HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

La Juventus ha già vinto. Gigio, il cuore oltre il contratto. Inter, c'è qualcosa che non sappiamo?

03.06.2017 07:54 di Mauro Suma   articolo letto 50449 volte

La Juventus era in Finale a Berlino due anni fa e torna questa sera a ad essere protagonista di una Finale di Champions League. Non è una cosa nuova per la squadra bianconera che nel 1996, nel 1997 e nel 1998 ne aveva fatte addirittura tre consecutive. Ma il dato di oggi spariglia qualsiasi precedente storico. Perchè la Juventus ha centrato questo risultato, due Finali di Champions in tre anni sono un risultato e anche grande, non in anni d'oro del calcio italiano, ma avendo trovato la forza e l'energia per mettersi alla guida di una locomotiva calcistica nazionale malmessa, sofferente e asfittica. Il confronto è presto fatto: il Milan nel 2007 ha vinto la Champions League ad Atene e due anni dopo era in Coppa Uefa, l'Inter ha vinto la Champions League nel 2010 e due anni doppo veniva eliminata negli Ottavi di finale della stessa Champions da un Marsiglia tutt'altro che trascendentale. Due anni dopo Berlino, invece, ancora Juventus. Naturalmente questo non è avvenuto per caso. La Juventus è stata brava e fortunata, ha colto l'attimo e ci ha costruito sopra un ciclo eccezionale. Nel 2011 la società bianconera era reduce da dissesti sportivi e di mercato, aveva alle spalle campagne acquisti inconcludenti e dispendiose, se non fosse ripartita subito nel primo anno di Conte sarebbe andata incontro a problemi economici e di rilancio non indifferenti. Invece è scoccata la scintilla: l'allenatore giusto, l'avversario principale diviso al suo interno, giocatori da ciclo trovati in un solo mercato da Pirlo a Vidal a Lichtsteiner e, soprattutto, tanta fame. Ecco una cosa distingue la Juventus dal mecenatismo signorile e piacione di Massimo Moratti e di Silvio Berlusconi: la fame. Tanta, abbondante, insaziabiile. Una Fame che si confronta a testa alta con la Storia delle 11 Champions League del Real Madrid. A voi.

Una scintilla su cui costruire sopra un ciclo. E' esattamente ciò a cui stanno lavorando Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli. Ed è esattamente ciò a cui sta pensando Gianluigi Donnarumma. Su Gigio, è arrivato il momento di fare tutti un passo indietro. Sappiamo perfettamente. Sappiamo tutto. Che ci sono tifosi rossoneri che continuano a cantare "Resta con noi", che ci sono però anche tifosi rossoneri disamorati e delusi. Ma come? Siamo venuti fino a Monte Carlo e ci fai aspettare ancora? Allora quella mano sul cuore? Calma, tutti, calma. Nel desiderio di tornare ad amare un figlio come Ricky e come Thiaguito, la tifoseria rossonera ha depositato sulle spalle di Gigio la passione di un amore per troppo tempo tenuto a freno e per troppo tempo frustrato. Ai tifosi del Milan che non vedono l'ora che arrivi quella firma, noi speriamo che a metà Giugno possa esserci la fumata bianca, dopo la fumata "gigia" (scherziamo evidentemente) di Monte Carlo. Agli altri tifosi, Gigio dovrà, se deciderà di credere nel futuro rossonero, parlare. A libro aperto, non da giocatore di entourage ma da giocatore di cuore. Gigio dovrà spiegare che non è facile mettersi nei panni del destino altrui, che non ne sta facendo una questione di soldi, che lui e i suoi genitori devono trovare il pensiero giusto per rinunciare a offerte gigantesche. Lo vogliono fare, sono assolutamente portati a farlo. Ma stanno cercando il momento giusto per guardarsi negli occhi e decidere che, ebbene sì, quello del nuovo Milan è un progetto vero, serio, da Champions League. Queste ore e questi giorni hanno sfilacciato, i social sono uno specchio forte e chiaro, il rapporto fra il giovane portiere voluto e lanciato dal Milan e lo zoccolo duro della sua gente. Senza isterie ma con fedeltà cronistica, è giusto che Gigio sappia che se domani mattina dovesse andare a fare il riscaldamento nel suo stadio rischierebbe di non trovare lo stesso calore commovente di tutta la stagione. Nulla di irrimediabile, ma tornare a guardare negli occhi la sua gente dovrà essere il passo successivo rispetto al percorso iniziato ieri a Monte Carlo. Come Gigio si è trasformato da passione in ossessione per i media e per i tifosi, anche il Milan nel suo complesso sta seguendo la sua traiettoria. Gli riservavano compassione fino a qualche settimana fa, oggi invece il Milan è a sua volta una ossessione. Gli avversari fanno fatica a decrittarlo, il Milan. Che trasforma i blitz in regola mentre dovrebbero essere una eccezione, che produce fatti su fatti, che sta preparando la prossima stagione con tutta la serietà e l'intensità con cui si prepara una stagione cruciale. Mentre l'Inter era a Madrid per la Finale del Triplete del 2010, il Milan costruiva portando Allegri ad Arcore la sua stagione tricolore. Mentre la Juventus è a Cardiff per il sogno del suo Triplete, il Milan trita annunci e acquisti, mosse e trattative, viaggi e decisioni. Non sarà facile tutto e subito, anzi sarà dannatamente difficile ma la testa alta e la pancia a terra di questa prima fetta di estate milanista fanno ben sperare i tifosi.

L'Inter deve ritrovare passo. L'estate di Kia ha lasciato il segno. La nuova proprietà, comprensibilmente, pensava, con tutti gli investimenti fatti un anno fa, di essere molto più avanti. La proprietà sicura, la proprietà potente che certamente Suning è, oggi è senza allenatore, senza coppe europee e senza il primo contatto con l'uomo destinato a fare le scelte e il mercato, Walter Sabatini. Che ha parlato ed è stato toccato con mano, ma in Cina. Mentre è a Milano che bisogna fare l'Inter e rilanciare l'Inter. I giorni di passaggio di Spalletti, i giorni di silenzio di Conte, i primi passaggi obbligati del mercato che non passano dagli acquisti ma dalle cessioni, fra cui quella dolorosa di Perisic. Le tante cicatrici stagionali nerazzurre potranno rimarginarsi non soltanto con un grande mercato, ma soprattutto con la chiarezza e la felicità nelle scelte della struttura. Perchè per andare all'assalto di una struttura massiccia come quella della Juventus, è dalla propria ossatura che deve ripartire l'Inter. Il mercato non può essere una panacea, non può essere la torre d'avorio che tutto sistema e tutto risolve. E' un aspetto. Importantissimo, ma non l'unico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi 22.07 - Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy