VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juventus: la prova di forza è Nainggolan. Inter: i Black Cats dicono che torna Alvarez. Ancelotti: decide tutto il Real Madrid. Milan e Juve: basta strumentalizzare Matri, basta

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
23.05.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 70050 volte
Juventus: la prova di forza è Nainggolan. Inter: i Black Cats dicono che torna Alvarez. Ancelotti: decide tutto il Real Madrid. Milan e Juve: basta strumentalizzare Matri, basta

C'è un abisso fra la Juventus e le altre. La cosiddetta Juventus 2 oggi vincerebbe comodamente il Campionato. E la Juventus lo sa. Per questo Andrea Agnelli non si accontenta. Vuole trasportare la schiacciante superiorità bianconera dal campo alla scrivania. E non è solo (!) una questione legata ai grandi ricavi derivanti dalla finale di Champions League. No, c'è dell'altro. Andrea Agnelli vuole diventare l'ombelico del mondo del calcio italiano. Ciò che non gli è riuscito un anno fa al momento dell'elezione del presidente federale, vuole prenderselo adesso. Sostenuto da cotanta squadra e da cotanta stagione. Il segnale è il mancato spostamento di Juventus-Napoli. Nossignori, Andrea Agnelli non si è smosso di un millimetro. E' a caccia di segnali di potere, il presidente della Juventus. Il Sunset Boulevard delle comproprietà sta per offrirgliene uno nuovo. Le comproprietà, anomalia tutta italiana. Stanno per sparire, ma il loro trapasso potrebbe essere storico. Proprio perché non si possono rinnovare, le ultime comproprietà sono decisive. Entrambe le parti con l'acqua alla gola. Roma e Cagliari in questo senso. Con Radja Nainggolan nel mezzo. E' vero che la Roma è per il Cagliari ciò che fino a qualche anno fa era il Napoli per il Brescia, un cliente particolare, affezionato, sempre presente, da trattare come si conviene. Ma Astori e Ibarbo, con tutto il rispetto, non possono valere o comprendere Nainggolan nel pacchetto. E' lui, Radja, la vera posta in palio del derby di lunedì fra Lazio e Roma. Se i giallorossi vincono, se lo tengono costi quel che costi. Altrimenti, la Juventus potrebbe consentire al Cagliari di superare, magari alle buste, l'offerta di una Roma in bilico fra Europa di Serie A e di Serie B. Con lo stesso Nainggolan che potrebbe giustificarsi agli occhi degli impauriti tifosi romanisti, con il rapporto importante da sempre esistente fra lui e Massimiliano Allegri.

C'è una frase che ci ha accompagnati nel corso della stagione. Una di quelle trite e ritrite che piacciono al calcio social di oggi. Uno la "pensa" e in migliaia la ripetono senza averci pensato troppo su e senza sapere bene che cosa stan dicendo. Frasi del tipo "Se Ancelotti ha lasciato andare Diego Lopez un motivo ci sarà"..."Diego Lopez, Abbiati, Agazzi e Gabriel, in quattro non fanno un buon portiere"..."Menez è un giocatorino"...insomma sì, quelle frasi lì. Ma c'è né una che non ci ha mai abbandonato, nemmeno al momento di fare il classico bisognino. Soldi? Bilancio? Debiti? Sanzioni Uefa? Nessun problema "Tanto se il Sunderland si salva, ci dà 12 milioni per Ricky Alvarez". La sappiamo, l'abbiamo imparata a memoria La Frase e recitata come terza preghierina della sera ogni Santo giorno. La Frase ci aveva riempiti, nutriti, pervasi. Fino al bel dì del tweet di Craig Hope. Lui è il corrispondente del Daily Mail online per il calcio del North East inglese. Ecco, ve lo scriviamo piano piano in inglese: "Ricky Alvarez does not have a clause in his loan deal market permanent a £7.5m move to SAFC on PL survival. He will return to Inter Milan". Ahi. Insomma non sappiamo bene l'inglese e non osiamo tradurre. Ma ahi. Il tweet di Craig Hope, così, a occhio, mal letto e mal tradotto, potrebbe anche incrinare La Frase. Del resto Alvarez in Prima squadra al Sunderland che si è salvato (survival) in Premier League lo hanno visto per l'ultima volta il 13 Marzo scorso: Sunderland-Aston Villa 0-4. Poi basta. Stop, nemmeno in panchina. Tredici presenza in Campionato in tutta la stagione 2014-2015. E c'è un altro Sito inglese che osa contraddire La Frase: "Ricky Alvarez will not be joining Sunderland this summer". Ahi. Non solo: "There were clauses in the deal - thought to have been on appearances - which allowed the full-time transfer to be abandoned". Ahi. Questi inglesi, ma come si permettono?

