VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

L'episodio Rafael conferma che nel Napoli non esistono più gerarchie prestabilite. E Benitez ora fa giocare solo chi è più concentrato e in forma. Lottare sui tre fronti si può

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
22.02.2015 00:00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 25144 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Campionato: con la Roma che balbetta, il secondo posto non è una chimera. Europa League: a conti fatti, l'idea di arrivare in finale non è poi tanto azzardata. Coppa Italia: la doppia semifinale contro la Lazio apre uno spiraglio di ritrovarsi in finale appena un anno dopo. Si può sorridere senza esultare per questo 2015 che il Napoli ha iniziato in una maniera che si temeva non fosse possibile, dopo l'avvio choc della stagione. Benitez ha schiacciato il piede sull'acceleratore appena ha infilato le gomme invernali sotto ad una carrozzeria affidabile. Per evitare di sbandare quando le avversarie sono abili a sfruttare le piccole incertezze, oppure deboli al punto da sorprenderti con una condotta aggressiva ed arrembante, il coach spagnolo ha scelto la coppia Lopez-Gargano in mezzo al campo e De Guzman che fa la fase difensiva meglio di altri colleghi in attacco. L'esito è sotto gli occhi di tutti, con le 8 vittorie e soltanto 2 sconfitte nelle 10 partite giocate in questi primi due mesi di 2015, un percorso che vede il Napoli primeggiare nella classifica solare. Eppure gli impegni sono tanti, tra Coppe e campionato, che altre formazioni perdono colpi e punti. Il Napoli no, va avanti anche in Coppa Italia ed Europa League, nella consapevolezza di poter disporre di un organico folto e di qualità, come mai c'era stato da quando il club è rinato dopo il fallimento. La concorrenza è altissima e per il bene della stessa è stato sacrificato anche l'ultimo tassello che resisteva a questa logica: Rafael non è più l'indiscusso portiere titolare, così come ha ribadito di recente Rafa Benitez. Ormai don Rafè si è fatto furbo e manda in campo soltanto chi è pronto a correre, lottare, sacrificarsi e vincere. I simboli più recenti sono quelli di Gabbiadini e Gargano, il primo apparso immediatamente utile ed il secondo diventato indispensabile dopo i fischi di inizio stagione che hanno toccato in lui l'orgoglio sopito: poi dicono che le critiche non fanno bene… E che dire di Duvan Zapata? L'attaccante colombiano è una alternativa di lusso, pur essendo stato impiegato con il contagocce: 6 gol in 20 presenze stagionali. Conti alla mano ha giocato soltanto 792 minuti ed è tra i calciatori che hanno un gran ritmo nell'andare a bersaglio: segna una rete ogni 39,6 minuti, probabilmente come pochi al mondo. Il Napoli è una squadra competitiva e aperta a tutto, con la forza di chi ha per ogni ruolo un'alternativa adeguata, tanto che non tutti ricordano le assenze importanti di Insigne e Zuniga. Sarebbe un errore in questa fase soffermarsi su di un obiettivo, magari quello delle Coppe, sol perché il ritardo in campionato è quello che è, ed è giusto andare avanti partita per partita, calcolando l'importanza della stessa per decidere di conseguenza la migliore formazione da mandare in campo. Il Napoli può, è fatto così ed è anche il suo limite. Cantava Lucio Dalla "L'impresa più difficile, dammi retta, è essere normale" e questa strofa di "Disperato erotico stomp" è applicabile a questa squadra che sembra non conoscere il pareggio. Nelle 35 partite disputate finora sono stati soltanto 8 i pareggi, 1 nei preliminari di Champions, 1 nel girone di Europa League e 6 in campionato. L'ultima X risale all'ormai lontanissimo 7 dicembre, con il 2-2 casalingo contro l'Empoli, in quella che fu la parte conclusiva della fase crepuscolare post eliminazione per mano dell'Athletic Bilbao. Da quel pareggio, il Napoli ha conseguito 11 vittorie e soltanto 3 sconfitte, contro Milan, Juventus e Palermo. Trovare il giusto equilibrio tra l'essere "poco normale" e un può più scaltro, può diventare l'elemento decisivo per centrare la Champions diretta, attraverso il secondo posto oppure vincendo l'Europa League.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Paperumma ha rovinato tutto: immagine da ricostruire. Gli agenti bravi e quelli che fanno danni: da Raiola a Di Campli fino a Giuffredi. Inter, tocca a te! Palermo, non trema solo Zamparini... 10.07 - Doveva essere un titolo da cartone animato è stato, invece, un titolo premonitore. Paperumma non ha portato benissimo a Gigio Donnarumma che oltre a costruire la sua carriera, adesso, dovrà ricostruire la sua immagine. Un anno fa aveva l'immagine migliore del nostro campionato. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.