VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

La Juventus ha già vinto. Gigio, il cuore oltre il contratto. Inter, c'è qualcosa che non sappiamo?

03.06.2017 07:54 di Mauro Suma   articolo letto 50265 volte

La Juventus era in Finale a Berlino due anni fa e torna questa sera a ad essere protagonista di una Finale di Champions League. Non è una cosa nuova per la squadra bianconera che nel 1996, nel 1997 e nel 1998 ne aveva fatte addirittura tre consecutive. Ma il dato di oggi spariglia qualsiasi precedente storico. Perchè la Juventus ha centrato questo risultato, due Finali di Champions in tre anni sono un risultato e anche grande, non in anni d'oro del calcio italiano, ma avendo trovato la forza e l'energia per mettersi alla guida di una locomotiva calcistica nazionale malmessa, sofferente e asfittica. Il confronto è presto fatto: il Milan nel 2007 ha vinto la Champions League ad Atene e due anni dopo era in Coppa Uefa, l'Inter ha vinto la Champions League nel 2010 e due anni doppo veniva eliminata negli Ottavi di finale della stessa Champions da un Marsiglia tutt'altro che trascendentale. Due anni dopo Berlino, invece, ancora Juventus. Naturalmente questo non è avvenuto per caso. La Juventus è stata brava e fortunata, ha colto l'attimo e ci ha costruito sopra un ciclo eccezionale. Nel 2011 la società bianconera era reduce da dissesti sportivi e di mercato, aveva alle spalle campagne acquisti inconcludenti e dispendiose, se non fosse ripartita subito nel primo anno di Conte sarebbe andata incontro a problemi economici e di rilancio non indifferenti. Invece è scoccata la scintilla: l'allenatore giusto, l'avversario principale diviso al suo interno, giocatori da ciclo trovati in un solo mercato da Pirlo a Vidal a Lichtsteiner e, soprattutto, tanta fame. Ecco una cosa distingue la Juventus dal mecenatismo signorile e piacione di Massimo Moratti e di Silvio Berlusconi: la fame. Tanta, abbondante, insaziabiile. Una Fame che si confronta a testa alta con la Storia delle 11 Champions League del Real Madrid. A voi.

Una scintilla su cui costruire sopra un ciclo. E' esattamente ciò a cui stanno lavorando Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. Ed è esattamente ciò a cui sta pensando Gianluigi Donnarumma. Su Gigio, è arrivato il momento di fare tutti un passo indietro. Sappiamo perfettamente. Sappiamo tutto. Che ci sono tifosi rossoneri che continuano a cantare "Resta con noi", che ci sono però anche tifosi rossoneri disamorati e delusi. Ma come? Siamo venuti fino a Monte Carlo e ci fai aspettare ancora? Allora quella mano sul cuore? Calma, tutti, calma. Nel desiderio di tornare ad amare un figlio come Ricky e come Thiaguito, la tifoseria rossonera ha depositato sulle spalle di Gigio la passione di un amore per troppo tempo tenuto a freno e per troppo tempo frustrato. Ai tifosi del Milan che non vedono l'ora che arrivi quella firma, noi speriamo che a metà Giugno possa esserci la fumata bianca, dopo la fumata "gigia" (scherziamo evidentemente) di Monte Carlo. Agli altri tifosi, Gigio dovrà, se deciderà di credere nel futuro rossonero, parlare. A libro aperto, non da giocatore di entourage ma da giocatore di cuore. Gigio dovrà spiegare che non è facile mettersi nei panni del destino altrui, che non ne sta facendo una questione di soldi, che lui e i suoi genitori devono trovare il pensiero giusto per rinunciare a offerte gigantesche. Lo vogliono fare, sono assolutamente portati a farlo. Ma stanno cercando il momento giusto per guardarsi negli occhi e decidere che, ebbene sì, quello del nuovo Milan è un progetto vero, serio, da Champions League. Queste ore e questi giorni hanno sfilacciato, i social sono uno specchio forte e chiaro, il rapporto fra il giovane portiere voluto e lanciato dal Milan e lo zoccolo duro della sua gente. Senza isterie ma con fedeltà cronistica, è giusto che Gigio sappia che se domani mattina dovesse andare a fare il riscaldamento nel suo stadio rischierebbe di non trovare lo stesso calore commovente di tutta la stagione. Nulla di irrimediabile, ma tornare a guardare negli occhi la sua gente dovrà essere il passo successivo rispetto al percorso iniziato ieri a Monte Carlo. Come Gigio si è trasformato da passione in ossessione per i media e per i tifosi, anche il Milan nel suo complesso sta seguendo la sua traiettoria. Gli riservavano compassione fino a qualche settimana fa, oggi invece il Milan è a sua volta una ossessione. Gli avversari fanno fatica a decrittarlo, il Milan. Che trasforma i blitz in regola mentre dovrebbero essere una eccezione, che produce fatti su fatti, che sta preparando la prossima stagione con tutta la serietà e l'intensità con cui si prepara una stagione cruciale. Mentre l'Inter era a Madrid per la Finale del Triplete del 2010, il Milan costruiva portando Allegri ad Arcore la sua stagione tricolore. Mentre la Juventus è a Cardiff per il sogno del suo Triplete, il Milan trita annunci e acquisti, mosse e trattative, viaggi e decisioni. Non sarà facile tutto e subito, anzi sarà dannatamente difficile ma la testa alta e la pancia a terra di questa prima fetta di estate milanista fanno ben sperare i tifosi.

L'Inter deve ritrovare passo. L'estate di Kia ha lasciato il segno. La nuova proprietà, comprensibilmente, pensava, con tutti gli investimenti fatti un anno fa, di essere molto più avanti. La proprietà sicura, la proprietà potente che certamente Suning è, oggi è senza allenatore, senza coppe europee e senza il primo contatto con l'uomo destinato a fare le scelte e il mercato, Walter Sabatini. Che ha parlato ed è stato toccato con mano, ma in Cina. Mentre è a Milano che bisogna fare l'Inter e rilanciare l'Inter. I giorni di passaggio di Spalletti, i giorni di silenzio di Conte, i primi passaggi obbligati del mercato che non passano dagli acquisti ma dalle cessioni, fra cui quella dolorosa di Perisic. Le tante cicatrici stagionali nerazzurre potranno rimarginarsi non soltanto con un grande mercato, ma soprattutto con la chiarezza e la felicità nelle scelte della struttura. Perchè per andare all'assalto di una struttura massiccia come quella della Juventus, è dalla propria ossatura che deve ripartire l'Inter. Il mercato non può essere una panacea, non può essere la torre d'avorio che tutto sistema e tutto risolve. E' un aspetto. Importantissimo, ma non l'unico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.