VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

L'Inter batte il cinque! Ma manca ancora un nome lussuoso alla lista di Thohir. Galliani e i 25 giorni per il miracolo Milan: il prescelto ha un volto (ma Inzaghi è già teso). La Juve e gli strani allarmismi su Vidal..

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
05.08.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 69973 volte
© foto di Federico De Luca

Ho avuto modo di parlare col mio amico Opti Pobà, il giovine tirato in ballo da Tavecchio con l'arcinota storia della banana senza bollino blu. Dice il precisetti: "Guarda che Optì non esiste, era così per dire...". Eccome se esiste!

E niente, il ragazzo c'è rimasto male per tutto questo delirio mediatico. Tra l'altro è molto preoccupato, ma non per la faccenda legata al frutto dell'amor, teme semmai che Pioli gli tolga la maglia da titolare per evitare vendette trasversali alla Lazio.

Ora, detto che la cosa più bella della faccenda è la rivisitazione proposta dal Dj Angelo a "Ciao Belli" dell'evergreen firmato Gipsy Kings "Volare" (al posto di "sciobì, sciobà" cantate "Optì, Pobà" e il gioco è fatto), detto anche che tra Tavecchio e Albertini a questo punto potrebbe clamorosamente tornar buona la candidatura dell'Uomo del Monte (pare abbia detto "sì"), siamo qui a dirvi perché secondo noi non è più un problema di candidati pasticcioni, gaffes, boiate varie, ma semplicemente di logica e impostazione.

Per intenderci, siccome il sottoscritto ancora non aveva bene chiara la faccenda "come si svolgono le elezioni in federazione" è andato a spulciare il regolamento. Questa la "limpida" spiegazione:

"Il presidente viene scelto dall'assemblea federale, composta da 309 delegati, i quali esprimono però 516 voti calcolati secondo una ponderazione speciale stabilita dall'apposito regolamento elettorale emanato dal Consiglio federale. I delegati rappresentano le 7 leghe che formano la Figc. Cioè: Lega di Serie A, Lega di Serie B, Lega Dilettanti, Lega Pro, Associazione arbitri, Calciatori e Allenatori. Il numero dei delegati e dei voti che spettano a ciascuna lega non sono uguali. In particolare i voti spettanti ai delegati della Lega nazionale dilettanti devono rappresentare il 34%, i voti spettanti ai Delegati delle Leghe professionistiche (Serie A, Serie B, Lega Pro) devono rappresentare complessivamente il 34% (con ripartizione tra le diverse Leghe professionistiche fissata in base a criteri rappresentativi stabiliti dal Consiglio federale), i voti spettanti ai Delegati atleti devono rappresentare il 20%, i voti spettanti ai Delegati tecnici devono rappresentare il 10%, i voti spettanti ai Delegati degli ufficiali di gara devono rappresentare il 2%".

Chi scrive, durante le lezioni di matematica al liceo leggeva il Guerin Sportivo e sniffava la colla Pritt, ma resta comunque dell'idea che questo sistema sia espressione di un calcio tafazziano fin dal suo complicatissimo e dissuasivo sistema elettorale (se il candidato "Tizio" ha di base l'appoggio dei dilettanti e cioè del 34%, io candidato "Caio" chemminchia mi presento a fare?). Tra meno di una settimana conosceremo il nome del nostro nuovo presidente, poi quello del Ct (Mancini caldissimo), ma la certezza è che una volta ancora abbiamo fatto la solita figura dei mandolinari.

Così i nostri regnanti subito dopo il ko degli azzurri contro l'Uruguay: "Ora dobbiamo ripartire da zero (...) Dobbiamo cogliere l'occasione per rifondare il calcio (...) dobbiamo essere tutti d'accordo (...) Questa volta non possiamo sbagliare, serve unità d'intenti". E via andare... Ebbene, un mese dopo abbiamo mostrato tutto il repertorio: il candidato che parla delle banane e coinvolge Kennedy; il suo avversario che si era dimesso ma poi ci ha ripensato e comunque non sembra neppure troppo convinto neanche ora che avrebbe la strada spianata anche perché tra poco deve partire con il Grest; i presidenti che si schierano e poi si sfilano e poi si ripiazzano e fanno assemblee e assemblee e assemblee come se avessero un sacco di cose fondamentali da raccontarsi. E sarà anche così ma il fatto è che dopo un mese di "lavori" sappiamo tutto sulle banane ma niente su come si intende far risorgere il calcio nostrano.

