VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Kovacic, 35 milioni sulle spalle del Mancio. Ultime due settimane: dubbi e segreti di Milan, Juve e Napoli. Palazzi, ma è tutto vero?

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
17.08.2015 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 119482 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato è come l'estate che stiamo vivendo. Sudiamo per due mesi e mezzo mentre siamo in ufficio e quando arriva Ferragosto dobbiamo prendere maglioni ed ombrelli. Il mercato è così: per tre mesi non succede nulla, poi in un amen si svegliano tutti. Nella notte di Ferragosto la Signora Ausilio, come sempre, era impegnata con i figli e doveva sopperire all'assenza del marito. Santa donna. Nel digitare sul suo cellulare il numero di "Piero" o "Amore mio", non sappiamo le abitudini della Signora, avrà trovato occupato; tanto per cambiare. Quella notte, però, la Signora non avrebbe dovuto telefonare perché Piero era impegnato in una telefonata importante. Che neanche avrebbe immaginato. Il Direttore dell'Inter aveva già prenotato un volo per l'Inghilterra, nella giornata di oggi. L'aereo lo prende ma cambia destinazione: "Pilota, niente Liverpool, viriamo su Madrid". Piero, allora, ha annusato l'affare e ha trovato un pazzo (Benitez) che spende 38 milioni di euro più qualche milionata di bonus per prendere Kovacic. E' un affare? Sì. Vendere un calciatore e guadagnarci più di 20 milioni di euro è sempre un affare. Kovacic è un potenziale campione, non è un campione, e - anche se sicuramente lo diventerà - un vero campione non ha bisogno di due anni di rodaggio. L'Inter lo ha aspettato ma adesso ci sono altre priorità. Fare cassa e prendere calciatori pronti. Con una plusvalenza del genere non si poteva dire al Real Madrid "No, grazie". Adesso, però, Mancini ha un peso di 35 milioni di euro sulle spalle. Inutile nascondere la testa sotto la sabbia, per i tifosi nerazzurri. In vista di altri acquisti, bisognava vendere e Mancini dovrà saper far fruttare gli investimenti. Altrimenti sarà dura. L'Inter non può perdere un altro anno. Roby-gol deve dimostrare agli scettici che non ha perso la mentalità vincente e può ancora rendere grande questa squadra. Perisic è diventata quasi un'ossessione e Mancini deve evitare di far prendere calciatori tanto per... Già a gennaio ha cannato clamorosamente due jolly. Oggi l'Inter, sulla carta, sarebbe fuori ancora dalla zona Champions e per restare in Europa League deve impegnarsi. Ausilio si sbatte come un pazzo, si fa in 4 con una proprietà che vive dall'altra parte del mondo e un allenatore che pretende ma ancora non dà.
Sono le ultime due settimane di mercato. Le più belle e le più intense. Mai come quest'anno ci saranno fuochi di artificio. Il Milan deve fare ancora due colpi da 90, la Juventus ha bisogno di due top player, l'Inter ha 35 milioni di euro da spendere e anche il Napoli deve puntellare la rosa. Sugli esterni soprattutto. La Roma è forte, si è mossa bene ed è completa. Però in difesa serve ancora, almeno, un altro rinforzo. La Lazio deve aspettare il preliminare di Champions. In caso di qualificazione sarà tutto un altro mondo. Il Milan sta rischiando seriamente. I tifosi hanno davanti agli occhi e nelle orecchie il nome di Ibrahimovic. Galliani è fiducioso e, anche se non si sta mettendo bene, crede di piazzare il colpo il 31 agosto. Se non gli riuscirà saranno guai. Mal di pancia veri. Saranno problemi di Galliani accontentare i tifosi, dopo aver accontentato Sinisa. Stando ai rumors, Berlusconi non sarebbe ancora sereno. I tifosi sono preoccupati e adesso la stima va guadagnata. La Juventus, invece, dal canto suo non può fallire. Quest'anno Marotta avrà più lavoro da fare. Mancano un 10 ed un centrocampista, perché l'affare Khedira puzza di pacco bruciato. Giuntoli, a Napoli, sta lavorando in silenzio e qualcosa ancora farà. Lo ha confidato ai suoi collaboratori più stretti. Il Napoli, a giorni, conoscerà due nuovi rinforzi. Manca ancora qualche uscita ma il club partenopeo è consapevole che per essere tra le prime tre deve ancora lavorare sul mercato in entrata.
In chiusura capitolo FIGC: abbiamo grande stima di Stefano Palazzi e non abbiamo voglia di attaccare tanto per farlo o per farci qualche amico gratis. Facciamo delle riflessioni. Palazzi ha un fucile nella mano destra e una rosa in quella sinistra. Non va bene. Dobbiamo credere nella giustizia sportiva e non dobbiamo temerla per follie o paranoie. Se Pulvirenti ha collaborato, senza portare agevolazioni al calcio italiano, ce ne frega nulla. Se Pulvirenti ha collaborato e grazie a lui allora cambierà il mondo del calcio, andrebbero puniti tutti i colpevoli in modo da cambiare radicalmente l'esistenza del pallone italiano. In quel caso ben vengano i 5 anni di squalifica. Ma vogliamo i fatti. Io, ad oggi, per la mia stupidità ancora non ho capito il Catania quali partite ha comprato, quali ha vinto grazie ai 100.000 di Pulvirenti, quali sono stati i calciatori corrotti e perché ancora non hanno pagato. Ci sono troppe ombre, poche luci e tanta fretta di voler chiudere. Il caso Catania ha insegnato qualcosa e ha cambiato qualcuno? La risposta è no. Il Teramo in D con -20 non si può sentire. E' oggettivo che il Catania ha commesso reati più gravi e continuativi. Pulvirenti ha collaborato perché ha confessato. Campitelli non ha collaborato e non sono state trovate prove contro di lui. Fino a prova contraria la giustizia deve dimostrare il reato commesso. Specifichiamo che le nostre preoccupazioni non sono legate al Teramo in quanto tale, ma abbiamo il timore che una società professionistica venga spazzata via con troppa facilità. Oggi tutto il calcio italiano dovrebbe mettersi nei panni del Teramo. Oggi tocca alla squadra abruzzese, ma domani potrebbe toccare ad altri. Palazzi è persona troppo intelligente per non capire che la giustizia deve fare un percorso diverso dalla politica. Tavecchio deve intervenire per mettere ordine nella giustizia. Il primo grado la pensa in un modo, il secondo in maniera completamente opposta e poi arriva il Collegio di Garanzia del Coni e manda tutti a casa. Così anche il discorso della chiusura della curva della Juventus. Non vogliamo parlare di Mauri e della Lazio. La giustizia sportiva sta dicendo, di fatto, alla giustizia ordinaria che non ha capito nulla. Cremona ha messo le manette ai polsi di Mauri, la Federazione gliele ha tolte. Noi ancora non abbiamo capito se Mauri è un delinquente o un fuoriclasse, come il campo più volte ci ha detto. Delle due l'una: o Mauri è andato ingiustamente in carcere o Mauri ingiustamente ha giocato e gioca regolarmente al calcio.
Me ne vado a dormire; si è fatto tardi. Oggi ricomincia Speciale Calciomercato su Sportitalia e mi dovrò sorbire Pedullà dal vivo per due settimane. Pensate voi che fatica, tra mille notizie di mercato. Chiudo la finestra che fa freddo. Ciao ciao ferragosto. Benvenuto campionato.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.