VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

L'analisi dal 2006 al 2016: sicuri serva esonerare gli allenatori? Inter maglia nera, ma Juve e Milan ragionano allo stesso modo. A Napoli situazione capovolta. E in Europa? Si sono adeguati: resiste solo Wenger

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
13.11.2016 13:56 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 52446 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Se vi va, in questa noiosa domenica di sosta per le Nazionali andate su Google e cercate questa domanda: "Quanto conta l'allenatore in una squadra?" Vi appariranno centinaia di migliaia di risposte, più o meno autorevoli, attorno a una figura affascinante e controversa. Il suo peso, la sua importanza, negli anni ha oscillato a seconda delle mode calcistiche. All'inizio, ai primordi dello sport più popolare di sempre, nemmeno esisteva. Così come adesso, da ormai circa 20 anni, non esiste come singolo individuo, è il vertice di un team di lavoro che in alcuni casi ha più componenti della squadra stessa. Eppure, come farne a meno del primo allenatore. E' la figura attorno a cui ruota tutto il racconto calcistico, il Don Chischotte di un mondo che ha nel tecnico (oltre che nei giornalisti) il suo bersaglio preferito. Un attaccante non segna? E' colpa dell'allenatore. La difesa è decontrata? E' colpa dell'allenatore. I risultati non arrivano? E' colpa dell'allenatore. Si vince lo Scudetto? E' merito... di tutti. Eh si, è un po' così. Figura affascinante proprio perché per molti versi fantozziana.
In questo editoriale però, elucubrazioni a parte, l'argomento principale riguarda il modo in cui gli stessi vengono trattati dai club più importanti di Serie A. Il pretesto è l'umiliazione subita ad Appiano Gentile da Frank De Boer, un burattino utilizzato per risolvere in casa Inter alcuni equilibri societari. Lo incontrai poco più di un mese fa a Montecarlo, in occasione del Golden Foot, e a due passi dalla Promenade parlava di progetto. Un progetto durato una manciata di settimane perché adesso, a Milano, dopo un casting surreale ha già avuto inizio l'era Pioli. E' il terzo allenatore nerazzurro da agosto ad oggi. Perché?
Analizzando la situazione negli ultimi dieci anni, dal Mondiale vinto a oggi, ci si rende conto che il club nerazzurro è quello che tra le big italiane ha cambiato di più. Il discorso dalle parti di Appiano Gentile è sempre stato molto semplice: se vinci puoi restare o, come Mourinho, decidere di andar via da idolo incontrastato. Se perdi per te non c'è scampo. E' un discorso che in una piazza 'pazza' per definizione come quella nerazzurra trova la sua espressione più chiara, ma in fondo non troppo diverso da quello che fanno dirigenti di Milan e Juventus. Sono i tre club che da quasi sempre dominano il calcio italiano e ragionano esclusivamente secondo la dicotomia successo/fallimento. Senza possibilità di altre sfaccettature. Ecco perché a Torino sponda bianconera nel periodo dal ritorno in A all'inizio del ciclo Conte proprio non c'è stata pace, così come a Milano - sponda rossonera - andato via Allegri (il tecnico che ha vinto l'ultimo Scudetto) si sono avvicendati allenatori con una rapidità che nell'era Berlusconi non s'era mai vista. Nessuno s'è mai posto il problema che nei periodi difficili il problema potesse essere la società o la squadra. A pagare sempre i tecnici, almeno fino a quando non si torna alla vittoria.
Discorso diverso in piazze come Napoli e Fiorentina, club che hanno come ambizione quella di restare ai primi posti. Non di vincere. Dal 2006 ad oggi l'unica scelta rinnegata dal presidente De Laurentiis è stata quella riguardante Donadoni. Ha esonerato Reja al naturale esaurimento di un ciclo comunque piuttosto lungo, poi ha sempre aspettato che fosse l'allenatore ad andare via. Non viceversa. Ha attirato Mazzarri e Benitez con la promessa di cicli lunghi e vincenti, li ha salutati (e saluterà Sarri allo stesso modo) quando loro stessi hanno capito che questo Napoli - per limiti societari, culturali, storici e non solo - oltre una certa soglia non può andare. E' così, con un margine leggermente maggiore di elasticità e consapevolezza, anche a Firenze. E' stato così con Prandelli e Montella, sarà così con Sousa.
Ecco perché dal 2006 ad oggi l'Inter ha avuto più del doppio degli allenatori del Napoli. Tecnici transitori a parte (Vecchi all'Inter, Corradini alla Juve o Guerini alla Fiorentina) questo il dato:

Numero di allenatori alla guida delle big di Serie A dal 2006 ad oggi.
Inter 11 allenatori
Juventus 7 allenatori
Milan 8 allenatori
Napoli 5 allenatori
Roma 8 allenatori
Fiorentina 5 allenatori
Lazio 7 allenatori

Infine, un raffronto con i dieci club europei più in vista nell'ultimo decennio. Il Barcellona, nonostante il periodo più importante della sua storia, ha comunque cambiato di media un tecnico ogni biennio. Il Real Madrid è un club 'mangia-allenatori' per definizione, ma ancor meno paziente è il magnate del Chelsea Roman Abramovich che al pari dell'Inter ha addirittura raggiunto la doppia cifra.
La panchina del Manchester United, esaurito il ciclo Ferguson, non sembra trovare più pace, Wenger è l'ultimo baluardo di un calcio che cambia allenatori con sempre maggiore rapidità. E sempre più per moda o per ragioni extracalcistiche. Questi i dati in Europa, a voi i giudizi complessivi...

Numero di allenatori alla guida delle big di Serie A dal 2006 ad oggi.
Barcellona 5 allenatori
Real Madrid 8 allenatori
Chelsea 11 allenatori
Manchester United 5 allenatori
Arsenal 1 allenatore
Manchester City 7 allenatori
Siviglia 8 allenatori
Paris Saint-Germain 6 allenatori
Atletico Madrid 5 allenatori
Bayern Monaco 9 allenatori


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.