VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Kovacic, 35 milioni sulle spalle del Mancio. Ultime due settimane: dubbi e segreti di Milan, Juve e Napoli. Palazzi, ma è tutto vero?

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
17.08.2015 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 119494 volte
© foto di Federico De Luca

Il mercato è come l'estate che stiamo vivendo. Sudiamo per due mesi e mezzo mentre siamo in ufficio e quando arriva Ferragosto dobbiamo prendere maglioni ed ombrelli. Il mercato è così: per tre mesi non succede nulla, poi in un amen si svegliano tutti. Nella notte di Ferragosto la Signora Ausilio, come sempre, era impegnata con i figli e doveva sopperire all'assenza del marito. Santa donna. Nel digitare sul suo cellulare il numero di "Piero" o "Amore mio", non sappiamo le abitudini della Signora, avrà trovato occupato; tanto per cambiare. Quella notte, però, la Signora non avrebbe dovuto telefonare perché Piero era impegnato in una telefonata importante. Che neanche avrebbe immaginato. Il Direttore dell'Inter aveva già prenotato un volo per l'Inghilterra, nella giornata di oggi. L'aereo lo prende ma cambia destinazione: "Pilota, niente Liverpool, viriamo su Madrid". Piero, allora, ha annusato l'affare e ha trovato un pazzo (Benitez) che spende 38 milioni di euro più qualche milionata di bonus per prendere Kovacic. E' un affare? Sì. Vendere un calciatore e guadagnarci più di 20 milioni di euro è sempre un affare. Kovacic è un potenziale campione, non è un campione, e - anche se sicuramente lo diventerà - un vero campione non ha bisogno di due anni di rodaggio. L'Inter lo ha aspettato ma adesso ci sono altre priorità. Fare cassa e prendere calciatori pronti. Con una plusvalenza del genere non si poteva dire al Real Madrid "No, grazie". Adesso, però, Mancini ha un peso di 35 milioni di euro sulle spalle. Inutile nascondere la testa sotto la sabbia, per i tifosi nerazzurri. In vista di altri acquisti, bisognava vendere e Mancini dovrà saper far fruttare gli investimenti. Altrimenti sarà dura. L'Inter non può perdere un altro anno. Roby-gol deve dimostrare agli scettici che non ha perso la mentalità vincente e può ancora rendere grande questa squadra. Perisic è diventata quasi un'ossessione e Mancini deve evitare di far prendere calciatori tanto per... Già a gennaio ha cannato clamorosamente due jolly. Oggi l'Inter, sulla carta, sarebbe fuori ancora dalla zona Champions e per restare in Europa League deve impegnarsi. Ausilio si sbatte come un pazzo, si fa in 4 con una proprietà che vive dall'altra parte del mondo e un allenatore che pretende ma ancora non dà.
Sono le ultime due settimane di mercato. Le più belle e le più intense. Mai come quest'anno ci saranno fuochi di artificio. Il Milan deve fare ancora due colpi da 90, la Juventus ha bisogno di due top player, l'Inter ha 35 milioni di euro da spendere e anche il Napoli deve puntellare la rosa. Sugli esterni soprattutto. La Roma è forte, si è mossa bene ed è completa. Però in difesa serve ancora, almeno, un altro rinforzo. La Lazio deve aspettare il preliminare di Champions. In caso di qualificazione sarà tutto un altro mondo. Il Milan sta rischiando seriamente. I tifosi hanno davanti agli occhi e nelle orecchie il nome di Ibrahimovic. Galliani è fiducioso e, anche se non si sta mettendo bene, crede di piazzare il colpo il 31 agosto. Se non gli riuscirà saranno guai. Mal di pancia veri. Saranno problemi di Galliani accontentare i tifosi, dopo aver accontentato Sinisa. Stando ai rumors, Berlusconi non sarebbe ancora sereno. I tifosi sono preoccupati e adesso la stima va guadagnata. La Juventus, invece, dal canto suo non può fallire. Quest'anno Marotta avrà più lavoro da fare. Mancano un 10 ed un centrocampista, perché l'affare Khedira puzza di pacco bruciato. Giuntoli, a Napoli, sta lavorando in silenzio e qualcosa ancora farà. Lo ha confidato ai suoi collaboratori più stretti. Il Napoli, a giorni, conoscerà due nuovi rinforzi. Manca ancora qualche uscita ma il club partenopeo è consapevole che per essere tra le prime tre deve ancora lavorare sul mercato in entrata.
In chiusura capitolo FIGC: abbiamo grande stima di Stefano Palazzi e non abbiamo voglia di attaccare tanto per farlo o per farci qualche amico gratis. Facciamo delle riflessioni. Palazzi ha un fucile nella mano destra e una rosa in quella sinistra. Non va bene. Dobbiamo credere nella giustizia sportiva e non dobbiamo temerla per follie o paranoie. Se Pulvirenti ha collaborato, senza portare agevolazioni al calcio italiano, ce ne frega nulla. Se Pulvirenti ha collaborato e grazie a lui allora cambierà il mondo del calcio, andrebbero puniti tutti i colpevoli in modo da cambiare radicalmente l'esistenza del pallone italiano. In quel caso ben vengano i 5 anni di squalifica. Ma vogliamo i fatti. Io, ad oggi, per la mia stupidità ancora non ho capito il Catania quali partite ha comprato, quali ha vinto grazie ai 100.000 di Pulvirenti, quali sono stati i calciatori corrotti e perché ancora non hanno pagato. Ci sono troppe ombre, poche luci e tanta fretta di voler chiudere. Il caso Catania ha insegnato qualcosa e ha cambiato qualcuno? La risposta è no. Il Teramo in D con -20 non si può sentire. E' oggettivo che il Catania ha commesso reati più gravi e continuativi. Pulvirenti ha collaborato perché ha confessato. Campitelli non ha collaborato e non sono state trovate prove contro di lui. Fino a prova contraria la giustizia deve dimostrare il reato commesso. Specifichiamo che le nostre preoccupazioni non sono legate al Teramo in quanto tale, ma abbiamo il timore che una società professionistica venga spazzata via con troppa facilità. Oggi tutto il calcio italiano dovrebbe mettersi nei panni del Teramo. Oggi tocca alla squadra abruzzese, ma domani potrebbe toccare ad altri. Palazzi è persona troppo intelligente per non capire che la giustizia deve fare un percorso diverso dalla politica. Tavecchio deve intervenire per mettere ordine nella giustizia. Il primo grado la pensa in un modo, il secondo in maniera completamente opposta e poi arriva il Collegio di Garanzia del Coni e manda tutti a casa. Così anche il discorso della chiusura della curva della Juventus. Non vogliamo parlare di Mauri e della Lazio. La giustizia sportiva sta dicendo, di fatto, alla giustizia ordinaria che non ha capito nulla. Cremona ha messo le manette ai polsi di Mauri, la Federazione gliele ha tolte. Noi ancora non abbiamo capito se Mauri è un delinquente o un fuoriclasse, come il campo più volte ci ha detto. Delle due l'una: o Mauri è andato ingiustamente in carcere o Mauri ingiustamente ha giocato e gioca regolarmente al calcio.
Me ne vado a dormire; si è fatto tardi. Oggi ricomincia Speciale Calciomercato su Sportitalia e mi dovrò sorbire Pedullà dal vivo per due settimane. Pensate voi che fatica, tra mille notizie di mercato. Chiudo la finestra che fa freddo. Ciao ciao ferragosto. Benvenuto campionato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.