VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

La Juve a testa bassa, il grande gelo lo può risolvere solo Thohir (e riaprire Vucinic), il Genoa scatenato, Diamanti a un passo dalla Cina: il Bologna si prepara. Napoli, ultima chance per Gonalons. Cellino vuole un super Leeds

23.01.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 54365 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS

La giornata gira ancora intorno al caso Vucinic-Guarin. E soprattutto alla replica della Juve, alla spiegazione della Juve. Dura, diretta, forte. Marotta ha messo sul tavolo i particolari di una trattativa praticamente chiusa. "Situazione incresciosa, in 30 anni non avevo visto nulla del genere, mi guardo bene dall'allestire una nuova trattativa con loro. Era virtualmente chiusa, anche con l'intervento di Thohir con un sms ad Agnelli". Poi come sappiamo tutti come è andata. E il grande strappo è stato completato. Ora tocca a Thohir ricucirlo, nonostante un ulteriore chiacchierata dopo il no allo scambio dell'Inter. Perché di Vucinic si è continuato a parlare (senza Guarin), per cercare di capire se c'era lo spazio di poter accontentare le esigenze tecniche di Mazzarri e quelle del giocatore. Ma ora è troppo presto. Prima è necessario rimettere a posto le cose a livello istituzionale. Thohir sarà a Milano nel fine settimana. Magari sarà il modo giusto (di persona) per risolvere la questione. Perché poi l'Inter di un attaccante ha bisogno. E' per questo che la situazione Vucinic non è ancora definitivamente tramontata.
Su Vucinic l'Inter ha deciso di andare dopo la metà di dicembre, quando, in un summit di mercato erano usciti tre nomi: Jovetic, Lamela e (appunto) Vucinic. Si è lavorato sui tre, è decollata solo l'ultima trattativa. Il resto è cronaca di queste ore. Vucinic e Guarin non si alleneranno neanche oggi. Il loro futuro ha tanti punti interrogativi: avevano fatto visite mediche, avevano svuotato letteralmente gli armadietti.
Non sarà semplice rimettere a posto. Ma bisogna guardare avanti, almeno fino al 31 gennaio.
E se per la Juve questa operazione rappresentava un'opportunità, per l'Inter aveva un significato più pressante dal punto di vista tecnico. Quindi attenzione a Ranocchia (anche se il Borussia Dormtund ha raffreddato il suo interesse), ad altre squadre su Guarin (l'interesse del Napoli non ha poi trovato nuove conferme nel corso della giornata). Il discorso Hernanes per il momento si ferma: le richieste della Lazio aumentano ogni giorno di più e l'Inter al momento non ha i soldi per farlo. Perché questo non è cambiato: il mercato va comunque autofinanziato. E' vero Belfodil può andare al QPR, Icardi è cercato dallo Stoke City, Mudingayi lo vuole il Genoa.
A proposito: il Genoa sta facendo una vera e propria rivoluzione. Arrivato De Ceglie nel fine settimana, domani sarà il turno di Motta e Burdisso. Uno in prestito l'altro a titolo definitivo. Prenderà anche Marquinho (trattativa continua) e sogna Borriello, qualora il Bologna dovesse continuare a pressare Gilardino. Insomma Preziosi vuole dare a Gasperini una squadra con più esperienza e qualità.
Nel frattempo sono ore molto calde a Bologna. Perché il ritorno di Gilardino potrebbe essere legato alla cessione di Diamanti. Ore calde perché dalla Cina hanno lanciato una sorta di ultimatum: bisogna decidere. L'offerta è da circa 9 milioni, il contratto ad Alino e da circa 3 milioni e mezzo per 3 anni. Il Bologna ne voleva 10 e tutti pagati in unica soluzione. Le sensazioni sono che l'affare si possa chiudere, a breve, anzi a brevissimo, nonostante le difficoltà burocratiche fra Italia e Cina. Altrimenti un'alternativa per Marcello Lippi è Biabiany del Parma. Il Bologna per sostituire Diamanti avrebbe poi 9 giorni di mercato e ha già sondato il terreno con il Milan per Saponara (risposta: no) e con la Juventus per Giovinco (risposta: sempre no).
Ultima opportunità anche per Gonalons Napoli. Domani ultimo tentativo. Senza molte speranze, a dire il vero, visti i precedenti. Le piste parallele sono sempre le stesse: Capoue del Tottenham (valutato però troppo dagli inglesi) e Ralf del Corinthians. Rimane in piedi (ancora) anche la candidatura di Henrique del Palmeiras.
A Roma ceduto Burdisso si scatena la caccia al nome del difensore. La candidatura più forte (almeno mediaticamente) è quella di Heitinga dell'Everton, la pista italiana (non ancora battuta ufficialmente) è quella di Paletta del Parma. Il nome nuovo è quello di Rafael Toloi, difensore brasiliano con passaporto italiano, classe 1990, già seguito in passato da squadre italiane. Mentre si ammorbidisce la questione Sanabria con il Barcellona, è stata trovata la squadra per Paredes: sarà il Chievo. Che nel frattempo non molla Dainelli alla Fiorentina e insegue Munari, della Samp (proprietà Parma) e a sinistra sta valutando Rubin (in uno scambio con Pamic che andrebbe a Siena) oppure uno scambio Estigarribia/Mesbah. Si è aperta l'asta su Floccari: il Sassuolo rilancia fino a un milione e duecentomila euro. Alla corsa sono iscritti Samp, Bologna e Catania. Ma per ora il Sassuolo è in vantaggio. Sassuolo che ha chiuso Biondini dal Genoa. Il Torino punta Marko Vesovic (1991) esterno destro offensivo della Stella Rossa. Sampirisi verso l'Olhaense, dove non andrà Moscardelli che ha un'offerta dal Latina. Capuano del Catania interessa invece al Bologna.
Chi movimenterà anche il mercato inglese (dopo aver ufficializzato Adryan) è Cellino: è a un passo dal Leeds. Lo ha praticamente preso. Lo vuole portare subito in Premier sfruttando questi ultimi giorni. E tanto per capirci in porta vuole uno fra Viviano E Julio Cesar (al quale ha pensato anche la Samp!).
La superbomba arriva dall'estero: Mata allo United che ieri ha perso in coppa. Per 37 milioni di sterline, giovedì le visite mediche.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.