HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus è al momento la più forte al mondo. Forse, solo il Barcellona è alla pari, ma ce lo dirà l’Inter. Con il PSG il Napoli deve badare a sé stesso. Roma, ma perché non lasci in pace Di Francesco?

24.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 34438 volte

Non c’è una squadra al mondo più forte della Juventus in questo momento. E’ stato il responso di settembre, è ancora il responso di ottobre. La Juve ha fatto quello che ha voluto all’Old Trafford. Ed è vero, il risultato è stato solo 0-1. Ma signori, questa è la Champions League, quello era il Manchester United, e si giocava nel Theatre of Dreams che è diventato of Nightmares per José Mourinho (che sul finale di partita ci ha tenuto a ricordare qualche incubo ai tifosi juventini che gli facevano 'complimenti'). Le differenze si livellano in Europa con queste variabili, ma il fatto che la Juventus si sia reimbarcata per Torino avendo sofferto il giusto e conducendo la partita esattamente come avrebbe voluto, la dice lunghissima sulla visione d’insieme assoluta che domina questa squadra, mentre tutte le altre sono costrette a vivere alla giornata, tra infortuni e amnesie.

E si badi bene: in una serata dove Cristiano Ronaldo è stato uno degli undici, e non Cristiano +10. Buona prestazione, ma nella media, facendo il suo ma senza essere davvero decisivo. Sempre pronto a essere pericoloso ma forse un po’ statico e inghiottito dalla piazzata difesa del Manchester United. Mentre la differenza l’ha creata Dybala, o forse dovremmo dire Allegri: nel progettare il 4-4-2, il mister toscano ha fatto giocare la Joya come numero 10 tra le linee che accorcia per aiutare a impostare e poi si ripropone avanti, sfruttando l’horror vacui in mezzo al campo dello United dove il povero Pogba provava a sbattersi per cinque in una squadra mediocre nei movimenti.

La Juve addirittura esce dall’Old Trafford praticamente già sicura del primo posto dopo 3 giornate. Nessuna al mondo in questo momento è come la Juventus.
Forse, può provare a mettersi allo stesso livello il Barcellona, ma questo ce lo dirà l’Inter.
Perché il Barcellona europeo è stato un concerto strabiliante tanto al Camp Nou contro il PSV quanto a Wembley contro il Tottenham, ma con un Messi contemporaneamente direttore d’orchestra-flauto traverso-oboe-arpa.
Ovviamente il Barça rimane nettamente superiore all’Inter anche senza Messi, e dunque una vittoria blaugrana fa parte dell’ordine delle cose. Ma è importante vedere come arriverà, è importante la prestazione, e se è una squadra a cui rimane l’apprendimento della sinfonia, o se senza Messi scompare la musica.
Luciano Spalletti farà di tutto per togliere il volume al Camp Nou, e potrà riuscirci solo con il completo, anzi, con uno straordinario sacrifico dei suoi: senza Nainggolan e senza la freschezza delle forze risucchiate dal derby, ma con le ali messe da Icardi e Donnarumma, l’Inter in Catalogna ci va per sognare senza aver paura di svegliarsi, proprio perché perdere farà parte della normalità, e allora tutto quello che verrà in più è un guadagno.
Servono reparti molti corti, linee vicine e una grande intensità di pressing, servono esterni non dispersi per poter lanciare Icardi, serve un Maurito che come nel Secondo Tempo di Eindhoven sia pronto per il lavoro sporco venendo incontro, anche se non é nella sua natura.

L’Inter deve ovviamente preoccuparsi del Barcellona. Il Napoli invece deve badare a sé stesso. Conservare la stessa cattiveria e umiltà avuta contro il Liverpool. Badate, non è facile. Perché la situazione mentale si è ribaltata: al San Paolo il Napoli era sull’orlo del burrone, e il Liverpool può averlo sottovalutato magari rinfrancato dalla splendida vittoria con i parigini. Non a caso quella dei Reds fu una versione timidissima a prescindere da quanto l’avesse intimidita il Napoli, e così si spiegavano le parole di Klopp: “Devo capire se eravamo noi che non correvamo o era il Napoli che non ci ha fatto correre”.
Al Parco dei Principi la squadra di Ancelotti ci arriva sicura, ma che non lo sia troppo, perché la situazione ambientale è appunto opposta. E anche quella psicologica, con il PSG in questo momento terzo che sa di non poter sbagliare. Lo spazio però il Napoli ce l’ha: là in mezzo, dove spesso le squadre di Tuchel si lasciano aria alle spalle, dove l’allenatore tedesco è stato perfino costretto ad adattare Marquinhos, dove una linea a 4 napoletana con cazzimma partenopea può spegnere le luci della Ville Lumiere.

Tutti hanno sfide e possibilità. E allora perché non concederne a Di Francesco? Roma, ma perché non lo molli un po’ Eusebio e lo lasci lavorare in pace?
Tre volte è sembrato rischiare la panchina: dopo l’andata con lo Shakhtar l’anno scorso, dopo il Bologna e dopo la Spal quest’anno. E tre volte su tre la squadra ha risposto alla grande.
Il mister le ha provate e le sta provando tutte, lanciando un segnale alle colonne storiche che a tratti fanno crollare il loro rendimento, ma non può sostituirsi ai vari Fazio, Dzeko e compagnia quando giocano in maniera stucchevole. E allora Roma, dagli un po’ di fiducia a Eusebio, che qualcosa ha fatto per meritarsela…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Serie A in Cina? Vogliamo rasentare il ridicolo. Lecce, 7 bellezze. Catania, che flop. Tesser, un mago per tutti 25.03 - Solo al pensiero mi viene da prendere una tachipirina mille perché mi sale la febbre all'improvviso. Gravina dice: "La serie A in Cina? Per no". Miccichè della Lega Calcio lo segue. Facciamo una cosa: per ora... e mai la serie A non si tocca. Anche perché se vai in Cina devi portare...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510