VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

L'episodio Rafael conferma che nel Napoli non esistono più gerarchie prestabilite. E Benitez ora fa giocare solo chi è più concentrato e in forma. Lottare sui tre fronti si può

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
22.02.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 25144 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Campionato: con la Roma che balbetta, il secondo posto non è una chimera. Europa League: a conti fatti, l'idea di arrivare in finale non è poi tanto azzardata. Coppa Italia: la doppia semifinale contro la Lazio apre uno spiraglio di ritrovarsi in finale appena un anno dopo. Si può sorridere senza esultare per questo 2015 che il Napoli ha iniziato in una maniera che si temeva non fosse possibile, dopo l'avvio choc della stagione. Benitez ha schiacciato il piede sull'acceleratore appena ha infilato le gomme invernali sotto ad una carrozzeria affidabile. Per evitare di sbandare quando le avversarie sono abili a sfruttare le piccole incertezze, oppure deboli al punto da sorprenderti con una condotta aggressiva ed arrembante, il coach spagnolo ha scelto la coppia Lopez-Gargano in mezzo al campo e De Guzman che fa la fase difensiva meglio di altri colleghi in attacco. L'esito è sotto gli occhi di tutti, con le 8 vittorie e soltanto 2 sconfitte nelle 10 partite giocate in questi primi due mesi di 2015, un percorso che vede il Napoli primeggiare nella classifica solare. Eppure gli impegni sono tanti, tra Coppe e campionato, che altre formazioni perdono colpi e punti. Il Napoli no, va avanti anche in Coppa Italia ed Europa League, nella consapevolezza di poter disporre di un organico folto e di qualità, come mai c'era stato da quando il club è rinato dopo il fallimento. La concorrenza è altissima e per il bene della stessa è stato sacrificato anche l'ultimo tassello che resisteva a questa logica: Rafael non è più l'indiscusso portiere titolare, così come ha ribadito di recente Rafa Benitez. Ormai don Rafè si è fatto furbo e manda in campo soltanto chi è pronto a correre, lottare, sacrificarsi e vincere. I simboli più recenti sono quelli di Gabbiadini e Gargano, il primo apparso immediatamente utile ed il secondo diventato indispensabile dopo i fischi di inizio stagione che hanno toccato in lui l'orgoglio sopito: poi dicono che le critiche non fanno bene… E che dire di Duvan Zapata? L'attaccante colombiano è una alternativa di lusso, pur essendo stato impiegato con il contagocce: 6 gol in 20 presenze stagionali. Conti alla mano ha giocato soltanto 792 minuti ed è tra i calciatori che hanno un gran ritmo nell'andare a bersaglio: segna una rete ogni 39,6 minuti, probabilmente come pochi al mondo. Il Napoli è una squadra competitiva e aperta a tutto, con la forza di chi ha per ogni ruolo un'alternativa adeguata, tanto che non tutti ricordano le assenze importanti di Insigne e Zuniga. Sarebbe un errore in questa fase soffermarsi su di un obiettivo, magari quello delle Coppe, sol perché il ritardo in campionato è quello che è, ed è giusto andare avanti partita per partita, calcolando l'importanza della stessa per decidere di conseguenza la migliore formazione da mandare in campo. Il Napoli può, è fatto così ed è anche il suo limite. Cantava Lucio Dalla "L'impresa più difficile, dammi retta, è essere normale" e questa strofa di "Disperato erotico stomp" è applicabile a questa squadra che sembra non conoscere il pareggio. Nelle 35 partite disputate finora sono stati soltanto 8 i pareggi, 1 nei preliminari di Champions, 1 nel girone di Europa League e 6 in campionato. L'ultima X risale all'ormai lontanissimo 7 dicembre, con il 2-2 casalingo contro l'Empoli, in quella che fu la parte conclusiva della fase crepuscolare post eliminazione per mano dell'Athletic Bilbao. Da quel pareggio, il Napoli ha conseguito 11 vittorie e soltanto 3 sconfitte, contro Milan, Juventus e Palermo. Trovare il giusto equilibrio tra l'essere "poco normale" e un può più scaltro, può diventare l'elemento decisivo per centrare la Champions diretta, attraverso il secondo posto oppure vincendo l'Europa League.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.