può che finirla...come tutti sapete. Oggi vedo: Juve-Roma-Inter-Milan-Napoli-Fiorentina e Lazio. Ovviamente non è neanche fine luglio e questa scaletta vale come un giudizio di Cassano sulla Tosca. A proposito di Cassano e Balotelli. Il calcio ti dà e ti toglie. Puoi avere tutta la classe innata di questo mondo ma se non ti comporti da professionista, alla lunga, il calcio non ti accetta più. Il Napoli cresce bene e Sarri è un gran lavoratore. Bisognerà dargli tempo e l'ago della bilancia sarà il comportamento di Higuain. Se l'argentino torna con entusiasmo il Napoli può svoltare, altrimenti sarà un problema. Allan è un grande acquisto e a centrocampo può ricoprire più ruoli; come Hamsik. Insigne sarebbe il top dietro Higuain e Gabbiadini. La difesa ha bisogno di Astori + 1. Sarri è bravissimo in fase di non possesso e cura il minimo dettaglio in difesa, ma per una buona difesa servono ottimi difensori.
Infine, sfrutto questo spazio per rivolgermi ai tanti tifosi avellinesi che mi hanno scritto in questi dieci giorni. Non hanno capito cosa sia realmente successo e, ovviamente, hanno ascoltato solo una campana; quella più vicina e non quella distante 800 km. Premetto che la scorsa settimana ho chiarito personalmente diversi aspetti con il Presidente Taccone e ribadisco che io, io, io, io... (non è un errore di battitura) i panni sporchi li lavo sempre in casa. Se poi qualcuno decide di stenderli fuori, allora, il discorso cambia. Sono un tifoso irpino dall'età di 1 anno e, anche quando sono approdato alla tv nazionale, ho sempre precisato di essere irpino e non, genericamente, campano. Un anno mi chiesero di fare in video i collegamenti come tifoso del Napoli, per una trasmissione molto popolare. Mi dissero "tanto l'Avellino è in serie D, chi vuoi che se ne freghi". Rifiutai la proposta e qualche migliaia di euro perché non potevo ingannare la gente, fingendomi tifoso napoletano. Non ho mai voluto essere quello che non sono. Ho pensato ai tanti tifosi avellinesi, i quali, ogni volta, che torno in città, mi regalano affetto ed emozioni. Poi, nell'ultima stagione qualcosa è cambiato. La gente, prima di giudicare deve sapere; poi tragga le conclusioni che ritiene più giuste, non quelle capziose di qualche sito locale che ho puntualmente querelato per diffamazione, sia in sede civile che penale. Non ho colpe se il destino ha deciso di dividere le strade. Con Taccone ho sempre avuto un rapporto di stima, con De Vito di amicizia. Ma due anni fa accettai di "aiutare" un Direttore, nel quale ho sempre creduto sin da ragazzino. Mi chiese un colloquio con una persona a me cara. Voleva compiere un passo in avanti nella sua carriera. La cena a Monza, la stretta di mano, poi la retrocessione della squadra in questione e la retromarcia del Direttore. A qualcuno non è andata giù, ma ricordo che non fui io a cercare, mi limitai ad accogliere la richiesta di "aiuto". Sbagliando. Se qualcuno ti chiede una mano, meglio tagliarla; la riconoscenza in questo mondo non esiste. Fai del bene per conoscere l'ingratitudine. Ormai la frase l'ho capita. Per amore del Lupo mi sono fatto tanti nemici in altre piazze, ho combattuto contro i torti arbitrali subiti dai Lupi e ho provato ad agevolare trattative di mercato in favore dell'Avellino. Tutto questo non è bastato, ma l'importante è essere a posto con la propria coscienza e, nonostante il destino (o chi per lui) abbia riservato simpatiche sorprese, specifico che io per Avellino non sarò mai un "avversario".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Paperumma ha rovinato tutto: immagine da ricostruire. Gli agenti bravi e quelli che fanno danni: da Raiola a Di Campli fino a Giuffredi. Inter, tocca a te! Palermo, non trema solo Zamparini... 10.07 - Doveva essere un titolo da cartone animato è stato, invece, un titolo premonitore. Paperumma non ha portato benissimo a Gigio Donnarumma che oltre a costruire la sua carriera, adesso, dovrà ricostruire la sua immagine. Un anno fa aveva l'immagine migliore del nostro campionato. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.