HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

La Juventus vuole sbarazzarsi di Higuain! La cessione dell'argentino è di colpo improrogabile. Sarri e il Chelsea faranno un favore alla Juve? Ma se non riuscisse a venderlo, con che fiducia Juventus e Higuain potranno poi convivere?

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
30.05.2018 06:52 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 81906 volte

E' un terremoto che sconvolge gli equilibri della Serie A, prima di mercato e poi tecnici: la Juventus vuole sbarazzarsi di Higuain!
Quella che era l'unica pietra fondante dell'attacco, l'appiglio a cui fare riferimento a differenza del Mandzukic claudicante, del Dybala incostante, o del Douglas Costa sì decisivo ma spesso partente dalla panchina, il grande investimento da 90 milioni per finalmente sbancare la Champions, di colpo invece finisce sul banco per gli acquirenti.
Già in passato la Juventus, più dei tempi moggiani a dire il vero, ci aveva abituato a fortunati colpi alla tavola che sembravano ribaltare tutto e invece avevano riportano ancora più in alto la squadra.

Ma la volontà di cedere Higuain è un fulmine a ciel sereno. Non va sicuramente in accordo con l'armonia totale che abbiamo sentito trasparire da Vinovo senza che alcuna voce si fosse differita dal coro, per il quale Higuain era anzi diventato il punto di riferimento morale della squadra, grazie ai suoi gol iconici per la stagione, contro il Tottenham e l'Inter.
Ed effettivamente, opinione personalissima, mai Higuain era stato probabilmente così maturo e trascinatore, meno goleador rispetto al passato, ma pesante (niente ironie) nei momenti che contano, lui che invece aveva dovuto sempre sfuggire alle accuse di mancanza di personalità.

Per questo sorprende ancora di più la decisione della Juventus di offrirlo al miglior offerente.
Higuain al momento vale circa 60-70 milioni. E' stato proposto all'Inter in un improbabilissimo scambio con Icardi con l'aggiunta di 50 milioni, svantaggioso per l'Inter visto che il valore di mercato di Icardi è sui 160 milioni - e accettarlo probabilmente segnerebbe l'ultimo atto di vita sportiva dei dirigenti nerazzurri all'interno della società, vedi la rivolta degli interisti nella cessione di Guarin alla Juve che di fatto aprì le pratiche di addio a Fassone.

Ma per il Pipita, solo due settimane fa imprescindibile, la cessione di colpo diventa improrogabile. La Juventus vuole poter rientrare dell'investimento finché i costi siano ammortizzabili (può permettersi di venderlo a 60 milioni per non fare minusvalenza). Inoltre scalerebbe lo stipendio più esoso in Serie A, 7.5 milioni di €. Sembrava l'unico intoccabile, ma evidentemente la dirigenza non pensa sia così. Ed evidentemente la Juventus non pensa che tecnicamente quello di Higuain sia un apporto irrinunciabile.

Incredibilmente, Maurizio Sarri e il Chelsea potrebbero fare un favore alla Juventus. Quando finalmente si sarà sbloccata l'unione tra Sarri e i Blues, allora si potrà lavorare sulla richiesta dell'allenatore di portare l'amato Higuain allo Stamford, preferito a un Morata giudicato più indolente. E guarda caso, la Juve già si è incontrata con Morata per preparare l'operazione rientro.

Non è facile tuttavia: il Chelsea dovrebbe accettare l'idea di uno scambio alla pari (complicato, ma accessibile), ma lo scoglio maggiore potrebbero essere proprio i termini contrattuali di Higuain: la politica del Chelsea è di non comprare trentenni, e Higuain va per i 31, e la plenipotenziaria Marina Granovskaja, rinomata negoziatrice d'acciaio, dovrebbe anche digerire uno stipendio che diventerebbe tra i più pesanti della squadra, e a fronte di una richiesta di 4 anni di durata da parte dell'entourage dell'argentino. Non semplice, assolutamente.

Comunque, Sarri potrebbe dare una mano alla Juventus per sviluppare i propri piani futuri, il che in sé è molto singolare a pensarsi. Ma il progetto presenta molti ostacoli, quindi non è minimamente assicurato che vada in porto.

Però è chiaro che la Juventus prenderebbe immediatamente Morata dando via Higuain. O comunque, darebbe via Higuain anche se arrivasse il prezzo minimo per non rimetterci.

E anche così, l'operazione rimarrebbe difficile. Per cui al 1° settembre Higuain potrebbe normalmente essere ancora un giocatore della Juventus.
Ma fosse così, Higuain quale fiducia potrebbe sentire attorno, nello stare in una squadra che aveva scelto andando contro un intero popolo, che ha servito molto onorabilmente, e che avrebbe tentato di piazzarlo al miglior offerente dopo soli 2 anni di più che positiva militanza?

A questo punto, se questa è la fiducia nel suo futuro, può Higuain permettersi di rimanere alla Juventus, o può la Juventus permettersi di tenerlo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510