Il viene o non viene, è tempo perso. Finchè Carlo Ancelotti è allenatore del Real Madrid, infliggersi tarli e assillarsi è assolutamente inutile. Ci permettiamo solo di definire deboli le tesi, diffuse peraltro, a smentita dell'ipotesi di un ritorno di Ancelotti al Milan. Dice, va al City. Sarà. Perchè allora il City continua a tenersi aggiornato e caldo su Unay Emery? Dice, è stato trattato male nel 2009 dal Milan. Mica vero. C'era stata la frase del presidente Berlusconi, la ricordiamo bene: "E' colpa sua se non abbiamo vinto lo Scudetto". Ma lui, il destinatario, l'interessato, se si fosse sentito davvero trattato male perché il 30 Maggio 2009, al momento del suo ultimo allenamento a Milanello, avrebbe detto agli amici: "Ricordatevi una sola cosa, io qui ci torno". Con tanto di sopracciglio. E perché, se si fosse sentito trattato male, avrebbe detto sempre agli amici l'ultimo sabato di Agosto del 2013: "Sì, Kakà ci sta pensando e penso che venga. Oh, ricordate di tenere un posto libero anche per me...". La verità è che Carlo sapeva benissimo a quali sacrifici economici sarebbe stato costretto ad andare incontro il Milan nell'estate del 2009 (la cessione di Kakà a Florentino Perez) e lui e Galliani di comune accordo avevano già deciso di chiudere il ciclo di Ancelotti stesso insieme a Kakà e Maldini, ormai da diversi mesi. Adesso, vediamo. Prima della decisione del Real Madrid, è sciocco fare qualsiasi previsione.

Prima o poi le schegge della banda dei quattro tornano sempre. La banda dei quattro sono quelle testate che nell'estate del 2006 volevano affossare il Milan durante Calciopoli. Ricordiamo volti e testate, uno ad uno e una ad una. C'è addirittura chi in queste settimane ha pensato di prendere il Milan e di fargli l'emotrasfusione scegliendo come rampe di lancio proprio due della banda dei quattro, due che volevano uccidere il Milan nell'estate del 2006. E il presidente Berlusconi, tra le tv di Genova e Tele Norba, ha ampiamente illustrato come è andata a finire. Perché ormai l'ammaraggio c'è stato. Ma quel che è peggio viene fatto su di lui e in fondo contro di lui, Alessandro Matri. Un bravo ragazzo, un buon giocatore, ancora e sempre messo in mezzo. Un ragazzo educato, motivato, dolce, disponibile, Ale. Adorato all'inverosimile dal nostro caro collega Claudio Lippi. Basta metterlo in mezzo, Matri. Basta! Appena ha messo piede al Milan, lui emotivo come pochi altri e affezionato al Milan come pochi altri, è stato affossato. Gli striscioni a San Siro. I dubbi dall'interno sulla scelta di mercato fatta da Galliani e Allegri. Risultato: a Gennaio 2014, Matri va a Firenze chiudendo in lacrime l'armadietto di Milanello. In estate poi lui vuol tornare al Milan, vuole giocarsela in rossonero. Ma con Balotelli e Pazzini prima e con Torres e Pazzini poi, le scelte sono altre. Tre ingaggi alti per tre prime punte non possono starci tutti insieme nel bilancio rossonero. Ale in quel momento non è valorizzato dal mercato, nessuno ci crede davvero. Il Milan pensa al proprio bilancio e condivide l'ingaggio di Matri con il Genoa. Con la speranza che al cinquanta per cento dei costi rossoneri sul suo stipendio segua una ri-valorizzazione di Ale. Così è. Tanto che la Juventus lo chiede a Gennaio a Genoa e Milan. Il Milan pensa al ragazzo, non alle linguacce becere che gli avrebbero poi fatto dalla banda dei quattro, non lo meritano, e lo agevola. Oggi Matri sorride dopo aver pianto e vale molto più di un anno fa. E se l'ambiente di chi vince trasforma un bravo ragazzo che ha realizzato una splendida impresa in un feticcio da usare contro l'avversario, fa un danno a se stesso e alla propria cultura sportiva. L'importante è che il danno non lo faccia ad Alessandro che merita di essere, per la grande Juventus che abbiamo sotto gli occhi, un volto vincente e positivo, non il simbolo negativo di una rivalsa inutile. Contro chi, peraltro, e Matri lo sa, si è comportato come sempre con signorilità pensando in primo luogo al ragazzo. A proposito di Matri. Prendiamo a prestito da twitter un pensiero, ricordando come è stato "accolto" Ale due anni fa, e ci permettiamo di girarlo pari pari ai tifosi rossoneri: "Mi raccomando, cominciate subito ad insultare ogni giocatore che verrà accostato al Milan, il passato recente ha dimostrato che serve".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.