HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve, il Var e la grana Cuadrado (ma Allegri ha trovato la ricetta). Salvate il baby Cutrone, e pure "l’aggiusta-Milan" Gattuso. Non basta un Pastore per le pecorelle smarrite dell’Inter. Nel calcio da buttare (povera Figc...), viva Giampaolo

30.01.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 31442 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao: le prossime 48 ore saranno decisive. Non so per cosa, ma se lo dici non sbagli, quindi: “Le prossime 48 ore saranno decisive”.
Con la straordinaria onestà che mi contraddistingue vi devo dire che ho solo 20 minuti per scrivere, quindi sarà quel che sarà. Via.

- Rompono l’anima alla Juve per colpa di Cacciatore. Cioè, Cacciatore fa una minchiata e la colpa è della Juve. Io questa cosa non la capisco. Solo in Italia si riesce a parlare di Cacciatore che fa le manette e non della Juve che non prende mai gol. Oh, mai. Non si parla della Juve che non prende gol e neppure della Juve che non fa mercato. Vi siete accorti? Mentre noi perdevamo tempo a inventare trattative, la Juve ha utilizzato gennaio per far punti. Chiamali scemi. Poi, certo, c’è il problema Cuadrado: starà fuori un bel po’. Lo sostituiranno? Difficile pensare a un’alternativa valida da trovare in due giorni, ma occhio alle sorprese…

- Solo in Italia riusciamo ad auto-umiliarci senza che nessuno dica “ma siete pazzi?”. Due mesi fa ci dicevano cose come "Prendiamoci tutto il tempo necessario per non commettere errori: il calcio deve ripartire nell'armonia". Si sono presi due mesi. Tra liti e inciuci hanno partorito "Il commissario". E con la stessa faccia di tolla ci vogliono far credere che sia “tutto normale”. Sapete perché nessuno si ribella a codesta situazione? Perché chi potrebbe farlo dovrebbe alzarsi dalla sua poltrona con il rischio di perderla. L’Italia vive un interminabile “gioco delle sedie” di quelli che si facevano alle feste delle medie, solo che casualmente ci sono sedie per tutti. Ergo, basta che nessuno subentri nel gioco e vanno avanti tutti bei sereni.

- Gennaro Gattuso per molti era il classico stronzone della panchina, il giramondo, un visionario con tanto cuore e poco altro. “Beh, almeno porterà la grinta”, dicevano. E invece ha portato il fiato, il gioco, la “colla” per mettere insieme uno spogliatoio che pareva una banda di sbandati. Bravo a lui e – opinione personale – zero condanne anche a Cutrone. Cutrone ha mentito? Sì. Cutrone è il presidente del Consiglio? Proprio no. Cutrone è un calciatore, vive per fare gol, ci è riuscito, è stato zitto. Chi ha giocato 5 minuti a calcio sa che il suo comportamento è “normale”, chi reclama “processi sommari” e assicura che al suo posto “avrebbe ammesso” o è un Santo o è un cazzaro.

- Rompono la fava al Var. Il partito degli iscritti cresce. Dicono: “Leviamo il Var! Colpa del Var!”. E invece no, la “colpa” è degli arbitri e di tutti quelli che continuano a delegittimare una straordinaria innovazione. Scegliere di fare un passo indietro significherebbe decidere di tornare al Medioevo del calcio. Prendete il gol di Cutrone. L’anno scorso Irrati lo avrebbe assegnato, quest’anno è andata alla stessa maniera. Ergo: con il Var, comunque, non si può fare peggio dell’anno scorso. Il problema è credere che la tecnologia (che pure ha già migliorato le cose di molto) possa essere la soluzione di tutti i mali. Non lo è e non lo sarà mai. Questo è il presupposto fondamentale per parlare del Var, capirne i difetti e infine migliorarlo. Perché questo deve essere l’obiettivo: migliorare, non cancellare.

- Due mesi fa Spalletti era il nuovo Mou, l’Inter era da scudetto e il mercato estivo “funzionale” era perfetto. Lo dicevano tutti, tutti i giorni. E Spalletti: “Non diciamo cazzate”. Oggi Spalletti è un incapace, l’Inter una squadra da retrocessione e il mercato estivo un disastro. Secondo gli stessi che osannavano l’Inter ad inizio stagione le “soluzioni” vanno trovate fuori dall’Inter, perché “dentro” è tutto da buttare. No. Il mercato può certamente aiutare, ma non è la soluzione. L'Inter deve curarsi da sola, perché la malattia è l’Inter stessa, la sua fottuta paura “post-Triplete” e la tendenza a credere che le soluzioni si possano acquistare al mercato del calcio.

