HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

La Champions e il ritorno dell'Italia. La crisi dei paperoni e il peso del mercato...

15.03.2018 08:10 di Luca Marchetti   articolo letto 20787 volte
© foto di Federico De Luca

Archiviata la due giorni di Champions l'Italia sorride. Sorride per aver portato due squadre fra le prime otto, per aver portato tre allenatori italiani fra i migliori d'Europa, non certo e non sempre da favoriti. Potevano essere quattro se Conte avesse fatto il miracolo. Si sa, in Champions conta tutto: conta la fortuna, conta il sorteggio, conta il momento di forma, contano i giocatori che hai a disposizione. E quindi forse è eccessivo essere troppo contenti, cominciare a dire che è rinato il calcio italiano. Ma sicuramente è un buon segnale. Tre stili diversi, tre modi di allenare diversi, tre progetti diversi. Ma Montella, Di Francesco e Allegri sono sicuramente un vanto per il calcio italiano che conferma ancora una volta di avere una grande capacità strategica. Era dal 2005/06 che tre allenatori italiani non arrivavano così in alto.
Ma questa Champions ci regala anche un'altra considerazione. Perché quello che balza di più all'occhio a livello internazionale è l'uscita di scena dei paperoni. Fuori United e PSG. Solo il City ha un saldo negativo superiore (-220) sul mercato di quest'anno. Ma - almeno finora e almeno quest'anno - la squadra di Guardiola sembra davvero aver ingranato e imboccato la strada giusta.
Mentre invece lo United di Mourinho, delle spese ingenti proprio per cercare di arrivare in fondo in Europa (spesi 164 milioni a fronte di 11 milioni arrivati dalle cessioni) e soprattutto il PSG con 238 milioni spesi (più 180 di Mbappé che sono stati praticamente già messi a bilancio visto che si tratta di obbligo di riscatto) e con un disavanzo di 144 milioni si stanno leccando le ferite. Abbiamo sempre detto (come tutti) che il fatturato e la capacità di spesa conta eccome, nel calcio. Ma questa è l'ennesima prova che non è tutto.
E' evidente che se il PSG non avesse incontrato il Real Madrid magari non sarebbe uscito, insomma c'è anche da considerare il fattore sfortuna. Ma se l'obiettivo era tirarsi su dopo la brutta figura della passata stagione (la remuntada blaugrana) quest'anno sconfitto andata e ritorno senza aver dato l'impressione di poter infastidire i blancos. Forse peggio ancora il Manchester di Mou, imbrigliato da Montella, sconfitto in casa nonostante una rosa spaventosa che ha portato anche un sacco di critiche e polemiche (con De Boer) per le scelte fatte dallo Special One.
E così sono passate nelle migliori otto d'Europa squadre che addirittura sul mercato hanno guadagnato, qualcuna anche costretta dalle regole del FF, come la Roma. Che addirittura era pronta a sacrificare Dzeko nel mercato invernale. Tutto pronto per il Chelsea, tutto saltato. Ma Dzeko non ha "dimenticato" la Roma. E così con i suoi gol ha di fatto reso alla società quei soldi che non sono arrivati dal mercato. Prima la vittoria contro il Napoli, pesantissima per la corsa Champions, e poi il gol qualificazione contro lo Shakhtar. I proventi della Champions per l'approdo agli ottavi e la possibilità più solida di poter partecipare alla prossima edizione sono sicuramente tanto importanti quanto la cessione. Quasi un paradosso: non ti vendo ma guadagno lo stesso. Ecco perché i giocatori fanno comunque la differenza, indipendentemente dai progetti tecnici ed economici.
Forse in questo gli italiani sanno avere qualcosa in più. Sanno tirare fuori il massimo anche in situazioni non ottimali, riuscendo a ottimizzare il materiale tecnico a disposizione. Ed ecco perché c'è il rammarico di non poter vedere in Europa il Napoli di Sarri, certamente una delle migliori realtà a livello europeo.
Ora tutta la concentrazione è sul campionato: la Juve ha cercato di piazzare una minifuga. Ora il Napoli dovrà reagire: mettere lei pressione alla Juve, costringerla a non sbagliare mai. Manca ancora molto. E ancora può succedere di tutto. E come ci insegna la Champions non è detto che i risultati siano sempre scontati...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la lezione di Bernardeschi da non dimenticare (e la scelta su Dybala...). Inter: Spalletti, la squalifica e "l'insostituibile". Roma: il vero problema di Di Francesco è "oltre" Trigoria. Milan: i gufi (miopi) attorno a Gattuso. Viva il Var: se 25.09 - Hanno squalificato Spalletti perché ha detto “gol”. Lo ha detto alla telecamera, anzi no, al quarto uomo, anzi no, non si è capito. L’unica cosa chiara è che ha detto “goooool”. E lo ha detto in modo provocatorio, probabilmente con troppe “o”. Goooooooooooooooooooool. Troppo lungo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy