VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

L'altra faccia della medaglia del 7-1 del Napoli a Bologna. Pronti per un'estate da sogno: tutti i colpi già pronti per le big italiane. Gennaio da incubo ma c'è anche chi ha goduto in questa sessione

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
05.02.2017 09.49 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 65985 volte
© foto di Image Sport

Questo editoriale parlerà di futuro. Perché il presente è sotto gli occhi di tutti, bello come un sogno a Napoli, profondo come un incubo oscuro a Bologna. Sette a uno è la storia di un campionato che va a due velocità, sul quale la Lega non ha mai dato freno e che è diventato, di fatto, quella vituperata Liga Spagnola che un tempo additavamo tutti per la sua poca competitività. Il problema è che l'Italia è la Spagna dieci anni fa. Quando i club erano indebitati, quando la Federazione non aveva ancora posto rimedio alcuno e quando tutte facevano mercato coi pagherò. Poi in Spagna si è deciso di mettere un punto e fino a questo gennaio, nelle ultime sessioni, si sono mosse in pochissime sul mercato (alcune, le grandi, fermate poi dai ban continentali della Uefa). Tutte hanno pensato a risistemare i conti in attesa della nuova suddivisione dei diritti televisivi. Dall'estate i club spagnoli ripartiranno e anche le neopromosse avranno certamente più forza d'acquisto di quelle italiane.

Arriviamo da un mercato da incubo, che non c'è stato, il più brutto del decennio. "Perché mi devo rinforzare?". Il mantra dei club di metà classifica era questo. Con tre in Champions, in Europa League i posti si riducono e per questo, dal nono al sedicesimo posto compresi, dopo solo ventidue giornate di campionato, la stagione è già finita. Perché il Cagliari, o la Sampdoria, o l'Udinese, avrebbero dovuto prendere un giocatore costoso adesso, visto che non c'erano occasioni? Per non arrivare in Europa? O per una salvezza già conquistata? E' una mediocrità che ha portato i tifosi ad allontanarsi, tutti a far decrescere il proprio interesse. Vedere il Napoli ieri è stato una meraviglia, quella di Sarri è forse la formazione attualmente più bella di tutta Europa. Però quella partita, quell'1-7, racconta anche di una profonda mediocrità delle altre, e di una Serie A che non ha più motivi d'interesse.

Per fortuna siamo davanti a un'estate che, nelle previsioni, sul mercato sarà diametralmente opposta. I fondi cinesi (sicuramente nell'Inter, l'auspicio è che sia altrettanto per il Milan e a breve), porteranno uno scossone determinante sul mercato. Con ordine: la Juventus, intanto, ha già bloccato Corentin Tolisso del Lione e sussurri di mercato dicono che con Alexis Sanchez dell'Arsenal ci sia già un preaccordo. Sarebbero due grandi colpi per il tecnico del futuro che, a prescindere, non sarà Massimiliano Allegri il cui ciclo è già giunto al termine.

Il Milan, intanto, in attesa dei denari asiatici, ha già bloccato Giovanni Simeone del Genoa all'interno dell'operazione Lucas Ocampos e Nikola Kalinic ha già detto di sì al Borussia Dortmund e si prepara a salutare la Fiorentina. Occhio: potrebbe seguirlo Federico Bernardeschi, perché c'è fortissima la Juventus ma soprattutto l'Inter che ha la certezza di prendere in estate uno tra il 10 viola e Domenico Berardi. La Roma ha promesso l'addio a Kostas Manolas e si prepara ad abbracciare, forse a breve, Monchi come nuovo direttore sportivo. Che abbia già preso Franck Kessie sarebbe azzardo da sottolinare, visto che il giocatore continua a essere seguito, e contattato, giornalmente, dalle grandi d'Inghilterra. Parentesi aperta e chiusa sulla Fiorentina, di cui sopra: molto cambierà, se la proprietà diventerà con gli occhi a mandorla. Lo Stadio è lo spartiacque e non sono, dopo la definitiva risposta, da escludere colpi di scena (cinesi come investirore dello stadio in primis, come azionisti del club in seconda battuta).

La Sampdoria ha già promesso a Luis Muriel che lo cederà e chiede circa 25 milioni di euro, occhio alle aste che si scateneranno sia per Seko Fofana dell'Udinese che per il blucerchiato Bruno Fernandes. Insomma, i casi non mancheranno, per l'estate che verrà. L'auspicio è che sia bella come ce l'aspettiamo. Perché questo è stato un gennaio terribile. Scuro. Da dimenticare. E' stato da ricordare solo per i nuovi grandi protagonisti del mercato, agenti e intermediari. Il titolo di Re, in questo gennaio, non può che andare di fatto a Giuseppe Riso, ma dietro di lui, in quanto a giocatori spostati e mediazioni fatte, il sempre taciturno ma operativo Gabriele Giuffrida, Claudio Vigorelli, Federico Pastorello e poi Francesco Caliandro. A conti fatti, quelli che hanno mosso più giocatori e capitali di tutti, con Riso indiscusso leader della classifica. Altri sono rimasti sonnolenti, pronti per l'estate da sogno. Altri hanno preparato il terreno. Ma occhio. Perché il mercato è sempre pronto per dei nuovi padroni. Mica come la Serie A, che racconta sempre, oramai, la stessa noiosa storia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.