I problemi dell’Inter si chiamano paura, sfiducia, terrore, mancanza di autostima, tendenza a farsi la "cacca addosso" quando subentra il problema. Il problema dell’Inter, signori, è “il morbo”, cioè quel pensiero negativo e pessimista che si insinua nelle menti di tutti i protagonisti, tifosi e giocatori, quando le cose iniziano ad andare male... e le fa andare peggio. È quella malattia che ti fa credere che senza Pastore non puoi battere la Spal. È quel virus che ti entra nel cervello quando stai per farcela grazie alla fortuna che non ti eri guadagnato, e manda tutto all'aria. Il problema dell'Inter è che non si fida di se stessa e, allora, guarda come stanno gli altri e inizia a giocare a chi non sta peggio. E questo accade, chissà perché, quando capisce che non è la migliore di tutti, la prima della classe, e a quel punto pensa che il resto non sia importante, che vivere non abbia più senso, e se ne frega di tutto.

L’Inter ha una fottuta paura di se stessa e il dramma è che si tratta di “paura contagiosa”, va dagli ultimi giocatori fino al grande condottiero. Non è un caso che Spalletti a Ferrara abbia sbagliato tutto o quasi: la formazione, i cambi, anche le dichiarazioni. È per una domenica diventato come i giocatori che allena, ha pensato che essendo tutto da buttare, allora tanto vale “cambiare e modellare in attesa del mercato”.

Il mercato è la soluzione se non hai altre soluzioni, lui le aveva trovate: aveva scelto una squadra brutta ma solida, l’ha trasformata in una squadra brutta e senza idee. Ma una speranza c'è sempre, e il pregio è che nell'Inter è lì, ben evidente, chiara, cristallina: rispetto agli anni scorsi, c'è un uomo che pare essere immune al morbo, ovvero Skriniar. Che tutti prendano esempio dal tizio che nessuno voleva e che, ora, è il primo a voler essere esattamente dove è.

PS: nel mondo dei social in tempo di mercato capita che un “Chau Chau” scritto da Icardi scateni la guerra mondiale tra tifosi e trasformi tutti in saccenti psicologi dei social. C'è chi dice che Icardi abbia salutato l'Inter, chi sostiene che abbia detto ciao-ciao a Brozovic (per via della faccina riconducibile al gesto dell'”epic Brozo” annessa al cinguettio, chi invece che stia rompendo con Wanda. Addirittura c'è chi si è messo a catalogare le foto postate sui social di quest'ultima, per capire se ultimamente indossava o meno la fede. Nessuno conosce il significato del post di Icardi, ma in ogni caso tutti "azzardano". Quello che sappiamo noi è che con il Real non c'è nulla, e che il post di Maurito riguarda “altro”, fatti personali insomma, che rimangono tali e ci mancherebbe. L'unica cosa che possiamo permetterci di dire è che, vista l'aria che tira, il post ambiguo poteva risparmiarselo.

Dall'Inter alla Roma, da chi se la passa maluccio a chi se la passa maluccio uguale. È come se la corsa al quarto posto fosse una gara a chi si vuole più male. Emerson va, Dzeko no. Tanto rumore per (quasi) nulla. Alla fine della fiera entreranno metà dei soldi che nell'idea di Pallotta sarebbero dovuti entrare, nel frattempo sono arrivati forse meno punti di quanti ne sarebbero arrivati se l'idea di cedere Dzeko non fosse mai esistita. Quel che è certo, infatti, è che i giocatori non sono robot, se la società pensa di vendere a metà stagione il capocannoniere in carica del campionato negli spogliatoi se ne parla, ci si confronta, e i discorsi non possono per forza di cose essere festanti. E per Di Francesco non deve essere semplice confrontarsi e lavorare con persone che ne sono state destabilizzate quanto lui. I club sono grandi aziende, dicono i dirigenti giallorossi, e come tali devono avere un occhio ai bilanci e al lato economico oltre che uno a quello sportivo: tutto vero, ma il segreto dei club vincenti è riuscire a “separare” le due cose, a far sì che l'una non influenzi l'altra. Forse il salto di qualità della Roma, prima che a livello di gioco e giocatori, dipende da queste faccende extra-campo.

- Chiudiamo con un auspicio, ovvero che nel calcio ci siano più Giampaolo. Perché mentre molti allenatori tergiversano e supercazzolano per non rispondere alle domande, il tecnico della Samp parla di calcio. Si mette lì, di fronte alla telecamera, ascolta la domanda e con semplicità e chiarezza risponde, parlando di calcio e di campo. Sempre. Un esempio? Gli chiedono del mercato, chi vorrebbe come riserva di Zapata, e lui risponde che non gli interessa perché ha “il ragazzino”, che sarebbe Kownacki, e che “il ragazzino gli piace, perché è un giocatore che ha il fuoco dentro, forte per questo e quell'altro motivo”. E te li dice, te li spiega, i motivi. Ecco, ben vengano professionisti sinceri e che “non se la tirano”, come Giampaolo, che per inciso danno dignità non solo alla categoria degli allenatori, ma anche a quella dei bravi giornalisti che quando fanno una domanda giusta trovano dall'altra parte qualcuno che risponde dritto per dritto, che va al succo anziché “aggrapparsi” alla polpa.

(Twitter : @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->