HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus è al momento la più forte al mondo. Forse, solo il Barcellona è alla pari, ma ce lo dirà l’Inter. Con il PSG il Napoli deve badare a sé stesso. Roma, ma perché non lasci in pace Di Francesco?

24.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 32927 volte

Non c’è una squadra al mondo più forte della Juventus in questo momento. E’ stato il responso di settembre, è ancora il responso di ottobre. La Juve ha fatto quello che ha voluto all’Old Trafford. Ed è vero, il risultato è stato solo 0-1. Ma signori, questa è la Champions League, quello era il Manchester United, e si giocava nel Theatre of Dreams che è diventato of Nightmares per José Mourinho (che sul finale di partita ci ha tenuto a ricordare qualche incubo ai tifosi juventini che gli facevano 'complimenti'). Le differenze si livellano in Europa con queste variabili, ma il fatto che la Juventus si sia reimbarcata per Torino avendo sofferto il giusto e conducendo la partita esattamente come avrebbe voluto, la dice lunghissima sulla visione d’insieme assoluta che domina questa squadra, mentre tutte le altre sono costrette a vivere alla giornata, tra infortuni e amnesie.

E si badi bene: in una serata dove Cristiano Ronaldo è stato uno degli undici, e non Cristiano +10. Buona prestazione, ma nella media, facendo il suo ma senza essere davvero decisivo. Sempre pronto a essere pericoloso ma forse un po’ statico e inghiottito dalla piazzata difesa del Manchester United. Mentre la differenza l’ha creata Dybala, o forse dovremmo dire Allegri: nel progettare il 4-4-2, il mister toscano ha fatto giocare la Joya come numero 10 tra le linee che accorcia per aiutare a impostare e poi si ripropone avanti, sfruttando l’horror vacui in mezzo al campo dello United dove il povero Pogba provava a sbattersi per cinque in una squadra mediocre nei movimenti.

La Juve addirittura esce dall’Old Trafford praticamente già sicura del primo posto dopo 3 giornate. Nessuna al mondo in questo momento è come la Juventus.
Forse, può provare a mettersi allo stesso livello il Barcellona, ma questo ce lo dirà l’Inter.
Perché il Barcellona europeo è stato un concerto strabiliante tanto al Camp Nou contro il PSV quanto a Wembley contro il Tottenham, ma con un Messi contemporaneamente direttore d’orchestra-flauto traverso-oboe-arpa.
Ovviamente il Barça rimane nettamente superiore all’Inter anche senza Messi, e dunque una vittoria blaugrana fa parte dell’ordine delle cose. Ma è importante vedere come arriverà, è importante la prestazione, e se è una squadra a cui rimane l’apprendimento della sinfonia, o se senza Messi scompare la musica.
Luciano Spalletti farà di tutto per togliere il volume al Camp Nou, e potrà riuscirci solo con il completo, anzi, con uno straordinario sacrifico dei suoi: senza Nainggolan e senza la freschezza delle forze risucchiate dal derby, ma con le ali messe da Icardi e Donnarumma, l’Inter in Catalogna ci va per sognare senza aver paura di svegliarsi, proprio perché perdere farà parte della normalità, e allora tutto quello che verrà in più è un guadagno.
Servono reparti molti corti, linee vicine e una grande intensità di pressing, servono esterni non dispersi per poter lanciare Icardi, serve un Maurito che come nel Secondo Tempo di Eindhoven sia pronto per il lavoro sporco venendo incontro, anche se non é nella sua natura.

L’Inter deve ovviamente preoccuparsi del Barcellona. Il Napoli invece deve badare a sé stesso. Conservare la stessa cattiveria e umiltà avuta contro il Liverpool. Badate, non è facile. Perché la situazione mentale si è ribaltata: al San Paolo il Napoli era sull’orlo del burrone, e il Liverpool può averlo sottovalutato magari rinfrancato dalla splendida vittoria con i parigini. Non a caso quella dei Reds fu una versione timidissima a prescindere da quanto l’avesse intimidita il Napoli, e così si spiegavano le parole di Klopp: “Devo capire se eravamo noi che non correvamo o era il Napoli che non ci ha fatto correre”.
Al Parco dei Principi la squadra di Ancelotti ci arriva sicura, ma che non lo sia troppo, perché la situazione ambientale è appunto opposta. E anche quella psicologica, con il PSG in questo momento terzo che sa di non poter sbagliare. Lo spazio però il Napoli ce l’ha: là in mezzo, dove spesso le squadre di Tuchel si lasciano aria alle spalle, dove l’allenatore tedesco è stato perfino costretto ad adattare Marquinhos, dove una linea a 4 napoletana con cazzimma partenopea può spegnere le luci della Ville Lumiere.

Tutti hanno sfide e possibilità. E allora perché non concederne a Di Francesco? Roma, ma perché non lo molli un po’ Eusebio e lo lasci lavorare in pace?
Tre volte è sembrato rischiare la panchina: dopo l’andata con lo Shakhtar l’anno scorso, dopo il Bologna e dopo la Spal quest’anno. E tre volte su tre la squadra ha risposto alla grande.
Il mister le ha provate e le sta provando tutte, lanciando un segnale alle colonne storiche che a tratti fanno crollare il loro rendimento, ma non può sostituirsi ai vari Fazio, Dzeko e compagnia quando giocano in maniera stucchevole. E allora Roma, dagli un po’ di fiducia a Eusebio, che qualcosa ha fatto per meritarsela…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, se ci sei batti un colpo. Muriel, tocco di classe del "Corvo". Inter, sveglia su Barella. Nella "Gabbia" dorata della Premier 07.01 - La situazione del Milan rischia di diventare, seriamente, pericolosa. Dopo i complimenti che abbiamo fatto a Leonardo per come ha difeso Gattuso, pubblicamente, prima della gara con la Spal oggi dovremmo fare alcune riflessioni di mercato. Perché, appunto, il mercato è una cosa seria....

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il domino Juventus prevede Dybala via: speranza Mbappé, Pogba vorrebbe tornare. Rivoluzione in casa Inter, Godin è (forse) il primo tassello. Incognita Milan, ma lavorano tutti per giugno 06.01 - Lo scomodo effetto Cristiano Ronaldo ha portato un tangibile problema al calcio italiano. Nessuna delle big si muoverà per rinforzare la rosa in maniera poderosa a gennaio. Non lo farà il Napoli, nonostante il forte interessamento per Hirving Lozano - con richieste comunque altissime,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->