HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker per Radio Sportiva ed è ora voce di RadioMonteCarlo Sport
07.10.2018 08:51 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 47226 volte

Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere. C'è un corso legale e non c'è una verità fin quando indagini e giustizia non daranno un loro incontrovertibile verdetto. L'accusa di stupro in Nevada, per un reato del 2009. Le dichiarazioni d'innocenza oggi, di Cristiano Ronaldo. La fotografia s'allarga con l'inchiesta del Der Spiegel che offre ipotetici dettagli ma non la soluzione. Sicché l'apertura è dovuta perché fattore di preoccupazione per multinazionali e investitori, ma oggi mettere alla ghigliottina un uomo, alla berlina una persona, per un'accusa, è farsesco e paradossale. E' il mondo contemporaneo, dove sei Maria Antonietta prima di esserti seduto sul trono. Il boia ti aspetta dietro l'angolo, senza sconti, platea e giudice. Nessuno giustifica e, soprattutto, nessuno giudica qui. A ciascuno il suo, scriveva Sciascia, uno che nei tempi moderni dovrebbe dar lezioni a chi pensa e spera di spiegare la medicina ai dottori e la scienza agli scienziati.

A ciascuno il suo è il calcio a Cristiano Ronaldo. Lì eccelle e lì lo giudichiamo, oggi. Straripante e strepitoso, contro l'Udinese. E' arrivato a Torino dal Real Madrid per depredare i galeoni nei mari d'Europa, ma pure nelle rive d'Italia è abile cacciatore. La sua missione era il bottino grosso ma pure gli spiccioli dell'orto ben noto alla Juventus sono un bersaglio a lui caro. Ha segnato, ha tirato, ha dribblato. Senza giri di parole: è dai tempi di Ronaldo che la Serie A non vedeva un giocatore così. Mancava, in Italia, uno così. E lo dice, scrive e racconta un Messista convinto, un ¡No pasarán! del Tiki Taka e del talento regalo degli alti cieli e non del laboratorio del sudore e dell'ambizione. Thierry Henry, non certo il sottoscritto, disse saggiamente che "a livello di talento puro non ci sono paragoni". E a quello dovresti mirare, quando pensi al più grande. Solo che, scendendo di livello, in Serie A Cristiano Ronaldo è pure il talento più puro per distacco rispetto agli altri. Una striscia di vittorie inaudita erge il colpo dell'estate a trasferimento più importante del calcio recente, per l'Italia. Per portata economica, è vero, ma pure tecnica e d'impatto immediato.

A ciascuno il suo, dicevamo. Pure a ciascuno i suoi tempi. Ai giocatori ma pure ai tifosi e agli addetti ai lavori, che per rendersi conto che Lorenzo Pellegrini è uno dei più fulgidi talenti del calcio italiano hanno trascorso troppo tempo. Per virtù ma pure per necessità, il romano si è ritrovato catapultato a fare il 'falso dieci'. Non è trequartista, semmai incursore, a metà tra le giocate di Perrotta e quelle di Nainggolan, con un pizzico di fantasia da uomo del ruolo. Fa l'interno e gioca a due, è uno di quelli che l'Italia sta cercando come il pane ed è pure il tempo di iniziare a considerarlo non solo più una promessa ma una realtà. Perché in fondo, questa Italia disgraziata, avrebbe pure una sua ossatura. Roberto Mancini, seppur qui nessuno voglia certo dare lezioni ma quanto meno un suggerimento di cuore, scelga un undici titolare. Ne avrebbe modo e uomini. Manca semmai un centravanti certo e garantito, perché Mario Balotelli è fuori per scelta tecnica a Nizza pure con Patrick Vieira, perché Ciro Immobile e Andrea Belotti sono meravigliosi ma in azzurro soffrono un fardello pesante. E' l'unica pecca di un'Italia che con Lorenzo Insigne, Federico Bernardeschi e Federico Chiesa, ha una trequarti mai così talentuosa da troppi anni. Manca il 9. Al Milan ce ne sarebbe uno, Patrick Cutrone, ma la vera e amara realtà è che dovrebbe lasciare i rossoneri per sbocciare e diventare grande. Sono state confermate dai protagonisti pure le voglie e le intenzioni di sondare il terreno per Zlatan Ibrahimovic ed è un paradosso, quando hai non solo Gonzalo Higuain, ma un tecnico che gioca a una punta e uno come Cutrone dietro. La soluzione dovrebbe essere una sola. Anche perché questa Italia avrebbe bisogno di uno così.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->