VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Kakà: se parte ne arriva uno fortissimo. Ranocchia-Juve: li divide una fascia. La Juve sogna Cuadrado ma finirà come Jovetic. Milan-Mondiali: chi come Boateng? Pioli: alla Lazio tra Luis Enrique e Allegri

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
14.06.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 46621 volte

Il bacio del San Valentino brasiliano fra Caroline e Riccardino ha fatto felici i tifosi milanisti. Ancor di più la sua esultanza allo Stadio per i gol del Brasile sulla Croazia. Grande Kakà. Qualcuno a Usa '94 tifava contro la Nazionale per non essere stato convocato da Sacchi. Lui invece è lì a tifare per il suo Brasile e per Scolari. Torniamo a noi: si baciano, tutto bene, quindi torna al Milan e a Milano. Potrebbe essere ma potrebbe anche non essere e non essere così semplice. In ogni caso per i milanisti veri i motivi privati e personali di Kakà sono sacri. Contrariamente però a quanto accadde nel 2009 quando Kakà non fu sostituito da nessuno (certe equazioni pittoresche le lasciamo ai fumi degli happy hour delle ore piccole) per il semplice motivo che se vieni ceduto per salvare il bilancio ed essendo quel Kakà insostituibile non c'era contropartita tecnica che tenesse, questa volta le cose potrebbero andare diversamente. Kakà può scegliere liberamente e in serenità. Se rimane al Milan, tutti contenti. Se dovesse invece scegliere di optare per altre opportunità, il Milan potrebbe andare su un sostituto vero questa volta. Non solo vero, ma anche fortissimo.

Ranocchia torna dal Brasile e pensa alla prossima stagione. Sogna la fascia di capitano dell'Inter e qualche apertura in Società c'è effettivamente stata. Ma la panchina non è la Società e Mazzarri sa che in qualche caso potrebbe fare scelte che non vedono Ranocchia fra i primi undici. E tener fuori il Capitano della squadra potrebbe essere un problema in più. Per cui il discrimine della fascia è importante, sul fronte Ranocchia, non soltanto per la prossima stagione ma anche per il suo futuro. Perché da oggi Ranocchia ha un pensiero fisso in testa: giocare sempre in un progetto stabile per essere presente ai prossimo Europei e Mondiali dopo il 24' posto nella rosa azzurra di quest'anno. Con la fascia di capitano, questo contesto lo può trovare all'Inter. Senza la fascia, ecco che il richiamo continuo, quasi quotidiano, di Torino bianconera potrebbe anche avere successo.

Antonio Conte lo sogna, lo vuole e lo considera ideale per il suo calcio e per alzare l'asticella della sua squadra in Champions League. Lui è Cuadrado. Buoni rapporti con l'Udinese, meno con la Fiorentina. Questo il panorama che deve declinare chi fa il mercato dopo i desiderata dell'allenatore. Ed è proprio la rivalità atavica con la Fiorentina che rende pressochè impossibile l'operazione. Esattamente come accadde un anno fa con Jovetic. La Juventus ne parlava e ci credeva. Poi fu Manchester City. Certo è che se per un Berbatov di passaggio, ti giochi prima Jovetic e poi Cuadrado, quel benedetto aereo poteva anche essere lasciato al suo destino.
L'anno dopo i Mondiali è sempre particolare. Soprattutto al Milan. L'ultimo Scudetto rossonero, nel 2011, dopo il Mondiale del 2010, è arrivato anche grazie a Kevin Prince Boateng, notato e osservato da Adriano Galliani proprio durante i Campionati in Sudafrica. Il Milan naturalmente guarderà anche i Mondiali iniziati giovedì in Brasile. E dal momento che almeno una casella a centrocampo può ancora essere occupata, ecco che i centrocampisti, modello Boateng, di tutte le Nazionali impegnate ai Mondiali saranno visionati con attenzione. La storia di Kevin Prince è sintomatica. Fa un Mondiale all'insegna della corsa e degli inserimenti e quel Milan del 2010 che aveva voglia di un po' di gamba e un po' di polmoni, si informa. Avraham Grant, suo allenatore al Portsmouth, dà certe referenze alla famiglia Galliani che non si scoraggia e inizia una trattativa a più riprese che porta Boateng al Milan prima in prestito, poi in compartecipazione e poi a titolo definitivo. Insomma, il Mondiale aguzza l'ingegno.

Stefano Pioli a Roma. Poteva andare così già tre anni fa, quando il giallorosso Sabatini lo aveva scelto per la Roma. Ma in quel caso a prevalere fu la linea Baldini che optò per Luis Enrique. Pioli dunque a Roma, tre anni dopo e sulla sponda opposta. Anche grazie a Massimiliano Allegri che si è fatto da parte e ha sostanzialmente scelto di stare fermo un anno. Il tecnico toscano ha misurato sull'interesse per il suo stesso ingaggio, le ambizioni del presidente Lotito per la prossima stagione della Lazio. E a torto o a ragione ha fatto la sua scelta. Tocca dunque a Pioli, un allenatore bravo, costante, serio e innovativo. La Lazio ha scelto bene, ma che incroci. Poteva essere Roma e invece è Lazio, dopo la scelta dell'ex allenatore del Milan. Pioli è passato dalle fessure degli incroci del calcio. Adesso tocca a lui.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.