HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

L’Inter si gioca metà stagione in 5 giorni. Ecco perché tra Tottenham e Roma sapremo definitivamente se è realtà o fantasia. PsicoRoma: non la squadra, ma la città: assurdo discutere Di Francesco

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
28.11.2018 07:01 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 22642 volte

Metà stagione dell’Inter passa da questi 5 giorni, da Wembley e dallo Stadio Olimpico. E se vi sembra che si stia esagerando, è perché non avete considerato le proporzioni dell’Inter.
Partiamo dal fatto che in questo girone i nerazzurri non dovevano avere vita, e senza alcuna recriminazione. E invece a 180 minuti dalla fine sono padroni del loro destino.
Questo vuol dire che qualora andassero fuori, nessuno davvero potrebbe rimproverargli niente, perché sulla carta era un obiettivo oltre la loro portata.
Ma è ovvio che l’Inter non sta facendo questa stagione per confermare i risultati della passata, ma per migliorarsi. E’ ovvio che l’obiettivo è alzare l’asticella. E perdere contro il Tottenham la tirerebbe giù.
Si potrebbe far notare: “ma scusa, anche perdendo rimarrebbe a pari punti con gli Spurs, e pur essendo dietro negli scontri diretti, avrebbe comunque il vantaggio dell’ultima partita contro il PSV, mentre il Tottenham deve giocare a Barcellona”.
Eh no, altro che vantaggio: il Barcellona se tutto va come deve andare la prossima la giocherà essendo già sicuro di essere primo, e anche se non è una squadra che molla lì il risultato, comunque state sicuri che ruoterebbe almeno 8/undicesimi - compresi i mostri sacri - vista la lotta punto a punto in Liga.
E credete che questo Tottenham, che dopo aver perso con l’Inter ha vinto 10 delle ultime 13 partite, perdendo solo con Manchester City e Barcellona, che insomma ha ritrovato il suo gioco al punto da schiacciare il Chelsea di Sarri, credete che per questo Tottenham sarebbe un’impresa così improbabile battere al Camp Nou un Barcellona rabberciato e demotivato? Per niente.
E per questo che da Wembley passa la prima differenza tra una stagione dell’Inter normalmente buona, e l’essere invece effettivamente progredita.
E poi l’altro passo è domenica. Ché lo sappiamo che l’Inter è pazza (sì ma anche che palle con ‘sta litania), ma fare risultato contro la Roma vuol dire essere uscita dalla solita logica di “3 mesi alla grande/1 bislacco” dopo la trasfigurazione contro l’Atalanta. E quindi essere diventata affidabile almeno per il terzo posto, se non di più. Tottenham e Roma, per una stagione o di qua o di là.

Chi di là potrebbe finirci dopo domenica è Eusebio Di Francesco. I sussurri sul suo futuro sono diventati grida dopo il Real Madrid. Che assurdità.
La Roma contro il Madrid ha fatto un’ottima partita, il Madrid ha giocato con il catenazos (deve essere la loro versione spagnola), è andata così, pazienza. Che senso ha cambiare, anzi di più, discutere Di Francesco, nonostante la prestazione, gli infortuni, i radicali cambi di rosa?
Forse non si è notata una cosa: la prima linea della Roma, il centravanti con dietro i tre trequartisti, per 68 minuti è stata formata da: Cengiz Under (21 anni), Nicolò Zaniolo (19 anni), Justin Kluivert (19 anni), Patrik Schick (22 anni).
Età media: 20.25 anni (e dietro ancora c’erano i 23 anni di Cristante).
E’ così che si spiega l’ingenuità di questa prestazione, gli errori marchiani sotto porta, l’entusiasmo sprecato (mentre la prestazione stucchevole di Schick, no, non si spiega nemmeno così).
Lasciate costruire Di Francesco, la società ha fatto un passo indietro nel mercato per quanto riguarda il presente, ma si è allungata il futuro.
Ah, e per inciso, la Roma si è qualificata agli Ottavi di Champions con un turno di anticipo. Povero Eusebio.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510