HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
05.11.2018 07:04 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 33475 volte

Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby con l'Inter e Gattuso viene messo in discussione da stampa e tifosi, mai ufficialmente dalla società. Anche se... Sappiamo del rapporto non idilliaco tra Leonardo e Gattuso. Si va avanti anche se, nel frattempo, il Direttore del Milan solo per fare un piacere ad un vecchio amico accetta di incontrare a cena Roberto Donadoni. Veniamo a conoscenza della notizia. Non la diamo nel periodo in cui veniamo a saperla ma la facciamo uscire quando, non da noi, emerge la notizia sui siti di Mediaset e Gazzetta dello Sport che il Milan riflette su un eventuale arrivo di Donadoni. La sera in cui diamo, su Sportitalia e Tuttomercatoweb, la notizia della cena si scatena l'inferno. Con unica regia. Non è quella di Scorzese. Di cene di mercato ve ne raccontiamo dieci, cento, mille all'anno e nessuno si prende la briga nemmeno di smentirle. Si va avanti e, a maggior ragione se non c'è stata la cena, nessuno ti calcola. La notte e il giorno dopo la nostra notizia si scatena un inferno di dichiarazioni e lettere degli avvocati. Sì, avete letto bene. Ho ricevuto più lettere dagli avvocati, in questa settimana, che lettere d'amore da mia moglie in quasi cinque anni di matrimonio. Farò presente la cosa a casa. Solitamente gli avvocati mi scrivono ma per qualcosa di più grosso. Mai mi era capitato per una cena di mercato. Giovanni Branchini, agente tra i più importanti del panorama internazionale, si affretta a rilasciare dichiarazioni ufficiali all'Ansa. Branchini è l'agente di Montolivo, in guerra con Gattuso, ed è storico contatto di Donadoni. Il giorno dopo ci scrive l'avvocato di Montolivo e il giorno dopo ancora arriva la smentita, sempre all'Ansa, di Donadoni. Un caos. La mia domanda è stata: ma se era tutto inventato non facevate prima a chiedere di rilasciare una dichiarazione da noi e sarebbe finita dopo due secondi? Nulla. Solitamente si fa così. Arriva anche la lettera dell'Avvocato di Donadoni. La sorella di Renato Olive, vice di Donadoni, e avvocato del Mister. Chiede la rettifica. Cosa che tra poco vi daremo, in quanto rispettiamo i principi deontologici del giornalismo. Noi diamo la notizia, il diretto interessato chiede la rettifica, il giornalista se convinto conferma la notizia. Il quadro è questo. E di legale c'è ben poco. Vi dirò, se giornalisticamente avessimo voluto fare lo scoop avremmo tirato fuori cose più gravi e dure che avrebbero fatto parlare anche i muri di Milanello. Ci riteniamo dei signori e vogliamo restare nella sfera giornalistica senza cadere nella polemica tirando fuori prove e attestati ben più gravi di una cena di mercato. Se mostrassimo quello che abbiamo, probabilmente qualche titolo lo porteremmo a casa; altro che la cena. Per noi si può chiudere qui, ma se il gioco a qualcuno piace possiamo continuare fino a Natale. Con Babbo... Natale che Dona i Doni. Vi ho annoiati? Avete ragione. Mi sono annoiato anche io. Nel frattempo Montolivo torna ad essere convocato da Gattuso per l'infortunio di Biglia e Rino torna a vincere le partite. Della cena, non resta neanche il conto. Offre la casa. Fatemi rispettare il codice deontologico. Riceviamo e pubblichiamo dall'Avvocato di Donadoni la seguente dichiarazione di Donadoni stesso: "Ho fatto della correttezza uno dei punti fermi della mia vita e della mia carriera, figurarsi se vado a una cena carbonara...Non c'è stata alcuna cena tra me e i dirigenti rossoneri. Oltretutto secondo i media che la riportano sarebbe avvenuto 35 giorni fa ma io tra il 13 e il 25 settembre ero in Giappone, ho ancora i biglietti dell'aereo...Parlare di cene inesistenti mi pare di cattivo gusto, nei miei confronti e di un collega come Gattuso".
Nel frattempo l'Inter continua a splendere e gran merito va attribuito a Luciano Spalletti che ha saputo tenere la barca ferma anche quando è arrivata la mareggiata. La squadra c'è, a conferma che Ausilio in estate ha fatto un ottimo lavoro. Piero quando si muove da solo fa sempre buone cose sul mercato, quando gli mettono un tutor o un esterno prende schiaffi non per colpa sua. Adesso, un eventuale arrivo di Marotta porterebbe solo scompensi in un club che, finalmente, forse ha trovato la stabilità che ha preso il posto della follia. Certamente l'Inter dovrà ancora confermarsi, ma i segnali che sta facendo vedere sono ottimi. Eccezionali. La squadra gioca bene, crea e concretizza. Gli indizi sono tanti e se in un gruppo riesci a dare un ruolo anche a Gagliardini e Joao Mario, ormai ai margini, significa che in settimana lavori bene in campo e fuori. Se lo merita l'Inter ma se lo meritano soprattutto gli interisti che hanno continuato a riempire San Siro anche quando le cose sembravano andare in frantumi.
Un piccolo passaggio lo merita un singolo di Appiano: Matteo Politano. Ha avuto un impatto straordinario con una big e si sta meritando l'Inter con i fatti. Bucchi me ne parlava benissimo, come calciatore e uomo, forse queste sue qualità rispecchiano il valore del top player. Perché è quello che sta diventando all'Inter Politano. Un giocatore eccezionale al quale non avrei dato un euro al suo arrivo a Milano. Sì, buon giocatore ma da Samp, Udinese, Torino... nulla di più. Mi sbagliavo. Eccome. Il ragazzo ha grandissime qualità e, se da una parte tutti scommettevano su Verdi top a Napoli e Politano flop a Milano, oggi il mondo è capovolto. Il mercato è strano ma il campo è un giudice severissimo. Quello che in estate sembrava oro non luccica e quello che sembrava un pacco è diventato un pacco regalo. Bravo Politano, una bella storia del nostro calcio che merita di continuare a scrivere pagine così belle.
Il Sassuolo, nel frattempo, continua a macinare vittorie e anche dove non si vede il calcio di De Zerbi arriva la cattiveria della squadra. Segnale bellissimo per un allenatore che viene etichettato bello ma non vincente. Quest'anno partendo dal ritiro, influendo sul mercato e lavorando sul campo sta dimostrando che in condizioni di normalità è, ad oggi, uno dei primi 5 allenatori italiani. Giovane e con grandi idee. De Zerbi è un lavoratore e come tale va apprezzato. Si era scelto missioni impossibili pur di farsi notare. Non ha raggiunto gli obiettivi impossibili ma si è fatto notare alla grande. Il Sassuolo sta tornando grande e la mano del Mister è evidente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy