HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La Champions e il ritorno dell'Italia. La crisi dei paperoni e il peso del mercato...

15.03.2018 08:10 di Luca Marchetti   articolo letto 20789 volte
© foto di Federico De Luca

Archiviata la due giorni di Champions l'Italia sorride. Sorride per aver portato due squadre fra le prime otto, per aver portato tre allenatori italiani fra i migliori d'Europa, non certo e non sempre da favoriti. Potevano essere quattro se Conte avesse fatto il miracolo. Si sa, in Champions conta tutto: conta la fortuna, conta il sorteggio, conta il momento di forma, contano i giocatori che hai a disposizione. E quindi forse è eccessivo essere troppo contenti, cominciare a dire che è rinato il calcio italiano. Ma sicuramente è un buon segnale. Tre stili diversi, tre modi di allenare diversi, tre progetti diversi. Ma Montella, Di Francesco e Allegri sono sicuramente un vanto per il calcio italiano che conferma ancora una volta di avere una grande capacità strategica. Era dal 2005/06 che tre allenatori italiani non arrivavano così in alto.
Ma questa Champions ci regala anche un'altra considerazione. Perché quello che balza di più all'occhio a livello internazionale è l'uscita di scena dei paperoni. Fuori United e PSG. Solo il City ha un saldo negativo superiore (-220) sul mercato di quest'anno. Ma - almeno finora e almeno quest'anno - la squadra di Guardiola sembra davvero aver ingranato e imboccato la strada giusta.
Mentre invece lo United di Mourinho, delle spese ingenti proprio per cercare di arrivare in fondo in Europa (spesi 164 milioni a fronte di 11 milioni arrivati dalle cessioni) e soprattutto il PSG con 238 milioni spesi (più 180 di Mbappé che sono stati praticamente già messi a bilancio visto che si tratta di obbligo di riscatto) e con un disavanzo di 144 milioni si stanno leccando le ferite. Abbiamo sempre detto (come tutti) che il fatturato e la capacità di spesa conta eccome, nel calcio. Ma questa è l'ennesima prova che non è tutto.
E' evidente che se il PSG non avesse incontrato il Real Madrid magari non sarebbe uscito, insomma c'è anche da considerare il fattore sfortuna. Ma se l'obiettivo era tirarsi su dopo la brutta figura della passata stagione (la remuntada blaugrana) quest'anno sconfitto andata e ritorno senza aver dato l'impressione di poter infastidire i blancos. Forse peggio ancora il Manchester di Mou, imbrigliato da Montella, sconfitto in casa nonostante una rosa spaventosa che ha portato anche un sacco di critiche e polemiche (con De Boer) per le scelte fatte dallo Special One.
E così sono passate nelle migliori otto d'Europa squadre che addirittura sul mercato hanno guadagnato, qualcuna anche costretta dalle regole del FF, come la Roma. Che addirittura era pronta a sacrificare Dzeko nel mercato invernale. Tutto pronto per il Chelsea, tutto saltato. Ma Dzeko non ha "dimenticato" la Roma. E così con i suoi gol ha di fatto reso alla società quei soldi che non sono arrivati dal mercato. Prima la vittoria contro il Napoli, pesantissima per la corsa Champions, e poi il gol qualificazione contro lo Shakhtar. I proventi della Champions per l'approdo agli ottavi e la possibilità più solida di poter partecipare alla prossima edizione sono sicuramente tanto importanti quanto la cessione. Quasi un paradosso: non ti vendo ma guadagno lo stesso. Ecco perché i giocatori fanno comunque la differenza, indipendentemente dai progetti tecnici ed economici.
Forse in questo gli italiani sanno avere qualcosa in più. Sanno tirare fuori il massimo anche in situazioni non ottimali, riuscendo a ottimizzare il materiale tecnico a disposizione. Ed ecco perché c'è il rammarico di non poter vedere in Europa il Napoli di Sarri, certamente una delle migliori realtà a livello europeo.
Ora tutta la concentrazione è sul campionato: la Juve ha cercato di piazzare una minifuga. Ora il Napoli dovrà reagire: mettere lei pressione alla Juve, costringerla a non sbagliare mai. Manca ancora molto. E ancora può succedere di tutto. E come ci insegna la Champions non è detto che i risultati siano sempre scontati...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->