Siccome tutta questa faccenda ha lo stesso appeal di una partita di Scarabeo alla Baggina (ma se non tiri la tua badilata di fango addosso a Tavecchio al giorno d'oggi non sei nessuno), temo che sarete rimasti in 5 a leggere, 6 con Opti Pobà, fedele lettore. Un vero peccato perché ora tocca trattare la questione Osvaldo a Milano, e cioè la storia del bomber italo-argentino già vincitore dell'ambitissimo premio "Bobo Vieri" per calciatrombatori incalliti. Nell'albo d'oro recente: Borriello, Balotelli, Icardi nella categoria "trapano sì, ma fedelissimo", Inzaghi in quella "alla carriera". Pare in realtà che il buon Daniel voglia infine giocarsi l'ultima chance eliminando tutte le possibili fonti di distrazione milanese: niente Corso Como, niente via Montenapoleone, niente Paolino il re del pollo allo spiedo, sì Pinetina, sì Mazzarri, sì allenamenti, sì palestra, sì, sìììì, sìììì, ahhha, aahhhaaa (ehm...). Con lui a Milano è arrivato il cileno, Medel, quello che si dice "un bravo ragazzo". Nel suo curriculum: un arresto lampo per presunta aggressione fuori da un supermercato dopo una lite (accuse poi rientrate), una rissa nel parcheggio tra calciatori della Roja e gli agenti con millantata scarica di taser alla schiena dello stesso Medel, un arresto per guida in stato di ebbrezza (2007), violenza domestica (2008), un suicidio dal balcone del suo appartamento durante una festa (2009, l'inchiesta ha escluso ogni responsabilità del calciatore), rissa in un night (2011), minacce a un tassista e fuga dal ritiro della nazionale (2012). Dialogo immaginario nello spogliatoio dell'Inter. Mazzarri: "Gary, così no! Stai giocando male!". Medel: "Come mister?". Mazzarri: "No, dicevo, la gamba ti fa male? Tutta colpa di Nagatomo comunque...". Nagatomo: "No capito mistel". Mazzarri: "Meglio così...".

Battutacce a parte tocca fare i complimenti al sciur Ausilio, grande interprete del mercato "tu dai oggi, io pago domani".

Con la formula del prestito con diritto di riscatto, l'operatore di mercato dei nerazzurri sembra essere riuscito a svoltare una squadra congelata dall'estate del 2010. Il tutto grazie a 5 acquisti di livello (e soli 7 milioni spesi per il momento), un unico parametro zero ma "garantito" (Vidic), cessioni a raffica tra i senatori con conseguente abbassamento del monte ingaggi (dai 95 milioni dell'anno scorso ai 75 attuali) e dell'età media (dai quasi 29 della scorsa stagione ai 27 di oggi). Un piccolo capolavoro (di luglio, per carità, ma comunque incoraggiante) che "condanna" Mazzarri ad accettare la sfida terzo posto "senza se e senza ma", in particolare se - come sembra - da qui a fine agosto un'altra pedina sarà inserita nello scacchiere (Biabiany in pole). Resta un solo interrogativo: il mister ha cambiato atteggiamento anche quanto a comunicazione (ottima mossa...), è più "interista", ma in campo non ha ancora testato la difesa a 4 nonostante la precisa richiesta presidenziale. Il tempo stringe, ma certo al momento c'è di che essere fiduciosi.

Più pessimismo sull'altra sponda del Naviglio, ovvero in casa Milan. Sotto con l'elenco "pescato" online e qui riproposto:

Portieri: Mandanda, Marchetti, Ochoa, Perin, Reina. Difensori: Astori, Criscito, Kolarov, Gabriel Silva, Lulic, Martins Indi, Mustafi, Paletta, Vrsaljiko. Centrocampisti: Biabiany, Casemiro, Cigarini, Dzemaili, Eremenko, Fer, Kucka, Lucas, Nani, Obiang, Rabiot, Romulo, Schone, Shaqiri, Valbuena. Attaccanti: Ayew, Ben Arfa, Cerci, Campbell, Douglas Costa, Falcao, Grenier, Griezmann, iturbe, Lamela, Lavezzi, Ljajic, Jackson Martinez, Pandev, Rosseti, Taarabt.

Dice: "Embè?". E niente, questi sono i 45 nomi accostati in qualche modo al Milan dall'inizio del mercato a oggi. Il tutto per dire che: 1) Noi giornalisti tante volte siamo dei gran cazzari (io quantomeno). 2) Al Milan non c'è più filtro.

Sia chiaro: in questo caso le colpe non sono affatto di Galliani, chiarissimo e onesto nell'ammettere che "non si compra nessuno se non parte qualcuno". Il problema semmai è legato al ricordo dei mercati passati che porta i tifosi rossoneri e gli stessi giornalisti a pensare "vabbè, Adriano dice così ma in realtà ha 4 o 5 cartucce da sparare". Speranza vana. La situazione è veramente come la racconta Galliani, solo che a questo punto converrebbe fare un passo indietro quanto a dichiarazioni d'intenti. Così Inzaghi prima della trasferta americana: "Puntiamo al terzo posto con o senza mercato. Se non arriva nessuno ce la faremo con gli attributi". Probabilmente oggi sarebbe meno ottimista o comunque starebbe più "coperto" per non rischiare che qualcuno intoni la canzoncina "Pippo Pippo non lo sa...". Il tecnico sembra in effetti essere un po' solo, non perché non abbia l'appoggio di tutto l'ambiente, anzi, ma perché se tu non dai al tuo allenatore quello che chiede significa che in qualche modo non ti fidi di lui. Il che è grave se si pensa che stiamo parlando dell'allenatore con meno esperienza in serie A.

Totale. Galliani in meno di un mese deve riuscire a fare un miracolo come ai vecchi tempi. Deve liberare Robinho, vendere Balotelli anche a costo di "svenderlo" (la sintonia con i rossoneri se mai c'è stata, è definitivamente svanita), comprare un attaccante di razza (Campbell non sarà Ibra ma ha attributi cubici), l'esterno che Inzaghi desidera (Cerci) e un centrocampista davanti alla difesa (Dzemaili). Facile? No, per nulla, ma alternative per arrivare nei primi tre posti non ce ne sono. Il tutto per dare un po' di ossigeno a una tifoseria, quella rossonera, entusiasta il giorno dell'inaugurazione della nuova sede e ora comprensibilmente preoccupata.

Speravo di avere un po' di spazio per scrivere di Juve, Napoli, Roma e tutte le altre, ma mi rendo conto di aver già ampiamente "sbrodolato". Mi limito a scrivere che:

1)Per Vidal non è ancora arrivata lo straccio di un'offerta e - ad oggi - quello fatto sui tifosi della Juventus dai media è semplice "terrorismo psicologico". Poi magari il cileno finirà davvero in Inghilterra ma solo se il Manchester deciderà di svegliarsi.

2)Fellaini è sempre più vicino al Napoli. Le cifre non sono così esagerate come si dice, anche perché altrimenti De Laurentiis avrebbe già mollato il colpo.

3)Marquez al Verona è un gran colpo. Avrà anche 35 anni, ma stiamo parlando di uno che può fare la differenza "con la sola imposizione della faccia". Con lui l'ex Aston Villa Luna, altro difensore. Sogliano dimostra sempre più di essere un validissimo operatore di mercato, Barbara Berlusconi - per dire - se n'era accorta.

Mi scuso infine una volta ancora per l'eccessiva lunghezza di questa articolessa. Del resto questo è il Paese dell'informazione andata a farsi benedire, basta dare un'occhiata ai temi più trattati nei social settimana scorsa. La tradurrei così: "Tira più un pel de Pausini che l'invasione dei carrarmati nella Striscia di Gaza". E stop. (twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.